Connect with us
japan-sinks-2020 japan-sinks-2020

Anime e Manga

Recensione Japan Sinks 2020 (senza spoiler)

Published

on

Per prima cosa, tanto per togliermi d’impaccio, ve lo dico subito: in Japan Sinks 2020 muoiono tutti, o quasi, e sì il Giappone sprofonda. Ma davvero non c’è futuro per il Paese del Sol Levante? E chi scamperà a questa tragedia? Non vi resta che vedere l’anime per scoprirlo.

Detto questo partiamo con la recensione di questo nuovo adattamento Netflix. Japan Sinks 2020 è liberamente tratto dal romanzo Nihon Chinbotsu (Il Giappone sprofonda), dello scrittore giapponese di fantascienza Sakyo Komatsu (1931 – 2011). Il romanzo aveva già ispirato diversi adattamenti per la tv, ma adesso è arrivato anche l’anime, che però è ambientato ai giorni nostri (non negli anni ’70), il che rende tutto più drammatico e tragicamente verosimile.

L’anime di Japan Sinks 2020 è stato realizzato dallo Studio Science Saru, sotto la direzione di Masaaki Yuasa, Naoya Wada ha creato i characters e Kensuke Ushio ha composto le musiche.



Japan Sinks 2020: la trama

Come vi dicevo all’inizio, questo anime ha un coefficiente di mortalità davvero alto e non ci si potrebbe aspettare niente di diverso dato le proporzioni del disastro naturale che vede coinvolto il Giappone. Cataclisma previsto solo da un pilota di sottomarini, a cui però nessuno ha dato ascolto, almeno fino al momento della tragedia.

Gli episodi sono 10, non c’è tempo quindi per partire in sordina e allora ecco che in pochi minuti dall’avvio dell’anime una violenta scossa sconquassa la città, poi un’altra e un’altra ancora. I danni sono già enormi.

Viviamo questi drammatici momenti attraverso gli occhi di Ayumu Mutō, una ragazzina delle medie, campionessa di atletica, che nei primi episodi dimostra di essere emotivamente e psicologicamente immatura per affrontare ciò che sta accadendo e scappa lasciandosi le sue compagne alle spalle.

Non avrebbe vinto certo il premio per la solidarietà, ma possiamo capire anche lo shock dovuto al drammatico succedersi degli eventi. Il suo sarà anche il personaggio che maturerà di più nel corso degli episodi, il che la risolleva da una partenza che non ne ha dipinto le qualità migliori.



Per fortuna la famiglia Mutō è scampata a questo primo disastro e i 4 si ritrovano in cima ad un tempio, ma purtroppo non c’è un attimo di sollievo, perché l’acqua si sta alzando e rischia di bloccare loro ogni via di fuga. Insieme ad altri sopravvissuti la famiglia cerca riparo spostandosi in un’altra località. Ma come c’era da immaginarselo le catastrofi spesso fanno venire fuori il peggio delle persone e insieme ad atti di sciacallaggio e violenza si creano le prime divisioni interne al gruppo su che strada intraprendere.

Restare uniti è il solo modo per sopravvivere, ma in una situazione incerta chi è dalla parte giusta? Il gruppo si spacca e i Mutō seguiti da pochi altri si dirigono sulle montagne. Anche qui orientarsi è molto difficile, perché a causa del terremoto la topografia è cambiata, creando paesaggi nuovi e sconosciuti, sui quali incombe minaccioso il Monte Fuji.

La famiglia attraversa un Giappone ormai disabitato, fatto di case distrutte e corpi abbandonati ai lati della strada. Ogni personaggio affronta questo momento cercando di trovare il coraggio per fare il prossimo passo, per non fermarsi in quell’angolo di nulla.



I personaggi

Kōichirō Mutō, il padre di Ayumu e Gou, cerca di tenere alto il morale e di proteggere la famiglia, procurandosi acqua e cibo. E anche Mari, sua moglie, nonostante i diverbi con la figlia, cerca di motivare il gruppo e non perde occasione per rendersi utile.

Gou è un ragazzino amante dei videogiochi, poco abituato ad uscire e si lamenta spesso, e deve essere continuamente spronato dai suoi genitori per andare avanti, ma in quella piccola comitiva non manca certo l’affetto e la solidarietà reciproca.

E intanto sui loro cellulari arrivano le drammatiche immagini del Giappone che a poco a poco sta scomparendo nel mare. La loro casa non esiste più, dove possono andare? Gli altri Paesi stanno inviando navi per soccorrere i Giapponesi ed evacuarli dall’isola, ma faranno in tempo a raggiungere il porto?

Alla comitiva si aggiungerà anche Kite, un famoso youtuber, la cui presenza sarà essenziale per il viaggio. È un personaggio ben costruito, empatico, ma non un ingenuo e decisamente determinato a sopravvivere, cercando di non lasciare nessuno indietro.

Nel proseguire degli episodi vedremo come i momenti di difficoltà tireranno fuori a volte il meglio, altre il peggio delle persone, che lo spirito di sopravvivenza è un istinto forte, ma non assoluto, e che l’amore dei genitori per i propri figli non conosce limiti. Il disastro sarà occasione per cambiare prospettiva, per ricostruire i rapporti tra alcuni personaggi e per crescere e affrontare la vita con nuova consapevolezza, parola d’ordine: mai arrendersi!



Le fotografie

Mari porta con sé una macchina fotografica con la quale immortala di volta in volta le persone che incontrano e con le quali passano del tempo assieme. Nel drammatico e veloce scorrere degli eventi il gesto, così moderno, di scattare una foto vuole bloccare “l’attimo che fugge”, un secondo che non esisterà mai più, soprattutto perché non è detto che quelle persone ritratte ci saranno ancora.

La foto allora diventa un drammatico reportage di morte, un epitaffio scritto in anticipo, forse di anni, forse di giorni. Ma il ricordo di quelle persone rimarrà impresso nei cuori di chi in quel momento c’era, e che forse alla fine di tutto potrà dire: “Anche grazie a queste persone sono sopravvissuto”.



Animazione

Lo Studio Science Saru ha fatto un discreto lavoro con l’animazione, plauso ad alcune sequenza che trasmettono il dramma della situazione, e che ricostruiscono con precisione quasi naturalistica il terremoto e lo sprofondamento del Giappone.

Minore la precisione nella fisionomia di alcuni personaggi, i cui lineamenti a volte sono appena abbozzati – anche se a volte può essere una scelta stilistica per rappresentare determinate emozioni. In ogni scena il dramma è protagonista, l’aria si fa via via sempre più opprimente, quasi a voler far vivere in prima persona allo spettatore l’immensità della tragedia. I colori sono tenui e in molte sequenze prevalgono i toni scuri, rendendo opprimenti il paesaggio, le case e perfino le persone.



Il genere drammatico/apocalittico

Japan Sinks 2020 non è il primo anime che parla di un disastro naturale, solo per nominarne uno simile ricordiamo Tokyo Magnitude 8.0 (anche qui sono due fratelli a dover affrontare la calamità). Questo anime ha il pregio di essere tanto più drammatico quanto più appare realistico, perché in ogni istante ci si domanda: “Ti immagini se succedesse davvero?” e lì il dramma diventa storia attuale, di tragedie più o meno grandi che hanno colpito anche negli ultimi anni il Giappone.

Ma lo scopo dell’anime non è tanto quello di raccontare gli effetti di un disastro naturale, quanto sottolineare che al dramma si può anche sopravvivere, con un po’ di fortuna e tanta determinazione.

Sarà davvero la fine del Giappone? Chi dei nostri protagonisti riuscirà a vedere un nuovo giorno?

Faccio parte di quella strana categoria di persone che, nonostante ci siano mille film da guardare, milioni di manga da leggere e trecento nuovi titoli di videogiochi, si fissa sempre sulle solite cose, per poi passare notti intere a rimettersi in pari con il mondo. Laureata in Lettere e in Editoria e Giornalismo, colleziono libri antichi in modo ossessivo, adoro piante e gatti e pratico judo da anni nella speranza di diventare, se non invincibile, almeno più saggia.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anime e Manga

Pokémon: Coco, in arrivo al cinema il 23° film del franchise

Published

on

pokemon-coco

Ieri nel Paese del Sol Levante si è tenuto l’evento speciale dedicato a Pokémon Coco con la dell’attesissimo trailer del 23° film del franchise.

Sempre per colpa dell’emergenza Coronavirus, il debutto del lungometraggio in Giappone è stato rinviato per questo inverno, in occasione del giorno di Natale.

Pokémon: Coco è diretto da Tetsuo Yajima, (che aveva già diretto il film del 2018 Pokémon: In ognuno di noi), presso gli studi OLM. La sceneggiatura è scritta dallo stesso Yajima insieme ad Atsuhiro Tomioka (sceneggiatore della serie tv di Pokémon).

Trama

La famigerata “Foresta di Okoya”, una giungla molto distante dal centro abitato, è un paradiso per i Pokémon, in quanto vincolata da strettissime leggi che non permettono l’accesso agli estranei. Nella foresta vive un ragazzo di nome Coco, cresciuto dal mitico Pokémon Zarude. Il ragazzo si diverte con i suoi amici Pokémon, ma a seguito di un evento inatteso che colpisce la foresta, l’affetto tra un Pokémon e un umano, tra padre e figlio, verrà messo duramente alla prova.

E voi che ne pensate di questo nuovo film dei Pokémon?

Continue Reading

Anime e Manga

My Love Story, oggi esce l’ultimo volume

Published

on

my-love-story

Novità in arrivo per My Love Story: oggi, 5 agosto, esce l’ultimo volume del manga edito Star Comics. Finisce così la dolce, ma non sempre facile storia d’amore scritta da Kazune Kawahara e disegnata da Aruko, che si chiuderà con il tredicesimo volume

Vedremo quindi che ne sarà del romantico, ma impacciato e gigantesco Takeo e della dolce Yamato che ha saputo vedere oltre le apparenze. Amore, amicizia e la comicità tipica delle commedie scolastiche unite in un mix unico e mai banale, con una prospettiva tutta nuova.

My Love Story: dove eravamo rimasti

Il padre di Yamato si è trasferito in Spagna per lavoro e decide di portare la famiglia, ma la ragazza decide di scappare di casa per stare con Takeo. Il ragazzo che deciderà di fare? Accompagnarla nella fuga o ricondurla alla ragione? Non resta che leggere l’ultimo volume per scoprirlo.

 

E voi? Comprerete questa serie di Star Comics?

Continue Reading

Anime e Manga

Yashahime: ecco la prima clip del sequel di Inuyasha

Published

on

Inuyasha-Yashahime

C’è grandissima attesa per il sequel dell’anime di InuYashaYashahime, che dovrebbe andare in onda il prossimo autunno. Ed ecco che è trapelata una breve clip che mostra alcuni dei personaggi della nuova serie.

Di seguito anche delle immagini che mostrano il character design delle protagoniste, in ordine Towa, Setsuna e Moroha, ideati niente di meno che da Rumiko Takahashi.

Yashahime: la trama

La storia di Yashahime seguirà le avventure di Towa e Setsuna, gemelle mezzo demone, che si separano durante un incendio nei boschi. Mentre cerca la sorella, Towa finisce in un tunnel che la trasporta nel Giappone dei giorni nostri dove la trova Sota Higurashi, fratello di Kagome, che se ne prende cura.

Dieci anni dopo il tunnel si riapre e permette a Towa di riunirsi con Setsuna, che adesso lavora come ammazza demoni per Kohaku; ma la ragazza sembra aver perso ogni ricordo della sorella. A loro si unirà anche Moroha, figlia di Inuyasha e Kagome, in un viaggio attraverso le due epoche alla ricerca dei ricordi del passato.

Lo staff

Dello staff faranno parte i membri che avevano già realizzato la serie tv di Inuyasha: Teruo Sato alla regia, lo studio Sunrise alla produzione, Katsuyuki Sumisawa alla sceneggiatura, Yoshihito Hishinuma al character design e Kaoru Wada alla colonna sonora.

Il manga originale è uscito su Weekly Shonen Sunday dal 1996 al 2008 (e conta 56 volumi). La prima serie animata di 167 episodi è andata in onda dal 2000 al 2004 e il sequel di 26 episodi, InuYasha The Final Act, è stato trasmesso dal 2009 al 2010.

In Italia InuYasha è edito da Star Comics e l’anime è arrivato prima grazie e Dynamic Italia e poi a Dynit ed è stato trasmesso da MTV dal 2001. Adesso parte degli episodi sono disponibili sulla piattaforma Netflix.

Non vediamo l’ora di avere altri dettagli su questo sequel!

Continue Reading

Trending