Connect with us
Eternals: Ikaris come leader degli Avengers, Richard Madden non lo esclude Eternals: Ikaris come leader degli Avengers, Richard Madden non lo esclude

Film e Serie TV

Eternals, tra politically correct ed errori di sceneggiatura

Eternals, film Marvel della quarta fase dell’MCU, non ha avuto il successo sperato in sala (complice anche la pandemia), ma le critiche al film erano cominciate ben prima della sua uscita. Il motivo pare fosse il cast variegato e troppo politically correct. Il cast di Eternals è variegato, non lo si può negare. Peccato che non sia il reale problema del film.

Published

on

Eternals, film Marvel della quarta fase dell’MCU, non ha avuto il successo sperato in sala (complice anche la pandemia). Ora il film è disponibile sulla piattaforma Disney+, ma le critiche erano cominciate ben prima della sua uscita. Il motivo pare fosse il cast variegato e troppo politically correct.

Eternals Marvel MCU Disney+ Poster con i protagonisti del film

Un’espressione che di questi tempi si sente usare spesso, per indicare quella serie di scelte legate all’inclusione sociale di minoranze e alla parità di genere all’interno del mondo dello spettacolo giudicate eccessive se non proprio fuori luogo rispetto al prodotto realizzato.

Insomma, se Eternals ha fallito, secondo alcuni, è proprio per la presenza di un cast multi-etnico e di una coppia di personaggi LGBT+ ad aver affossato il film.

Ma è davvero questo il problema?

La varietà è che il casting è una delle (poche) cose che funziona.

Una cinese (Gemma Chan), uno scozzese (Richard Madden), due statunitensi (Lia McHugh e Angelina Jolie), un pakistano (Kumail Nanjiani), due afro-americani (Brian Tyree Henry e Lauren Teruel Ridloff), un irlandese (Barry Keoghan), un sudcoreano (Don Lee), un britannico (Kit Harington) e una messicana (Salma Hayek).

Sì, decisamente il cast di Eternals è variegato, non lo si può negare. Peccato che non sia il reale problema del film. Per quanto dispiacerà ai critici del politically correct, il casting è forse una delle poche cose che potrebbe aver funzionato. Non benissimo, ma non ha deluso come il resto almeno.

Eternals Marvel MCU Disney+ Poster con i protagonisti del film

Gli attori scelti infatti hanno una loro logica. Gli Eterni sono creature immortali inviate sulla Terra per difenderla dai Devianti (creature mostruose) e aiutare gli uomini nel loro percorso di evoluzione della specie: ha senso quindi che rappresentino etnie e culture diverse, perché l’umanità è composta di popoli diversi tra loro.

Ciò che davvero non ha funzionato è la sceneggiatura. E no, non perché hanno deciso di dedicare 30 secondi ad un bacio gay tra due non-caucasici, ma perché, molto più semplicemente, la gestione dei personaggi, delle loro storie e delle loro motivazioni è stata pessima. Gli Eternals partono già come gruppo di supereroi ben nutrito: nei fumetti la formazione originale è composta da ben più di 10 personaggi. Insomma, un numero decisamente alto se contiamo che, a differenza degli Avenger, gli Eternals sono stati introdotti tutti nello stesso film senza avere alle spalle delle pellicole dedicate.

Eternals Marvel MCU Disney+ Poster con i protagonisti del film

Un esempio lampante di come un cast molto esteso possa creare problemi è la saga di film degli X-Men. Nonostante la fonte sia una delle serie a fumetti più longeva e apprezzata della Marvel, i film degli X-Men hanno incontrato più di un problema dovuto proprio al cast così esteso, difficile da gestire e approfondire.

Eternals è vittima dello stesso errore. Troppi personaggi che dovrebbero ciascuno avere una storia, morale e obiettivi diversi ma che finiscono per “lottare” tra loro per avere un minuto in più di spazio sullo schermo come protagonisti. Il risultato è che la varietà ricercata finisce per diventare invece una gabbia che rende i personaggi stereotipati, piatti e, in definitiva, noiosi. Un problema questo non dovuto all’etnia degli attori in sé, ma più alla pigrizia della sceneggiatura.

Ma qualcuno ha capito lo sviluppo della trama di Eternals?

Eternals si trascina questo errore in ogni aspetto dello sviluppo del film, tant’è che se dopo la prima visione ti viene da dire “mai più” in realtà un rewatch sarebbe utile per capire quale diamine sia il punto.

Gli Avengers funzionavano perché, prima di unire il gruppo, a ciascun supereroe veniva dato lo spazio di un film sulle proprie origini per brillare, far affezionare i fan e dargli uno scopo. Gli Eternals non hanno tempo per questo. Anzi, non hanno tempo per nulla.

Eternals Marvel MCU Disney+ Poster con Dane Whitman interpretato da Kit Harington

Nel film si intrecciano storie e missioni diverse, tutte spiegate a spizzichi e bocconi, fino a rendere ogni cosa confusionaria e insoddisfacente. In tre ore, il film non riesce ad approfondire davvero nemmeno uno dei temi che mette sul tavolo. Ogni personaggio ha i suoi cinque minuti di gloria, in cui si fa vedere la sua specialità, il suo “quirk”, per poi finire nuovamente nel dimenticatoio o ritrovarsi con una storia personale alquanto confusa (sì Thena, stiamo parlando proprio di te). Ciò che è peggio è che il film non solo prosegue nell’avere questo problema con tutti i suoi personaggi principali, ma addirittura rincara la dose donandoci preziosissimi minuti sul side-plot di Dane Whitman, che se non fosse interpretato da Kit Harington non importerebbe a nessuno.

Come se non bastasse, ogni conflitto interiore viene accennato ma non esplorato, i personaggi entrano ed escono di scena ancor prima che lo spettatore possa affezionarsi o anche, semplicemente, capirne il senso all’interno della vicenda. Non si comprendono le scelte e la morale di alcuni personaggi semplicemente perché non vi è il tempo materiale per capirli e le loro decisioni risolutive finiscono per apparire, se non campate in aria, quantomeno prive delle necessarie giustificazioni.

In questo senso, non aiutano nemmeno i dialoghi, che a volte risultano quasi inutili per il loro spiegare banalità ma non affrontare invece le tematiche più nel profondo. E non aiuta in certi casi nemmeno la performance degli attori stessi. Se il casting si può dire azzeccato, la recitazione non riesce a fare del tutto colpo.

Scena clou: Robb Stark e Jon Snow si contendono l’amore di una tizia di nome Sersi.

Eternals Marvel MCU Disney+ Poster con Sersi (Gemma Chan) e Ikaris (Richard Madden)

Le relazioni tra i personaggi sono da inserire nella “lista del disappunto” di Eternals. Le scene più terribili sono sicuramente quelle che coinvolgono Sersi (Gemma Chan), Ikaris (Richard Madden) e Dane Withman (Kit Harington), che dimostrano di avere tra loro, a livello sentimentale, la stessa profondità emotiva di un cucchiaino. Non c’è chimica, non c’è attrazione, i dialoghi passano dal nonsense al cringe.

Ogni volta che si presenta un’interazione tra loro, la voglia di skippare quei minuti diventa fortissima. Un grande peccato, perché presi da soli gli attori non fanno nemmeno un brutto lavoro e specialmente Sersi e Ikaris (in teoria i personaggi “principali” tra i vari protagonisti) avevano il potenziale per qualcosa di più.

Un altro personaggio che ha funzionato poco è stato quello di Sprite (Lia McHugh), Eterna bloccata nel corpo di ragazzina che passa tre quarti del film a essere scontrosa e arrabbiata col mondo e le scene finali a compiere azioni giustificate da un amore che viene mostrato come una cotta adolescenziale – con buona pace del personaggio che, per tutto il film, cerca di far capire ai suoi compagni quanto sia più matura di come appare. Anche qui, un personaggio che lascia l’amaro in bocca perché, tutto sommato, la sua insoddisfazione e le sue scelte potevano essere approfondite e giustificate meglio.

Le note davvero positive del film sono Druig (Barry Keoghan) e Makkari (Lauren Ridloff) e Gilgamesh (Don Lee) e Thena (Angelina Jolie). Lasciando da parte il fatto che Ridloff riesca a sembrare una ventenne pur essendo classe 1978, la coppia con uno screentime ridicolo riesce a fare colpo più del triangolo amoroso tra i personaggi sopra citati. Bastano letteralmente due scene per renderli la coppia migliore del film, insieme a Gilgamesh e Thena.

Cosa significa Eternals per la quarta fase dell’MCU?

Sicuramente, la Marvel sta mettendo sempre più carne al fuoco. Il numero di supereroi cresce vertiginosamente, ma dopo Eternals sorge una domanda: l’MCU sarà capace di gestirli tutti? E per gestire non si intende semplicemente dar loro dello screentime, ma far sì che vengano rappresentati come personaggi dinamici e in cui il pubblico possa in qualche modo rispecchiarsi. Sembra che in qualche modo ci stia riuscendo con le serie disponibili su Disney+, ma sarà con i film (il prossimo, Doctor Strange in the Multiverse of Madness) che riusciremo a capire che fine faranno i supereroi a cui ci siamo affezionati.

Eternals Marvel MCU Disney+ Poster con i protagonisti del film e il Celestiale antagonista

Per quanto riguarda il politcally correct, invece, inizia a farsi strada il timore che l’inserimento di personaggi appartenenti a minoranze renda la sceneggiatura sempre più pigra. Accogliere nei cast attori di etnie diverse e aggiungere personaggi con sessualità e generi diversi è qualcosa che va fatto e che è giusto fare, a patto che poi la sceneggiatura non si appoggi su questo rendendola la caratteristica principale di quel personaggio.

Ciò che rende davvero interessante un personaggio, ciò che permette allo spettatore di immedesimarsi, non sono solo l’etnia o l’orientamento sessuale, ma anche e soprattutto la morale, la storia, il conflitto interiore tra bene e male, tra scelte giuste e sbagliate, errori (anche gravi, anche quasi imperdonabili), motivazioni, desideri ed evoluzione.

Qualcosa che in Eternals è mancato quasi del tutto, o è stato sviluppato decisamente male.

Un personaggio statico, o un gruppo di personaggi statici privi di tormento o sogni in conflitto tra loro o con il loro mondo non possono funzionare sul lungo termine. Una giusta rappresentazione, che sia varia, deve anche essere pensata e strutturata. Qualcosa che si spera che la Marvel, così come altri franchise, continuino a fare, per evitare di finire nel baratro della monotonia.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Film e Serie TV

“Spirited – Magia di Natale”, la commedia con Will Ferrell, Ryan Reynolds e Octavia Spencer

Published

on

spirited natale

Apple Original Films ha presentato il trailer ufficiale dell’attesa commedia musicale natalizia “Spirited – Magia di Natale”, interpretata da Will Ferrell, Ryan Reynolds e Octavia Spencer. In uscita il 18 novembre.

Ben un anno fa Ryan Reynolds aveva condiviso la prima immagine insieme al co-protagonista Will Ferrell, la cui produzione era iniziata a Boston. Una moderna interpretazione musicale della classica storia natalizia di Charles Dickens “A Christmas Carol”.

Trama Spirited – Magia di Natale

Ogni vigilia di Natale, il Fantasma del Natale Presente (Will Ferrell) sceglie un’anima perduta da redimere attraverso la visita di tre spiriti. Ma questa volta ha scelto lo Scrooge sbagliato. Clint Briggs (Ryan Reynolds) stravolge le carte in tavola e il suo ospite fantasma si ritrova a riesaminare il proprio passato, presente e futuro. Per la prima volta, “A Christmas Carol” viene raccontato dal punto di vista dei fantasmi in questa esilarante rivisitazione musicale del classico racconto di Dickens.

Dal regista Sean Anders (“Daddy’s Home”, “Instant Family”), scritto da Sean Anders e John Morris, con canzoni originali dei Premi Oscar® Benj Pasek e Justin Paul (“La La Land”) e le coreografie di Chloe Arnold (“The Late Late Show with James Corden”), “Spirited – Magia di Natale” è una dolce e piccante delizia natalizia.

  • Regia:                  Sean Anders
  • Sceneggiatori:   Sean Anders, John Morris
  • Cast:                   Will Ferrell, Ryan Reynolds, Octavia Spencer, Patrick Page,
                                 Sunita Mani, Joe Tippett, Marlow Barkley, Jen Tullock
  • Produttori:         Sean Anders e John Morris attraverso Two Grown Men,
                                 David Koplan e George Dewey attraverso Maximum Effort Productions
                                 Will Ferrell e Jessica Elbaum attraverso Gloria Sanchez 
  • Produttori esecutivi: Diana Pokorny, Benj Pasek e Justin Paul

Continue Reading

Film e Serie TV

Bonelli Entertainment debutta sul mercato con le sue prime due produzioni

Published

on

bonelli entertainment

Bonelli Entertainment, il braccio produttivo della Casa editrice di fumetti Sergio Bonelli Editore,debutta ufficialmente sul mercato con le sue prime due produzioni in houseil film Dampyr in uscita al cinemae la serie animata Dragonero in arrivo sui canali Rai. Le anteprime ufficiali sono previste per entrambe le produzioni nell’ambito del prossimo Lucca Comics & Games.

Racconta Davide Bonelli: “Con queste due prime produzioni abbiamo voluto accompagnare i nostri personaggi in mondi e orizzonti nuovi, prendendocene cura con l’attenzione e la passione di sempre ma permettendo loro di vivere esperienze inedite e di esplorare orizzonti e piattaforme che prima di oggi, come Casa editrice, non avevamo mai sperimentato direttamente. Ci rivolgiamo ai lettori che ci seguono ogni mese ma anche a nuovi possibili spettatori che speriamo possano trovare nelle nostre storie e nei mondi che raccontiamo affinità, emozioni, personaggi e avventure capaci di appassionarli”.

Spiega Michele Masiero, Direttore Editoriale di Sergio Bonelli Editore: “Lo avevamo annunciato qualche anno fa e ora quell’annuncio diventa realtà, lo diciamo con non poca emozione. Finalmente diventiamo una realtà produttiva in house a tutti gli effetti e le nostre due prime “creazioni” sono pronte a incontrare il loro pubblico al cinema, in tv e in digitale. Si tratta dei primi tasselli di Bonelli Entertainment, il dipartimento della Casa editrice dedicato allo sviluppo di progetti cinematografici e televisivi basati su personaggi amati da generazioni e generazioni di lettori. Per un incrocio di circostanze, sia il film Dampyr che la serie animata Dragonero. I Paladini vengono presentati in anteprima a poche ore di distanza l’uno dall’altro. Non ce l’aspettavamo nemmeno noi, ma si tratta di una coincidenza che ci fa particolarmente piacere perché ci permette di mostrare sin da subito due delle tante anime che le nostre produzioni andranno a esplorare, esattamente come fanno i nostri fumetti”.

Aggiunge Vincenzo Sarno, Head of Property Business Development di Sergio Bonelli Editore S.p.A. e Executive Producer di Bonelli Entertainment: “Con Bonelli Entertainment nasce una nuova realtà produttiva audiovisiva tutta italiana che abbraccia la sfida di presentarsi sul mercato con ambizioni internazionali. La nostra mission è quella di portare i personaggi che hanno reso Sergio Bonelli Editore uno dei punti di riferimento del fumetto mondiale a misurarsi con il cinema, la serialità televisiva, l’animazione, il videogioco, creando al contempo nuove properties che nascono già con un occhio alla transmedialità. Per farlo, siamo e saremo presenti, accanto ai partner che ci accompagneranno di volta in volta, in qualità di co-produttori, in tutte le fasi dei singoli progetti: da quella creativa a quella di produzione fisica, commerciale e distributiva, coinvolgendo i talenti migliori dei vari settori per realizzare questo sogno. Il modo migliore per valorizzare appieno un patrimonio unico e inestimabile di storie, mettendo la stessa cura, la stessa passione e lo stesso rispetto che da più di 80 anni riversiamo nei nostri fumetti. Siamo particolarmente orgogliosi che i primi biglietti da visita di Bonelli Entertainment siano due produzioni importanti come Dampyr e Dragonero: tasselli iniziali dell’ampio universo narrativo che stiamo costruendo, giorno dopo giorno, con grande determinazione”.

Nella serata di apertura di Lucca Comics & Games è stato proiettato in prima mondiale il fantasy action DAMPYR, opera prima di Riccardo Chemello, una co-produzione Eagle Pictures, Sergio Bonelli Editore e Brandon Box. Distribuito da Eagle Pictures, DAMPYR uscirà nelle sale italiane il 28 ottobre, in contemporanea con la première mondiale con cast al Cinema Astra trasmessa in diretta dal Red Carpet lucchese. Girato interamente in lingua inglese, DAMPYR è una produzione impressionante con un budget di oltre 15 milioni di dollari e un cast che include Wade Briggs, Stuart Martin, Frida Gustavsson, David Morrissey, Sebastian Croft e Luke Roberts. Un incontro con i protagonisti sarà organizzato nel pomeriggio del 29 ottobre al Teatro del Giglio.

Sempre il 29 ottobre, sempre al Teatro del Giglio ma questa volta in mattinata, sono stati invece presentati in anteprima mondiale i primi quattro episodi della serie animata Dragonero. I Paladini, tratta dal fumetto di successo creato da Luca Enoch e Stefano Vietti. Una coproduzione internazionale Sergio Bonelli Editore insieme a Rai Kids, PowerKids e NexusTV.  Oltre all’anteprima, una serie di eventi dedicati al mondo di Dragonero trasformerà la città in una grande festa, ricca di attrazioni, eventi e installazioni d’impatto distribuite in luoghi simbolo di Lucca per celebrare lo storico esordio di Bonelli nel settore dell’animazione e raccontare backstage e retroscena di una produzione animata che ha coinvolto migliaia di persone in un entusiasmante sforzo produttivo e creativo.

Il nuovo marchio e la Logo Animation che precederà le produzioni audiovisive di Bonelli Entertainment sono opera di Sincromie, la digital factory tutta italiana che ha saputo interpretare l’incredibile varietà di generi che contraddistingue da sempre i fumetti Bonelli, pronti ora a debuttare anche sul grande e piccolo schermo, sempre nel segno del rispetto dei personaggi e delle loro storie.

Tra gli altri progetti in via di sviluppo per Bonelli Entertainment, anche l’atteso live-action dedicato a Dylan Dog in una coproduzione con Atomic Monster di James Wan.

Continue Reading

Film e Serie TV

The Witcher: Henry Cavill non vestirà più i panni di Geralt

Published

on

The Witcher

La notizia è arrivata come il proverbiale fulmine a ciel sereno, il quale ha lasciato il mondo degli appassionati di stucco: Henry Cavill non interpreterà più Geralt di Rivia nella serie The Witcher di Netflix. A partire dalla quarta stagione, infatti, al suo posto sarà Liam Hemsworth – fratello di Chris Hemsworth, il famoso interprete di Thor nel Marvel Cinematic Universe – a vestire i panni dello strigo. È lo stesso Henry Cavill, in un post su Instagram, a confermare il cambio di attore protagonista per le prossime stagioni della serie.

Qui di seguito potete leggere il post citato, con una nostra traduzione:

Ci sono delle novità da condividere direttamente dal Continente…

Il mio viaggio come Geralt di Rivia è stato pieno di mostri e avventure, ma ahimè, metterò da parte il mio medaglione e le mie spade dalla quarta stagione. Al mio posto, il fantastico signor Liam Hemsworth vestirà il mantello del Lupo Bianco. Come per i più grandi personaggi della letteratura, io ora passo la torcia con riverenza per il tempo passato ad impersonare Geralt e l’entusiasmo nel vedere la versione di Liam riguardo a quest’uomo estremamente affascinante e pieno di sfumature.

Liam, buon uomo, questo personaggio ha una profondità così meravigliosa, goditi quest’immersione e guarda cosa puoi trovare.

Il messaggio di Henry Cavill non lascia spazio a dubbi, la terza stagione di The Witcher – le cui riprese sono state concluse – sarà l’ultima nella quale vedremo l’attore britannico vestire i panni di Geralt, personaggio nato dalla penna dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski. La notizia, come dicevamo in apertura, è arrivata senza alcun preavviso e si leggono già i primi commenti a riguardo da parte dei fan.

Noi ci tratterremo dal dire la nostra – almeno in questo articolo – e ci limiteremo ad augurare buon lavoro a Liam Hemsworth, nella speranza che possa essere un Geralt dello stesso livello di Cavill.

Continue Reading
Advertisement

Trending