Connect with us
twitch-musicisti twitch-musicisti

Eventi

Musicisti contro Twitch: “Paghi per i brani usati dagli utenti”

Published

on

Copyright e video su internet, una questione lunga e annosa che non si può certo riassumere in poche righe, ma che torna ad infiammare gli artisti che chiedono che l’utilizzo delle loro musiche sia, giustamente, pagato. Questa volta la controversia ha colpito Twitch.

Le richieste della Artists Rights Alliance

Di recente l’Artists Rights Alliance, un’organizzazione no profit a difesa dei cantanti, ha scritto a Jeff Bezos, ceo di Amazon, proprietario della piattaforma dal 2014, per fare il punto della situazione: durante il lockdown infatti si sono moltiplicate non solo gli spettacoli dal vivo, ma anche le violazioni del copyright.

Su Twitch milioni di ragazzi condividono con il pubblico le loro abilità con videogame e performance creative e i loro show sono sempre accompagnati da canzoni, il più delle volte, protette dal diritto d’autore.

Per gli autori dei brani pare che questa volta ci si sia spinti troppo oltre, anche se Bezos, in un’audizione di fronte ai parlamentari americani il 2 agosto del 2020, ha detto di non sapere che Twitch trasmettesse canzoni protette dal copyright. Una risposta fin troppo elusiva, che cerca di scaricare le responsabilità di chi invece doveva controllare.

La crescita di Twitch

La Artists Rights Alliance non ha lasciato correre sottolineando come durante i mesi di chiusura forzata Twitch sia cresciuto in modo esponenziale, facendo registrare nel secondo trimestre del 2020, 5 miliardi di ore di visite (con una crescita dell’83 % rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente). E le proiezioni mostrano che la piattaforma raggiungerà presto i 40 milioni di utenti nei soli Stati Uniti.

Preso nel fuoco incrociato, Twitch non ha potuto fare finta di niente e ha imposto dei seri controlli che, come spesso accade in questi casi, sono stati una cura più dura del male stesso, facendo infuriare i produttori di contenuti della piattaforma.

Politica “tolleranza zero”

Gli utenti di Twitch ricevono fino a tre avvisi (o “strike”) se le loro trasmissioni violano il diritto d’autore e al terzo e ultimo avvertimento, l’account può essere chiuso in via definitiva, come accade anche su YouTube.

Così a partire da quest’estate, Twitch ha avvisato decine di migliaia di giocatori, tra cui alcune star della piattaforma, perché dei loro vecchi video – creati tra il 2017 e il 2019 – violavano il Dmca (Digital Millennium Copyright Act), la legge statunitense che tutela il diritto d’autore.

Twitch, pare avere messo in atto una politica “tolleranza zero”, spingendo gli utenti a mettersi in riga anche con il passato, ma la piattaforma come ha intenzione di comportarsi per il futuro?

Critiche a questo approccio punitivo vengono anche dalla Artists Rights Alliance che preferirebbe che Twitch consentisse la pubblicazione dei brani, mettendo però a disposizione degli utenti un catalogo ufficiale delle canzoni. In questo modo per ogni canzone la piattaforma dovrebbe riconoscere un contributo agli artisti titolari del diritto d’autore.

Non c’è da stupirsi che i musicisti, così come utenti e giocatori, vogliano guadagnare con Twitch, era solo questione di tempo. Ma Twitch sarà in grado di bilanciare gli interessi di tutti, e soprattutto i suoi?

Faccio parte di quella strana categoria di persone che, nonostante ci siano mille film da guardare, milioni di manga da leggere e trecento nuovi titoli di videogiochi, si fissa sempre sulle solite cose, per poi passare notti intere a rimettersi in pari con il mondo. Laureata in Lettere e in Editoria e Giornalismo, colleziono libri antichi in modo ossessivo, adoro piante e gatti e pratico judo da anni nella speranza di diventare, se non invincibile, almeno più saggia.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi

Annunciati gli 8 club che parteciperanno all’eFootball CHAMPIONSHIP PRO 2022

Published

on

eFootball CHAMPIONSHIP PRO

KONAMI ha svelato i dettagli del calendario e i club che parteciparenno all’eFootball Championship Pro 2022. La competizione è stata suddivisa in due categorie: eFootball Championship Pro ed eFootball Championship Open. I Club che parteciperanno al torneo di quest’anno sono: FC Barcelona, Manchester United, FC Bayern München, Arsenal, Celtic FC, AS Monaco, AS Roma e Galatasaray.

Calendario eFootball Championship Pro

Sabato, 4 giugno: Sorteggio abbinamenti
Sabato, 11 giugno – Domenica, 12 giugno: Fase a gironi giorno 1 & 2
Sabato, 18 giuno – Domenica, 19 giugno: Fase a gironi giorno 3 & 4
Sabato, 25 giugno: Quarti di finale e semifinale
Sabato, 26 giugno: Play-off per il terzo posto & Finale

KONAMI trasmetterà live il torneo sui canali social di eFootball™, durante le dirette sarà attiva una campagna che permetterà agli utenti sintonizzati di ottenere oggetti in game. eFootball™ Championship Pro sarà, inoltre, supportato da una serie di campagne da parte dei Club coinvolti e che daranno la possibilità ai fan di vincere premi dopo ogni match.

eFootball™ Championship Open è una competizione pubblica alla quale tutti gli utenti di eFootball™ 2022 potranno prendere parte e competere su diverse piattaforme: PlayStation®5, PlayStation®4, Xbox Series X|S, Xbox ONE e Steam®. Quest’anno, i giocatori potranno partecipare alle finali mondiali dell’eFootball™ Championship Open anche su dispositivi mobile, iOS e Android.

Calendario eFootball™ Championship Open

Lunedì, 27 giugno – Sabato, 3 luglio: Round 1
Venerdì, 8 luglio – Lunedì, 11 luglio: Round 2
Sabato, 30 luglio – Domenica, 31 luglio: Round 3
Sabato, 13 agosto – Domenica, 14 agosto: Finali Mondiali

eFootball™ Championship 2022 si baserà sulla modalità “Dream Team”. “Dream Team” è la nuovissima modalità di gioco in cui gli utenti possono costruire la squadra dei sogni mettendo sotto contratto giocatori e allenatori, facendo uso di oggetti di gioco (ad esempio GP che gli utenti possono guadagnare in-game), e competere contro altri utenti di tutto il mondo.

I giocatori possono anche sviluppare e rafforzare i loro calciatori per adattarli a differenti stili di gioco, oltre a organizzare la loro squadra attraverso il tesseramento e l’allenamento dei calciatori.

Grazie a “Dream Team”, gli utenti di eFootball™ 2022 possono creare la squadra dei sogni, in grado di riflettere la personale ideologia calcistica.

Continue Reading

Eventi

Jundo sbarca al Salone del libro di Torino

Published

on

salone libro torino

Dopo le tappe a Romics e Comicon, Jundo si prepara alla sua prima presenza al Salone Internazionale del Libro di Torino (19-23 maggio) dove sarà presente con anteprime, novità, autori ed eventi!

La XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino si aprirà giovedì 19 maggio con la lectio inaugurale dello scrittore indiano Amitav Ghosh, in collaborazione con Neri Pozza. In contemporanea, nell’Arena Bookstock, si terrà l’inaugurazione del Bookstock, lo spazio dedicato ai giovani lettori, con l’intervento di Maria Falcone, che racconterà agli studenti le battaglie e il lascito morale del fratello Giovanni a 30 anni dal suo assassinio. Il programma è online! Scopri qui gli appuntamenti.

Tornano a Jundo verrà presentata in edizione cartacea, Belle Epoque di Matteo Filippi e Lorenzo Grassi: Due amici. Una metropoli. Zero soldi. Pierre e Seam sognano gli Champs-elysées, lʼalta società e i completi pregiati. Ma, aperti gli occhi, restano solo monolocali marci, bassifondi e debiti da pagare. Un futuro dal tappeto rosso, ma un presente sporco di sangue. Corpi e sentimenti svenduti al primo offerente, rivalsa marcita in vendetta. La città delle luci ammicca, chi fregherà chi?

Salone Internazionale del Libro (Padiglione 1 – Nuovi Editori – Stand E20)

Due gli autori Jundo Originals che parteciperanno alle signing session in stand nei cinque giorni del festival. E ben quattro gli appuntamenti e i panel a cui parteciperà la giovane casa editrice.

Lorenzo Grassi, disegnatore di Belle Epoque (Da Venerdì 20 a Lunedì 23)
Virand, autore di Harakiri (Da Giovedì 19 a Lunedì 23)

Panel ed Eventi

—Venerdì 20 maggio—
Largo all’horror! Sala del Fumetto, PAD 1 – Ore 11:00 – 12:00
Dai maestri del manga Junji Ito e Kazuo Umezz alla narrativa young adult di Manlio Castagna e i webtoon in arrivo dalla Cina, uno sguardo trasversale a un genere sempre più amato e richiesto. Quali le nuove frontiere dell’horror e il loro rapporto con i giovani lettori?
Con: Silvia Casolari (Mufant), Lorenzo Carucci (Jundo), Manlio Castagna e Cristian Posocco (Star Comics)
Moderano: Alessandro Carnevale (autore, Poliniani Editore) e Daniel de Filippis.

Jundo: dai Webcomic ai Webtoon
Sala del Fumetto, PAD 1 – Ore 15:00-16:00
I webtoon non parlano “solo” coreano e cinese! Scopriamo con Jundo l’evoluzione del fumetto
digitale da webcomic a webtoon! Quale è il futuro della fruizione digitale e il rapporto con i formati cartacei? Quali le opportunità per i giovani autori italiani che desiderano mettersi alla prova con i webtoon?
Con: Lorenzo Carucci (Jundo) e Lorenzo Grassi (Disegnatore de La Belle Epoque)
Modera: Daniel de Filippis

—Sabato 21 maggio—

Storia sportiva del fumetto
Sala Olimpica, PAD 1 – Ore 13:15-14:15
Dal manga al graphic novel, dalle biografie alle nuove tecnologie, tutte le sfumature dello sport
raccontato con la nona arte.
Con: Lorenzo Carucci (Jundo), Mattia Ferri (Beccogiallo), Giovanni Russo (Lucca Comics&Games) e Cristian Posocco (Star Comics)

Cina: storytelling e mondi fantastici dalla narrativa al webtoon
Sala del Fumetto, PAD 1 – Ore 18:30-19:30
Con: Lorenzo Carucci (Jundo), Matteo Gaspari (ADD Editore) e Davide Monopoli (Mufant)
Modera: Daniel de Filippis

Dopo il Salone del Libro di Torino, la prossima tappa di Jundo sarà Etna Comics (1-5 Giugno) a
Catania.

Continue Reading

Eventi

Adrenaline Rush: myAppFree lancia questa attesa indie game jam

Published

on

adrenaline-rush

Oggi vi parliamo di una startup imolese, nata nel 2014, che si chiama myAppFree, che ha deciso di lanciare una indie game jam decisamente importante proprio quest’anno. L’evento si intitolerà Adrenaline Rush e sarà una competizione a livello nazionale dove centinaia di developer si sfideranno sviluppando i migliori mobile game secondo il tema che verrà annunciato.

Adrenaline Rush

Non sarà però solamente una competizione, nelle ambizioni degli organizzatori la Jam potrebbe diventare un riferimento per la comunità italiana ed è per questo che in collaborazione con Unity3D è stato organizzato un ricco programma di webinar durante tutta la durata della sfida.

Ma non è finita qui, infatti ci saranno dei premi piuttosto allettanti, in quanto il montepremi totale supera il valore di 80.000 euro suddivisi tra 3 principali categorie: Il Gran Premio, I Top performer e I preferiti dalla giuria. Una giuria di eccezione che include, oltre agli organizzatori, alcuni partner, tra i quali AppsFlyer, una delle più influenti aziende nell’industria dei mobile game.

L’annuncio del tema avverrà il 16 Maggio e segnerà proprio l’avvio della competizione che durerà fino al 15 Luglio.

Il mondo indie italiano

Il panorama Indie italiano è forse uno dei più variegati e meno valorizzati al mondo: ci sono davvero ottimi studi e sviluppatori in grado di creare giochi unici che purtroppo non hanno l’opportunità di spiccare e di raggiungere i giocatori. Ciò che manca sono da un lato gli investimenti e dall’altro la presenza di un player di riferimento per la community italiana. È all’interno di questo contesto che si colloca myAppFree per offrire il supporto di esperti nel mondo del mobile marketing per scuotere il mercato italiano.

Continue Reading
Advertisement

Trending