Connect with us
Xbox-Isadora-Basile Xbox-Isadora-Basile

Gaming

Xbox: presentatrice costretta a dimettersi per molestie ricevute

Published

on

Lei si chiama Isadora Basile. Il suo talento come streamer aveva convinto i vertici Microsoft a ingaggiarla come volto di Xbox News nel suo paese d’origine, il Brasile. Poteva e doveva essere una storia bellissima. Però è stata macchiata permanentemente a causa della tossicità di una parte della community. La peggior parte in assoluto. Questo rende questa storia quasi più grave di quella che ha coinvolto di recente Ubisoft.

Basile aveva firmato il suo contratto in settembre ma, dal momento della sua prima apparizione sui canali social di Xbox, sono stati in tanti, troppi, a inviare alla ragazza pesanti minacce. Dalla morte allo stupro, nulla le è stato risparmiato in una gogna social delle più infamanti in assoluto. A raccogliere la testimonianza della ragazza, ci ha pensato il sito The Enemy.

La pressione è stata insostenibile e, al 16 di ottobre, la ragazza ha annunciato il suo allontanamento dalla posizione lavorativa assunta fino a quel momento. A quanto si riesce a evincere dai suoi post social, pare che la decisione sia stata presa di comune accordo con Microsoft. Erano stati in tanti a pensare, in un primo momento, ad un licenziamento perpetuato da Microsoft stessa ai danni di Basile.

Così potrebbe non essere. La decisione della divisione sud-americana di Xbox potrebbe esser stata ancora più drastica di così. Stando ad un post apparso sul profilo twitter ufficiale di Xbox Brasil, Microsoft avrebbe deciso di tagliare ogni ponte informativo in America Latina. Tutto spento con l’unica eccezione del portale Xbox Wire.

La presentatrice, in coda al suo tweet ha scritto: rispetto la decisione presa da Microsoft. Il mio amore nei loro confronti rimane lo stesso di sempre.

Difficile ricostruire la vicenda in maniera esaustiva senza una testimonianza diretta da entrambe le parti. In molti si sono scagliati contro l’azienda di Redmond colpevole di non essersi schierata apertamente in difesa della sua dipendente ed essersi, invece, arresa alla parte più becera di Internet.

Non è nostra intenzione difendere Microsoft in questo caso. Ci sembra però ovvio che, schierarsi pubblicamente al fianco della propria dipendente sarebbe stato un forte segnale nei confronti degli odiatori del web.

Di sicuro sarebbe stato un segnale di supporto nei confronti di una ragazza già provata da continui messaggi minacciosi. Ecco, avremmo apprezzato una mossa alla Neil Druckmann che, dopo le minacce indirizzate a lui e al suo team, si è espresso con fermezza in diverse occasioni.

Come dicevamo, però, mancano alcuni elementi che ci aiutino a ricostruire il retroscena della faccenda. Primo tra tutti: quanto serie fossero queste minacce. Rimane sempre vero che un messaggio ove si augura la morte o lo stupro di qualcuno sia da condannare senza appelli. Ma se esiste il rischio che alle minacce seguano anche ‘i fatti’, allora può essere comprensibile la mossa dell’allontanamento.

Ripetiamo ancora una volta: gli elementi a nostra disposizione sono pochi. Difficile infatti anche stabilire se si sia trattato di dimissioni, licenziamento o di una decisione presa di comune accordo.

L’unico elemento di cui siamo assolutamente certi è la ferma condanna di quegli utenti che, ancora nel 2020, non riescono ad accettare le regole di un vivere civile e si permettono anche solo di pensare le parole che poi riversano sul web. C’è da preoccuparsi seriamente.

Considerato mezzo scemo da chi lo conosce solo a metà, ha preso il primo controller in mano a 5 anni e a quella età pare essersi fermato. Porta la sua competenza ovunque serva sul web. Il suo sogno nel cassetto è avere la sua pagina su Wikipedia.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gaming

Videogiochi: quanta energia consumano le console? 

Published

on

I-10-giochi-più-attesi-del-2021,-da-Halo-a-God-of-War

In un periodo dove si cerca di risparmiare il più possibile in termini di consumi energetici anche l’uso delle nostre console di gioco può fare la differenza. Playstation, Xbox e Wii, seppur non vengano utilizzate tutto il tempo, rimangono costantemente collegate alla corrente e di conseguenza usano una quantità di energia elettrica non indifferente. 

Le case produttrici delle console per il gaming come Xbox hanno quindi deciso di creare delle modalità di aggiornamento che permettono a chi le effettua di risparmiare energia e di conseguenza spendere meno in bolletta. 

I consumi delle console

È estremamente difficile definire esattamente la quantità di energia utilizzata da una console da gioco come Playstation, Wii o Xbox. Questo perché questi apparecchi cambiano e si evolvono molto velocemente e utilizzano tantissime piattaforme e componenti tecnologiche diverse che permettono di avere una qualità di gioco e video estremamente alta (che in termini di energia costa!). 

Se comparato all’uso di energia di un dispositivo mobile come un computer, le console consumano tanto quanto quest’ultimo.

Xbox e il nuovo aggiornamento per sprecare meno energia

L’aggiornamento firmware di Xbox prevede anche una funzione di risparmio energetico. Installare l’aggiornamento sulla propria console è molto semplice e per farlo bisogna eseguire degli step:

  1. Premere il pulsante Xbox sul controller della console
  2. Cliccare la sezione chiamata Profilo e Sistema 
  3. Andare nell’area che riguarda le Impostazioni 
  4. In seguito premere sul tasto Generali
  5. Optare per l’opzione Risparmio Energia
  6. Infine selezionare l’opzione Arresta 

Scaricando questo aggiornamento la propria console sarà in grado di spegnersi autonomamente dopo che essa non viene utilizzata per qualche tempo, attivare in modo autonomo gli aggiornamenti seguenti e di distribuirli durante le ore del giorno in cui il costo dell’energia è minore

Continue Reading

Gaming

Chrono Cross: il titolo è stato rimasterizzato per un motivo ben preciso

Published

on

Chrono Cross è un videogioco di genere GDR (gioco di ruolo) alla giapponese che era stato sviluppato e pubblicato, verso la fine del 1999, dalla famosa casa di produzione nipponica Square, in seguito divenuta Square Enix grazie alla fusione avvenuta nel 2003. Il titolo in parola si pone sulla stessa linea del famoso (e bellissimo) Chrono Trigger – altro GDR di qualche anno prima -, anche se non ne rappresenta un vero e proprio seguito. Nel corso del 2022 Chrono Cross è stato oggetto di una rimasterizzazione che è nata da un motivo ben preciso: gli sviluppatori temevano che il titolo potesse diventare ingiocabile.

Sono proprio gli sviluppatori di Square Enix che, di recente, hanno chiarito questo punto. Il producer della remaster, Koichiro Sakamoto, ha detto a proposito di Chrono Cross: The Radical Dreamers Edition (le sue parole sul sito dedicato GamesRadar):

Al tempo del lancio del progetto, Chrono Cross rischiava di diventare ingiocabile. C’era un servizio di Archivio Giochi per PlayStation 3 che permetteva di giocare ai titoli della PlayStation 1. La PlayStation 4, però, era già sul mercato. Non sapevamo ancora se il servizio di Archivio Giochi ci sarebbe stato anche per PlayStation 4. Sembrava che Chrono Cross potesse diventare ingiocabile. Dunque è stato messo in piedi un progetto di remaster. Questa è la storia”.

Al di là dell’aneddoto, di interesse magari per coloro che hanno apprezzato il gioco e – in generale – per gli amanti del genere, ciò che può essere uno spunto di riflessione è il motivo che ha portato alla remaster. Da fruitori del medium videoludico siamo portati (spesso) a non pensare alle motivazioni che stanno dietro le scelte di una casa di sviluppo, valutiamo l’offerta del mercato e compriamo quello che ci piace. Un videogioco porta con sé una storia, fatta di persone e scelte, e questi episodi servono a ricordarcelo.

Continue Reading

Gaming

The Game Awards 2022: la lista dei vincitori delle varie categorie

Published

on

The Game Awards 2022: la lista dei vincitori delle varie categorie

The Game Awards è uno dei più importanti appuntamenti dell’anno per quanto riguarda il mondo dei videogiochi, dove vengono premiati i titoli che sono usciti nel corso degli ultimi dodici mesi e che hanno saputo impressionare maggiormente pubblico e critica. La kermesse ideata e condotta, ogni anno, da Geoff Keighley si è tenuta – per questa edizione – l’8 dicembre 2022 al Microsoft Theater di Los Angeles. Quali sono stati i videogiochi che sono riusciti a portarsi a casa i premi?

Di seguito la lista dei vincitori nelle varie categorie:

  • Gioco dell’Anno: Elden Ring
  • Miglior Game Direction: Elden Ring
  • Miglior Narrativa: God of War Ragnarok
  • Miglior Direzione Artistica: Elden Ring
  • Miglior Musica e Colonna Sonora: God of War Ragnarok
  • Miglior Audio Design: God of War Ragnarok
  • Miglior Performance: Christopher Judge (God of War Ragnarok)
  • Games for Impact: As Dusk Falls
  • Innovation in Accessibility: God of War Ragnarok
  • Miglior VR/AR: Moss Book II
  • Gioco più atteso: The Legend of Zelda Tears of the Kingdom
  • Miglior Gioco d’Azione: Bayonetta 3
  • Miglior Gioco d’Azione/Avventura: God of War Ragnarok
  • Miglior Gioco di Ruolo: Elden Ring
  • Miglior Picchiaduro: Multiversus
  • Miglior Gioco per la Famiglia: Kirby e La Terra Perduta
  • Miglior Simulazione/Strategico: Mario + Rabbids Sparks of Hope
  • Miglior Gioco Persistente: Final Fantasy 14
  • Miglior Indie: Stray
  • Miglior Gioco Mobile: Marvel Snap
  • Miglior Supporto della Community: Final Fantasy 14
  • Miglior Sports/Racing: Gran Turismo 7
  • Miglior Multiplayer: Splatoon 3
  • Miglior Indie di Debutto: Stray
  • Miglior Adattamento: Arcane League of Legends
  • Players Voice: Genshin Impact
  • Content Creator dell’Anno: Nibellion
  • Miglior Esports Game: Valorant
  • Miglior Esports Athlete: Jacob Yay Whiteaker
  • Miglior Esports Team: Loud
  • Miglior Esports Coach: Matheus “bzkA” Tarasconi (LOUD, Valorant)
  • Miglior Esports Event: League of Legends World Championship 2022

Elden Ring guadagna il premio più ambito, ossia quello di Gioco dell’Anno, mentre Go d of War Ragnarok è il titolo che ha vinto in più categorie (ben 6). La corsa per questa edizione di The Game Awards, si sapeva, era a due tuttavia ci sono altri titoli che vanno menzionati, in particolare Stray per aver dominato la classifica dei titoli indie e Final Fanatsy 14 per il continuo supporto.

I The Game Awards 2022 hanno dato il loro verdetto, tuttavia ci saranno altre occasioni per premiare i titoli usciti nel corso di quest’anno. Forse altri titoli riusciranno a guadagnare qualche premio, oppure avremo ulteriori conferme per quelli già visti.

I nostri complimenti vanno a tutti i vincitori e ai partecipanti.

Continue Reading
Advertisement

Trending