Connect with us
jundo jundo

Fumetti e Cartoni

Intervista a Lorenzo Carucci e Matteo Vesprini, fondatori di Jundo

Published

on

Ecco la nostra intervista ai due fondatori di Jundo: Lorenzo Carucci e Matteo Vesprini.

Lorenzo: Ciao a tutti gli amici di Daily Nerd. Io mi occupo principalmente della strategia generale per distruggere le barriere del fumetto.

Matteo: Io invece sono editor e figura di coordinamento di tutto il reparto editing che è un po’ la colonna portante del progetto.

Per introdurvi al pubblico come vi siete approcciati a questo mondo e come cresce questa vostra passione?

Lorenzo: Io e Matteo veniamo dal mondo del fumetto, siamo grandi appassionati. In particolare io mi sono approcciato ai fumetti a partire da Death Note che è un po’ come la droga di passaggio e poi ho continuato tra Dragonball, One pPece e Naruto, per poi affacciarmi al fumetto e ai titoli psichedelici come Devilman Crybaby e Redline.

Matteo: Io invece sono partito da piccolo piccolo con Lupo Alberto, poi ho smesso e grazie ai manga mi sono riavvicinato. Ora leggo da onnivoro un po’ di tutto. Poi avendo studiato traduzione, il fumetto mi aiuta anche sotto questo aspetto.

Prima di Jundo qual è stato il vostro percorso di studi?

Lorenzo: Io vengo dal lato Business, avendo studiato economia ed imprenditoria in America. E questa è la differenza principale rispetto ad altre realtà. Quello che secondo noi è sempre mancato in questo contesto è un approccio imprenditoriale ed io mi occupo di questo. Siamo strutturati in modo che ogni reparto all’interno Jundo goda di autonomia propria, per perseguire liberamente il proprio obiettivo.

Matteo: Io vengo dal mondo dalla traduzione e con questi studi mi sono trovato molto agevolato nel fumetto. Anche essere molto organizzato rende possibile il lavoro di Jundo, dato che è una grossa macchina complessa con tante braccia, tante persone e molti ambiti che si devono interfacciare.

Come nasce l’idea “Jundo”? Come vi siete conosciuti ed approcciati alla piattaforma?

Lorenzo: Noi ci siamo conosciuti tramite il gioco di carte di Yu Gi Oh!. Andavo al mare da bambino e ci siamo conosciuti lì. Poi abbiamo fatto esperienze diverse, tuttavia essendo appassionati del media e conoscendo i problemi legati a questo mondo abbiamo deciso di fare qualcosa. Ci siamo dedicati ai problemi che incontrano gli autori emergenti, conoscendo realtà in altre parti del mondo, come per esempio Webtoon, Marvel Unlimited e molti altri, abbiamo potuto osservare e capire come inserirci in questo ambiente in Italia. I prezzi dei vari volumi sono elevati e per un lettore spendere diversi euro per il volume di un autore emergente, seppur ne sia intrigato, diventa complesso e preferisce andare sul sicuro con nomi già consolidati. La nostra idea, tramite il portale digitale, è di far conoscere nuove opere ai nostri utenti ad un costo decisamente ridotto di 1,99 euro/mese senza limiti e con la possibilità di leggere tutti i primi capitoli gratuitamente. Poi, per le opere verso le quali si ha più interesse, c’è sempre la possibilità di acquistare il cartaceo creando così una sinergia con l’online.

Un fattore che reputo molto importante è che con l’abbonamento le spese di spedizione sono gratuite.

Matteo: Riteniamo che il digitale non sia un nemico del cartaceo. Leggendo prima i vari volumi poi si possono scegliere i migliori e acquistarne la copia cartacea in maniera oculata. L’aspetto economico, riferendosi anche ad un pubblico che non lavora solo con bambini o ragazzi, è un fattore di accessibilità non indifferente.

Lorenzo: Tra l’altro dato che noi vendiamo con il nostro shop o alle fiere e non c’è intermediazione, riusciamo a permetterci prezzi, per il cartaceo, molto bassi intorno ai 9.99 euro. Per garantire maggior share all’artista e favorire i lettori.

Quali sono stati i primi autori ad essere stati coinvolti? E per chi volesse proporsi c’è un bando?

Lorenzo: Ricordiamo che il bando ha scadenza il 22 Aprile 2021 aperto a fumettisti unici, sceneggiatori e disegnatori. Già stiamo ricevendo numerose proposte e a breve inizieremo a visionarle tutte. I primi sono stati presi tre artisti di ARS nona: Andrea Milana e Acros che stanno producendo due Jundo original e Gabriele che collabora con noi come editor. Da lì siamo riusciti a creare una prima squadra di 5 e poi, in un paio di mesi, tantissimi artisti si sono proposti fino ad arrivare a 27 opere in produzione.

In pochi mesi siete riusciti ad avere un parco titoli che normalmente si avrebbe dopo anni. So che voi state molto attenti alla family che si sta creando intorno a Jundo.

Lorenzo: La community è la base per Jundo. Tutti i feedback diretti su cosa va e non va sono fondamentali. Proprio adesso stiamo lanciando la nostra strategia di Telegram, un canale Instagram e gruppi per avere un rapporto diretto e stiamo preparando altre chicche per gli utenti che usciranno a breve.

Qual è la vostra visione del mercato fumettistico? Verso dove farete rotta?

Lorenzo: Puntiamo verso un mondo in cui ci saranno sempre meno limiti a stili e generi, cosa che purtroppo oggi non è così, reduci da un periodo storico ben preciso. Tuttavia secondo noi ci si può lavorare e sulla piattaforma puntiamo ad una varietà di opere per personalizzare sempre di più l’esperienza degli utenti. Tutta la parte di profilazione è studiata per dare la possibilità al lettore di avere una visione più chiara. Adesso abbiamo una ventina di opere, ma nel momento in cui il parco titoli arriverà a 50-80 volumi sarà importante che l’utente veda innanzitutto quello che è più vicino al suo gusto personale.

Matteo: La piattaforma deve guidare l’utente in fase iniziale all’interno della sua comfort-zone per poi magari proporgli altri titoli, esplorando più orizzonti per innamorarsi di nuove realtà. Senza però spenderci troppi soldi. Ovviamente non c’è niente di male ad avere e rimanere sui propri gusti, ma avere la possibilità di scegliere è un fattore in più.

Lorenzo: La direzione è proprio quella. Ci sono persone che non riescono a leggere il digitale e va bene, non è lo scopo di Jundo convincere la gente del contrario; infatti diamo l’opportunità di comprare anche solo il cartaceo.

Matteo: Poi c’è da considerare che le nuove generazioni che si approcciano al mondo fumettistico in maniera digitale, ovviamente preferiscono questo tipo di fruizione.

Come vi immaginate Jundo alla fine dell’anno, fra 3 anni, fra 5 anni?

Lorenzo: Sicuramente alla fine dell’anno ci prefiggiamo di finire tutti i Jundo original che stanno uscendo ed aumentare il parco titoli, poi anche per gli anni a venire di portare sempre più opere possibili sia original che estere, e devo dire che da come si stanno evolvendo le cose vediamo che tutti i capitoli stanno uscendo in tempo. Pianifichiamo di uscire con la prima fiera per il Lucca Comics, sperando che si faccia.

Ormai si è creato un mistero sul nome “Jundo”: potete darci qualche indizio riguardo l’origine?

Lorenzo: Allora è tendenzialmente un segreto, però possiamo darvi un piccolo suggerimento. Deriva dal nome di un personaggio di un’opera che ci stava molto a cuore. Adesso abbiamo messo il primo tassello, vediamo se riuscite ad indovinare piano piano!

Prima di salutarci, quali titoli usciranno a breve nei prossimi giorni?

Matteo: Sta per uscire un nuovo Jundo original Pirati, nell’arco del mese usciranno due secondi capitoli e saranno Diluvio e Friends for never e poi uscirà un nuovo Jundo original a fine mese. E se posso fare un piccolo spoiler dal mese prossimo cercheremo di aumentare il numero di uscite.

Ringraziamo Lorenzo e Matteo per tutto e chi volesse cercare Jundo può leggere il nostro articolo a riguardo e dare un’occhiata alla loro pagina.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fumetti e Cartoni

Pride Month: Marvel presenta Somnus, il nuovo supereroe LGBTQ+

Published

on

somnus-nuovo-supereroe-lgbtq- l'eroe dei sogni

In occasione della 51ᵃ edizione del Pride Month prevista per giugno, Marvel’s Comics ha ufficialmente presentato un nuovo supereroe appartenente alla community LGBTQ+: Somnus, “l’eroe dei sogni”. È il secondo in pochi mesi, dopo il nuovo Captain America omosessuale introdotto nella miniserie Gli Stati Uniti di Capitan America.

Somnus farà il suo debutto in Marvel’s Pride, un nuovo one-shot pubblicato dalla Casa delle Idee per celebrare il Gay Pride. Il fumetto includerà più storie scritte da autori sensibili al mondo LGBTQIA+. A dare corpo e cuore a questo personaggio sono stati Steve Orlando e Luciano Vecchio, che si sono occupati rispettivamente della storia e del character design.

Gli autori

“Somnus (alias Carl Valentino) è ispirato alla mia storia personale e alle mie esperienze con le generazioni precedenti di persone LGBTQ+ -ha dichiarato Steve Orlando-. Ad oggi c’è ancora molto lavoro da fare, ma abbiamo anche fatto tanti passi avanti e Somnus si è rivelato un’ottima opportunità per raccontare come hanno vissuto molte altre persone in tempi più difficili, quando c’erano più pregiudizi e meno tolleranza”.

Luciano Vecchio ha proseguito dicendo: “Sono molto felice di poter finalmente collaborare con Steve e mi sono innamorato subito dell’idea e della storia di Somnus. Marvel’s Pride mi ha davvero permesso di lavorare su degli incarichi da sogno!”.

L’iniziativa è già stata accolta con entusiasmo da tantissimi lettori ed appassionati di eroi e fumetti, e speriamo che abbia più fortuna di quella di Sony dello scorso anno, che in poche ore aveva visto il suo profilo Twitter invaso dai commenti degli haters.

Somnus viene descritto come un supereroe capace di controllare i sogni delle altre persone, ma incapace di realizzare i propri, un destino insomma abbastanza particolare. Per verderlo in azione non ci resta che attendere l’uscita di “Marvel’s Voices: Pride” #1, in arrivo negli USA il 23 giugno 2021.

Siete curiosi di sapere che altro bolle in pentola in casa Marvel? Allora leggete la nostra news per conoscere tutte le uscite dei prossimi cinecomics in programma.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Jundo: primo sguardo a “New Heaven 2099”

Published

on

New heaven 2099

“New heaven 2099” è una graphic novel scritta, disegnata e colorata da Simone Trudu ed è disponibile sulla piattaforma Jundo. La storia, dai tratti fortemente psicologici, è ambientata in un contesto futuristico e sci-fi.

New heaven 2099: sceneggiatura

La storia risulta da subito molto interessante: ci troviamo in una colonia su Marte ed il nostro protagonista (del quale non sappiamo ancora il nome) sembra avere problemi di depressione e probabilmente di alcolismo.

Nel primo capitolo “Continental shelf”, lo vediamo preso dai fumi dell’ebbrezza che ricorda un passato dolce, una versione di sè più spensierata ed una donna. Adesso è un uomo diverso che sembra aver perso tutto, compreso un arto rimpiazzato con uno artificiale.

Nick lo chiama per accompagnarlo in una missione commissionatagli da una certa Quentin B. Dapprima refrattario, poi si lascia persuadere per recuperare un determinato drone in Nevada.

Disegni

I disegni sono semplici, ma hanno una loro unicità. I tratti contribuiscono a descrivere in maniera minimal gli ambienti; le figure e gli oggetti sono lineari e squadrati e sono caratterizzate da uno stile molto cartoonesco.

Sono i colori, invece, a riempire le tavole con tonalità decise, che vanno a creare una palette diversa per le varie ambientazioni.

Capitoli e aggiornamenti

Per il momento la prima parte del primo capitolo è uscita il 24 febbraio del 2021, tuttavia a breve, nel corrente mese di maggio, uscirà la seconda parte del primo capitolo: “Continental shelf-parte 2”.

New Heaven 2099: conclusioni

Dalle prime tavole di questo fumetto si percepisce una narrazione complessa ed accattivante. Il protagonista da subito mostra un carattere profondo e ben inquadrato all’interno del contesto che risulta interessante.

I disegni potrebbero non accontentare tutti i palati, e a volte non sono paragonabili alla qualità della trama, non sempre la semplicità ripaga.

Tuttavia la narrazione è la parte migliore e si percepisce da subito che c’è molto altro sotto. Questo è quello che spinge il lettore a divorare l’opera e a volerne sapere di più. Insomma una bellissima storia che consiglio di leggere.

Se vi interessano altre anteprime di Jundo leggete i nostri articoli!

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



 

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Storytel e Bonelli: il debutto del primo audiolibro di Martin Mystère

Published

on

storytel bonelli audiolibri

Storytel Italia, prima piattaforma europea di audiolibri e podcast, con un catalogo che supera oggi i centomila titoli, e Sergio Bonelli Editore, storica Casa editrice di fumetti che vanta la più vasta produzione di letteratura disegnata interamente italiana, annunciano l’avvio di una collaborazione in esclusiva volta a portare in formato audio le storie dei personaggi più amati del fumetto italiano.

Il prossimo 20 maggio sarà l’audiolibro The Young Martin Mystère – scritto da Pierdomenico Baccalario e letto da Alessandro Castellucci – a offrire una voce reale al personaggio nato dalla fantasia di Alfredo Castelli e a inaugurare questa nuova partnership, che si svilupperà nel corso dell’anno in diversi appuntamenti che vedranno le avventure di alcuni dei più famosi protagonisti dell’universo Bonelli finalmente disponibili in formato audiolibro grazie a Storytel.

La collaborazione tra lo storico editore di fumetti, che attraverso l’Ufficio Sviluppo lavora a progetti dedicati al mondo del cinema, delle serie tv, dei giochi di ruolo e ora anche degli audiolibri e dei podcast legati ai suoi personaggi, e la piattaforma produttrice di audiolibri e podcast, sbarcata in Italia nel 2018, vuole porsi così come punto di incontro tra la grande storia editoriale e i nuovi strumenti di narrazione, che sempre più si stanno imponendo come mezzi di fruizione e sviluppo di contenuti complementari e arricchenti rispetto alla tradizionale forma scritta.

storytel bonelli audiolibri

The Young Martin Mystère: trama

Primo protagonista del progetto sarà The Young Martin Mystère, che si propone di raccontare una storia alternativa dell’adolescenza del Detective dell’impossibile. A soli quindici anni, infatti, la vita di Martin viene sconvolta. Persi entrambi i genitori, il ragazzo lascia gli Stati Uniti per una prestigiosa scuola privata nella campagna senese: un luogo solo apparentemente tranquillo, come Martin scoprirà a sue spese. Una storia mozzafiato dove il giovane Mystère conoscerà quelli che diventeranno i suoi acerrimi nemici e affronterà una serie infinita di avventure che cambieranno per sempre la sua visione della realtà.

Le dichiarazioni

“Il mondo del fumetto e quello dell’audio, pur essendo apparentemente distanti come mezzo – uno tutto visivo, l’altro tutto auditivo – condividono un legame molto forte con le storie e le emozioni. Questa è una delle ragioni per cui Storytel sta sviluppando nuove linee editoriali in formato audio: dagli audiolibri basati sui personaggi dei maggiori fumetti, agli adattamenti di graphic novel in una versione specifica per l’audio, alla creazione di prodotti originali e podcast – spiega Marco Ragaini, Direttore Editoriale Storytel Italia -. Siamo felici di iniziare oggi la collaborazione con Bonelli, che rappresenta un patrimonio culturale dell’editoria e che ha creato e disegnato molti dei più amati personaggi del fumetto italiano. Siamo convinti che insieme, unendo le storie di Bonelli con la voce dei bravissimi narratori di Storytel, regaleremo ai nostri ascoltatori e a tutti gli appassionati grandi emozioni”.

Spiega Michele Masiero, Direttore Editoriale di Sergio Bonelli Editore: “Siamo molto felici ed emozionati del debutto di questa collaborazione. La scelta di iniziare con Martin Mystère ci è apparsa ovvia e naturale, visto che da sempre è il personaggio del nostro universo che ha sperimentato i diversi media con successo, e attraverso di lui il suo creatore Alfredo Castelli ha raccontato, oltre che misteri ed enigmi a ogni latitudine del nostro Pianeta, anche i cambiamenti sociali e le innovazioni tecnologiche. Come Sergio Bonelli Editore stiamo lavorando per portare, anno dopo anno, i nostri personaggi a scoprire nuovi orizzonti narrativi e il progetto con Storytel si inserisce perfettamente in questo percorso, col desiderio di realizzare presto anche dei podcast originali. Per noi che realizziamo fumetti da decenni (la Casa editrice compie ottant’anni proprio in questo 2021) si tratta di una sfida tutta particolare: abituati a intrattenere con la parola scritta e con le immagini, questa volta invitiamo invece i lettori a chiudere gli occhi e a concentrarsi sull’ascolto. Anche a loro, come è successo a noi, potrebbe capitare di scoprire un lato del tutto nuovo e inedito dei personaggi che amiamo da sempre”.

Se vi interessa il risultato di questa collaborazione tra Storytel e Bonelli, vi lasciamo questo link con l’emozionante incipit dell’audiolibro The Young Martin Mystère.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending