Connect with us
castlevania quarta stagione castlevania quarta stagione

Anime e Manga

Castlevania: la recensione della quarta e ultima stagione (spoiler free)

Published

on

La serie animata Castlevania, tratta dall’omonima saga di videogiochi della Konami, ha avuto un crescente successo, tanto da spingere Netflix ad investire (parecchio) sulla quarta e ultima stagione, che è uscita il 13 maggio.

Le aspettative erano alte: bisognava trovare un giusto finale ad una storia che aveva mostrato, già dai primissimi episodi, di aver puntato sia sul materiale ludico che su nuovi elementi, il tutto misto ad un certo umorismo e alla cruda rappresentazione delle vicende narrate.

Gli autori ci hanno accompagnato, quasi per mano, fin qui. Hanno costruito la serie poco alla volta facendoci conoscere i personaggi e adesso altro non restava che portare a compimento il viaggio dei nostri eroi.

Trama

L’influenza nestasta di Dracula sta sconvolgendo il mondo e mentre Trevor Belmont e Sypha Belnades cercano di capire chi voglia resuscitare il temuto vampiro, Alucard è impegnato a lottare in difesa di alcuni umani, in cerca di un nuovo senso alla sua vita. Ma non temete le loro strade sono destinate, presto o tardi, ad incrociarsi di nuovo. E mi fermo qui per non mettere troppa carne al fuoco e per non fare spoiler.

Storia e animazioni

In questa quarta stagione di Castlevania non c’è quasi un attimo di tempo per riprendere fiato. Lasciato il nefasto villaggio alla fine della terza stagione, Trevor e Sypha sono continuamente costretti a combattere contro le più disparate creature della notte. E questo schema si ripete per quasi metà della serie. Il che alla lunga è un po’ ripetitivo, ma permette di seguire i diversi piani narrativi che correranno su strade parallele prima di incrociarsi.

La qualità delle animazioni di questa serie è cresciuta costantemente, e in questa stagione gli effetti grafici sono davvero lodevoli. Alcune scene di combattimenti sono così ben fatte che è un piacere rivederle per seguire le mirabolanti acrobazie di Alucard o le potenti magie di Sypha. Complimenti quindi a Powerhouse Animation Studios che ha saputo gestire un materiale non facile.

Insomma, questa quarta stagione conclude in modo coerente la storia, anche se forse alcuni personaggi sono stati “salutati” in maniera un po’ affrettata, ma in fondo sono solo 10 episodi e non si poteva fare diversamente. La narrazione nel complesso è piacevole, anche se questa non è la mia stagione preferita: va bene combattere, ma ogni tanto ci sta anche fermarsi e pensare (o ripensare) a cosa si è fatto, invece in questo caso gli episodi scorrono uno dietro l’altro a gran velocità.

Di certo Netflix non ha deluso i suoi fan e con Castlevania ha centrato il segno: creare una serie, che strizzasse gli occhi al mondo degli anime, ma in stile decisamente occidentale. Una strada che sarebbe bello esplorare ancora in futuro.

Faccio parte di quella strana categoria di persone che, nonostante ci siano mille film da guardare, milioni di manga da leggere e trecento nuovi titoli di videogiochi, si fissa sempre sulle solite cose, per poi passare notti intere a rimettersi in pari con il mondo. Laureata in Lettere e in Editoria e Giornalismo, colleziono libri antichi in modo ossessivo, adoro piante e gatti e pratico judo da anni nella speranza di diventare, se non invincibile, almeno più saggia.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anime e Manga

Il film di Violet Evergarden arriva su Netflix ad ottobre

Published

on

violet evergarden the movie

Il film Violet Evergarden: The Movie uscirà su Netflix, con doppiaggio in italiano, il 13 ottobre! Lo sapevamo (o meglio ci contavamo) ma è una bella notizia, apprezzata dai tantissimi fan della serie.

Inizialmente previsto a gennaio 2020, il film è stato rinviato per ben due volte, prima a causa della tragedia che aveva colpito la Kyoto Animation e successivamente a causa del Coronavirus. Alla fine è andato al cinema in Giappone il 18 settembre dell’anno scorso, con un debutto da record, rimanendo nelle prime 10 posizioni del box office giapponese per 12 settimane consecutive arrivando a incassare 2.014.286.250 yen (circa 16 milioni di euro) in 79 giorni.

Trama

Una bambina orfana cresce osservando solamente morte e distruzione perché viene catturata dall’esercito e sfruttata come arma per uccidere. Una volta cresciuta capisce di non riuscire a capire cosa siano davvero i sentimenti , ma un uomo vuole darle una seconda opportunità e farle vivere una vita vera. Riusciranno anche loro ad avere una seconda occasione per dirsi quello che davvero provano l’una per l’altro?

Ricordiamo che la serie KyoAni nasce da una light novel scritta da Kana Akatsuki e illustrata da Akiko Takase, mentre la sua trasposizione animata è disponibile su Netflix come anche il film side-story Violet Evergarden Gaiden: Eien to Jidou Shuki Ningyou.

Continue Reading

Anime e Manga

Sword Art Online Progressive: Aria of a Starless Night ha un nuovo trailer

Published

on

sao-progressive-trailer

Sword Art Online Progressive: Aria of a Starless Night è il prossimo lungometraggio appartenente alla famosa serie di light novel – poi divenute anche anime – di Reki Kawahara. In particolare SAO Progressive ci riporterà agli inizi della serie, nel mondo di Aincrad, e ci farà rivivere alcune delle vicende ivi accadute dal punto di vista di Asuna, protagonista indiscussa del lungometraggio. Progressive arriverà in Giappone il prossimo 30 ottobre e un nuovo trailer è qui per ricordarcelo.

Trovate il video, caricato sul canale YouTube di AnimeUS, qui di seguito:

Swod Art Online Progressive: Aria of a Starless Night arriverà in Giappone il 30 ottobre. La colonna sonora è “Yuke” “Go Forth” cantata da LiSA e composta da Ayase di Yoasobi, con l’arrangiamento di Ryo Eguchi.

Riguardo al film:

Un mese dopo l’inizio del fatale gioco id Akihiko Kayaba il numero di morti continua a salire, duemila giocatori hanno già perso le loro vite nel difficilissimo mondo di Sword Art Online. Nel giorno della riunione per pianificare la battaglia contro il boss del primo piano, Kirito, un giocatore solitario che si è promesso di lottare da solo per diventare più forte, si imbatte in una giocatrice di alto livello. Lei sconfigge potenti mostri con eleganza e con uno stocco che brilla come una stella cadente nella notte.

Il film sarà animato dallo studio A-1 Pictures (Fairy Tail, Blue Exorcist, Sword Art Online, The Seven Deadly Sins, Fate/Apocrypha) e la direzione sarà nelle mani di Ayako Kawano. Sword Art Online Progressive è parte integrante della storia di SAO e dunque va considerato pienamente canonico, offrendo un interessante punto di vista – quello di Asuna appunto – su alcune delle vicende che maggiormente hanno impattato sulla storia.

Aspettiamo l’uscita del lungometraggio in Giappone e speriamo che possa approdare anche in occidente.

Continue Reading

Anime e Manga

Dragon Ball Xenoverse 2: Gogeta (DB Super) in arrivo

Published

on

Dragon Ball Xenoverse 2: Gogeta (DB Super) in arrivo

Dragon Ball Xenoverse 2 è il secondo picchiaduro della serie Xenoverse di Bandai Namco, rilasciato nel 2016 per console e PC. Il titolo basato sull’opera più famosa di Akira Toriyama polarizza ancora l’attenzione di molti videogiocatori, da ciò il continuo aggiornamento dello stesso e l’aggiunta di DLC e nuovo materiale da parte degli sviluppatori. L’ultima di queste novità è un goloso contenuto scaricabile, il quale permetterà di utilizzare il potente Gogeta (nella sua versione vista nel film del 2018 Dragon Ball Super: Broly).

Di seguito potete trovare il trailer di annuncio per Gogeta, il video è stato caricato sul canale YouTube di Bandai Namco Entertainment America:

Siete dei fan di Goku o di Vegeta? Con Gogeta potete essere entrambi in Dragon Ball Xenoverse 2!

Guardate Goku e Vegeta fondersi in battaglia e unirsi alle nuove Raid Quest!

Acquistate il Gogeta Legendary Pack DLC, disponibile su PS4, Xbox One, PC e Nintendo Switch questo autunno!

Gogeta, come saprà chi conosce Dragon Ball, è il fortissimo guerriero nato dalla fusione – attraverso la Danza Metamor – dei due saiyan Son Goku e Vegeta. La sua prima apparizione risale all’ormai lontano marzo del 1995 nel film Dragon Ball Z: Il Diabolico Guerriero degli Inferi, per sconfiggere il perfido Janemba. Molto più recente è invece il suo ritorno, all’interno del lungometraggio Dragon Ball Super: Broly (come detto all’inizio dell’articolo), e dal quale il DLC di Xenoverse 2 attinge a piene mani.

Gogeta sarà presente all’interno del Legendary Pack 2 – disponibile in una data ancora non specificata il prossimo autunno – così come un altro potente guerriero tratto dalla famosa saga: Jiren il Grigio. Un’aggiunta dietro l’altra per Dragon Ball Xenoverse 2.

Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending