Connect with us

Fumetti e Cartoni

Megarette, scienza e fantascienza per un fumetto dalla costruzione solidissima

Published

on

Megarette – Savage New World nasce dalla mente di Andrea Pirondini e Aldino Rossi nel 2013. Il progetto si compone di una trilogia ed è edito da Weird Book, per la collana Dark House. I disegni sono di Giacomo Pilato e Fabio Govoni, nomi che vantano rispettivamente precedenti lavori già trattati da Shockdom e Il marchio giallo.

Un occhio al progetto e l’altro al team!

Vista l’origine del personaggio datata 2013, si può dire che Megarette viene da lontano ormai. Dopo l’abbandono di Rossi il lavoro finale subisce vari cambiamenti, ma l’opera generale si conferma di genere fantascientifico, anche se ingabbiarla in una sola categoria è un po’ un sacrifico. Ma ne riparleremo successivamente.

Si tratta senza ombra di dubbio di un progetto ambizioso, davvero ampio. Nella realizzazione di una storia a fumetti si uniscono a collaborare molto spesso figure professionali diverse, a cui magari non si tende a pensare. Nel caso di Megarette, ci troviamo di fronte ad un’autoproduzione che ha saputo unire studi derivanti dagli ambiti più differenti. Eppure questi scambi hanno fatto sì che alla fine una storia articolata come quella di Megarette potesse vantare una struttura solida e funzionale.

Si sa che a un fumetto lavorano sceneggiatori e disegnatori, e forse non stupirà tutti sapere che in questo caso è stata necessaria anche la partecipazione di qualcuno venuto dalla modellazione 3D. Quello che colpisce ancora di più sono le professionalità che hanno collaborato insieme ai creatori della vicenda, come due paleontologi e uno storico delle religioni. Come può tutto ciò avere a che fare con la vicenda di una gigantessa calata in un mondo post apocalittico? Ci arriviamo subito!

La trama (vol. 1)

‘Megarette, una gigantessa d’acciaio alta venticinque metri, precipita sulla Terra dopo un lungo sonno nello spazio siderale’. Così inizia il primo volume della trilogia di Megarette, e allo stesso modo si apre la breve trama riportata sul dorso. Ma chi è quindi Megarette? Non lo sa neppure Anna, il piccolo alter ego della gigantessa che, sperduta, si ritrova su una Terra desolata dai toni post apocalittici. Gli uomini sono di nuovo selvaggi e pericolosi, la catturano e inizialmente la terranno prigioniera su una cittadina-isola di cui nemmeno Anna sa nulla. L’unica cosa che la ragazza sa, è che esiste un altro gigante, ma si tratta di un enorme robot che le ricorda solamente la sua Megarette.

L’inizio della saga pone molte domande, insieme ai presupposti per uno sviluppo decisamente avvincente. Non va sottovalutato il senso di instabilità che si avverte dall’inizio però. L’umanità è minacciata infatti, quale che sia questa minaccia però, deve ancora essere svelato, insieme al passato e al destino di Anna. La ragazza non si ricorda perché sia finita lì e dovrà scoprirlo se vuole sopravvivere in questo tempo, che non è l’unico ‘temp’ del mondo da tenere in considerazione per la trama.

Tematiche, spunti e pensieri da Megarette

In questo breve articolo parleremo solamente del primo volume della trilogia. Gli spunti di riflessione non sono pochi (e state pronti la recensione del secondo volume che è già in lavorazione!).

Dunque, da dove iniziare? La trilogia di Megarette si destreggia continuamente tra aspetti scientifici e fantascientifici, e si ripropone di trattare tematiche di una certa importanza. Tutto ciò è chiarissimo già dalla lettura del primo volume e lo si può intuire per più motivi.

Innanzitutto Megarette sembra parlare di un’umanità ormai verso il collasso, che si è lasciata alle spalle qualcosa di orribile, ma che probabilmente così alle spalle non è. Poi parla di guerra e di confini, gli esseri umani vivono all’interno di mura, protetti da vedette e passaggi strettamente controllati, in un territorio devastato dal tempo e dalla violenza passata.

Ma parla anche di giganti, di robottoni dalle dimensioni gigantesche, e di quando sulla Terra, l’uomo conviveva con i fantomatici Neanderthal. Nessuna di queste tematiche probabilmente risulterà al cento per cento nuova ai lettori, eppure… vi è mai capitato di ritrovarle tutte in un’unica ambientazione? Ed ecco spiegata la necessità di un team di lavoro ampio e differenziato. Per sorreggere nel modo giusto un progetto tanto complesso è sicuramente necessario un lavoro di ricerca di un certo livello. Lavoro che il team in questione ha affrontato per diverso tempo prima di mettere mano all’opera.

Ma non sarà un po’ troppo?

Potreste avere le idee confuse dopo questo piccolo paragrafo, ma la chicca arriva ora. Tutte queste tematiche sono già presenti dal primo numero e… funzionano benissimo! È palese che il numero uno da solo non possa bastare, servono spiegazioni, chiarimenti e soprattutto è necessario capire come mai, ad un certo punto, ci si ritrovi di fronte ad una realtà temporale differente. L’introduzione alla saga di Megarette ci trasporta in un mondo complesso, dalla politica ancora difficile da interpretare e da un’ancora più dubbia religione dilagante tra questi sopravvissuti.

E nonostante la quantità di elementi inseriti, il lettore non si trova disorientato in modo scomodo, anzi! La curiosità aumenta all’aggiunta di ogni passaggio o accenno nuovo, la trama si infittisce e insieme cresce il bisogno di capire dove voglia portarci.

Non voglio parlare troppo di altre tematiche perché sarà più opportuno affrontarle dopo la lettura del secondo volume. Per ora la cosa fondamentale da dire su Megarette è che l’enorme lavoro di preparazione alla base di questo fumetto è riscontrabile durante la lettura. E questo è uno dei maggior pregi del fumetto.

Dall’altra parte, consiglio una lettura attenta. Megarette non è il fumetto adatto per rilassarsi e staccare la mente, prenderlo sottogamba potrebbe portare a tralasciare alcuni passaggi fondamentali per lo sviluppo del destino di Anna.

Quindi Megarette è fantascienza?

Sì, Megarette è un fumetto fantascientifico. Ma come abbiamo imparato durante tutti questi anni di lettura di fumetti, una saga difficilmente è limitata ad un singolo genere. Come difficilmente risulta limitato il potenziale di esso. Diciamo questo perché, già dalle prima vicissitudini, all’interno dell’alone futuristico e apocalittico, troviamo altre tematiche quali la ricerca di sé stessi assieme a quella delle proprie origini, i rapporti fra sudditi e autorità (anche se forse parlare di autorità è utilizzare una terminologia imprecisa), e le incertezze date da oscure paure ancestrali.

Sguardo ai disegni e ai personaggi

Concludiamo questa prima chiacchierata su Megarette con un doveroso sguardo alla parte grafica. Il motivo principale per cui serve questo paragrafo è l’utilizzo della modellazione 3D fatto dai creatori della saga. Ovviamente non troviamo figure ricreate al pc inserite singolarmente nelle vignette, ma se proprio queste vignette funzionano è anche grazie a questo lavoro.

Per rappresentare la gigantessa e il misterioso robottone con le sue sembianze, è servito un lavoro di costruzione e rifinizione della loro struttura principalmente 3D. Questo perché i disegnatori, per poter creare movimenti dei personaggi credibili e funzionanti, hanno giustamente avuto bisogno di basarsi su quelli che sono gli effettivi gesti consentiti, e non, a queste entità. Da qui la necessaria collaborazione di cui sopra.

Altra bellezza di questo fumetto è l’utilizzo del bianco e del nero. Ci sono grigi e ci sono retini nei disegni, ma non per questo i neri passano in secondo piano o sono meno evidenti. La storia è seria, misteriosa e scura, e sarebbe molto più semplice ricreare queste atmosfere con l’utilizzo dei colori giusti al posto giusto. La decisione di basarsi sul bianco e sul nero perciò è sicuramente notevole ed apprezzabile. Forse io sono di parte, ma credo possa essere una decisione apprezzata dai più.

Concludeo ricordandovi l’arrivo a breve della seconda parte della recensione di Megarette, e consigliando agli interessati di recuperare la saga. Già dalle premesse, difficilmente verremo delusi più avanti.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fumetti e Cartoni

Bonelli presenta: Dylan Dog – Johnny Freak

Published

on

dylan dog johnny freak

Per casa Bonelli arriva in libreria e in fumetteria dal 17 giugno in un unico volume a colori DYLAN DOG. JOHNNY FREAK, due storie di Tiziano Sclavi dedicate a uno dei personaggi più amati dell’universo dell’Indagatore dell’Incubo.

Trama

C’è una cantina, sul fondo della notte, che ha le pareti illuminate da mille affreschi e dai colori della fantasia. È la casa di Johnny Freak, Johnny senza gambe, Johnny sordomuto e abbandonato al suo silenzio. Chi lo ha ridotto così? Dietro ai suoi occhi si legge un oceano di tenebra.

In un unico volume a colori, DYLAN DOG. JOHNNY FREAK, le due storie di Tiziano Sclavi (su soggetti di Mauro Marcheselli) dedicate a uno dei personaggi più amati dell’universo di Dylan Dog: lo sfortunato ragazzo al centro di una storia di solitudine e orrore che solo l’amicizia con l’Indagatore dell’Incubo saprà in parte riscattare, ma senza poterne modificare il tragico destino…

Il volume è arricchito dalle interviste di Marco Nucci a Andrea Venturi e Giampiero Casertano.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Batman: Urban Legends, atteso il ritorno del successore di Bruce Wayne

Published

on

Il successore di Bruce Wayne tornerà in scena in Batman: Urban Legends

Il prossimo settembre, il successore di Bruce Wayne Terry McGinnis tornerà in scena in una nuova storia all’interno della serie antologica Batman: Urban Legends, pubblicata da marzo da DC Comics. Il nuovo racconto si svilupperà su 30 pagine, e per l’occasione la cover di Batman Beyond sarà realizzata da Francesco Mattina.

Cover Batman: Urban Legends N.7

Batman Beyond è il nome del Batman del futuro, ruolo ricoperto da uno dei vari discepoli di Bruce Wayne. Nella storia originale del 1999 scritta da Bruce Timm, Paul Dini e Alan Burnett, Wayne decide di rinunciare alla lotta al crimine dopo aver quasi ucciso un criminale, e dopo aver scoperto le enormi potenzialità di un orfano di nome Terry McGinnis, che decide di nominare suo successore.

“Così come Nathaniel Richards e Dick Grayson, Terry McGinnis è stato un personaggio che mi ha trovato quando avevo bisogno di lui – ha detto l’autore Jackson Lanzing, che scriverà la nuova storia in Batman: Urban Legends #7 -. Terry significa tutto per me e Collin Kelly, l’artista che mi accompagnerà in questa mini-avventura. Adoriamo Batman Beyond e vi promettiamo una storia diversa […] stiamo cambiando tutto per costruire un racconto noir, nuovo, futuristico, in cui costringeremo Terry a porsi nuove domande. Stiamo cambiando Gotham, e nulla sarà più lo stesso”.

Intanto sapevate che le riprese del nuovo film di Batman sono già finite? Che si possa già pensare ad un seguito?

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Dylan Dog Oldboy n.7, escursioni e navi

Published

on

dylan dog oldboy 7

Eccoci con il consueto e gradito appuntamento con il nostro amato indagatore dell’incubo in “Dylan Dog Oldboy n.7”. Sergio Bonelli Editore pubblica questo mese il suddetto volume abbinando due storie: “Quando il mostro è in vacanza” e “Voci dal fondo”.

Se volete recuperare il numero precedente del nostro Old Boy, date un’occhiata alla nostra recensione.

Quando il mostro è in vacanza: trama

Dylan e la sua fidanzata stanno facendo una vacanza parecchio movimentata. Scampagnate, escursioni, arrampicate sono all’ordine del giorno per esplorare i dintorni di una particolare cittadina. L’idea di una vacanza non è una reale ambizione di Dylan il quale sembra non gradire nemmeno le continue escursioni.

Il proprietario della locanda dove alloggiano sembra tuttavia sapere come trattare i suoi clienti se non fosse che l’ispettore della città entra di corsa rivelando che un ragazzo ai domiciliari è scappato e non si trova. Saranno altre sparizioni sospette a far innervosire l’ispettore che credendo Dylan un agente segreto sotto copertura, cercherà di trovare il nesso fra la sua presenza lì e i misteriosi crimini.

Narrazione e disegni

La storia è scritta da Gabriella Contu, che arricchisce questa storia avventurosa con situazioni divertenti ed umoristiche rendendo piacevole la narrazione.

I disegni sono stati realizzati da Montanari & Grassani, che hanno sfruttato la sceneggiatura per rendere le ambientazioni e l’espressività dei personaggi al meglio. Con diversi scorci e background affascinanti cui questa storia, ambientata all’aperto si presta bene.

Voce dal fondo: trama

Dylan Dog si risveglia in una nave da cargo, senza ricordarsi nulla: solo un forte dolore, soprattutto alla testa. Esce sul ponte e viene aggredito e malmenato dai marinai che gli incrinano un paio di costole e lo lasciano dolorante per terra. Con il passare dei giorni i marinai lo ignorano, giusto ogni tanto qualcuno gli dà del cibo senza rivolgergli la parola.

Ad un certo punto, durante una tempesta, Dylan salva un marinaio e poco dopo si ritrova convocato dal capitano per un compito sospettosamente semplice. Che possa spiegare il motivo di come sia finito su quella nave?

Narrazione e disegni

Bruno Enna cattura completamente l’attenzione con questa storia altamente d’atmosfera, misteriosa e soprattutto con un finale inaspettato. La narrazione sebbene si muova in un solo spazio (la nave) risulta tutt’altro che statica: piena di dubbi, indizi disseminati qua e là, e un continuo senso angosciante di incertezza, facendo aumentare l’empatia del lettore verso il povero Dylan.

I disegni si sposano alla perfezione con questa sceneggiatura, ricordiamo che sono opera di Montanari & Grassani & Patrizia Mandanici. Le tavole sono spaziose e respirano per dare intensità alle sequenze. Sorprendenti le vignette dei container e soprattutto le ambientazioni con la nebbia e la tempesta.

Conclusioni

Questo numero di “Dylan Dog Oldboy n.7” mi ha colpito molto. Due storie molto belle in cui nella prima ho potuto apprezzare maggiormente il classico horror da paesino misterioso, che ha saputo farmi tenere alta l’attenzione.

Ma del secondo ho apprezzato veramente ogni singola cosa, compreso il finale che, non spoilererò ovviamente; mi ha sorpreso genuinamente, per non parlare dell’ambientazione che, oltre che essere particolare, ha saputo anche giostrarsi in una narrazione che lascia il lettore ignaro, facendogli vivere tutti gli angosciosi dubbi del nostro indagatore.

Un numero, quindi, che fa una bella figura e che consiglio di non perdere.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending