Connect with us

Anime e Manga

I migliori 10 anime horror da vedere assolutamente

Published

on

Nell’universo anime, trovare un horror che si possa definire tale è un’impresa ardua. Soprattutto considerato che spesso i manga più terrificanti restano solo fumetti, e che l’esistenza di un adattamento non ne garantisce il successo (Gyo: Tokyo Fish Attack!, per fare un esempio).

Ma anche se il potere orrorifico della carta stampata supera quello dei pixel, voglio comunque consigliarvi alcuni anime horror da paura che vale la pena guardare.

10 anime per rabbrividire questo Halloween

  1. Higurashi: When They Cry
  2. Yami shibai
  3. Boogiepop Phantom
  4. Perfect Blue
  5. The Promised Neverland
  6. Devilman Crybaby
  7. Shiki
  8. Another
  9. Made in Abyss
  10. Parasyte: The Maxim

1. Higurashi: When They Cry (2006)

Come regola, se un horror sembra uno slice of life c’è da preoccuparsi. E Higurashi: When They Cry è la prova definitiva che non bisogna giudicare un libro dalla copertina.

Nel villaggio di Hinamizawa ogni anno avviene una serie di raccapriccianti omicidi a ridosso del festival locale. Questo fenomeno è opera di una misteriosa entità sovrannaturale, o almeno così si crede. La verità tuttavia è molto più contorta, e tocca al nuovo arrivato Keiichi unire i pezzi del puzzle prima che sia troppo tardi.

Su Higurashi c’è davvero poco da dire. Questo perché meno dettagli si conoscono prima di guardarlo, maggiore è il suo impatto. L’unica cosa che posso consigliarvi è di approcciare la serie con una mente aperta e uno stomaco forte: ne avrete bisogno.

2. Yami shibai (2013)

Pensate che 4 minuti non bastino per spaventarsi? Preparatevi a ricredervi. Opera dello studio ILCA, Yami shibai (yami significa “oscuro”, shibai “dramma”) è una serie di storie del terrore narrate secondo la tecnica giapponese del kimishibai– da qui il gioco di parole col titolo.

La serie è composta da micro episodi che seguono lo stesso format. Ogni settimana alle cinque del pomeriggio, un uomo mascherato appare in un parco giochi e inscena dei racconti ispirati al folklore giapponese, da classiche leggende metropolitane a brevi skit da incubo.

Saranno lo stile spartano da motion comic o i tagli di scena bruschi – per non parlare dell’inquietante narratore – ma Yami shibai tiene incollati allo schermo dall’inizio alla fine. Da guardare a luci spente.

3. Boogiepop Phantom (2000)

Così come Parasyte e Perfect Blue, anche Boogiepop Phantom è frutto della fucina Madhouse, e in quanto tale non delude.

L’anime è un’antologia sci-fi dei macabri omicidi che capitano in una città senza nome. Il filo rosso che li unisce è Boogiepop, una misteriosa figura di cui non si conoscono origine né identità, ma che si pensa sia l’Angelo della Morte.

Con la sua narrazione irregolare e i continui colpi di scena, Boogiepop Phantom non è solo spettrale: è assolutamente claustrofobico. Mentre si cerca il bandolo della matassa, si convive con un senso di oppressione costante, amplificato da tonalità seppia e scene dalla prospettiva distorta.

Se cercate una serie angosciante che vi faccia scervellare, avete trovato pane per i vostri denti.

4. Perfect Blue (1997)

“Am I alive? Maybe this is all a dream”.

L’idol Mima Rin ha un sogno: diventare attrice. Per farlo lascia il gruppo J-pop CHAM e intraprende un impervio percorso verso il successo. Non tutti però sono entusiasti della sua scelta, e in breve la sua vita diventa un incubo popolato di minacce fittizie e reali.

Tra stalker, strane morti e disturbanti allucinazioni, Mima perde il contatto con la propria identità, mentre una domanda rimbomba minacciosa sullo sfondo: cos’è reale e cosa no?

Definire Perfect Blue intenso sarebbe un eufemismo. Il capolavoro diretto da Satoshi Kon mette alla prova non solo la sanità mentale di Mima, ma anche quella dello spettatore, facendogli fare un giro completo nello spettro della paranoia. Intenso, tragico e cerebrale: un horror psicologico da pelle d’oca.

5. The Promised Neverland (2019)

Sui passi di Made in Abyss (consiglio numero 9), un altro anime dello stesso filone è The Promised Neverland di Mamoru Kanbe.

Per essere degli orfani, i bimbi di Grace Field House sono felici, anche troppo: vivono con i propri fratelli e sorelle, e sono accuditi da una “Mamma” amorevole. C’è solo una regola che non va infranta: non avvicinarsi al cancello d’entrata della proprietà. Che cosa si trova dall’altro lato? Questo sta a Emma e ai suoi amici scoprirlo, per altro nel modo più brutale possibile, e con questa rivelazione inizia il conto alla rovescia per la loro sopravvivenza.

The Promised Neverland è la dimostrazione che non servono scenari splatter per far rabbrividire. Bastano una tensione tagliente e inquadrature sinistre, che seguono i protagonisti ovunque come un occhio nascosto. Buona ansia e buona visione.

6. Devilman Crybaby (2019)

Rivisitazione del classico del 1972, Devilman Crybaby di Masaaki Yusa è un trip di acidi da cui è impossibile uscire.

L’anime targato Netflix segue Akira Fudo dal momento in cui scopre una verità mostruosa: i demoni esistono e vogliono sterminare gli umani. Coinvolto dall’amico Ryo in un piano per salvare il mondo, Akira si fonde con un demone e diventa un Devilman. Se da una parte Fudo viene lacerato dalla sua doppia natura, dall’altra sorge un dubbio sinistro: e se le intenzioni di Ryo non fossero così pure?

A dir poco grottesca, Devilman Crybaby è un mix psichedelico di violenza e scene R-rated. Un po’ come il vicino Parasyte, la serie si interroga sulla corruttibilità e la crudeltà dell’uomo, ma è di gran lunga più folle, esplicito e disturbante. In una parola: imperdibile.

7. Shiki (2010)

Dimenticate Twilight, Vampire Knight e quell’estetica edgy/gotica romanticizzata su Tumblr. I vampiri di Shiki non luccicano al sole, piuttosto fanno venir voglia di chiudersi in un bunker e non uscire più.

La serie inizia proprio come vi immaginate: una famiglia “particolare” si trasferisce in un paesino sperduto, e da allora iniziano a verificarsi delle morti inspiegabili. La prima a sparire è la liceale Megumi Shimizu, che muore poco dopo il suo ritrovamento. Da lì in poi comincia una escalation di eventi inquietanti che coinvolge l’intera popolazione.

Per quel che mi riguarda, Shiki si ama o si odia, non esiste via di mezzo. Se sperate di trovarci tragici amori ultraterreni, lasciate perdere. Invece allacciate le cinture se preferite immagini truculente e una suspense dal crescendo lento e payoff esplosivo.

8. Another (2012)

Adattamento della light novel di Yukito Ayatsuji, Another è un thriller pervaso dalla sensazione che qualcosa di orribile sia sempre lì lì per succedere. E non a torto.

Da decadi, la classe 3-3 delle medie Yomiyama è afflitta da una maledizione che porta gli studenti alle morti più truci. Dopo l’arrivo di Sakakibara Kouichi, la maledizione ricomincia a mietere vittime, ma nessuno ne parla. Kouichi si rivolge allora all’unica persona disposta a dargli delle risposte: Misaki Mei, una ragazza con una benda sull’occhio ignorata da tutti.

Apprezzate misteri fantasmagorici e spargimenti di sangue fantasiosi? Another è per voi.

9. Made in Abyss (2017)

Se vi state chiedendo perché un cartone da Rai Yoyo sia nella lista, applaudo alla vostra innocenza. La protagonista dell’anime di Masayuki Kojima è Riko, un’orfana che vive in una città costruita attorno a un’enorme cavità di cui non si vede il fondo: l’Abisso. In compagnia del robot Reg, Riko intraprende un viaggio per ritrovare la madre scomparsa, una famosa esploratrice scesa nelle profondità della voragine e mai riemersa.

Non fatevi ingannare dalle ambientazioni luminose o dalla serena atmosfera iniziale: Made in Abyss non è uno show per bambini. L’immaginario edulcorato dei primi episodi si sfalda man mano che Riko e Reg discendono le spire dell’Abisso, e il destino che li attende è tutt’altro che gioioso.

Non per deboli di cuore.

10. Parasyte: The Maxim (2014)

Appassionati di fantascienza e creature extraterrestri? Parasyte: The Maxim fa al caso vostro. Noto adattamento dell’opera di Hitoshi Iwaaki, l’anime ruota attorno alla relazione simbiotica fra l’umano Shinichi e Migi, un parassita alieno che si infiltra nel suo braccio destro e lo controlla. Costretti ad abitare lo stesso corpo, i due devono collaborare per sopravvivere agli altri alieni discesi sulla Terra, causa di stragi sanguinarie.

La ragione per cui Parasyte è in ultima posizione è che, nell’insieme, non è poi così spaventoso. In compenso eccelle nell’alternare del gore vividissimo a momenti di riflessione sul valore dell’umanità. Assolutamente da vedere per tutti gli appassionati di body horror.

Studentessa laureata in Scienze della Comunicazione. Mi piacciono la stand-up comedy, le band che nessuno conosce e le parole con significati intraducibili, in quest'ordine.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anime e Manga

Addio ad Akira Toriyama, il Maestro che ha cambiato il mondo del manga per sempre

Published

on

Oggi per noi fan è un giorno molto triste. Non si è mai pronti a dire addio ai proprio idoli, ma proprio quando meno te lo aspetti ecco arrivare la notizia.

È morto all’età di 68 anni Akira Toriyama, maestro indiscusso del fumetto giapponese, creatore di Dragon Ball, capolavoro per il quale non servono parole, basti vedere quante generazioni ha accompagnato e, siamo sicuri, accompagnerà ancora in futuro. Tra i suoi capolavori ricordiamo anche “Dr Slump”

Toriyama sensei sarebbe morto a causa di un ematoma subdurale acuto alla testa, ha spiegato il suo team di produzione con un comunicato sul sito e su X. Subito sui social si è riversata una pioggia di affetto e lacrime, l’ultimo tributo dei suoi fan all’uomo che ha rivoluzionato il mondo dei manga e che ha inciso profondamente sulla trasformazione del genere, aprendo la strada a tanti dopo di lui.

Chi era Akira Toriyama, il papà di Dragon Ball

Nato a Nagoya nel 1955, Akira Toriyama era conosciuto soprattutto per il manga “Dragon Ball”, creato nel 1984, che raccontava la vita e le avventure del prodigio delle arti marziali Son Goku, fin dalla sua infanzia.

Il manga ha venduto almeno 260 milioni di copie in tutto il mondo e ha dato origine a numerosi adattamenti per la televisione, il cinema e i videogiochi, e ha avuto numerosi sequel come “Dragon Ball Z” o più recentemente “Dragon Ball Super”.

Grazie per tutto Maestro!

Continue Reading

Anime e Manga

Direzione Metaverso: The Sandbox accoglie i geni giapponesi di TOEI ANIMATION

Published

on

toei sandbox

The Sandbox, uno dei principali mondi virtuali decentralizzati oltre che sussidiaria di Animoca Brands, e TOEI ANIMATION CO., LTD., una delle principali società di animazione del Giappone, hanno annunciato una partnership per creare esperienze Web3 basate sulle proprietà intellettuali (i personaggi) di TOEI ANIMATION nel metaverso di gioco The Sandbox.

Le due aziende stanno sviluppando le esperienze nella LAND in collaborazione con Minto, Inc.. Pioniere dell’animazione giapponese, TOEI ANIMATION ha prodotto alcune delle produzioni di animazione più longeve e di maggior successo planetario, tra cui Dragon Ball, Sailor Moon e ONE PIECE. Grazie alla partnership con TOEI ANIMATION, The Sandbox continua a portare avanti collaborazioni basate su personaggi e contenuti tra i più popolari e influenti della cultura dell’animazione giapponese.

Per commemorare questa partnership, The Sandbox regalerà NFT in edizione limitata alle prime 1.000 persone che si registreranno sul sito register.sandbox.game/toei-animation-it. Il tipo di NFT, comunque non basati su IP di TOEI ANIMATION), sarà annunciato in un secondo momento.

“TOEI ANIMATION sta salpando nel metaverso. Siamo molto felici e orgogliosi di lavorare con The Sandbox e Minto come nostri partner. Sono fiducioso del fatto che insieme tracceremo nuove rotte che guideranno l’industria dell’intrattenimento negli anni a venire – ha affermato Satoshi Shinohara, amministratore delegato di TOEI ANIMATION -. Non vedo davvero l’ora di vedere i vari personaggi che abbiamo creato finora addentrarsi in questo nuovo campo”.

“Manga e anime giapponesi come Dragon Ball, ONE PIECE e Sailor Moon di TOEI ANIMATION hanno sempre fatto parte della mia vita. Sono felice di portare questi contenuti in The Sandbox affinché i giocatori e i creatori di tutto il mondo possano apprezzarli – spiega Sebastien Borget, COO e co-fondatore di The Sandbox -. Questa partnership è un’aggiunta entusiasmante per la nostra piattaforma di metaverso aperto perché porta alcuni dei migliori contenuti della cultura giapponese alla nostra comunità di creatori”.

In parte immobiliare virtuale, in parte parco di divertimenti, The Sandbox abbraccia pienamente l’idea del metaverso come uno spazio digitale condiviso continuo in cui mondi ed eroi si incontrano per creare magie. Quella con Paris Hilton si unisce a oltre 400 partnership esistenti tra cui ZeptoLab, Warner Music Group, Ubisoft, The Rabbids, Gucci Vault, The Walking Dead, Snoop Dogg, Adidas, Deadmau5, Steve Aoki, Richie Hawtin, The Smurfs, Care Bears, Atari, ZEPETO e CryptoKitties. Queste alleanze seguono la visione del team di The Sandbox di consentire ai giocatori di creare le proprie esperienze utilizzando personaggi e mondi sia originali che celebri.

Continue Reading

Anime e Manga

AKIRA torna al cinema: sono passati ben 35 anni dalla prima uscita nelle sale

Published

on

akira

Torna al cinema, a 35 anni dalla sua prima uscita nelle sale, AKIRA di Katsuhiro Ôtomo, il film che ha incassato, tra repliche cinematografiche e vendite home-video, oltre 50 milioni di euro, conquistando il pubblico giapponese e rivoluzionando la percezione degli anime in tutto il mondo occidentale.

Unanimamente considerato un capolavoro e inserito da Empire Magazine tra i 100 migliori film in lingua straniera della storia del cinema, AKIRA è diretto da uno dei maestri indiscussi del cinema d’animazione e del fumetto giapponese. Tra le numerose collaborazioni e produzioni di Katsuhiro Ôtomo figurano, tra le altre, “Steamboy”, con cui partecipò fuori concorso alla Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia del 2004, e la sceneggiatura del film “Metropolis” di Rintaro (tratto dal manga di Osamu Tezuka).

L’appuntamento per i fan italiani è fissato per il 14 marzo (proiezioni in lingua originale con sottotitoli in italiano) e 15 marzo (proiezioni in versione doppiata in italiano), quando la Stagione degli Anime al Cinema, progetto esclusivo di Nexo Digital distribuito in collaborazione con Dynit, porterà nelle sale AKIRA in formato 4K e per la prima volta anche in lingua originale (elenco cinema a breve su nexodigital.it). Nel 2013 le celebrazioni del 25esimo anniversario di Akira, sempre organizzate da Nexo Digital e Dynit, avevano raccolto oltre 20.000 spettatori in un solo giorno, con sold out diffusi in tutti i cinema italiani che avevano programmato il film.

Trama Akira

Uscito nelle sale per la prima volta nel 1988 e ispirato al manga ormai giunto alla centesima ristampa del suo primo volume, Akira è ambientato nel 2019, in un’epoca in cui le grandi metropoli sono state spazzate via dopo la Terza Guerra Mondiale. Tokyo è teatro di scontri tra bande di motociclisti, tra cui di distingue la gang dei giovani Kaneda e Tetsuo. La polizia segreta, intanto, cerca di mettere un freno alla minaccia per poter continuare lo sviluppo del segretissimo progetto Akira…

La Stagione degli Anime al Cinema è un progetto esclusivo di Nexo Digital distribuito in collaborazione con Dynit e col sostegno dei media partner MYmovies.it, Lucca Comics & Games e VVVVID.

Continue Reading
Advertisement

Trending