Gaming

Hyrule Warriors: L’era della calamità, abbiamo provato la demo

Published

on

Sono fan di Zelda, in modo direi quasi viscerale – anche se ammetto di averci iniziato a giocare tardi, ma piano piano sto recuperando tutti i titoli e in questo il Nintendo eShop è un grande alleato – quindi mi perdonerete se la recensione del gameplay di Hyrule Warriors: L’era della calamità non sarà fatta con la testa, ma con il cuore, comunque cercherò dove posso di essere il più oggettiva possibile. Partiamo!

Per prima cosa il gioco uscirà il 20 novembre, ma è già disponibile in pre-ordine sul Nintendo e-Shop al prezzo di 59,99 euro, insomma non poco, ma se mi chiedete se ne vale la pena la risposta è sì, e non solo perché stiamo parlando di un gioco tratto dalla saga di Zelda, ma perché è stato realizzato (quasi) con la stessa cura e qualità di Breath of the Wild e quindi non lascerà di certo i fan delusi.

Trama. Hyrule Warriors: L’era della calamità

La storia ha luogo un secolo prima degli eventi di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, e nei panni dei vari eroi dovremo impedire che il regno di Hyrule sia distrutto dalla grande calamità. Avremo così modo di conoscere meglio la storia dei 4 leggendari guerrieri, Mipha degli Zora, Daruk dei Goron, Revali dei Rito e Urbosa delle Gerudo che a bordo dei colossi sacri sono riusciti a scongiurare, anche se non per sempre, il ritorno di Ganon. In questo senso il titolo è un vero e proprio prequel della storia principale.

L’animazione

L’era della calamità non ha niente da invidiare al suo “fratello maggiore”, le animazioni sono spettacolari, precise e dinamiche, e riescono a catturare lo sguardo del giocatore. Inoltre spesso ci sono degli intermezzi che potremmo tranquillamente definire dei mini anime dato la qualità del disegno che per un momento fa dimenticare che stiamo giocando.

Il gameplay

Questo titolo ha l’ambizione di superare i vecchi Hyrule Warriors, unendo alle dinamiche peculiari di questa modalità di gioco alcuni aspetti tipici di Breath of the Wild. Quindi, come negli altri titoli della serie, non potremo esplorare in senso lato la mappa, dato che di volta in volta verremo catapultati in precisi campi di battaglia, ma il gameplay in parte ricalca quello che abbiamo già visto nella storia principale.

Partiamo con un Link già abbastanza potenziato (forse troppo) che può utilizzare varie abilità e quindi superare le prime sfide non sarà difficile; e anche se lo so che è sempre bello poter giocare nei panni di Link, non trascurate di allenare anche gli altri personaggi che sbloccherete man mano che andrete avanti con l’avventura, vi assicuro che vi servirà.

Comandi

Le azioni e gli strumenti che i vari personaggi possono utilizzare (dall’arco al paravela) sono davvero tanti e quindi sarà il caso di studiare come attivare di volta in volta le varie azioni (il gioco aiuta indicando i tasti), ma bastano 20 minuti di gioco per entrare nella dinamica di gioco e muovere il personaggio come vogliamo. Inoltre state attenti al luogo in cui siete, ricordatevi che è pur sempre un gioco di Zelda e quindi ci saranno tesori nascosti e Korogu da trovare e non solo tantissimi nemici da sconfiggere.

Gli oggetti

Durante gli scontri potrete raccogliere tantissimi oggetti preziosi per cucinare o potenziare le armi e non solo, potrete sbloccare i luoghi più iconici di Hyrule per potenziare i vostri personaggi o il loro equipaggiamento e rendere l’avventura ancora più entusiasmante.

La demo finisce con Link che deve partire finalmente per la vera missione, cercare i quattro eroi e radunarli per sconfiggere insieme la calamità.

Di seguito ecco il video di un gameplay ufficiale, che mostra alcune dinamiche del gioco.

Un titolo da non lasciarsi scappare!

Click to comment

Trending

Sito web creato da Silvia Pegurri
Daily Nerd è un Magazine che tratta di cultura Nerd e Geek
Contatti: redazione@dailynerd.it
Copyright: Daily Nerd 2020