Connect with us
scrutando-nell-abisso-dylan-dog-recensione scrutando-nell-abisso-dylan-dog-recensione

Fumetti e Cartoni

Come Joe, ad occhi aperti – oblio, sincronicità e caos in Scrutando nell’Abisso (Dylan Dog 408)

Published

on

In Scrutando nell’Abisso, volume 408 di Dylan Dog edito Sergio Bonelli editore, Gigi Simeoni mostra la sua abilità scrivendo una storia che intreccia l’inquietante all’intrigante, rendendola particolarmente attraente. Ci troviamo già a distanza di un paio di numeri dalla chiusura del ciclo della Meteora di Roberto Recchioni, e Dylan sembra essere tornato il nostro solito indagatore dell’incubo nonostante quest’ultimo strano caso lo spinga a riflettere e mettere in dubbio le sue convinzioni. 

Alcuni work-watchers, ossia i vecchietti che guardano gli scavi, vengono uccisi in maniera atroce in un solo istante. Né Scotland yard né Dylan riescono a spiegarsi il misfatto. Tuttavia il signor Joe Grady, un anziano work-watcher, apre gli occhi a Dylan.

Scrutando nell’Abisso: oblio, sincronicità e caos

Scienza e paranormale si mescolano in un limbo sottile in cui coesistono entrambi ed uno rende plausibile l’altro. Gli anziani, chiamati da Joe sentinelle, vegliano su quel limbo, avendo cura di preservare l’umanità.

Da una situazione così apparentemente ordinaria ci si ritrova in un mondo completamente paranormale per solo un istante, condiviso in tutto il mondo. La storia abbraccia l’idea di un sincronicità perfetta partendo dal presupposto che tutti dobbiamo sbattere le palpebre circa 12.000 volte al giorno. Esiste, quindi, una remota possibilità che, nel mondo, in un preciso istante, tutti abbiano gli occhi chiusi.

Sincronicità

La sincronicità è il dare un nome a fatti empirici che suggeriscono l’esistenza di coincidenze significative. Nonostante questo concetto fosse già presente nel neoplatonismo e Platone sostenesse l’esistenza di una realtà intelligente, in epoca contemporanea il primo a elaborare l’esistenza della sincronicità fu Jung con il suo studio sui fenomeni inesplicabili.

Secondo questa interpretazione, l’archetipo alla base dei fenomeni di sincronicità sarebbe un coordinatore della realtà psichica e materiale dove la coordinazione si sviluppa secondo il loro significato comune. Jung considerava la psiche e la materia come due aspetti di una “unità”, che però non è accessibile per via diretta.

I fenomeni sincronici mi sembrano volgere in questo senso : il “non psichico” potrebbe comportarsi come il “psichico”, e viceversa, senza che vi sia una relazione causale fra loro.

Carl Gustav Jung

La sincronicità, secondo Jung, si riferisce, dunque, ad avvenimenti dove accadono cose nella realtà esterna che sono in corrispondenza significativa con un’esperienza interiore. I fenomeni sincronici sono delle coincidenze significative dove lo spazio e il tempo appaiono come delle grandezze relative. Sincronicità non vuol dire “nello stesso tempo” ma “con lo stesso senso”.

La parte del fenomeno sincronico che si produce nella realtà esterna è percepita dai nostri sensi naturali. L’oggetto della percezione è un avvenimento oggettivo. Tuttavia resta un evento inesplicabile, poiché, nelle nostre condizioni psichiche, non ci si poteva aspettare il manifestarsi del suddetto fenomeno.

Jung venne successivamente in contatto col brillante fisico Wolfgang Ernst Pauli, esperto di filosofia, che scoprì che nel secolo XVIII il filosofo Arthur Schopenhauer considerò nello studio Magnetismo Animale e Magia che gli effetti cosiddetti ‘magici’ fossero ampiamente possibili e li interpretò come influenze dirette della volontà che vanno oltre i limiti dello spaziotempo.

Egli arrivò e teorizzare l’Attività Propria dell’Anima. Per lui qualcosa di psichico e obiettivo allo stesso tempo poteva non essere spiegato da cause materiali. Così sperimentò su di sé l’idea di un qualcosa non fisico, non supportabile da teorie materiali: l’effetto Pauli. Trattasi del fatto che – confermato da fonti sicure – gli strumenti di misura avevano periodicamente delle perturbazioni quando Pauli si avvicinava ad un laboratorio per poi tornare “normali” al suo allontanamento.

Collegabile quindi all’idea di più eventi reali atemporali – sincronicità – legati da un rapporto di analogo contenuto significativo, ma connessi in maniera acausale e non misurabile.

Caos deterministico

Tutti i fenomeni del mondo reale che ci appaiono aleatori e improbabili, quindi non adatti a essere rappresentati mediante modelli matematici deterministici, potrebbero in realtà essere governati da equazioni ben precise, anche se non comprese.

Questo è il caos deterministico in cui modelli matematici non lineari e deterministici possono generare andamenti in apparenza imprevedibili ed estremamente sensibili a impercettibili perturbazioni.

La scoperta del caos deterministico, con la sua capacità di amplificare ogni perturbazione delle condizioni iniziali, spezza il legame fra determinismo e prevedibilità. Diventa persino difficile distinguere a priori ciò che è casuale da ciò che è deterministico.

Infatti se chiamiamo casuale un processo condizionato da cause di cui non riusciamo a prevedere l’esito, e definiamo come deterministico un processo descritto da equazioni matematiche di cui sappiamo perfettamente calcolare il risultato ci accorgiamo che la definizione di caos deterministico presenta entrambe le caratteristiche, manifestando l’una o l’altra a seconda delle circostanze.

In definitiva, come scrive il matematico professor Bischi, il concetto platonico per il quale tutto è manifestazione di regolarità matematica non è quindi estraneo a svolte inaspettate causate da minuscole fluttuazioni.

Anche in un mondo regolato da rigide leggi matematiche un piccolo evento, una minuscola azione, può provocare una rivoluzione. Ovviamente questa imprevedibilità e scarsa controllabilità anche nei sistemi governati da leggi matematiche dovrebbe indurre a prudenza nel prendere decisioni, ovvero al cosiddetto “principio di precauzione”.

Questo concetto ci rende chiaro di come la causalità non possa essere governata ed è proprio per questo, secondo il nostro amico Joe, le tenebre avanzano verso gli uomini dalla notte dei tempi, e gli anziani come lui devono sorvegliare gli scavi, facendo in modo che non ne fuoriescano demoni incontrollabili.

Lo straordinario nel quotidiano

Fin dalle prime pagine di Scrutando nell’Abisso il cima della storia risulta familiare, una cadenza del tempo lenta anche se frenetica con il vecchio Joe fisso, con i suoi occhiali da sole, a sorvegliare il cantiere.

È singolare come una situazione apparentemente così quotidiana possa nascondere un mistero, una paura, un vuoto. Forse il nostro Joe, da dietro i suoi occhiali, guarda verso la fine, verso un baratro; ormai troppo vicino per scappare ma ancora non perfettamente conscio di quello che lo attende. Una sorta di guardiano ai confini del conosciuto, rivolto verso un oblio di paura, di malefico e cattivo. Il tutto interrotto dal rumore degli operai che continuano a lavorare, ignari della profondità che quello scavo può raggiungere.

Un po’ come tutti: ignari delle presenze che ci circondano, della probabilità che anche per solo un istante ogni tanto il mondo non guarda i demoni che quatti quatti si avvicinano come giocassero a “un, due, tre stella!”. Chissà se saranno onesti, se imbroglieranno o cosa faranno quando arriveranno a Stella.

L’idea di caduta libera suscitata da quest’oblio fa riflettere su come sia imprevedibile ed ingovernabile la vita, non solo romanticamente ma supportandosi con teorie matematiche che consideriamo fino a prova contraria.

Magari c’è davvero bisogno, un giorno, di sostituire il vecchio Joe e controllare che nulla esca dall’oblio.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Fumetti e Cartoni

Nasce ONgoing, le uscite di Leviathan Labs incontrano il formato seriale

Published

on

The-Barbarian-King-recensione-3

Se ne era a lungo parlato nelle scorse settimane e adesso Leviathan Labs svela cos’è ONgoing, il nuovo progetto in uscita da oggi, giovedì 1 dicembre

Tanti appassionati lettori di fumetti sono cresciuti con la serialità americana, i classici spillati da 22/24 pagine e come dimenticarsi la lettura avida del numero appena uscito e l’attesa trepidante del numero successivo.

Quindi la Casa editrice del leviatano ha pensato perché non esportare la stessa serialità (e le stesse sensazioni!) in formato digitale con i nostri volumi e con i volumi in lavorazione?

Nasce così ONgoing, le uscite seriali di Leviathan Labs, su Kindle, Kobo, Google Books e sul sito Leviathan Labs, che ad un piccolo prezzo (0,99 euro) vi permetteranno di assaggiare le nostre novità e decidere se gustarvele tutte, numero dopo numero.

Queste saranno le uscite settimanali per i primi 4 mesi:

DICEMBRE 2022

  • giovedì 1 dicembre: FOGLIE ROSSE Capitolo 1
  • giovedì 8 dicembre: CARDINAL DAGON Capitolo 1
  • giovedì 15 dicembre: FOGLIE ROSSE Capitolo 2
  • giovedì 22 dicembre: CARDINAL DAGON Capitolo 2
  • giovedì 29 dicembre: FOGLIE ROSSE Capitolo 3

GENNAIO 2023

  • giovedì 5 gennaio: CARDINAL DAGON Capitolo 3
  • giovedì 12 gennaio: FOGLIE ROSSE Capitolo 4
  • giovedì 19 gennaio: CARDINAL DAGON Capitolo 4
  • giovedì 26 gennaio: UTERO Capitolo 1

FEBBRAIO 2023

  • giovedì 2 febbraio: CARDINAL DAGON Capitolo 5
  • giovedì 9 febbraio: UTERO Capitolo 2
  • giovedì 16 febbraio: CARDINAL DAGON Capitolo 6
  • giovedì 23 febbraio: UTERO Capitolo 3

MARZO 2023 

  • giovedì 2 marzo: CARDINAL DAGON Capitolo 7
  • giovedì 9 marzo: UTERO Capitolo 4
  • giovedì 16 marzo: THE BARBARIAN KING Volume 1
  • giovedì 23 marzo: UTERO Capitolo 5
  • giovedì 30 marzo: THE BARBARIAN KING Volume 2

Restate sulle pagine di Daily Nerd per rimane aggiornati sulle novità del mondo dei fumetti, dei videogiochi, dei manga, degli anime, delle serie tv, dei film e molto altro ancora!

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Zombicide – Il primo giorno, il nuovo volume di Luca Enoch e Stefano Vietti

Published

on

zombicide

Esce oggi in libreria e in fumetteria ZOMBICIDE. IL PRIMO GIORNO, un nuovo volume frutto della collaborazione tra la Casa editrice di via Buonarroti e la società Cmon: un’appassionante avventura firmata dalla coppia “dragoneriana” Vietti-Enoch per i disegni di Alessio Moroni e Marco Itri. Dalla serie fantascientifica del boardgame di successo mondiale Zombicide Invader, questa graphic novel racconta il suo incredibile mondo e i suoi eroici protagonisti.

zombicide

Trama Zombicide

Uno strano virus sembra aver colpito la Terra e adesso i morti stanno tornando alla vita con l’unico scopo di divorare i sopravvissuti. L’inferno è arrivato ed è in questo mondo sprofondato improvvisamente nel caos che dovrà muoversi un gruppo di coraggiosi eroi, pronti ad attraversare quella che da città degli angeli si è trasformata nel regno dell’incubo.

Armi spianate, colpo in canna, tanta grinta e un po’ di sana follia: quando c’è da far fuori frotte di zombi, i nostri non si tirano certo indietro. E dovranno picchiare duro e non arrendersi, se vogliono giungere sani e salvi a un rifugio sicuro e sopravvivere all’apocalisse.

ZOMBICIDE. IL PRIMO GIORNO

  • Soggetto e sceneggiatura: Luca Enoch, Stefano Vietti
  • Disegni: Alessio Moroni, Marco Itri
  • Copertina: Felice Pagliuso
  • Colori: Paolo Francescutto
  • Formato: 17 x 26 cm, colore
  • Pagine: 128

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Nathan Never – Missione Asteroidi, un’avventura tra fantascienza e realtà

Published

on

nathan never

Si completa il 18 novembre con l’uscita di NATHAN NEVER. MISSIONE ASTEROIDI la prima ideale trilogia frutto della proficua collaborazione tra Sergio Bonelli Editore e ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana. 

Questa volta vengono puntati i riflettori sul programma LI-CIACube – acronimo per Light Italian CubeSat for Imaging of Asteroids (CubeSat Leggero Italiano per la produzione di Immagini di Asteroidi) – che, all’interno della missione NASA DART (Test di Reindirizzamento di un Asteroide Doppio), avrà il compito di documentare da vicino, per la prima volta, l’impatto tra una sonda e un asteroide con l’obiettivo di modificarne l’orbita.

La storia, scritta da Bepi Vigna e disegnata da Sergio Giardo, ci presenta la Terra del futuro, minacciata da un gigantesco asteroide che ha inaspettatamente modificato la propria orbita ed è ora soggetto alla forza d’attrazione del campo terrestre.

Il nostro pianeta è protetto da un sistema di difesa, pensato per affrontare questa evenienza, ma un misterioso attacco hacker ha messo fuori uso lo scudo di difesa. L’unica speranza per la popolazione è approntare velocemente un piano di riserva, reso possibile solo dall’intervento e dalle infrastrutture della Space Bets Corporation.

L’Agenzia Alfa nutre forti perplessità riguardo il coinvolgimento della multinazionale e si lancia in una corsa contro il tempo per riuscire a risolvere la situazione: un antico esperimento, condotto nella Vecchia Europa del XXI secolo, potrebbe dare a Nathan Never le risposte che cerca per salvare l’umanità.

Il volume è arricchito da un editoriale di Davide Bonelli e dai contributi di Francesco Rea dell’Agenzia Spaziale Italiane e di Maurizio Colombo e Luca Del Savio per Sergio Bonelli Editore.

Continue Reading
Advertisement

Trending