Connect with us
the ancient magus bride recensione consigli dell'uniporco the ancient magus bride recensione consigli dell'uniporco

Anime e Manga

The Ancient Magus Bride, l’anime: la magia come metafora della vita

Published

on

“The Ancient Magus Bride”, conosciuto in Giappone come “Mahou Tsukai no Yome” è un manga scritto e disegnato da Kore Yamazaki. Attenzione, in questo Consiglio parleremo prevalentemente dell’anime, quindi mettetevi comodi e preparatevi ad immergervi in una favola ottocentesca, romantica ma dai toni cupi, piena di meraviglie ma anche di orrori.

Un’immagine dei protagonisti, Elias e Chise

Trama

Chise Hatori ha solo 15 anni e ha già perso ogni cosa; non ha più una famiglia (alcuni parenti l’hanno addirittura venduta) e ormai non le resta alcuna speranza, ma un incontro speciale sta per cambiare il suo destino. Un mago, Elias Ainsworth, dall’apparenza mostruosa, si offre di comprarla ad un’asta.

Inizia così per entrambi un viaggio interiore che permetterà a Chise di avvicinarsi al mondo della magia e ad Elias, di comprendere la natura umana, e i complicati sentimenti che questa nasconde.

Quasi tutta la storia, composta da 24 episodi, si svolge nelle aree rurali fuori Londra, le ambientazioni sono davvero un punto a favore di questo anime. Sono luoghi aperti, di grande respiro che ci permettono di prendere confidenza con un mondo arcano, che sembra sospeso nel tempo.

Un mondo magico governato da proprie leggi e dove le creature fatate, all’apparenza benevole ed innocenti, spesso nascondono un’indole egoista. L’opera in questo senso si rifà strettamente alle leggende originali della cultura celtica e anglosassone, con le fate spesso descritte come entità capricciose e dai comportamenti ambigui.

Elias nella sua forma “mostruosa”

I protagonisti

In questa serie l’azione lascia spesso spazio ad una attenta analisi dei personaggi, la cui evoluzione psicologica è al centro di tutto. Sia Chise che Elias  infatti sono personaggi ben caratterizzati, divisi tra forza a fragilità e sarà proprio il confronto con le loro insicurezze a permettere ai due di crescere e di avvicinarsi l’uno all’altro, trasformando il loro rapporto. Ad accompagnarli in questo viaggio ci saranno altri personaggi ricorrenti, anche questi ben costruiti, che avranno proprio il compito di costruire un background solido ed emozionante.

I difetti della serie

Fin qui tutto ok, la serie non ha grossi deficit di trama o altro, ma ha quel genere di “problema” che potrebbe dissuadere diverse persone dall’intraprenderne la visione. Il ritmo, che è terribilmente lento. In un anime caratterizzato da poca azione, questo alla lunga potrebbe annoiare. Diciamo che è un anime che va vissuto più che guardato e basta, ed essendo molto emotivo e psicologico alla fine il limite non appare così grave.

I punti a favore

Wit Studio con “The Ancient Magus Bride” ha fatto un ottimo lavoro: i colori brillanti e le vivide animazioni ricreano perfettamente l’atmosfera di un mondo magico. Così anche la colonna sonora che ci accompagna nei vari episodi. Anche la scelta della fotografia è decisamente azzeccata.

Conclusione

“The Ancient Magus Bride” è una fiaba romantica e spietata al tempo stesso, la cui ambientazione ci proietta in un mondo magico fatto di nobili sentimenti e brutalità, di amore e vendetta, eroismo e vigliaccheria. Lo scorrimento lento non è adatto a tutti i palati, ma mi sento di consigliere questo anime agli appassionati del genere che sono pronti a lasciarsi trasportare in mondi lontani, senza la pretesa di vedere o capire tutto subito.

Il manga

The Ancient Magus Bride è un manga shōnen scritto e disegnato da Kore Yamazaki. La pubblicazione è iniziata il 30 novembre 2013 sulla rivista Monthly Comic Blade, su cui è proseguita fino al settembre 2014 per poi passare su Comic Garden, dove è attualmente in corso. In Italia il manga è pubblicato da Star Comics a partire dal febbraio 2016.

L’anime

L’adattamento anime è stato rilasciato nell’autunno del 2016 e conta 24 episodi più 3 oav che trattano una piccola storia che si colloca fra il 12° e 13° episodio. La serie la potete trovare completa su Crunchyroll.

Faccio parte di quella strana categoria di persone che, nonostante ci siano mille film da guardare, milioni di manga da leggere e trecento nuovi titoli di videogiochi, si fissa sempre sulle solite cose, per poi passare notti intere a rimettersi in pari con il mondo. Laureata in Lettere e in Editoria e Giornalismo, colleziono libri antichi in modo ossessivo, adoro piante e gatti e pratico judo da anni nella speranza di diventare, se non invincibile, almeno più saggia.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Anime e Manga

Dragon Ball Super: Super Hero trailer ufficiale del film

Published

on

Dragon Ball Super: Super Hero trailer ufficiale del film

Dragon Ball Super: Super Hero è il prossimo lungometraggio animato che andrà ad aggiungersi alla lunga lista di film dedicati all’opera più famosa di Akira Toriyama, Dragon Ball appunto. Annunciato per la prima volta la scorsa estate, Super Hero si è mostrato in una serie di teaser e materiale promozionale nel corso dei mesi, ma adesso è arrivato anche un nuovo trailer ufficiale.

Troverete qui di seguito il trailer citato, nel video caricato sul canale YouTube di Crunchyroll Collection:

Oltre al trailer, che avete appena visto, è stato confermato – da parte della stessa Crunchyroll e anche da Sony Pictures Entertainment – che Dragon Ball Super: Super Hero arriverà nei cinema di tutto il mondo. L’arrivo del lungometraggio anche nel resto del mondo – oltre al Sol Levante – può dunque dirsi certo, anche se pochi erano i dubbi al riguardo.

Ma quando sarà reso disponibile Super Hero? Stando a quanto scritto sul sito dedicato Animenewsnetwork – il quale ha riportato anche la notizia dell’arrivo della pellicola in tutto il mondo -, il film dovrebbe sarà distribuito a livello internazionale nel corso della prossima estate. Sono sempre Crunchyroll e Sony Pictures Entertainment a darne notizia, questo vorrebbe dire che il pubblico non dovrà aspettare poi molto dopo l’arrivo del film in Giappone, previsto invece per l’11 giugno 2022.

Rimaniamo in attesa di date un po’ più precise, anche per quanto riguarda i cinema italiani.

Continue Reading

Anime e Manga

Si può sposare un ologramma? Cerchiamo di capire cos’è la “fictosessualità”

Published

on

fictossessualità

Nei giorni scorsi è impazzata agli onori della cronaca la storia di Akihiko Kondo, 38enne giapponese che nel 2018 si è sposato. E fin qui niente di strano. Ma ecco perché la notizia ha fatto il giro del mondo: lui è un impiegato dell’amministrazione di Tokyo, lei un “vocaloid”, un sintetizzatore software, in forma di ologramma. Il fenomeno (chiamato fictosessualità) in particolare nel Paese del Sol Levante non è una novità, ma di recente sui social la discussione intorno al romanticismo da fiction è diventato un trend piuttosto dibattuto.

Il fatto è stato ripreso dal New York Times e come spesso capita con le stranezze tutte giapponesi, in Occidente si fa fatica a capire come una persona possa felicemente (ma non civilmente) essere sposata con un ologramma. Tra l’altro lei  ha un nome, si chiama Hatsune Miku, è una ragazza dai capelli azzurri che fa la cantante e vanta collaborazioni con artisti internazionali (ovviamente tutta finzione).

L’uomo però si dice più che soddisfatto di questa relazione: in passato era stato scaricato da alcune donne in carne ed ossa ed era pure stato bullizzato dai colleghi di lavoro, cadendo così in una profonda depressione, ma l’incontro con Miku ha rappresentato una vera e propria ancora di salvezza.

La svolta in questa relazione è arrivata nel 2017 grazie a un Gatebox, un macchinario da 1300 dollari che ha consentito ai suoi proprietari di interagire con i personaggi amati tramite ologrammi e pure di sposarli.

Sembra un rapporto impossibile tra i due sposini, eppure Kondo dice di essere innamorato e felice. La pratica ha un nome e si chiama “fictosessualità” e riguarda persone che provano attrazione sessuale per figure immaginarie. Il New York Times sostiene addirittura che siano “decine di migliaia” i fictosessuali al mondo con una concentrazione particolare proprio in Giappone.

La ricerca scientifica sulla fictosessualità

Uno studio del 2021 pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Psychology ha analizzato il fenomeno dei fictosessuali. La ricerca fornisce un’analisi esplorativa dei concetti di fictosexualityfictoromance e fictophilia, termini nuovi, con il quale è importante imparare a confrontarsi.

Queste etichette indicano un forte sentimento di amore, infatuazione o desiderio per un personaggio immaginario. Gli autori hanno tenuto a sottolineare come l’intenzione non fosse quella di far apparire i fictosexual come persone disturbate, infatti, al momento, il fenomeno non è riconosciuto come condizione diagnostica specifica dall’Organizzazione mondiale della sanità. Tuttavia, emozioni e sentimenti nei confronti di personaggi immaginari possono generare disagio poiché le persone non possono interagire con i personaggi nello stesso modo in cui fanno con altri esseri umani. Se perdurante, l’assenza di contatto fisico potrebbe quindi causare danni psicologici.

Chi di noi non si è innamorato del personaggio di un manga o anime? Per Kondo e Miku questa è diventata la loro “realtà”. Non si fa fatica a immaginare quanto un personaggio immaginario possa aiutare ad uscire da un momento difficile, sappiamo bene quanto in alcuni momenti della vita un buon libro o un film non ci abbiano aiutato, ma c’è chi si spinge ben oltre.

Nessuno ha il diritto di giudicare una scelta, che in ogni caso è stata fatta con il cuore, certo la stranezza di tutta la storia resta e chi non preferirebbe stringere a sè qualcuno in carne ed ossa piuttosto in fissare gli occhi vuoti di un ologramma? Ma la felicità ha forme molto diverse e se Kondo ha trovato la sua ben per lui!

Continue Reading

Anime e Manga

Dr. Stone: teaser trailer della terza stagione dell’anime in arrivo nel 2023

Published

on

Dr. Stone: teaser trailer della terza stagione dell’anime in arrivo nel 2023

Dr. Stone è il famoso manga, nato dalla collaborazione di Riichirō Inagaki (scrittura) e Boichi (disegni), arrivato per la prima volta sulle pagine del settimanale giapponese Weekly Shōnen Jump nel 2017. Dall’opera è stato tratto anche un adattamento anime, iniziato nell’estate del 2019 che – al momento – conta due stagioni e che sta per arricchirsi con i nuovi episodi della terza stagione, annunciata con un breve teaser.

Qui di seguito potete trovare il trailer, caricato sul canale YouTube di AnimeUniverse:

La terza stagione dell’anime TV del manga di Boichi e Riichirō Inagaki, Dr. Stone, arriverà nel 2023. Le vicende di Dr. Stone iniziano un fatidico giorno, quando tutta l’umanità è stata pietrificata da un’accecante lampo di luce. Dopo alcuni millenni il liceale Taiju si risveglia e si trova perso on un mondo di statue. Tuttavia non è solo! Il suo amico, amante della scienza, Senku si era risvegliato qualche mese prima mettendosi all’opera e ha un grande piano in mente – dare il via alla civilizzazione con il potere della scienza!

I nuovi episodi di Dr. Stone saranno nuovamente animati da TMS Entertainment, che già aveva curato le prime due stagioni. La data prevista per l’arrivo della terza parte non è ancora stata indicata, per il momento dobbiamo accontentarci di un generico 2023, nella speranza che arrivino precisazioni in merito.

Se siete interessati date un’occhiata al nostro Consiglio dell’Uniporco dedicato a Dr. Stone.

Continue Reading
Advertisement

Trending