Connect with us
valeria - leviathan labs valeria - leviathan labs

Fumetti e Cartoni

The Barbarian King: intervista Cimmerica a Marco Cei e Massimo Rosi

Published

on

Fin dall’uscita di “Le Spade Spezzate“, proseguendo con “Il Re caduto“, lo spin-off “Salomè“, “Dea della Vendetta“, “Con un Cuore Nero” e a breve con il secondo spin-off, “Valeria“, Daily Nerd ha sempre seguito con interesse lo svilupparsi dell’epopea di The Barbarian King, l’opera edita Leviathan Labs che amplia, continua e approfondisce il mito di Conan, il barbaro più famoso della letteratura.

In questo articolo vi presentiamo l’intervista concessa gentilmente da Marco Cei, sceneggiatore di Valeria (il più recente spin-off di The Barbarian King che vede come protagonista la piratessa guerriera ed ex amante del barbaro) e Massimo Rosi, sceneggiatore della saga principale. Dato l’apprezzamento per la serie che, ci auguriamo, sia stato trasmesso attraverso le nostre recensioni (che naturalmente vi invitiamo a recuperare tramite i link in cima all’articolo), le curiosità da soddisfare con quest’intervista erano molte. Ringraziamo sentitamente Marco e Massimo per la loro disponibilità e, senza ulteriore indugio, vi lasciamo all’intervista!


– “Valeria” è il secondo volume spin-off di Barbarian King. Il primo è stato “Salomè”, che, esattamente come Valeria, deve il suo titolo all’omonima protagonista. In entrambi i casi, quindi, un’attenzione puntata fortemente e fin dalla copertina sull’eroina del racconto – attenzione che, almeno per il volume che abbiamo già potuto leggere, si riflette anche negli eventi narrati. Perché proprio Salomè, quindi, e perché proprio Valeria? Possiamo immaginare che apprezziate particolarmente le incarnazioni originali dei personaggi e vogliate rendere loro onore, ma c’è anche dell’altro?

MARCO: La risposta è piuttosto semplice. Appena Massimo mi ha proposto di scrivere uno spin-off per il mondo di Barbarian King, ho pensato a quali fossero i personaggi che ricordavo maggiormente della saga. Valeria era nei film, era piuttosto celebre almeno fra la mia generazione, ed è stato automatico pensare a lei come protagonista del racconto; magari poteva reggere anche a livello promozionale una storia che la vedesse al centro della narrazione. Che l’altro spin-off veda protagonista un’altra figura femminile non ha influito sulla mia scelta; piuttosto, mi sembrava che il mondo del Cimmero dovesse comprendere anche Valeria, anche in questa nuova incarnazione; per “completezza”, si può dire.

– Salomè ci ha consentito di esplorare anche gli inferi di quest’universo narrativo,oltre che la lontana Khauram. Valeria ci porterà invece nel Vanheim, più vicina alle terre in cui tutto è cominciato – la Cimmeria. Delle ottime occasioni, insomma, per entrare nei meandri delle innumerevoli culture, bizzarrie e crudeltà di questo sfaccettato universo narrativo. Ci sono altri luoghi, città o culture che vorreste esplorare in futuro? Continuerete a utilizzare lo strumento dello spinoff, per farlo?

MARCO: Valeria nasce come spin-off unico, non ci saranno altri volumi dedicati a lei nella saga, le sue vicende verranno riassorbite nella trama del titolo madre; non so darti una risposta, quindi. Se valuteremo di fare altri spin-off della serie principale vedremo. Ho saccheggiato vari comprimari di diversi racconti ambientati in vari territori del mondo del Barbaro; potrebbe essere divertente farlo ancora, chissà. Xuchotl mi attirerebbe, per dire, come mondo da raccontare di nuovo.

– Nella nostra ultima recensione della vostra epopea – quella di “Con un cuore nero” – abbiamo posto l’attenzione sul fatto che il mondo sia in continua espansione anche nella trama principale. Tra la sotto-trama di Hyra e quella di Khon ad Aquilonia, la storia sembra ampliare sempre di più il suo respiro, dando davvero l’idea di star assistendo a un’epica dei giorni nostri. Potete darci un’idea, anche vaga, di quali siano i vostri piani a lungo termine? Avete un’idea di quanto lungo sarà questo racconto, o preferite lasciarvi la libertà di valutare strada facendo?

MASSIMO: Inizialmente il piano per Barbarian King era di avere una run di 6 volumi più uno spin-off su Salomé, poi la cosa, dico la verità, ci ha preso la mano. Abbiamo visto che i lettori amavano questo mondo, questa “vecchia/nuova” epica sword and sorcery, quindi abbiamo deciso di ampliare gli orizzonti senza fossilizzarci troppo. Al momento direi che la serie regolare avrà otto albi, che verranno arricchiti da altri quattro spin off: La Morte di Zenobia scritto da me con i disegni di Jennifer Ventura e colori di Paolo Raiteri; Khonn, il principe selvaggio, sempre scritto da me, disegnato dallo spagnolo Francisco Asencio e ancora alla ricerca di un colorista; lo spin-off su Yara scritto da José Luis Vidal e disegnato da Manuel Espinosa Quirós ed uno speciale a sorpresa… anche se su questi albi non vogliamo limitarci troppo anzi, siamo aperti a proposte da team di autori che vogliono gettarsi nel mondo del cimmero.

– Parlando di Hyra, uno tra i personaggi più interessanti e approfonditi della serie: nonostante un suo importante arco narrativo si sia concluso al termine del quarto volume, la vedremo ancora?

MASSIMO: Assolutamente sì, Hyra ha promesso di seguire il cimmero nel suo viaggio e, come avete visto e vedrete, è una che le promesse le mantiene.

The Barbarian King: Dea della Vendetta recensione


– Hyra è un personaggio completamente originale, e immaginiamo ci siate molto legati – vista anche l’attenzione dedicatale nel terzo e nel quarto volume. C’è qualcun altro, tra le vostre creazioni originali, che apprezzate particolarmente o che vorreste approfondire nei futuri volumi?

MASSIMO: Dal volume 5, che al momento è nelle mani del team Angelo Razzano e Alicia Soria, oltre ad Hyra abbiamo pensato di far viaggiare il nostro cimmero verso est non da solo e di dare vita ad un piccolo gruppo di avventurieri. Delle nostre creazione originali comunque, oltre ad Hyra, io per esempio mi sono affezionato a Bayezid, il generale delle armate di Turan, che ha molto più background di quello che non abbiamo mostrato fino adesso ed ha quel qualcosa, dalla sua devozione alla sua patria, al tradimento del sultano che controllava i suoi uomini, all’incertezza di esser stato una pedina, che lo rende un personaggio che mi ha preso molto, scrivendolo. Per questo per lui ho tenuto una porticina ben aperta per il futuro.

– Parlando invece di personaggi già presenti nella mitologia originale: avete un preferito? Chi, tra tutti, è stato il più interessante da riprendere in mano per dare a lui/lei una continuazione? E il più complesso/a?

MASSIMO: Ho iniziato (spoiler!) a strutturare l’arco di Valeria, nel volume 6 e devo dire che mi sta piacendo tantissimo. Penso che Marco abbia fatto un lavoro meraviglioso e l’amore che ha messo in Valeria in qualche modo l’ho sono ereditato anch’io. Mi piace molto anche il duo Prospero e Trocero, che al momento si sono visti ma non tantissimo, ma che sono due personaggi, ormai mentori e padri adottivi di re Khonn, molto interessanti da sviluppare e da scrivere. Non ho detto anche il Cimmero perché sarebbe scontato, no?


– Il tempo, il decadimento corporeo e mentale, la gloria giovanile ormai perduta: sono tutti temi già esplorati con maestria nella serie principale con il Cimmero e che, si lascia intuire, saranno riproposti anche in “Valeria”. Al di là delle differenze più ovvie e immediate, potete darci un’anticipazione di cosa distinguerà questi due archi?

MARCO: Per me, Valeria rappresenta il rimpianto. Di chi si rende conto che la propria vita è andata in una direzione, ma che, per mancanza della persona amata o per reazione alla stessa assenza, le cose potevano anche andare diversamente. E che, per scherzo del destino, o un karma, un fato non scritto, chiamatelo come volete… ora si trova a fare i conti con la possibilità di un nuovo confronto con la persona che direttamente o indirettamente le ha cambiato la vita. Valeria, e io con lei, si interroga sul proprio senso di sé e su quanto il Cimmero abbia inciso sulle proprie scelte, che la vedono fare ancora la piratessa, indipendente, dura come la roccia… e sola. E ingenua come una ragazza, nonostante tutto. È un fumetto sulla fragilità interiore. E non perché Valeria è donna. Lo siamo tutti, quando il tempo ci presenta il conto delle cicatrici, fisiche e psichiche. E possiamo solo accettare le une e le altre, e ripartire da quelle.

– Il vostro amore per le opere originali del Barbaro è evidente. Per un neofita che intenda approcciarle, tuttavia, la scelta è abbastanza vasta, forse quasi soverchiante. Avete qualche consiglio riguardo al dove cominciare? Racconti che riteniate particolarmente significativi, o autori che, a parte Howard, abbiano reso particolare onore alla figura immortale del Cimmero?

MASSIMO: Quando uscì la news sulla scadenza dei diritti d’autore in Europa abbiamo preso il grosso tomo con tutte le storie di Howard di Mondadori. Come prima fonte importante per seguire le vicende del personaggio di Howard è fondamentale. Abbiamo evitato di avventurarci in fumetti e varie proprio per evitare contaminazioni di grandissimi maestri che però non sarebbero rientrati nel dominio pubblico. Ci siamo divertiti qua e là a citare il film di Milius. Per chi invece non avesse molta voglia di leggere un tomo gigante, il mio consiglio sono gli albi di Conan della Glenat portati qui da Star Comics, penso siano un ottimo riassunto delle storie migliori.

Letterato e giornalista di formazione, scansafatiche poliedrico di professione. Il mio super potere è la capacità di interessarmi di pressoché qualsiasi cosa e dedicargli un’attenzione media di 7,8 secondi. Con le dovute eccezioni. Quando non perdo tempo, lavoro. Quando non lavoro, scrivo. Quando non scrivo, consumo media o gioco di ruolo. Quando non consumo media e non gioco di ruolo, perdo tempo. Il cerchio della vita.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fumetti e Cartoni

Nasce ONgoing, le uscite di Leviathan Labs incontrano il formato seriale

Published

on

The-Barbarian-King-recensione-3

Se ne era a lungo parlato nelle scorse settimane e adesso Leviathan Labs svela cos’è ONgoing, il nuovo progetto in uscita da oggi, giovedì 1 dicembre

Tanti appassionati lettori di fumetti sono cresciuti con la serialità americana, i classici spillati da 22/24 pagine e come dimenticarsi la lettura avida del numero appena uscito e l’attesa trepidante del numero successivo.

Quindi la Casa editrice del leviatano ha pensato perché non esportare la stessa serialità (e le stesse sensazioni!) in formato digitale con i nostri volumi e con i volumi in lavorazione?

Nasce così ONgoing, le uscite seriali di Leviathan Labs, su Kindle, Kobo, Google Books e sul sito Leviathan Labs, che ad un piccolo prezzo (0,99 euro) vi permetteranno di assaggiare le nostre novità e decidere se gustarvele tutte, numero dopo numero.

Queste saranno le uscite settimanali per i primi 4 mesi:

DICEMBRE 2022

  • giovedì 1 dicembre: FOGLIE ROSSE Capitolo 1
  • giovedì 8 dicembre: CARDINAL DAGON Capitolo 1
  • giovedì 15 dicembre: FOGLIE ROSSE Capitolo 2
  • giovedì 22 dicembre: CARDINAL DAGON Capitolo 2
  • giovedì 29 dicembre: FOGLIE ROSSE Capitolo 3

GENNAIO 2023

  • giovedì 5 gennaio: CARDINAL DAGON Capitolo 3
  • giovedì 12 gennaio: FOGLIE ROSSE Capitolo 4
  • giovedì 19 gennaio: CARDINAL DAGON Capitolo 4
  • giovedì 26 gennaio: UTERO Capitolo 1

FEBBRAIO 2023

  • giovedì 2 febbraio: CARDINAL DAGON Capitolo 5
  • giovedì 9 febbraio: UTERO Capitolo 2
  • giovedì 16 febbraio: CARDINAL DAGON Capitolo 6
  • giovedì 23 febbraio: UTERO Capitolo 3

MARZO 2023 

  • giovedì 2 marzo: CARDINAL DAGON Capitolo 7
  • giovedì 9 marzo: UTERO Capitolo 4
  • giovedì 16 marzo: THE BARBARIAN KING Volume 1
  • giovedì 23 marzo: UTERO Capitolo 5
  • giovedì 30 marzo: THE BARBARIAN KING Volume 2

Restate sulle pagine di Daily Nerd per rimane aggiornati sulle novità del mondo dei fumetti, dei videogiochi, dei manga, degli anime, delle serie tv, dei film e molto altro ancora!

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Zombicide – Il primo giorno, il nuovo volume di Luca Enoch e Stefano Vietti

Published

on

zombicide

Esce oggi in libreria e in fumetteria ZOMBICIDE. IL PRIMO GIORNO, un nuovo volume frutto della collaborazione tra la Casa editrice di via Buonarroti e la società Cmon: un’appassionante avventura firmata dalla coppia “dragoneriana” Vietti-Enoch per i disegni di Alessio Moroni e Marco Itri. Dalla serie fantascientifica del boardgame di successo mondiale Zombicide Invader, questa graphic novel racconta il suo incredibile mondo e i suoi eroici protagonisti.

zombicide

Trama Zombicide

Uno strano virus sembra aver colpito la Terra e adesso i morti stanno tornando alla vita con l’unico scopo di divorare i sopravvissuti. L’inferno è arrivato ed è in questo mondo sprofondato improvvisamente nel caos che dovrà muoversi un gruppo di coraggiosi eroi, pronti ad attraversare quella che da città degli angeli si è trasformata nel regno dell’incubo.

Armi spianate, colpo in canna, tanta grinta e un po’ di sana follia: quando c’è da far fuori frotte di zombi, i nostri non si tirano certo indietro. E dovranno picchiare duro e non arrendersi, se vogliono giungere sani e salvi a un rifugio sicuro e sopravvivere all’apocalisse.

ZOMBICIDE. IL PRIMO GIORNO

  • Soggetto e sceneggiatura: Luca Enoch, Stefano Vietti
  • Disegni: Alessio Moroni, Marco Itri
  • Copertina: Felice Pagliuso
  • Colori: Paolo Francescutto
  • Formato: 17 x 26 cm, colore
  • Pagine: 128

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Nathan Never – Missione Asteroidi, un’avventura tra fantascienza e realtà

Published

on

nathan never

Si completa il 18 novembre con l’uscita di NATHAN NEVER. MISSIONE ASTEROIDI la prima ideale trilogia frutto della proficua collaborazione tra Sergio Bonelli Editore e ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana. 

Questa volta vengono puntati i riflettori sul programma LI-CIACube – acronimo per Light Italian CubeSat for Imaging of Asteroids (CubeSat Leggero Italiano per la produzione di Immagini di Asteroidi) – che, all’interno della missione NASA DART (Test di Reindirizzamento di un Asteroide Doppio), avrà il compito di documentare da vicino, per la prima volta, l’impatto tra una sonda e un asteroide con l’obiettivo di modificarne l’orbita.

La storia, scritta da Bepi Vigna e disegnata da Sergio Giardo, ci presenta la Terra del futuro, minacciata da un gigantesco asteroide che ha inaspettatamente modificato la propria orbita ed è ora soggetto alla forza d’attrazione del campo terrestre.

Il nostro pianeta è protetto da un sistema di difesa, pensato per affrontare questa evenienza, ma un misterioso attacco hacker ha messo fuori uso lo scudo di difesa. L’unica speranza per la popolazione è approntare velocemente un piano di riserva, reso possibile solo dall’intervento e dalle infrastrutture della Space Bets Corporation.

L’Agenzia Alfa nutre forti perplessità riguardo il coinvolgimento della multinazionale e si lancia in una corsa contro il tempo per riuscire a risolvere la situazione: un antico esperimento, condotto nella Vecchia Europa del XXI secolo, potrebbe dare a Nathan Never le risposte che cerca per salvare l’umanità.

Il volume è arricchito da un editoriale di Davide Bonelli e dai contributi di Francesco Rea dell’Agenzia Spaziale Italiane e di Maurizio Colombo e Luca Del Savio per Sergio Bonelli Editore.

Continue Reading
Advertisement

Trending