Connect with us
i-am-not-okay-with-this-netflix-recensione i-am-not-okay-with-this-netflix-recensione

Film e Serie TV

I am not okay with this: la recensione della prima stagione

Published

on

Di film e serie TV sui superpoteri, negli ultimi tempi, ce ne sono a bizzeffe. Sulla scia del successo di mamma Marvel, la recente produzione hollywoodiana ha partorito adattamenti su adattamenti, cinecomic su cinecomic, accompagnandoci in un’era che, per gli appassionati del genere, non può che apparire come una sorta di età dell’oro. C’è poco da fare: il grande pubblico ama queste storie. Ama i loro personaggi, i loro cliché e le loro morali. E per quanto sarà inevitabile che, prima o poi, questa età dell’oro giunga a una fine (o se non altro una battuta d’arresto), di questi tempi il treno non pare intenzionato a rallentare. Merito anche di alcune produzioni che, attraverso la scelta di source material alternativi (vedi “The Umbrella Academy”) o la creazione di storie completamente originali (vedi l’ormai fenomeno culturale “Stranger Things”), contribuiscono a rifornire questo treno degli indispensabili carburanti che sono la freschezza e l’originalità.



“I am not okay with this” di Netflix si inserisce a pieno titolo tra queste produzioni: storie sui superpoteri che, nel loro distaccarsi da determinati tropi e prendendo in prestito elementi da altri generi, aiutano a prolungare la “vita” della loro intera categoria d’appartenenza. Nel caso di quest’ultima serie prodotta, non a caso, dagli stessi produttori di Stranger Things, i superpoteri si trovano circondati da un contesto fatto di teen drama, un pizzico di esplorazione psicologica e una spolverata di mistero. Un mix che, sebbene suoni improbabile sulla carta, si è dimostrato in questo caso decisamente vincente. “I am not okay with this” è un ottimo esempio di come un concept semplice, quando ben eseguito, possa dar vita a un prodotto finale estremamente soddisfacente. Con soli sette episodi di circa venti minuti, la serie creata da Jonathan Entwistle e tratta dalla graphic novel di Charles Forsman riesce a presentarci un intreccio semplice e al tempo stesso intrigante, condito da un approccio ai personaggi che, proprio in funzione del numero ridotto di questi ultimi, riesce a dare alla sua protagonista e ai suoi co-piloti la giusta dose di colore e profondità.



Sydney Novak, interpretata da una sorprendente Sophia Lillis, è la protagonista assoluta delle vicende della serie. La scelta di dotarla di un diario, col quale Sydney interagisce e “dialoga” internamente è un interessante espediente narrativo, che aiuta a rendere decisamente più tollerabile e giustificabile la presenza di un narratore in grado di commentare le vicende a cui assistiamo. Questo dialogo con il diario si unisce anche al diretto dar voce ai pensieri di Sydney, dai più innocui e pacifici ai più pericolosi e distruttivi. Scelta, quest’ultima, che si sposa magnificamente con la natura dei poteri sovrannaturali della nostra protagonista: poteri psichici, scaturiti dalla rabbia e dalla frustrazione, che Sydney, almeno in questa prima stagione, si è dimostrata quasi totalmente incapace di controllare. Il conflitto interno di Sydney con questi poteri, ma anche con le scoperte sul padre defunto e con vari altri elementi della sua vita adolescenziale sono quindi il fulcro narrativo ed emotivo dell’opera, e la narrazione diretta dei pensieri di Sydney (approccio più tipicamente romanzesco/fumettistico) ha costituito, in questo senso, un indubbio valore aggiunto alla già ottima caratterizzazione del personaggio.



Sebbene in termini di screen time, focus narrativo e sviluppo del personaggio i riflettori siano quasi tutti per Sydney, la serie ci presenta anche due secondari che è impossibile non amare. Stanley Barber e Dina, interpretati rispettivamente da Wyatt Oleff e Sofia Bryant, sono l’epitome dei personaggi di supporto. L’esilarante, immedesimabile, poliedrico e francamente sfortunato Stan funge da dichiarata sovversione della figura del “saggio mentore”; Dina, la gentile ma un po’ ingenua amica del cuore, è a sua volta una sovversione di quello che sembrerebbe il suo ruolo originale: non riveleremo nulla per non entrare in territorio spoiler.

E come tralasciare i membri della famiglia di Sydney? Sua madre, Maggie (interpretata da Kathleen Rose Perkins), nel conflittuale rapporto con la quale la serie tocca forse i punti più profondi e significativi della sua esplorazione psicologica di Sydney; e suo fratello minore, Liam (interpretato da Aidan Wojtak-Hissong), l’adorabile ometto costretto a crescere troppo in fretta a causa della precaria situazione familiare.



Il fatto che finora si sia parlato quasi solo esclusivamente di personaggi e di caratterizzazione potrebbe far sorgere dubbi riguardo all’effettiva natura di “I am not okay with this” come storia sui superpoteri; ed è indubbiamente vero che, rispetto ad altre produzioni, la serie Netflix dia una fortissima prominenza a questi aspetti. A ben vedere, tuttavia, è innegabile come tutto ruoti comunque attorno alle strane capacità di Sydney: dai numerosi problemi che questi le causano in maniera ricorrente nel corso della serie, ad alcuni personaggi che questi la portano ad incontrare. Uno in particolare, la già citata “spolverata di mistero” di questa serie, pare destinato a essere colui che determinerà l’avanzamento del tortuoso percorso di Sydney in questo mondo a lei sconosciuto.

Un percorso di cui non vediamo l’ora di ammirare gli sviluppi.

Letterato e giornalista di formazione, scansafatiche poliedrico di professione. Il mio super potere è la capacità di interessarmi di pressoché qualsiasi cosa e dedicargli un’attenzione media di 7,8 secondi. Con le dovute eccezioni. Quando non perdo tempo, lavoro. Quando non lavoro, scrivo. Quando non scrivo, consumo media o gioco di ruolo. Quando non consumo media e non gioco di ruolo, perdo tempo. Il cerchio della vita.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Film e Serie TV

Arcane: il primo episodio della serie evento in uscita su Netflix sarà trasmetto su Twitch

Published

on

arcane twitch

Arcane, la prima serie TV di Riot, debutterà in tutto il mondo domenica 7 novembre alle 03:00 CET su Netflix: si tratta della prima serie del colosso dello streaming ad esordire in contemporanea esclusiva su Twitch, e i content creator presenti sulla piattaforma potranno trasmettere il primo episodio e le loro reazioni in diretta.

Dato che il primo episodio verrà trasmesso alle 3:00 del mattino orario italiano, i giocatori e i fan potranno godersi una seconda trasmissione su Twitch alle 11:00 della domenica mattina. I Fan che si connetteranno riceveranno dei Twitch Drop contenenti ricompense di gioco esclusive per i titoli Riot.

Inoltre, giocatori e fan di tutto il mondo potranno anche seguire l’evento per la prima globale organizzato nella sede principale di Riot Games a Los Angeles. La prima globale verrà trasmessa da streamer e influencer a rappresentanza di oltre 30 paesi e potrà essere ritrasmessa liberamente in streaming, in modo che tutti i fan possano festeggiare in diretta il debutto di Arcane assieme alle proprie community.

Brandon Miao, Cross-Product Experiences e Partnerships Lead di Riot Experience (XP) presso Riot Games ha detto: “L’interesse per una narrazione più profonda da parte dei giocatori di tutto il mondo ha giocato un grande ruolo nella nostra decisione di creare Arcane, quindi è giusto che tutti possano vedere il primo episodio insieme come un’unica grande comunità. Nel preparare l’evento abbiamo voluto unire elementi tradizionali e approcci innovativi e digitali che incrementano le possibilità di accesso ai giocatori di tutto il mondo, al fine di creare qualcosa di nuovo di cui tutti possano fruire insieme”.

Il debutto della serie sarà al centro di una grande festa per i giocatori e i fan di League of Legends, che andrà a unirsi ai festeggiamenti per il Campionato Mondiale di LoL 2021, un evento che nello scorso anno ha fatto registrare ben 49,45 milioni di spettatori in contemporanea da tutto il mondo. Sarà un mix mai visto di competizione, intrattenimento e gioco tutto rivolto ai fan di Riot.

Trama

Ambientata nel mondo di League of Legends, Arcane parla del delicato equilibrio tra la ricca città di Piltover e i bassifondi di Zaun. In tanti la chiamano “la città del progresso” ed è la patria di molte delle menti più brillanti di Runeterra, ma la creazione dell’Hextech, che permette a tutti di controllare l’energia magica, minaccia questo equilibrio. Anche se Arcane racconta le storie dei campioni di League of Legends, la serie è creata per essere un complesso mondo a sé stante pieno di decisioni morali, animazioni mozzafiato e momenti avvincenti.

Continue Reading

Film e Serie TV

The Batman: trailer italiano del film in arrivo il prossimo anno

Published

on

The Batman: trailer italiano del film in arrivo il prossimo anno

È trascorso poco più di un anno dal primo trailer ufficiale di The Batman, il film che introdurrà un nuovo Cavaliere Oscuro nell’universo cinematografico del personaggio DC, interpretato questa volta dall’attore Robert Pattinson. In quell’occasione il video era stato pubblicato durante un evento DC FanDome, tutto è stato (volutamente) ripetuto da parte di Warner Bros. che, nel corso dell’omonimo appuntamento di questo ottobre, ha rilasciato un nuovo trailer per il film.

Ecco il video, completamente in italiano, caricato sul canale YouTube di Warner Bros. Italia:

Non è solo un richiamo… è un avvertimento. Dalla Warner Bros. Pictures arriva “The Batman” di Matt Reeves, con Robert Pattinson nel doppio ruolo del detective vigilante di Gotham City e del suo alter ego, il solitario miliardario Bruce Wayne.

Quello che avete appena visto conferma il tono del film, cupo e serio, dai tratti quasi noir che ci consegna un Batman piuttosto giovane e, all’apparenza, pieno di rabbia e risentimento. Un Batman, quello di Pattinson, che sembra essere ancora pienamente nella fase in cui combatte i criminali mosso da vendetta e frustrazione, e non per senso di giustizia e per difendere i più deboli. Staremo a vedere come sarà dipinto questo nuovo Vigilante di Gotham.

Nonostante il nome di Robert Pattinson sia riuscito a focalizzare l’attenzione della maggior parte del pubblico, non dobbiamo dimenticarci che ci sono altri nomi di tutto rispetto che hanno preso parte al progetto: in primis il regista Matt Reeves e poi Andy Serkis, che vestirà i panni del fedele maggiordomo Alfred Pennyworth, Zoë Kravitz sarà Selina Kyle/Catwoman e, infine, Colin Farrell sarà l’interprete di Oswlad Cobblepot/Pinguino.

The Batman arriverà nei cinema italiani dal 3 marzo 2022.

Continue Reading

Film e Serie TV

Black Adam: ecco trailer rilasciato durante il DC Fandome

Published

on

Black Adam: ecco trailer rilasciato durante il DC Fandome

Black Adam è uno dei prossimi lungometraggi che la branca cinematografica della casa di fumetti DC ha intenzione di rilasciare sul grande schermo, voluto – stante l’indubbia fama del personaggio che dà il nome alla pellicola – il film arriverà nel corso del prossimo anno e porterà con sé tanta azione e combattimenti. Inutile dire che l’appuntamento del DC FanDome (tenutosi lo scorso 16 ottobre) è stata una perfetta occasione per mostrare ancora un po’ di Black Adam,e infatti è arrivato puntuale un breve trailer.

Potete visionare il trailer, caricato sul canale YouTube di Flashback FM, qui di seguito:

La pellicola arriverà nei cinema statunitensi dal 29 luglio 2022 – ancora nessuna conferma per l’Italia, anche se la data non dovrebbe differire molto da quella che avete appena letto – e aggiungerà all’universo cinematografico DC Black Adam ovviamente, ma non solo, infatti anche altri personaggi dei fumetti faranno la loro comparsa e ce lo confermano i nomi del cast. Eccoli:

  • Dwayne Johnson sarà Teth Adam/Black Adam
  • Noah Centineo sarà Atom Smasher
  • Aldis Hodge sarà Hawkman
  • Sarah Shahi sarà Adrianna Tomaz
  • Quintessa Swindel sarà Cyclone
  • Pierce Brosnan sarà Kent Nelson/Doctor Fate

I nomi del cast erano perlopiù noti ma non fa mai male sottolineare come, nonostanteBlack Adam sarà l’indiscusso protagonista e figura centrale del lungometraggio, ci saranno altri personaggi importanti – e conosciuti dai lettori dei fumetti DC – a fare la loro comparsa. Fra questi in particolare Hawkman e Doctor Fate sono quelli che maggiormente dovrebbero essere noti al grande pubblico.

Staremo a vedere come si evolverà la situazione e, se ci dovessero essere novità riguardanti il film, noi saremo qui a condividerle con voi.

Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending