Connect with us
Eisner-Awards Eisner-Awards

Eventi

Ecco le nomination per gli Eisner Awards 2020

Published

on

Qualche giorno fa sono state annunciate sul sito del San Diego Comic-Con le candidature per gli Eisner Awards, tra i premi fumettistici più importanti degli Stati Uniti. Tradizionalmente è proprio il Comic-Con che ospita la cerimonia di premiazione – ricordiamo che causa covid anche questa manifestazione è saltata – ma gli Eisner Awards 2020 saranno comunque assegnati il prossimo luglio in data e con modalità da comunicarsi.

Il premio è suddiviso in ben 31 categorie, con decine di artisti da tutto il mondo.Tra gli autori in nomination ci sono anche cinque italiani: i disegnatori Werther Dell’Edera (per Something is Killing the Children), Giuseppe Camuncoli (per Undiscovered Country) e Marco Checchetto (per Daredevil) e il rifinitore Daniele Orlandini (per Undiscovered Country) e Francesco Francavilla candidato come Miglior copertinista.

Migliore storia breve
  • Hot Comb, di Ebony Flowers, in Hot Comb (Drawn & Quarterly)
  • How to Draw a Horse, di Emma Hunsinger, The New Yorker
  • The Menopause, di Mira Jacob, The Believer
  • Who Gets Called an ‘Unfit’ Mother?, di Miriam Libicki, The Nib
  • You’re Not Going to Believe What I’m About to Tell You, di Matthew Inman, The Oatmeal
Migliore numero unico / One Shot
  • Coin-Op No. 8: Infatuation, di Peter e Maria Hoey (Coin-Op Books)
  • The Freak, di Matt Lesniewski (AdHouse)
  • Minotäar, di Lissa Treiman (Shortbox)
  • Our Favorite Thing Is My Favorite Thing Is Monsters, di Emil Ferris (Fantagraphics Books)
  • Sobek, di James Stokoe (Shortbox)
Migliore serie regolare
  • Bitter Root, di David Walker, Chuck Brown e Sanford Greene (Image Comics)
  • Criminal, di Ed Brubaker e Sean Phillips (Image Comics)
  • Crowded, di Christopher Sebela, Ro Stein e Ted Brandt (Image Comics)
  • Daredevil, di Chip Zdarsky e Marco Checchetto (Marvel Comics) 
  • The Dreaming, di Simon Spurrier, Bilquis Evely e altri (DC Comics)
  • Immortal Hulk, di Al Ewing, Joe Bennett, Ruy José e altri (Marvel Comics)
Migliore serie limitata
  • Ascender, di Jeff Lemire e Dustin Nguyen (Image Comics)
  • Ghost Tree, di Bobby Curnow e Simon Gane (IDW Publishing)
  • Little Bird, di Darcy Van Poelgeest e Ian Bertram (Image Comics)
  • Naomi, di Brian Michael Bendis, David Walker e Jamal Campbell (DC Comics)
  • Sentient, di Jeff Lemire e Gabriel Walta (TKO)
Migliore nuova serie
  • Doctor Doom, di Christopher Cantwell e Salvador Larocca (Marvel Comics)
  • Invisible Kingdom, di G. Willow Wilson e Christian Ward (Berger Books/Dark Horse Comics)
  • Once & Future, di Kieron Gillen e Dan Mora (BOOM! Studios)
  • Something Is Killing the Children, di James Tynion IV e Werther Dell’Edera (BOOM! Studios)
  • Undiscovered Country, di Scott Snyder, Charles Soule, Giuseppe Camuncoli e Daniele Orlandini (Image Comics)
Migliore pubblicazione per l’infanzia
  • Comics: Easy as ABC, di Ivan Brunetti (TOON)
  • Kitten Construction Company: A Bridge Too Fur, di John Patrick Green (First Second Books/Macmillan)
  • The Pigeon HAS to Go to School!, di Mo Willems (Hyperion Books)
  • A Trip to the Top of the Volcano with Mouse, di Frank Viva (TOON)
  • ¡Vamos! Let’s Go to the Market, di Raúl the Third (Versify/Houghton Mifflin Harcourt)
  • Who Wet My Pants?, di Bob Shea e Zachariah Ohora (Little, Brown)
Migliore pubblicazione per ragazzi
  • Akissi: More Tales of Mischief, di Marguerite Abouet e Mathieu Sapin (Flying Eye/Nobrow)
  • Dog Man: For Whom the Ball Rolls, di Dav Pilkey (Scholastic Graphix)
  • Guts, di Raina Telgemeier (Scholastic Graphix)
  • New Kid, di Jerry Craft (Quill Tree/HarperCollins)
  • This Was Our Pact, di Ryan Andrews (First Second Books/Macmillan)
  • The Wolf in Underpants, di Wilfrid Lupano, Mayana Itoïz e Paul Cauuet (Graphic Universe/Lerner Publishing Group)
Miglior pubblicazione per adolescenti
  • Harley Quinn: Breaking Glass, di Mariko Tamaki e Steve Pugh (DC Comics)
  • Hot Comb, di Ebony Flowers (Drawn & Quarterly)
  • Kiss Number 8, di Colleen AF Venable e Ellen T. Crenshaw (First Second Books/Macmillan)
  • Laura Dean Keeps Breaking Up with Me, di Mariko Tamaki e Rosemary Valero-O’Connell (First Second Books/Macmillan)
  • Penny Nichols, by MK Reed, Greg Means e Matt Wiegle (Top Shelf Productions)
Migliore pubblicazione umoristica
  • Anatomy of Authors, di Dave Kellett (SheldonComics.com)
  • Death Wins a Goldfish, di Brian Rea (Chronicle Books)
  • Minotäar, di Lissa Treiman (Shortbox)
  • Sobek, di James Stokoe (Shortbox)
  • The Way of the Househusband vol. 1, di Kousuke Oono, traduzione di Sheldon Drzka (VIZ Media)
  • Wondermark: Friends You Can Ride On, di David Malki (Wondermark)
Migliore antologia
  • ABC of Typography, di David Rault (SelfMade Hero)
  • Baltic Comics Anthology š! #34-37, curata da David Schilter, Sanita Muižniece (kuš!)
  • Drawing Power: Women’s Stories of Sexual Violence, Harassment, and Survival, curata da Diane Noomin (Abrams)
  • Kramer’s Ergot #10, curata da Sammy Harkham (Fantagraphics Books)
  • The Nib #2–4, curata da Matt Bors (Nib)
Migliore lavoro di non-fiction
  • Good Talk: A Memoir in Conversations, di Mira Jacob (One World/Random House)
  • Grass, di Keum Suk Gendry-Kim, traduzione di Janet Hong (Drawn & Quarterly)
  • Kid Gloves: Nine Months of Careful Chaos, di Lucy Knisley (First Second Books/Macmillan)
  • Moonbound: Apollo 11 and the Dream of Spaceflight, di Jonathan Fetter-Vorm (Hill & Wang)
  • My Solo Exchange Diary, di Nagata Kabi, traduzione di Jocelyne Allen (Seven Seas Entertainment)
  • They Called Us Enemy, di George Takei, Justin Eisinger, Steven Scott e Harmony Becker (Top Shelf Productions)
Migliore graphic novel (inedita)
  • Are You Listening?, di Tillie Walden (First Second Books/Macmillan)
  • Bezimena, di Nina Bunjevac (Fantagraphics Books)
  • BTTM FDRS, di Ezra Claytan Daniels e Ben Passmore (Fantagraphics Books)
  • Life on the Moon, di Robert Grossman (Yoe Books/IDW Publishing)
  • New World, di David Jesus Vignolli (Archaia/BOOM! Studios)
  • Reincarnation Stories, di Kim Deitch (Fantagraphics Books)
Migliore graphic novel (riedizione)
  • Bad Weekend, di Ed Brubaker e Sean Phillips (Image Comics)
  • Clyde Fans, di Seth (Drawn & Quarterly)
  • Cover vol. 1, di Brian Michael Bendis e David Mack (DC Comics /Jinxworld)
  • Glenn Ganges: The River at Night, di Kevin Huizenga (Drawn & Quarterly)
  • LaGuardia, di Nnedi Okorafor e Tana Ford (Berger Books/Dark Horse Comics)
  • Rusty Brown, di Chris Ware (Pantheon)
Migliore adattamento di un altro medium
  • Giraffes on Horseback Salad: Salvador Dali, the Marx Brothers, and the Strangest Movie Never Made, di Josh Frank, Tim Hedecker e Manuela Pertega (Quirk Books)
  • The Giver, di Lois Lowry e P. Craig Russell, (HMH Books for Young Readers)
  • The Handmaid’s Tale: The Graphic Novel, di Margaret Atwood, adattato da Renee Nault (Nan A. Talese)
  • HP Lovecraft’s At the Mountains of Madness voll. 1–2, adattato da Gou Tanabe, traduzione di Zack Davisson (Dark Horse Comics)
  • The Seventh Voyage, di Stanislaw Lem, adattato da Jon Muth, tradotto da Michael Kandel (Scholastic Graphix)
  • Snow, Glass, Apples, di Neil Gaiman e Colleen Doran (Dark Horse Comics)
Migliore edizione statunitense di opere internazionali
  • Diabolical Summer, di Thierry Smolderen e Alexandre Clerisse, tradotto da Edward Gauvin (IDW Publishing)
  • Gramercy Park, di Timothée de Fombelle e Christian Cailleaux, tradotto da Edward Gauvin (EuroComics/IDW Publishing)
  • The House, di Paco Roca, tradotto da Andrea Rosenberg (Fantagraphics Books)
  • Maggy Garrisson, di Lewis Trondheim e Stéphane Oiry, tradotto da Emma Wilson (SelfMadeHero)
  • Stay, di Lewis Trondheim e Hubert Chevillard, tradotto da Mike Kennedy (Magnetic Press)
  • Wrath of Fantômas, di Olivier Bouquet e Julie Rocheleau, tradotto da Edward Gauvin (Titan Comics)
Migliore edizione statunitense di opere internazionali (Asia)
  • BEASTARS, di Paru Itagaki, tradotto da Tomo Kimura (VIZ Media)
  • Cats of the Louvre, di Taiyo Matsumoto, tradotto da Michael Arias (VIZ Media)
  • Grass, di Keum Suk Gendry-Kim, tradotto da Janet Hong (Drawn & Quarterly)
  • Magic Knight Rayearth 25th Anniversary Edition, di CLAMP, tradotto da Melissa Tanaka (Kodansha Comics)
  • The Poe Clan, di Moto Hagio, tradotto da Rachel Thorn (Fantagraphics Books)
  • Witch Hat Atelier, di Kamome Shirahama, tradotto da Stephen Kohler (Kodansha Comics)
Migliore riproposizione di vecchie opere (strisce)
  • Cham: The Best Comic Strips and Graphic Novelettes, 1839–1862, di David Kunzle (University Press of Mississippi)
  • Ed Leffingwell’s Little Joe, di Harold Gray, curata da Peter Maresca e Sammy Harkham (Sunday Press Books)
  • The George Herriman Library: Krazy & Ignatz 1916–1918, curata da R.J. Casey (Fantagraphics Books)
  • Krazy Kat: The Complete Color Sundays, di George Herriman, curata da Alexander Braun (Taschen)
  • Madness in Crowds: The Teeming Mind of Harrison Cady, di Violet e Denis Kitchen (Beehive Books)
  • Pogo, Vol. 6: Clean as a Weasel, di Walt Kelly, curata da Mark Evanier e Eric Reynolds (Fantagraphics Books)
Migliore riproposizione di vecchie opere (comic-book)
  • Alay-Oop, di William Gropper (New York Review Comics)
  • The Complete Crepax vol. 5: American Stories, curata da Kristy Valenti (Fantagraphics Books)
  • Jack Kirby’s Dingbat Love, curata da John Morrow (TwoMorrows)
  • Moonshadow: The Definitive Edition, di J. M. DeMatteis, Jon J Muth, George Pratt, Kent Williams e altri (Dark Horse Comics)
  • Stan Sakai’s Usagi Yojimbo: The Complete Grasscutter Artist Select, di Stan Sakai, curata da Scott Dunbier (IDW Publishing)
  • That Miyoko Asagaya Feeling, di Shinichi Abe, tradotta da Ryan Holmberg, curata da Mitsuhiro Asakawa (Black Hook Press)
Migliore scrittore
  • Bobby Curnow, Ghost Tree (IDW Publishing)
  • MK Reed and Greg Means, Penny Nichols (Top Shelf Productions)
  • Mariko Tamaki, Harley Quinn: Breaking Glass (DC Comics); Laura Dean Keeps Breaking Up with Me (First Second Books/Macmillan); Archie (Archie)
  • Lewis Trondheim, Stay (Magnetic Press); Maggy Garrisson (SelfMadeHero)
  • G. Willow Wilson, Invisible Kingdom (Berger Books/Dark Horse); Ms. Marvel (Marvel Comics)
  • Chip Zdarsky, White Trees (Image); Daredevil, Spider-Man: Life Story (Marvel); Afterlift (comiXology Originals)
Migliore autore unico
  • Nina Bunjevac, Bezimena (Fantagraphics Books)
  • Mira Jacob, Good Talk (Random House); “The Menopause” su The Believer (1 giugno 2019)
  • Keum Suk Gendry-Kim, Grass (Drawn & Quarterly)
  • James Stokoe, Sobek (Shortbox)
  • Raina Telgemeier, Guts (Scholastic Graphix)
  • Tillie Walden, Are You Listening? (First Second Books/Macmillan)
Migliore matitista/inchiostratore o matitista e gruppo di inchiostratori
  • Ian Bertram, Little Bird (Image Comics)
  • Colleen Doran, Snow, Glass, Apples (Dark Horse Comics)
  • Bilquis Evely, The Dreaming (DC Comics)
  • Simon Gane, Ghost Tree (IDW Publishing)
  • Steve Pugh, Harley Quinn: Breaking Glass (DC Comics)
  • Rosemary Valero-O’Connell, Laura Dean Keeps Breaking Up with Me (First Second/Macmillan)
Migliore pittore/artista digitale
  • Didier Cassegrain, Black Water Lilies (Europe Comics)
  • Alexandre Clarisse, Diabolical Summer (IDW Publishing)
  • David Mack, Cover (DC Comics)
  • Léa Mazé, Elma, A Bear’s Life vol. 1: The Great Journey (Europe Comics)
  • Julie Rocheleau, Wrath of Fantômas (Titan Comics)
  • Christian Ward, Invisible Kingdom (Berger Books/Dark Horse Comics)
Migliore copertinista
  • Jen Bartel, Blackbird (Image Comics)
  • Francesco Francavilla, Archie, Archie 1955, Archie Vs. Predator II, Cosmo (Archie Comics)
  • David Mack, American Gods, Fight Club 3 (Dark Horse Comics); Cover (DC Comics)
  • Emma Rios, Pretty Deadly (Image Comics)
  • Julian Totino Tedesco, Daredevil (Marvel Comics)
  • Christian Ward, Machine Gun Wizards (Dark Horse Comics), Invisible Kingdom (Berger Books/Dark Horse Comics)
Migliore colorista
  • Lorena Alvarez, Hicotea (Nobrow)
  • Jean-Francois Beaulieu, Middlewest, Outpost Zero (Image Comics)
  • Matt Hollingsworth, Batman: Curse of the White Knight, Batman White Knight Presents Von Freeze (DC Comics); Little Bird, November (Image Comics)
  • Molly Mendoza, Skip (Nobrow)
  • Dave Stewart, Black Hammer, B.P.R.D.: The Devil You Know, Hellboy and the BPRD (Dark Horse Comics); Gideon Falls (Image Comics); Silver Surfer Black, Spider-Man (Marvel Comics)
Migliore letterista
  • Deron Bennett, Batgirl, Green Arrow, Justice League, Martian Manhunter (DC Comics); Canto (IDW Publishing); Assassin Nation, Excellence (Skybound/Image Comics); To Drink and To Eat vol. 1 (Lion Forge); Resonant (Vault Comics)
  • Jim Campbell, Black Badge, Coda (BOOM! Studios); Giant Days, Lumberjanes: The Shape of Friendship (BOOM Box!); Rocko’s Modern Afterlife (KaBOOM!); At the End of Your Tether (Lion Forge); Blade Runner 2019 (Titan Comics); Mall, The Plot, Wasted Space (Vault Comics)
  • Clayton Cowles, Aquaman, Batman, Batman and the Outsiders, Heroes in Crisis, Superman: Up in the Sky, Superman’s Pal Jimmy Olsen (DC Comics); Bitter Root, Pretty Deadly, Moonstruck, Redlands, The Wicked + The Divine (Image); Reaver  (Skybound/Image); Daredevil, Ghost-Spider, Silver Surfer Black, Superior Spider-Man, Venom (Marvel Comics)
  • Emilie Plateau, Colored: The Unsung Life of Claudette Colvin (Europe Comics)
  • Stan Sakai, Usagi Yojimbo (IDW Publishing)
  • Tillie Walden, Are You Listening? (First Second Books/Macmillan)
Migliore pubblicazione giornalistica sul fumetto
  • Comic Riffs blog (The Washington Post), di Michael Cavna
  • The Comics Journal, curata da Gary Groth, RJ Casey e Kristy Valenti (Fantagraphics Books)
  • Hogan’s Alley, curata da Tom Heintjes (Hogan’s Alley)
  • Inks: The Journal of the Comics Studies Society, curata da Qiana Whitted (Ohio State University Press)
  • LAAB Magazine vol. 4: This Was Your Life, curata da Ronald Wimberly e Josh O’Neill (Beehive Books)
  • Women Write About Comics, curata da Nola Pfau e Wendy Browne
Migliore saggio sul fumetto
  • The Art of Nothing: 25 Years of Mutts and the Art of Patrick McDonnell (Abrams)
  • The Book of Weirdo, di Jon B. Cooke (Last Gasp)
  • Grunt: The Art and Unpublished Comics of James Stokoe (Dark Horse Comics)
  • Logo a Gogo: Branding Pop Culture, di Rian Hughes (Korero Press)
  • Making Comics, di Lynda Barry (Drawn & Quarterly)
  • Screwball! The Cartoonists Who Made the Funnies Funny, di Paul Tumey (Library of American Comics/IDW Publishing)
Migliore saggio accademico sul fumetto
  • The Art of Pere Joan: Space, Landscape, and Comics Form, di Benjamin Fraser (University of Texas Press)
  • The Comics of Rutu Modan: War, Love, and Secrets, di Kevin Haworth (University Press of Mississippi)
  • EC Comics: Race, Shock, and Social Protest, di Qiana Whitted (Rutgers University Press)
  • The Peanuts Papers: Writers and Cartoonists on Charlie Brown, Snoopy & the Gang, and the Meaning of Life, curata da Andrew Blauner (Library of America)
  • Producing Mass Entertainment: The Serial Life of the Yellow Kid, di Christina Meyer (Ohio State University Press)
  • Women’s Manga in Asia and Beyond: Uniting Different Cultures and Identities, curata da Fusami Ogi e altri (Palgrave Macmillan)
Migliore design
  • Grunt: The Art and Unpublished Comics of James Stokoe, design di Ethan Kimberling (Dark Horse Comics)
  • Krazy Kat: The Complete Color Sundays, by George Herriman, design di Anna-Tina Kessler (Taschen)
  • Logo a Gogo, design di Rian Hughes (Korero Press)
  • Madness in Crowds: The Teeming Mind of Harrison Cady, design di Paul Kopple e Alex Bruce (Beehive Books)
  • Making Comics, design di Lynda Barry (Drawn & Quarterly)
  • Rusty Brown, design di Chris Ware (Pantheon)
Migliore fumetto digitale
  • Afterlift, di Chip Zdarsky e Jason Loo (comiXology Originals)
  • Black Water Lilies, di Michel Bussi, adattato da Frédéric Duval e Didier Cassegrain, tradotto da Edward Gauvin (Europe Comics)
  • Colored: The Unsung Life of Claudette Colvin, di Tania de Montaigne, adattato da Emilie Plateau, tradotto da Montana Kane (Europe Comics)
  • Elma, A Bear’s Life vol. 1: The Great Journey, di Ingrid Chabbert e Léa Mazé, tradotto da Jenny Aufiery (Europe Comics)
  • Mare Internum, di Der-shing Helmer (comiXology; gumroad.com/l/MIPDF)
  • Tales from Behind the Window, di Edanur Kuntman, tradotto da Cem Ulgen (Europe Comics)
Migliore webcomic
  • Cabramatta, di Matt Huynh
  • Chuckwagon at the End of the World, di Erik Lundy
  • The Eyes, di Javi de Castro
  • Fried Rice Comic, di Erica Eng
  • reMIND, di Jason Brubaker
  • Third Shift Society, di Meredith Moriarty

Redazione



Daily Nerd è un Magazine di cultura Nerd e Geek. Non si tratta semplicemente di riportare notizie, ma di approfondire e riflettere sulla cultura che ci circonda.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi

Voglia di evasione? L’appuntamento è il 3 e 4 settembre con il Pellicano Festival Fantasy

Published

on

Gli amanti del genere fantasy si danno appuntamento il 3 e 4 settembre al “Pellicano Festival Fantasy”, uno dei numerosi appuntamenti e ritrovi che si tengono durante tutto l’anno.

Esiste un vero e proprio discorso attorno al genere che percorre strade anche inedite del web e che raccoglie ogni giorno persone da tutto il mondo, pronte a scambiarsi in un medesimo luogo opinioni su una nuova saga, su un adattamento cinematografico, sulle influenze tolkieniane. Si incontrano in luoghi, appunto, che spesso sono virtuali, ma che sempre più sovente diventano veri e propri spazi fisici.

Un’occasione imperdibile per intraprendere un viaggio nel mondo fantastico, per due giorni, 3 e 4 settembre, è il “Pellicano Festival Fantasy”, il Festival dedicato al mondo del fantastico si prepara a stupire gli appassionati e i curiosi con una nuova edizione che punterà ad ingrandire anche la manifestazione sempre all’interno dello splendido parco di Villa Altieri, il seicentesco giardino di Palazzo Altieri, a Oriolo Romano (VT) che si trasformerà anche quest’anno nel regno del fantastico di maghi, elfi, cavalieri, fate ed orchi.

Due giorni pieni di spettacoli, potremmo ballare con le sigle dei nostri cartoni preferiti, calarci nel mondo fantastico di Star Wars, oppure imparare a costruire un arco storico; clou del festival è il Cosplay Contest, la competizione tra i migliori cosplayer del centro Italia presentata quest’anno da Giulia “Red” Tacchi e da Gianluca Falletta, il papà del cosplay in Italia.

Per gli amici cosplay, parola che fonde i termini “costume” e “play” per indicare la pratica di indossare un costume che rappresenti un personaggio, in genere del mondo dei fumetti o dei videogiochi, ma anche di musica, cinema, serie tv, interpretandone il modo di agire, che parteciperanno verrà organizzato un contest durante la giornata di domenica e in entrambe le giornate verranno creati degli appositi set fotografici, entrambi realizzati in collaborazione con l’Associazione Japanimation.

Secondo alcune stime, in Italia sarebbero più di 1 milione e 300 mila gli appassionati, per un mercato da 147 milioni di euro. Nel 2017 sono stati programmati 187 eventi ufficiali (si calcola che poi ce ne siano altrettanti attivati tramite associazioni, pro-loco) con picchi (Lucca Comics) di 200 mila persone al giorno. Non ci sono grossi limiti di età, si va in media dagli 11 ai 55 anni, con una prevalenza di donne (88%)

Non saranno solo i cosplay ad animare il Pellicano Festival Fantasy, saranno presenti delle aree fantasy, aree dedicate ai videogames, cartoon e naturalmente eroi del cinema, senza dimenticarsi dei fumetti e dei giochi di ruolo e da tavolo.

Quindi l’appuntamento è per questo weekend al Parco di Villa Altieri di Oriolo Romano (VT).

Continue Reading

Eventi

Annunciati gli 8 club che parteciperanno all’eFootball CHAMPIONSHIP PRO 2022

Published

on

eFootball CHAMPIONSHIP PRO

KONAMI ha svelato i dettagli del calendario e i club che parteciparenno all’eFootball Championship Pro 2022. La competizione è stata suddivisa in due categorie: eFootball Championship Pro ed eFootball Championship Open. I Club che parteciperanno al torneo di quest’anno sono: FC Barcelona, Manchester United, FC Bayern München, Arsenal, Celtic FC, AS Monaco, AS Roma e Galatasaray.

Calendario eFootball Championship Pro

Sabato, 4 giugno: Sorteggio abbinamenti
Sabato, 11 giugno – Domenica, 12 giugno: Fase a gironi giorno 1 & 2
Sabato, 18 giuno – Domenica, 19 giugno: Fase a gironi giorno 3 & 4
Sabato, 25 giugno: Quarti di finale e semifinale
Sabato, 26 giugno: Play-off per il terzo posto & Finale

KONAMI trasmetterà live il torneo sui canali social di eFootball™, durante le dirette sarà attiva una campagna che permetterà agli utenti sintonizzati di ottenere oggetti in game. eFootball™ Championship Pro sarà, inoltre, supportato da una serie di campagne da parte dei Club coinvolti e che daranno la possibilità ai fan di vincere premi dopo ogni match.

eFootball™ Championship Open è una competizione pubblica alla quale tutti gli utenti di eFootball™ 2022 potranno prendere parte e competere su diverse piattaforme: PlayStation®5, PlayStation®4, Xbox Series X|S, Xbox ONE e Steam®. Quest’anno, i giocatori potranno partecipare alle finali mondiali dell’eFootball™ Championship Open anche su dispositivi mobile, iOS e Android.

Calendario eFootball™ Championship Open

Lunedì, 27 giugno – Sabato, 3 luglio: Round 1
Venerdì, 8 luglio – Lunedì, 11 luglio: Round 2
Sabato, 30 luglio – Domenica, 31 luglio: Round 3
Sabato, 13 agosto – Domenica, 14 agosto: Finali Mondiali

eFootball™ Championship 2022 si baserà sulla modalità “Dream Team”. “Dream Team” è la nuovissima modalità di gioco in cui gli utenti possono costruire la squadra dei sogni mettendo sotto contratto giocatori e allenatori, facendo uso di oggetti di gioco (ad esempio GP che gli utenti possono guadagnare in-game), e competere contro altri utenti di tutto il mondo.

I giocatori possono anche sviluppare e rafforzare i loro calciatori per adattarli a differenti stili di gioco, oltre a organizzare la loro squadra attraverso il tesseramento e l’allenamento dei calciatori.

Grazie a “Dream Team”, gli utenti di eFootball™ 2022 possono creare la squadra dei sogni, in grado di riflettere la personale ideologia calcistica.

Continue Reading

Eventi

Jundo sbarca al Salone del libro di Torino

Published

on

salone libro torino

Dopo le tappe a Romics e Comicon, Jundo si prepara alla sua prima presenza al Salone Internazionale del Libro di Torino (19-23 maggio) dove sarà presente con anteprime, novità, autori ed eventi!

La XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino si aprirà giovedì 19 maggio con la lectio inaugurale dello scrittore indiano Amitav Ghosh, in collaborazione con Neri Pozza. In contemporanea, nell’Arena Bookstock, si terrà l’inaugurazione del Bookstock, lo spazio dedicato ai giovani lettori, con l’intervento di Maria Falcone, che racconterà agli studenti le battaglie e il lascito morale del fratello Giovanni a 30 anni dal suo assassinio. Il programma è online! Scopri qui gli appuntamenti.

Tornano a Jundo verrà presentata in edizione cartacea, Belle Epoque di Matteo Filippi e Lorenzo Grassi: Due amici. Una metropoli. Zero soldi. Pierre e Seam sognano gli Champs-elysées, lʼalta società e i completi pregiati. Ma, aperti gli occhi, restano solo monolocali marci, bassifondi e debiti da pagare. Un futuro dal tappeto rosso, ma un presente sporco di sangue. Corpi e sentimenti svenduti al primo offerente, rivalsa marcita in vendetta. La città delle luci ammicca, chi fregherà chi?

Salone Internazionale del Libro (Padiglione 1 – Nuovi Editori – Stand E20)

Due gli autori Jundo Originals che parteciperanno alle signing session in stand nei cinque giorni del festival. E ben quattro gli appuntamenti e i panel a cui parteciperà la giovane casa editrice.

Lorenzo Grassi, disegnatore di Belle Epoque (Da Venerdì 20 a Lunedì 23)
Virand, autore di Harakiri (Da Giovedì 19 a Lunedì 23)

Panel ed Eventi

—Venerdì 20 maggio—
Largo all’horror! Sala del Fumetto, PAD 1 – Ore 11:00 – 12:00
Dai maestri del manga Junji Ito e Kazuo Umezz alla narrativa young adult di Manlio Castagna e i webtoon in arrivo dalla Cina, uno sguardo trasversale a un genere sempre più amato e richiesto. Quali le nuove frontiere dell’horror e il loro rapporto con i giovani lettori?
Con: Silvia Casolari (Mufant), Lorenzo Carucci (Jundo), Manlio Castagna e Cristian Posocco (Star Comics)
Moderano: Alessandro Carnevale (autore, Poliniani Editore) e Daniel de Filippis.

Jundo: dai Webcomic ai Webtoon
Sala del Fumetto, PAD 1 – Ore 15:00-16:00
I webtoon non parlano “solo” coreano e cinese! Scopriamo con Jundo l’evoluzione del fumetto
digitale da webcomic a webtoon! Quale è il futuro della fruizione digitale e il rapporto con i formati cartacei? Quali le opportunità per i giovani autori italiani che desiderano mettersi alla prova con i webtoon?
Con: Lorenzo Carucci (Jundo) e Lorenzo Grassi (Disegnatore de La Belle Epoque)
Modera: Daniel de Filippis

—Sabato 21 maggio—

Storia sportiva del fumetto
Sala Olimpica, PAD 1 – Ore 13:15-14:15
Dal manga al graphic novel, dalle biografie alle nuove tecnologie, tutte le sfumature dello sport
raccontato con la nona arte.
Con: Lorenzo Carucci (Jundo), Mattia Ferri (Beccogiallo), Giovanni Russo (Lucca Comics&Games) e Cristian Posocco (Star Comics)

Cina: storytelling e mondi fantastici dalla narrativa al webtoon
Sala del Fumetto, PAD 1 – Ore 18:30-19:30
Con: Lorenzo Carucci (Jundo), Matteo Gaspari (ADD Editore) e Davide Monopoli (Mufant)
Modera: Daniel de Filippis

Dopo il Salone del Libro di Torino, la prossima tappa di Jundo sarà Etna Comics (1-5 Giugno) a
Catania.

Continue Reading
Advertisement

Trending