Connect with us
god-of-war-ascension god-of-war-ascension

Uncategorized

God of War Ascension non è la pecora nera della serie

Published

on

God of War Ascension non è la pecora nera della serie, almeno non dal punto di vista delle vendite. Si tratta di una delle serie videoludiche di maggior successo della storia, sia da un punto di vista meramente commerciale – con più di 30 milioni di titoli venduti in totale – che da un punto di vista di successo e gradimento del pubblico. Giochi come God of War III per PS3 o God of War del 2018 per PS4 sono considerati dei masterpiece del genere action e sono già diventati dei punti di riferimento per le produzioni di questo tipo.

Ma come per tutte le saghe ci sono degli alti e bassi, anche se la serie di GoW non ha mai avuto dei veri e propri “bassi”, e forse uno dei titoli ricordati con meno gioia dai fan è God of War: Ascension. Pubblicato a marzo del 2013 per la piattaforma PlayStation 3 il capitolo si colloca cronologicamente prima di tutti gli altri – quando Kratos è da poco diventato il temuto Fantasma di Sparta – e vede il protagonista alle prese con le temibili Furie (o Erinni), creature della mitologia greca che fungevano da “riequilibratrici” perché avevano il compito di punire coloro che avevano commesso un delitto ingiustificato, in sostanza si occupavano della vendetta, un tema estremamente importante nella storia e nell’universo di God of War.



In questi giorni però un ex direttore del progetto Ascension di nome Chacko Sonny, che ha lavorato al titolo assieme al team di sviluppo dei Sony Santa Monica Studios, sul suo profilo LinkedIn ha fatto sapere alcuni dati importanti riguardo questo capitolo, in particolare dice (traduzione nostra):

Il titolo su Metacritic è stato recensito con 80 (su 100 ndr), e ne sono state vendute più di 3 milioni di copie (con un profitto di oltre 100 milioni di $), assicurando un forte return on investment (ritorno sugli investimenti) per il prodotto e per il franchise.



Alla luce di questa affermazione quindi possiamo dire che Ascension, non amato da tutti, è stato un ottimo prodotto da un punto di vista commerciale; in particolare il dato dei 3 milioni di copie vendute è rilevante perché dà a noi giocatori un’idea di quanta sia stata la richiesta del gioco in questi anni, e 3 milioni di copie non sono certo un numero da prendere alla leggera. Ascension è stato un successo, ha solo la (s)fortuna di essere sempre paragonato ad altri titoli di immenso calibro, come sono quelli della serie dedicata a Kratos.

In attesa di altre notizie sui prossimi titoli di Sony Santa Monica vi invitiamo a recuperare GoW: Ascension se ancora non l’avete fatto, vale la pena di essere giocato.

Come sempre, buon gaming a tutti!

Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi

Giornalismo a fumetti, ecco 3 opere che sono un must!

Published

on

marco rizzo giornalismo a fumetti

Come prepararci al corso di giornalismo a fumetti con Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso? Ecco 3 titoli di graphic novel imprescindibili.

Marco Rizzo, giornalista professionista e scrittore siciliano, è tra gli autori italiani più rappresentativi nel filone del graphic journalism. Autore di saggi e inchieste, ha scritto anche per Wired, L’Unità, La Lettura, è editor e traduttore per Panini Comics e pubblica opere di impegno civile con Feltrinelli Comics, BeccoGiallo, Tunué. 

Con Feltrinelli Education cura il “Corso di giornalismo a fumetti” e queste sono le tre opere che chiunque, a dovrebbe leggere, parola di Marco Rizzo.

MAUS di Art Spiegelman

È giornalismo: una lunga intervista, una delle tecniche principe del giornalismo, accompagnata da precise ricostruzioni storiche. Non è giornalismo: il figlio intervista il padre, l’oggettività lascia spazio alle emozioni, i personaggi sono rappresentati come animali antropomorfi. 

Eppure, “Maus” è un capostipite del graphic journalism proprio perché emoziona e informa, approfondisce e suggestiona. Un libro potente, che ha aperto la strada al riconoscimento del graphic journalism e in generale del fumetto di realtà tra il grande pubblico e nel settore, tanto da vincere un Pulitzer

IL FOTOGRAFO di Emmanuel Guibert, Didier Lefèvre e Frédéric Lemercier 

Nel 1986 il grande fotoreporter Lefèvre è in Afghanistan al seguito di Medici Senza Frontiere per documentare la guerra. Anni dopo, il fumettista Guibert raccoglie le foto e le testimonianze dell’amico e le trasforma in un unico racconto, intervallando di tanto in tanto le vignette con le foto. 

Il risultato da un senso di attendibilità e immedesimazione anche se è presente un tramite. Giornalismo per interposta persona, ma così preciso da risultare veritiero.

PALESTINA di Joe Sacco

Forse il capostipite del graphic journalism più puro: un giornalista/fumettista si reca sul posto, raccoglie informazioni e documentazione visivo, tornato a casa il materiale viene messo in ordine e riportato come un unico grande racconto. 

“Palestina” è una graphic novel ma anche un reportage, in cui il narratore diventa protagonista solo quando necessario, dove la meticolosità del tratto si accompagna alla precisione del racconto. Ancora oggi, uno degli standard da raggiungere per chiunque voglia fare informazione dal campo, che sia a fumetti o no.

Continue Reading

Uncategorized

Fire Force: conto alla rovescia per la fine del manga

Published

on

fire-force

Che Fire Force il manga di Atsushi Ōkubo fosse ormai arrivato alla fine si sapeva da almeno un mese, ma adesso c’è la conferma che si concluderà tra due capitoli, oltre a quello da poco uscito.

La notizia sta facendo discutere gli appassionati, divisi tra chi sperava in altri capitoli e chi invece arrivati a questo punto crede si tratti di una decisione giusta presa da parte del mangaka giapponese. Per il momento non sono arrivate conferma su una possibile trasposizione anime anche di questa parte finale della serie.

Fire Force (En En no Shouboutai) è la seconda opera di rilievo di Ōkubo, arrivata direttamente dopo Soul Eater – e il suo spin-off Soul Eater Not! – il manga è pubblicato sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Mangazine dal settembre del 2015.

Dal fumetto ne è derivato anche un adattamento anime, che al momento conta due stagioni, e tutta una serie di corti.

Il manga

La serie ha fatto il suo debutto sulle pagine di Weekly Shonen Magazine nel 2015, riscuotendo un buon successo tanto da essere trasposta per il piccolo schermo in un anime di David Production. Per ora in Giappone sono stati pubblicati 32 volumi.

La trama

Il manga si svolge in un futuro in cui l’innalzamento del livello del mare ha fatto crollare i continenti e causato la scomparsa di molti paesi. Una parte del Giappone ha evitato il peggio e ora quel che resta dei suoi abitanti si è riunito nel piccolo impero di Tokyo, dove la Chiesa del Sacro Sol e le Industrie Pesanti Haijima hanno sviluppato l’Amaterasu, un perpetuo impianto di energia termica.

Nell’anno 198 dell’era solare a Tokyo si forma una speciale forza di vigili del fuoco chiamata Fire Force per combattere crescenti incidenti di combustione umana spontanea in cui gli esseri umani si trasformano in inferni viventi chiamati Incendiati.

Mentre gli Incendiati sono casi di prima generazione di combustione umana spontanea, le generazioni successive possiedono la pirocinesi pur mantenendo forma umana. La Fire Force è stata formata unendo le persone con questi poteri ed è composta da otto Brigate indipendenti.

Shinra Kusakabe è un giovane pirocinetico di terza generazione che ha guadagnato il soprannome di “Orme del Demonio” per la sua capacità di sviluppare fiamme dai piedi e si unisce all’Ottava Brigata speciale sia per estinguere gli Incendiati che per indagare sulle cause del misterioso incendio che ha ucciso la sua famiglia 12 anni prima.

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Vietnam Horror di Leviathan Labs: la storia che ancora non conoscete

Published

on

Oggi vi presentiamo uno dei nuovi volumi usciti dalla ricca fucina di Leviathan Labs: Vietnam Horror, una storia di Massimo Rosi con i disegni di Vito Coppola. Un volume che raccoglie più storie (Cuore di tenebra, Tunnel rats, Burning sun, Eclipse) che ci fa diventare spettatori di uno dei fatti storici più dolorosi e cruenti dell’età contemporanea, la Guerra del Vietnam appunto, nella quale però si insinueranno eventi ancora più inquietanti e drammatici.

Trama

Il terrore e la paranoia serpeggiano sui campi di battaglia, ma qualcos’altro sconvolge un plotone in piena guerra del Vietnam. Un plotone americano si perde nella foresta vietnamita. Alle loro spalle una montagna, nel cui cuore si nascondono gli ultimi disperati abitanti della zona che, per scacciare l’invasore occidentale, saranno disposti a fare di tutto, anche a costo di perdere le loro anime, anche a costo di portare sulla Terra una creatura ancestrale e vorace.

L’orrore oltre la storia

La guerra del Vietnam è stata uno dei conflitti più controversi mai combattuti. Le vittime, tra soldati americani (e prima europei), sudvietnamiti, vietcong, civili e bambini sono centinai di migliaia. Negli anni registi, scrittori, poeti, fotografi e sceneggiatori hanno raccontato il loro Vietnam, e onestamente non credevo che ancora si potesse tirare fuori qualche idea originale, ma i ragazzi di Leviathan Labs ci hanno ancora una volta stupito.

Vietnam Horror infatti inserisce nella storia elementi horror in modo così naturale e semplice da riscrivere una nuova verità storica: sotto la montagna si cela una male la cui scoperta cambierà ogni cosa e una terribile ferita, un segno molto particolare, darà il via ad eventi raccapriccianti.

Le atmosfere tipiche del Vietnam, un inferno senza fine, fatto della disperazione tanto degli abitanti del luogo che dei soldati americani, le cui espressioni raccontano una guerra che di epico ed eroico aveva ben poco, si mescolano creando un incubo, che poi è lo stesso che molti dei soldati stanno avendo. I nervi sono tesi, tutti si aspettano un agguato da un momento all’altro e la sensazione è quella di una lenta ma inesorabile discesa nella follia.

Il ritmo del fumetto è incalzante. Rosi, come sempre, riesce a inserire qui e lì dei colpi di scena sono ben studiati che ci fanno tenere alta l’attenzione e aumentano quel senso di spaesamento che si percepisce in tutta l’opera.

I personaggi rappresentano un po’ i vari “tipi” di soldato americano: c’è quello che non ha niente da perde, quello che ancora ci crede e chi ha abbandonato ogni ideale e spera solo di tornare a casa presto. Sono tutti personaggi “vivi”, che combattono anche con i fantasmi del proprio passato e con una vita che non sempre è stata generosa con loro.

Il bianco e il nero si sposano perfettamente con le atmosfere del fumetto e Coppola ha il merito di dare alla storia una rappresentazione incredibilmente realistica. Gli elementi della narrazione e quelli orrifici sono gestiti in modo equilibrato e consapevole e questo rende i momenti di pathos ancora più forti e drammatici.

Insomma, il Vietnam aveva ancora qualcosa da raccontarci e siamo certi che gli appassionati del genere potranno apprezzare Vietnam Horror. Un fumetto che riscrive la storia aggiungendo alla tragedia l’orrore di un male misterioso che fa ancora più paura della morte.

Continue Reading
Advertisement

Trending