Interviste

Intervista a Giulia Maniglio, voce di Alice Synthesis Thirty e Toru Hagakure

Published

on

Abbiamo intervistato Giulia Maniglio, voce italiana di Toru Hagakure in My Hero Academia The Movie: Two Heroes, Lylia in Pokémon Sole e Luna, Alice Synthesis Thirty in Sword Art Online e tanti altri personaggi.

Ciao Giulia, innanzitutto volevo ringraziarti per averci concesso questa intervista e volevo complimentarmi per il tuo lavoro da doppiatrice. La prima domanda è un po’ di rito. Come e quando è nata la passione per il doppiaggio? E come hai iniziato?

Fin da piccola ho sempre amato recitare e cantare ma ero molto timida. Non riuscivo a esibirmi davanti a nessuno, nemmeno ai miei familiari. Questa timidezza ha fatto sì che iniziassi a chiudermi nella mia cameretta con un paio di cuffie, recitando a memoria i miei film o cartoni preferiti mentre li guardavo. All’epoca non sapevo cosa fosse il doppiaggio, avrò avuto una decina di anni. Sapevo solo che in quei momenti ero felice e potevo essere chi volevo. Non c’erano limiti alla fantasia. Poi questo passatempo è diventato una passione, un sogno per il futuro… sogno che fortunatamente si è avverato!

Sei stata la doppiatrice di uno dei film netflix più visti, Tutte le volte che ho scritto Ti amo, come descriveresti questa esperienza?

Doppiare Lara Jean è stata un’esperienza fantastica. Ricordo che il primo turno ero agitatissima, perché avevo paura di non essere all’altezza, ma ho avuto la fortuna di avere un bravo direttore che mi incoraggiò, rendendo ogni momento un’occasione per migliorarmi come artista. In più il film ha avuto un grande successo, tanto che spesso ricevo messaggi dai fan che vogliono che li saluti con la voce di Lara Jean. Credo sia una cosa bellissima, la conferma di aver fatto un buon lavoro. È una grande soddisfazione!

Sei anche la voce ufficiale di Lylia in Pokémon Sole e Luna, che impatto ha avuto su di te questo personaggio

Credo di aver adorato Lylia fin da subito. Mi sono ritrovata un po’ nella sua storia: lei non riesce a toccare i Pokémon ma cerca in tutti i modi di superare questa paura, per poter diventare una grande allenatrice; un po’ come io ho dovuto vincere – lo ammetto, non ce l’ho ancora fatta del tutto – la timidezza al leggio per poter fare la doppiatrice. Inoltre la serie di Pokémon Sole e Luna conta molti episodi perciò ho prestato la voce a Lylia per quasi tre anni, un periodo di tempo non indifferente che mi ha fatto affezionare ancora di più al personaggio.

In generale, i tuoi personaggi forgiano la persona che sei al di fuori dello studio?

Sicuramente tra un personaggio e il suo doppiatore si crea una sorta di legame. Seguiamo un copione e il lavoro svolto nella versione originale, ma usiamo le nostre emozioni che hanno anche origine da esperienze passate. Se per esempio devo doppiare un personaggio che ha subito una perdita, mi viene subito in mente quando ho perso mio nonno, al quale ero molto legata, e mentre doppio do al personaggio non solo la mia voce, ma anche i miei sentimenti.

Certo non nego che a volte rimango un po’ spiazzata nel corso della mia giornata: potrei doppiare una dolce bambina la mattina e alla sera, invece, una psicopatica. Ma è uno degli aspetti divertenti di questo lavoro.

Su Instagram hai scritto che l’anime Pokémon ti ha accompagnata durante tutta l’infanzia, come hai reagito quando ti è stato detto che avresti lavorato a Pokémon XY e Pokémon Sole e Luna?

È vero, amavo i Pokémon, soprattutto i videogiochi. Ricordo che quando feci il provino per la serie animata di Sole e Luna, avevo da poco ordinato la versione per Nintendo! Avevo visto i personaggi su un leak e pensai che sarebbe stato bello avere un ruolo in una serie tanto storica e che seguivo da bambina. Quando mi dissero che avevo ottenuto il ruolo quasi non ci credevo, fui davvero felice.

Sei la voce ufficiale di Toru Hagakure nel film di My Hero Academia, conoscevi l’anime anche prima? Ti è piaciuto il tuo personaggio

Sì, conoscevo già My Hero Academia, ma come manga prima che anime. Doppiare Toru è stato davvero divertente: lei è invisibile, quindi a volte in sala mi capitava di dire “Toru? Ma dove sei?” perché non riuscivo ad identificarla sullo schermo. Spero davvero che questo personaggio continui ad esserci nella serie e che si sviluppi di più, sono certa che ha ancora molto da offrire.

Nell’anime sword art online doppi il personaggio di Alice Synthesis Thirty. Parlaci un po’ di lei.

È buffo perché, a differenza di altri anime che mi è capitato di doppiare, ho sempre seguito Sword Art Online: guardavo l’anime e avevo letto le light novel, inoltre Alice era il mio personaggio preferito! Quindi quando mi chiamarono per il turno fu una vera sorpresa, non me lo aspettavo proprio. Ricordo che feci il primo episodio con le mani tremanti e, appena annunciarono la pausa caffè, mi chiusi in bagno e iniziai a saltellare dalla gioia con le lacrime agli occhi!

Adoro Alice per via della sua storia e del suo carattere, doppiarla è sempre un piacere… e poi ha un drago!

Che consigli daresti a chi vuole intraprendere la strada del doppiaggio?

Consiglio di avere molta pazienza e tenacia. In questo settore si è costantemente messi alla prova: si continua a sostenere provini per quasi tutta la carriera. Ci sono dei dei “sì” e ci sono dei “no”.
Per questo, soprattutto agli inizi, non bisogna lasciarsi scoraggiare dalle porte chiuse.

Certo non è facile ma, come disse Walt Disney, se puoi sognarlo, puoi farlo!

Grazie mille per l’intervista e la disponibilità. Non vediamo l’ora di sentire nuovamente la tua voce nei nostri anime e film preferiti.

Click to comment

Trending

Sito web creato da Silvia Pegurri
Daily Nerd è un Magazine che tratta di cultura Nerd e Geek
Contatti: redazione@dailynerd.it
Copyright: Daily Nerd 2020