Connect with us
fumetti fumetterie online fumetti fumetterie online

Fumetti e Cartoni

Web comic: la fine dei fumetti cartacei?

Published

on

Già da qualche giorno ormai è online una nuova piattaforma simil-Netflix, ma incentrata sui fumetti (o meglio web comic). Non è una novità considerando che negli ultimi anni la componente web è sempre più influente, e di certo questa nota piattaforma non è la prima e non sarà neanche l’ultima.

Non starò qui a fare una recensione del sito in oggetto dato che ancora non lo conosco in maniera approfondita, tuttavia voglio illustrare e sfatare alcune paure dalle quali molte persone si fanno prendere a riguardo: i fumetti cartacei spariranno?

Breve storia del fumetto

Il fumetto ha origini antichissime e il fumetto moderno ha cominciato ad esistere grazie a piccole strisce e ritagli nei vari giornali e riviste. La sua evoluzione, che l’ha portato ad essere quel vasto mondo che conosciamo, ha fatto sì che si aggiornasse e crescesse di pari passo con la crescita e lo sviluppo non solo della cultura locale ma anche, si potrebbe dire, della cultura mondiale.

A livello globale molte sono state le mode e, di conseguenza, i cambiamenti che i fumetti hanno dovuto adottare per stare al passo con i tempi. Pensiamo a Yellow kid come strisce sul giornale, o Topolino; e successivamente la pubblicazione in giornaletti di una ventina di tavole in edicola, fino ad arrivare poi ad un concetto di serialità e non solo, in questo senso hanno preso forma anche le storie a puntate o gli albi contenenti racconti diversi. Fino ad arrivare alle diverse culture fumettistiche e stili diversi (supereroi americani, manga…), e alle contemporanee graphic novel e volumi da libreria.

Anche il modo di vendere ed acquistare un singolo fumetto è cambiato e continuerà a cambiare nuovamente. Quando parlo però di cambiamenti, non bisogna dimenticare che il fumetto non muta autonomamente ma c’è sempre il lavoro di un’equipe di persone a scriverlo: sceneggiatore, disegnatore (inchiostratore, letterista…) redattore ed editore. Questo team di esperti decide, a volte tenta, di trovare innovazione poiché novità e cambiamenti, seppur sottili, rendono il prodotto attuale e invogliano il lettore a comprarlo.

Verso i webcomic

Il processo di avvicinamento al web è stato, nel mondo fumettistico italiano, graduale e spinto inizialmente da campagne pubblicitarie e poi andandosi a strutturare per la sponsorizzazione e promozione di un singolo autore, un team o un personaggio.

Ben presto le vendite dai vari siti online sono aumentate e molti aspiranti fumettisti hanno iniziato a sfruttare il web per promuovere le loro idee ed i loro disegni, uno fra tutti Zerocalcare. Da lì alle pubblicazioni su piattaforma il passo è stato breve: diversi siti, alcuni gratuiti supportati da pubblicità, altri a pagamento, sono emersi così nel web.

Le possibilità del digitale

Come in altri campi, anche per il fumetto la modalità di fruizione online ha avuto e sta avendo i suoi sviluppi. Le piattaforme online per la maggioranza della popolazione costituiscono un modo semplice ed immediato di intrattenimento.

Pensiamo per esempio a colossi come Netflix e Prime Video per quanto riguarda l’intrattenimento televisivo con serie tv, film, anime e cartoni, o la più recente piattaforma Disney+. Tuttavia questa esperienza non ha portato alla chiusura dei cinema, ma ad una selezione di film e pubblico.

Infatti esistono collezionisti ed appassionati che preferiranno avere il proprio cofanetto o Blu-ray; ed altri invece a cui non interessa avere una collezione, ma semplicemente passare qualche ora in compagnia di un film.

Cambiando ambito potrei citare anche le molte piattaforme online videoludiche. Piattaforme in cui: pagando un abbonamento mensile, hai un catalogo (più o meno vasto) di titoli da poter giocare. A partire da Google Stadia, PlayStation Now o Xbox game pass.

La comodità, ovviamente, non è per tutti. Ci sarà il giocatore che ama avere la deluxe edition. O quello che è più selettivo e magari di un pacchetto di 100 titoli non se ne fa niente, giocandone solo uno o due; ed allora gli converrà acquistare quei singoli titoli. Mentre giocatori con gusti più eterogenei preferiranno avere più scelta. 

Ovviamente l’utilizzo di piattaforme andrà a selezionare non solo il prodotto ma anche il pubblico, accontentando una fetta notevole di mercato, dato che in questo modo può intercettare diverse fasce di pubblico e offrire dei servizi di intrattenimento mirati.

Librerie online: un mondo da scoprire

Per i novizi che si avvicinano al mondo del fumetto avere la possibilità di pagare un abbonamento per leggere quanti più fumetti possibili è un’opportunità notevole. Ovviamente l’apertura di una piattaforma multimediale non significa che tutti i fumetti che conosciamo passeranno dal cartaceo al digitale. Anche perché i proprietari di tali siti dovrebbero comprarne tutti i diritti. Ma è sicuramente una grossa opportunità per autori e disegnatori emergenti: per farsi conoscere e far leggere i propri progetti senza un imponente investimento. 

Come abbiamo sempre detto, dietro ad un fumetto c’è un immenso lavoro e numerose spese di stampa e distribuzione, che potrebbero ridursi drasticamente visto che il prodotto viaggerà sul web. Tutto ciò comporta anche un incremento delle royalty dei creativi dietro al fumetto e minor rischio per l’editore. 

E se un fumetto ci è piaciuto così tanto da volerne una copia non c’è da disperare, perché non dimentichiamo che molti siti mettono a disposizione anche la possibilità di acquistarne la versione cartacea.

Web Comic: finirà l’epoca dei fumetti cartacei?

Personalmente, parlando da appassionato, ho la mia libreria piena zeppa di volumi e mi piace sfogliarli, sentire l’odore dell’inchiostro, dei colori, della carta. Tuttavia penso che i fumetti “contemporanei” siano in un certo senso l’evoluzione di vecchie strisce sui giornali che a loro volta provenivano da altre fonti; così penso che il fumetto, mezzo di comunicazione “vicino a tutti”, debba evolvere sempre e comunque. 

Da lavoratore dietro le quinte, riconosco che le piattaforme online possano diventare una grandissima opportunità per gli autori emergenti. Quindi il cambiamento potrebbe portare verso nuovi titoli e nuovi talenti da scoprire, ma rimarrà sempre la possibilità, per i nostalgici come me, di avere il proprio Topolino ingiallito sullo scaffale in camera.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fumetti e Cartoni

Ubisoft e Star Comics alleati nel mondo dei fumetti

Published

on

ubisoft-star comics

A trentacinque anni dalla sua fondazione, Ubisoft è oggi una realtà leader nel settore videoludico e vanta un ricco portfolio di marchi di fama mondiale, tra cui Assassin’s CreedFar CryJust DanceWatch Dogs e Tom Clancy’s The Division. A partire dal 2009, Ubisoft ha iniziato a trasporre a fumetti i suoi universi, ma è nel 2020 che è stato svelato un piano più ampio di produzione di contenuti originali a fumetti basati sui più celebri franchise.

È proprio in quest’ottica che le due aziende hanno trovato il più fertile terreno per la loro collaborazione, unite dalla passione e da una grande esperienza. Star Comics, da anni leader del comparto manga (Dragon BallOne PieceMy Hero Academia, fino alla recentissima hit Demon Slayer), vanta infatti un’esperienza di oltre trent’anni nel mondo del fumetto che l’ha portata a essere, nel 2020, il primo editore indipendente italiano per numero copie vendute.

«Star Comics è il miglior partner che potessimo sperare di avere in Italia, e sono certo che saprà offrire ai lettori italiani traduzioni fedeli e di qualità dei fumetti Ubisoft, proponendo edizioni che rispecchieranno appieno le visioni degli autori» ha dichiarato Etienne Bouvier, Publishing Content Manager EMEA di Ubisoft.

«Ubisoft è un partner prezioso, e siamo davvero contenti che ci abbiano scelti per questa bella avventura. I loro universi così straordinari e sfaccettati meritano di trovare la giusta dimensione anche per i fumetti: è proprio questo il nostro obiettivo. Sentiamo una grande responsabilità, e non vediamo l’ora di condividere quanto stiamo facendo», ha concluso Claudia Bovini, Direttore Editoriale di Star Comics.

Per celebrare l’inizio di questa collaborazione, Astra (la nuova etichetta dedicata al fumetto occidentale di Star Comics) pubblicherà un albetto – distribuito gratuitamente in libreria e fumetteria – con una breve storia di Assassin’s Creed: Valhalla e una serie di approfondimenti e anticipazioni. La prima ondata di titoli arriverà dopo l’estate; il debutto avrà come protagonisti i brillanti e divertentissimi Rabbids, serie tra le più apprezzate in casa Ubisoft. Subito dopo, non mancheranno grandi sorprese che riguarderanno il noto franchise Assassin’s Creed. I fumetti, prodotti originariamente per il mercato franco-belga da Éditions Glénat, saranno dei prestigiosi volumi cartonati di grande formato.

Di seguito vi lasciamo il video degli StarDays 2021, in cui trovate tutte le anticipazioni in merito a questa alleanza Ubisoft-Star Comics.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Film e Serie TV

Black Adam: iniziano le riprese del film

Published

on

Black Adam: iniziano le riprese del film

Uno dei progetti sul quale stanno maggiormente puntano Warner Bros. e DC è Black Adam, il futuro lungometraggio dedicato all’antieroe dell’universo di Shazam promette di deliziare gli spettatori con tanta azione e tanti effetti speciali. Al di là di ciò l’impegno si vede nella scelta del cast, all’interno del quale vi ricordiamo che è presente anche Pierce Brosnan – il quale vestirà i panni del misterioso Dr. Fate -; ormai tutto è pronto e infatti le riprese sono iniziate.

A dare la lieta novella è l’attore protagonista, Dwayne “The Rock” Johnson attraverso il suo canale Instagram. Ecco il post:

Si sta facendo la storia, sono estremamente eccitato e che momento emozionante questo da condividere con tutti voi.

Inizia ufficialmente il primo giorno di riprese per Black Adam.

Il nostro direttore, Jaume Collet-Serra. Il nostro candidato agli Academy Award (per Joker), il direttore della fotografia, Lawrence Sher.

Abbiamo un team di produzione pieno di stelle – incredibilmente talentuosi, galvanizzati, impegnati e concentrati per alzare l’asticella e portare al mondo qualcosa di speciale.

Questo è davvero un onore.

Com’era stato annunciato qualche settimana fa, le riprese sono iniziate con il mese di aprile e tutto sembra procedere secondo i piani, se le cose dovessero andare come previsto potremo vedere Black Adam dal 29 luglio 2022. Manca più di un anno, è vero, ma un progetto di questa grandezza necessita il suo tempo. E poi abbiamo capito cosa succede quando un progetto brucia le tappe e punta ad un’uscita prima del tempo, è meglio lasciare al team il tempo che gli serve.

Per chiunque non conoscesse il personaggio: Black Adam, il cui vero nome è Teth Adam, era uno schiavo nell’antico Egitto, a lui vennero affidati i poteri del mago Shazam per poter salvare l’immaginario Stato del Kahndaq dai pericolosi Sette Peccati Capitali. A seguito dell’uccisione del tiranno del Kahndaq, Adam venne imprigionato in una tomba proprio dal mago che gli aveva donato i poteri, solo per essere risvegliato dal malvagio Dottor Sivana molto tempo dopo.

Ora non vediamo l’ora delle prime foto dal set.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Il primo fumetto di Superman venduto a prezzo record

Published

on

Superman

Tutti conoscono la casa editrice di fumetti DC – Detective Comics – che, assieme all’eterna concorrente Marvel, ha saputo stregare milioni di lettori in tutto il mondo per svariate decine di anni. Forse però non tutti sanno che uno dei personaggi più famosi della DC, Superman, era arrivato per la prima volta nel 1938 all’interno di un albo della collana Action Comics (AC), più precisamente il #1. Qualche giorno fa una copia in ottime condizioni di questo mitico albo è stato venduto per un cifra record.

Il sito CBR ci informa che la cifra spesa da un privato in un’asta online per accaparrarsi questo pezzo della cultura pop è pari a 3,25 milioni di dollari. Stiamo parlando della spesa più alta mai affrontata per questo particolare albo a fumetti che segna, nei fatti, l’inizio dell’epoca dei supereroi su carta. Epoca che ancora non è finita.

Sempre il sito fonte riporta che l’albo in questione è conservato in ottimo stato e questo, unito alla rarità di una copia originale di Action Comics #1, ha fatto lievitare il prezzo fino alla cifra che avete appena letto. L’asta è stata gestita dal sito ComicConnect.com e il suo co-fondatore, Vincent Zurzolo, ha lasciato qualche commento riguardo al fumetto di Superman:

Action Comics #1 è davvero l’inizio del genere supereroistico. Non esistono albi a fumetti che si potrebbero valutare più di una versione originale di Action Comis #1.”

Insomma abbiamo compreso l’importanza di questo fumetto, importanza che va ben oltre il valore monetario – pur importante – datogli alla conclusione dell’asta. Quando parliamo di AC #1 parliamo del più importante albo della storia e un vero pezzo di cultura. Chi scrive è un amante di questo genere di intrattenimento che, alle volte, diventa arte e da qui il suo valore.

E voi, avendone la possibilità, spendereste queste cifre per un albo a fumetti di questa rarità e significato?

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending