Connect with us

Fumetti e Cartoni

Dylan Dog: l’idea di Pulcinella

Published

on

Per chi di voi, come me, segue assiduamente Dylan Dog, avrà sicuramente letto l’episodio 413, recentemente uscito. Carlo Ambrosini, storico sceneggiatore del nostro indagatore, ci narra una storia meravigliosamente opaca, torbida, ma allo stesso tempo capace di intrigare il lettore.

La storia molto sospesa fa riflettere. Figure simboliche e azioni creano un connubio che dà diversi spunti per pensare e rimuginare sul nostro strano universo.

Carlo Ambrosini crea un matrimonio fra una sorta di inconscio onirico proprio dell’essere umano, ed un mistero cosmico ancora non svelato. Un mistero che accompagna il lettore per tutte le 98 tavole; miscelandosi ad un stile grafico suggestivo, impressionistico e crudo.

Pulcinella: simbologia

Nato da un uovo, Pulcinella è la maschera e simbolo della città di Napoli. Le sue origini risalgono fino al IV sec. a.C. al personaggio di Maccus nelle Atellane romane. Tuttavia il simbolismo intorno a questa particolare maschera l’ha resa la più intrigante poiché coinvolge la dualità dello spirito.

Pulcinella è, al tempo stesso, imbroglione e altruista, pigro e pronto a tutto pur di soddisfare la sua perenne fame, povero servitore e combattente in lotta per una vita migliore. È sia sacro che profano. Alcuni studiosi fanno risalire la tipica voce nasale ad una connessione con il mondo spirituale, d’altronde parliamo di un personaggio nato da un uovo: l’uovo cosmico.

Sebbene a molti potrebbe sembrare un personaggio banale, Pulcinella, così vitale è giocoso, è anche emblema della morte. La maschera nera, simboleggia l’oblio, con forme che troviamo in altri culti antichi: si abbina alla veste bianca, anticamente usata a lutto. E se Pulcinella è quasi un’esorcizzazione del trapasso, così lo è anche il luogo dove il concetto di Pulcinella si immagina: lontano dallo “scurnacchiato” e da dio.

Intorno alla sessualità di genere di Pulcinella c’è molto da dire poiché non è univoca. È, generalmente, inteso come maschio, avendo numerosi riferimenti fallici e virili (bastone, cappello, naso della maschera…) ma ha, altresì, forme femminili: come la voce molto acuta, la veste che copre il seno femmineo e la pancia che si gonfia a dismisura come fosse incinta. Abbiamo detto che Pulcinella è entrambi gli opposti così lo è anche con il proprio genere: Pulcinella è sia maschio che femmina, sia forte che debole, sia riso che dolore, sia vita che morte.

I padroni del nulla

Traslandoci, quindi, in questo piano onirico in cui Pulcinella è sia il passaggio che la conclusione. Dylan trova il pensiero inconscio. La visione reale di un mondo sul baratro. Tuttavia, ci viene ribadito che non a tutti è concesso vedere il mondo di Pulcinella, ma solo a coloro che “cercano di sopravvivere, combattendo contro una vita di miseria e fame […], noi pure siamo un po’ diavoli, ma diavoli alla buona, mica ce l’abbiamo un inferno […]”.

La storia avvolta in un mistero rivela tramite Pulcinella la consequenzialità degli avvenimenti e la protezione nei confronti dei più deboli. Come un’entità divina che tuttavia non può interferire, non è padrone di qualcosa, ma è al costante servizio del tempo.

Focus: Carlo Ambrosini

Carlo Ambrosini, come riporta anche la breve descrizione nell’albo, è il fumettista più autoriale di Dylan, escluso Tiziano Sclavi, suo creatore. Carlo Ambrosini nasce nel 1954 in provincia di Brescia. Dopo aver frequentato l’accademia delle belle arti inizia a lavorare come disegnatore per la Editoriale Dardo e successivamente per la Editoriale Corno.

Nel 1980 disegna per la Sergio Bonelli Editore alcuni episodi di Ken Parker e, sempre in casa Bonelli, Dylan Dog. Scriverà però la sua prima sceneggiatura per l’indagatore londinese solo sette anni dopo il primo fumetto disegnato. Inoltre nel 1997 crea la testata Napoleone, prodotta da casa Bonelli fino al 2006.

Così remoto, così vicino

In questo capitolo di Dylan Dog l’autore ci porta a vagare in un mondo ignoto, un mondo al confine fra il proprio inconscio e una coscenza ancestrale collettiva. Un luogo che tutti sappiamo dove trovare ma, allo stesso tempo, pochi riescono a vedere – una specie di Isola che non c’è.

Le domande che muovono la mente fanno riflettere: chissà se noi abbiamo una conoscenza antica di qualcosa che c’era prima, qualcosa di arcaico, di atavico.

Dylan ci ricorda, mettendosi dalla parte dell’ignaro, che quello che possiamo percepire è soltanto una parte del mondo e che, forse, dovremmo tutti allenare il nostro quinto senso e mezzo così da percepire la saggezza di Pulcinella.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fumetti e Cartoni

Jos – Che siano maledetti, dalla Francia il nuovo fumetto di Edizioni NPE

Published

on

jos

Pubblicato in Francia, Jos – Che siano maledetti, racconto travolgente di Olivier Petit, magistralmente illustrato da Piero Ruggeri e Filippo Neri con i colori di Florent Daniel, arriva per la prima volta in Italia nel formato cartonato di Edizioni NPE. In libreria dal 20 gennaio 2022.

Trama Jos – Che siano maledetti

Francia, Seconda guerra mondiale. Nel giorno del suo ventesimo compleanno, Jos – per tutti “il bastardo” – viene condannato a dieci anni di galera e al confino a vita in Guyana, nel Sudamerica, con l’accusa di omicidio.

Una vita, la sua, segnata dalle disgrazie sin dalla nascita: orfano da piccolissimo, fu ritrovato dinanzi a una chiesa da una perpetua, che da quel momento si prese cura di lui e della sua educazione insieme a Padre Vivien.

Joseph era sempre stato molto sensibile e al contempo irascibile. Un giorno, a seguito di un litigio tra lui e il prete che lo aveva cresciuto, quest’ultimo viene trovato morto. Comincia così l’inferno di Jos che, nel tentativo di liberarsi dall’ingiustizia che lo vede erroneamente esiliato, riuscirà a ricostruire la sua storia e le sue origini, scoprendo lati del suo passato che non avrebbe mai potuto immaginare.

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Giallo: Leviathan Labs dà inizio al mese della paura!

Published

on

giallo-leviathan labs

Il nuovo anno inizia, ed inizia con il ritmo rock ‘n roll di Leviathan Labs: come vi preannunciavamo in tempi non sospetti, questo finalmente sarà il mese del giallo. Il colore della paura, della tensione. Il colore strisciante dell’inquietudine che ci attraversa al centro di un bel sogno mutandolo radicalmente in un incubo. 

Giallo segna il ritorno delle riviste a fumetti, un formato mai dimenticato e che rappresenta tradizione e sperimentazione per il fumetto italiano. Un progetto su cui quelli della Casa del Leviatano hanno sempre scommesso, ecco quindi qualche novità.

Giallo sarà disponibile nelle librerie e fumetterie a 100 pagine e 7 euro. Più storie a fumetti più redazionali.  Storie brevi, autoconclusive ed episodiche, a tema pauroso/orrorifico, che ricalcano il meglio del cinema di genere italiano anni ’60 e ’70, rendendo omaggio ad autori come Argento, Bava e Fulci.

Tra gli argomenti trattati, un’intervista a Barbara Baraldi, recentissima vincitrice del premio Coco di Etna Comics per le sue storie Horror. L’apparato redazionale sarà complementare alle storie narrate con una selezione di articoli sulle case infestate, la caccia selvaggia e la prima parte di un reportage sulle città italiane più infestate e visitate!  

Non perdetevi l’occasione di provare brividi che non siano solo di freddo. Giallo di Leviathan Labs è in vendita il 20 gennaio 2022! 

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Zagor contro Hellingen – Ai confini della realtà, in uscita il nuovo albo Bonelli

Published

on

zagor-contro-hellingen-ai-confin

Arriverà nelle librerie e nelle fumetterie italiane il prossimo 27 gennaio ZAGOR CONTRO HELLINGEN. AI CONFINI DELLA REALTA’, il quarto volume dedicato al nemico numero uno di Zagor: Hellingen. Uno scienziato pazzo, geniale e malvagio inventore con la volontà perversa di dominare il mondo. Un’avventura che ha fatto epoca, scritta dal creatore di Dylan Dog Tiziano Sclavi e disegnata da Gallieno Ferri.

Dove eravamo rimasti: Zagor contro Hellingen – Terrore dal sesto pianeta

Hellingen sembrava invincibile: si era alleato con i mostruosi alieni Akkroniani, giunti dallo spazio profondo per procurarsi sangue umano. E ovviamente voleva conquistare il mondo con il loro aiuto e per questo aveva inserito un programmatore mentale nella testa di Zagor, che era diventato così uno strumento della sua volontà, ma le cose non sono andate come sperava.

Trama: Ai confini della realtà

In questo volume Zagor è vittima di paurosi incubi. La sua mente vacilla? O queste terrificanti visioni nascondono un fondo di verità? Questo è l’inizio di una delle storie più lunghe e sconvolgenti dello Spirito con la Scure. Una storia ricca di personaggi, di prodigi, di mondi fantastici, di mostri e di malefiche invenzioni. E su tutto regna l’ombra oscura di Hellingen, ritornato in vita, pressoché invincibile, per portare a compimento i suoi piani di dominio sul mondo.

L’introduzione è firmata da Moreno Burattini.

ZAGOR CONTRO HELLINGEN. AI CONFINI DELLA REALTA’

  • Soggetto: Tiziano Sclavi
  • Sceneggiatura: Tiziano Sclavi
  • Disegni: Gallieno Ferri
  • Copertina: Gallieno Ferri
  • Formato: 16 x 21 cm, B/N
  • Pagine: 528
  • Prezzo: 17 euro

Continue Reading
Advertisement

Trending