Connect with us
Teruki-Gotō-cosplay-tokyo Teruki-Gotō-cosplay-tokyo

Eventi

Teruki Gotō: il candidato governatore di Tokyo è un cosplayer

Published

on

Non è certo la prima volta che un candidato alle elezioni politiche si presenta vestito da personaggio di un anime, ma quando a farlo è il candidato governatore di Tokyo, Teruki Gotō, la faccenda si fa seria!

Il 5 luglio si terranno le elezioni e Teruki Gotō, uno dei candidati alla poltrona di governatore, per l’ultimo poster della campagna elettorale ha ben pensato di fare un cosplay di Lelouch, della famosissima serie di Code Geass.

Il ragazzo che si candida spesso alle elezioni, non sempre con grande fortuna, ha pensato di indossare i panni del protagonista dell’anime, condividendo poi sul suo canale Youtube un video in cui dice: “Io, Teruki Gotō, ti comando: vota per me” – facendo riferimento ovviamente al potere di Lelouch, e sappiamo tutti com’è andata a finire no?

Gotō aveva già partecipato alla corsa per diventare governatore di Tokyo nel 2016, con un poster elettorale che lo mostrava nudo mentre teneva in mano una katana. Che sia la volta buona che qualcuno lo prenda sul serio?

Daily Nerd è un Magazine di cultura Nerd e Geek. Non si tratta semplicemente di riportare notizie, ma di approfondire e riflettere sulla cultura che ci circonda.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Eventi

Decapitata la statua di Spirou della stazione di Angoulême

Published

on

Spirou-francia

La statua di Spirou, che si trova nella stazione di Angoulême, è stata decapitata sabato scorso durante la notte. Il consigliere dipartimentale Philippe Bouty avrebbe visto due giovani dirigersi nella hall e prenderla a calci.

L’Angoulême Comics Festival ha reagito rapidamente, con il solito tagliente umorismo.

Chi ha colpito il nostro amico? Pensiamo immediatamente a tutti i cattivi i cui misfatti è sempre riuscito a fermare per tutta la sua lunga carriera. In prima linea a Zorglub. Ma questa pista non sembra seria, perché quest’ultimo non avrebbe ceduto a un crimine così codardo, dopo tutto indegno di lui.

Il povero Spirou, protagonista di un fumetto, il buono per antonomasia, non meritava tanto disprezzo. Quale potrebbe essere la ragione del gesto? L’opposizione alla possibile apertura di un parco a tema? Forse l’azione di qualche pazzo ubriaco?

Troppo presto per dirlo, ci saranno delle indagini e intanto alla stazione di Angoulême non ci saranno più il sorriso di Spirou e il suo fedele scoiattolo Spip ad accogliere i passeggeri.

Continue Reading

Eventi

A Cinecittà apre il primo cinema drive in di Roma

Published

on

cinecittà-drive-in

Ai tempi del Covid-19, e di cinema chiusi per ridurre il rischio contagio, ecco che la soluzione arriva dal passato: il drive in!  Negli studios di Cinecittà, nello spazio davanti al Teatro 2, in un clima retrò e nostalgico alla Happy Days, apre il primo drive in di Roma con uno schermo di ben 100 mq.

Le proiezioni iniziano con il sempreverde Flashdance e segue, nella serata di debutto, Kill Bill, in programma anche Frankenstein Junior, Pulp Fiction, e Dal tramonto all’alba.

Per le auto sono disponibili 160 spazi – con una capienza massima 320 persone, due per vettura –, ci sono distanza e norme da rispettare, ma la serata è stata un successo con grande soddisfazione degli organizzatori.

Per ascoltare il film bisogna sintonizzarsi sulla frequenza radio 104.3 (chi non avesse uno stereo in macchina può richiedere una radio all’organizzazione oppure connettersi tramite smartphone) e poi basta solo lasciarsi trascinare dall’atmosfera sospesa nel tempo. E quello di Cinecittà non sarà l’unico drive in di Roma, è pronto anche quello dell’Axa, il “Paolo Ferrari”, che sarà il più grande d’Europa, con centinaia di posti e debutterà il 9 luglio.

Ecco che la pandemia ci permette di riscoprire un tipo di socialità che avevamo perso e di vedere tanti classici intramontabili.

Continue Reading

Eventi

Addio a Byron “Reckful” Bernstein, star di Twitch 

Published

on

Byron-Reckful-Bernstein

È morto suicida a soli 31 anni Byron “Reckful” Bernstein, diventato famoso grazie ai suoi video di World of Warcraft. Il ragazzo era tra i più famosi streamer statunitensi di videogiochi sulla piattaforma Twitch con oltre 936.000 follower. La notizia si è diffusa subito sui social, anticipata tristemente da dei messaggi che facevano eco al disagio del ragazzo: a dare notizia del suicidio, sempre via social è stata la ex fidanzata e collega, Blue Madrigal, che ha scritto: È successo qualcosa che ho avuto paura succedesse per così tanto tempo. Non riesco a smettere di piangere.

Byron era diventato popolare su Twitch con il nickname Reckful e con il tempo aveva ottenuto abbastanza seguito da trasformare la sua passione in lavoro. Da diverso tempo Bernstein stava inoltre lavorando come sviluppatore per realizzare il suo primo videogioco, Everland, che sarebbe dovuto uscire verso la fine del 2020.

Non possiamo immaginare quali siano stati i pensieri, le preoccupazioni, le ansie che abbiano spinto il ragazzo a questo triste gesto, purtroppo la vita non è un gioco e il game over è per sempre.

Rest in peace Byron.

Continue Reading

Trending