Connect with us
My-Hero-Academia My-Hero-Academia

Anime e Manga

My Hero Academia – Sopravvivi!: nuovi OVA su Crunchyroll

Published

on

In contemporanea con l’uscita in Giappone, anche Crunchyroll Italia ha diffuso il nuovo OVA in due parti di My Hero Academia – Sopravvivi! Esercitazione di sopravvivenza o la va o la spacca.

Gli OVA si collocano prima dell’esame per la licenza da eroe: la Classe 1-A, divisa in due squadre, dovrà affrontare un’esercitazione il cui scopo è mettere in salvo delle persone (sotto forma di manichini) da un incendio scoppiato in un centro commerciale. Ma mentre Deku e la sua squadra iniziano la missione, una zona cede intrappolando i ragazzi nei sotterranei.

Vi lasciamo i link dei due episodi, la prima parte e la seconda parte, che potete trovare su Crunchyroll. Ricordiamo ai fan dell’anime che è in lavorazione una quinta serie animata e che si possono guardare su VVVVID le prime quattro stagioni. In Italia il manga è pubblicato da Edizioni Star Comics.

My Hero Academia: la trama

In un mondo in cui essere supereroi è la normalità, nascere senza particolari poteri equivale a una vera e propria disgrazia! Izuku Midoriya dovrà mettercela tutta per ottenere un superpotere e, nonostante l’impresa sembri impossibile, qualcuno finirà per notare le sue capacità.

Daily Nerd è un Magazine di cultura Nerd e Geek. Non si tratta semplicemente di riportare notizie, ma di approfondire e riflettere sulla cultura che ci circonda.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anime e Manga

Esce oggi il primo capitolo di The Four Knights of Apocalypse

Published

on

L’anno scorso finiva la serializzazione di The Seven Deadly Sins, ma Nakaba Suzuki non sembra ancora pronto a salutare il mondo fantastico che ha creato e quindi ecco che oggi esce il primo capitolo della serie sequel, The Four Knights of Apocalypse.

Il nuovo manga verrà pubblicato su Kodansha Weekly Shonen Magazine e in occasione del tanto atteso ritorno dell’autore, il primo capitolo sarà composto da ben 70 pagine, di cui una a colori.

Chi saranno i protagonisti del manga?

The Four Knight of Apocalypse, sarà ancora ambientato nella Britannia del ciclo arturiano, ma non vedrà più Meliodas e i peccati capitali come protagonisti. Faranno infatti il loro ingresso i giovani Tristano e Lancillotto, figli rispettivamente di Meliodas e Ban.

I due, chissà forse insieme alle loro controparti, Isotta e Ginevra, potrebbero essere proprio i quattro cavalieri dell’Apocalisse, che sono Guerra, Carestia, Pestilenza e Morte. Non sappiamo ancora quali sfide dovranno affrontare i protagonisti, ma forse qualche spunto potrebbe arrivare da Caos, la forza presentata negli ultimi capitoli del manga e dominata infine da Artù. Non è nemmeno escluso il ritorno di qualche personaggio già conosciuto, che potrebbe fare da mentore ai nostri giovani protagonisti.

Il manga in Italia

In Italia The Seven Deadly Sins è pubblicato da Star Comics, che pubblicherà il volume conclusivo, il numero 41, nel mese di maggio. Non è escluso che in futuro la casa editrice decida di portare anche questa nuova serie in Italia.

E voi cosa ne pensate di questo sequel? Fatecelo sapere nei commenti!

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Anime e Manga

Earwig e la Strega: Gorō Miyazaki sulla produzione del film

Published

on

Earwig-e-la-Strega:-Gorō-Miyazaki-sulla-produzione-del-film

Earwig e la Strega (Āya to Majo) è un film di animazione in computer grafica creato dal famoso Studio Ghibli per NHK. Il lungometraggio è tratto dal romanzo omonimo dell’autrice inglese Diana Wynne Jones, che fu pubblicato postumo nel 2011. Gorō Miyazaki, il direttore del progetto e figlio del premio Oscar onorario Hayao Miyazaki, di recente si è espresso riguardo la produzione del film.

Il sito dedicato Deadline riporta alcune dichiarazioni di Miyazaki, che spaziano dai momenti di ideazione di Earwig e la Strega, alla creazione, fino ai progetti futuri. Riguardo gli inizi il direttore ha detto:

Hayao e Toshio Suzuki (il produttore ndr) sono venuti da me con l’idea che questa novella sarebbe stata una buona storia per un adattamento cinematografico. Mi è piaciuto molto il fatto che la protagonista non sarebbe stata la classica “brava ragazza”, nel senso che sta sempre dalla parte del bene, e che fa sempre la cosa giusta. Lei è un personaggio molto divertente.

Per quanto concerne l’utilizzo della computer grafica 3D:

Con la grande parte delle animazioni create qui in Giappone, il modo di utilizzare la CG, la qualità del risultato dipende sempre dall’approccio tenuto con le animazioni fatte a mano. Quindi, in qualche modo stanno rimpiazzando il processo, ciò che facevano a mano ora lo fa il computer per loro.

Utilizzare solamente la computer grafica 3D, con le immagini fotorealistiche, non sembrava il modo corretto. A me piaceva maggiormente l’idea delle animazioni in stop-motion, con l’uso dei pupazzi. Questo era un metodo più in linea con il mio modo di fare, quindi ho fatto riferimento ai lavori degli studi come Laika e Aardman.

Non volevo creare immagini che potessero estraniare le persone che amano i film dello Studio Ghibli. Non volevamo arrivare fino a quel punto così lontano da ciò che è sempre stato l’estetica dello studio, quindi stavamo sempre a pensare: “Cosa possiamo fare per rimanere fedeli allo stile dello Studio Ghibli, ma comunque in grafica 3D?”.

Nel creare dell’animazione, gran parte del lavoro è composta da una pianificazione meticolosa, e dalla costruzione, una cosa dopo l’altra, dunque non c’è molto spazio per la spontaneità o l’improvvisazione. La vivacità e la naturalezza le possiamo aggiungere solamente attraverso la musica o il voiceover, quindi quando abbiamo attori che arrivano e contribuiscono, al momento, con l’improvvisazione. Questo arricchisce ulteriormente il film. Credo che la forza e la bellezza dell’animazione 3D siano date dalle possibilità che questa ti concede di tirar fuori dal personaggio azioni e caratteristiche. Mi sono divertito nel creare sequenze dove Earwig fa molte espressioni, e mostra molte emozioni attraverso le azioni.

Infine, sulla questione di un eventuale altro lungometraggio sul personaggio di Earwig:

Ho sentito molte persone, che già hanno visto il film, chiedermi: “Farete un sequel del film?” e questo è un po’ problematico per me. La produzione del film ha richiesto quattro anni, e quando pensi di trascorrere i prossimi quattro anni facendo un sequel, anche se l’idea non mi dispiace, non sono così giovane. Perciò preferirei passare il mio tempo facendo qualcosa di più stimolante, qualcosa di nuovo.

Earwig e la Strega è stato trasmesso in Giappone il 30 dicembre 2020, la data di uscita prevista – per i cinema statunitensi – è il 3 febbraio 2021. Purtroppo non siamo ancora a conoscenza di una data di pubblicazione per il nostro Paese. Non appena avremo novità a riguardo, le condivideremo con voi.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Anime e Manga

I 10 manga che i fan giapponesi vorrebbero vedere conclusi

Published

on

Nessuno vorrebbe che il suo manga preferito terminasse e non si è mai pronti per dire addio ai compagni di tante letture, ma a volte anche il troppo stroppia e ci sono serie che vanno avanti da anni senza che si riesca (o voglia) mettere la parola fine.

E noi sappiamo che il mondo dei manga è pieno zeppo di serie, anche parecchio vecchie, che ancora sono in fase di pubblicazione. Attenzione, non abbiamo niente contro le serie lunghe, ma a volte quando la storia continua a girare su sé stessa da anni, anche i lettori valuteranno se ha ancora senso spendere tempo ed energie in una serie che non si sa dove voglia andare a parare.

Il sondaggio di Futabanet

A questo proposito il sito giapponese Futabanet ha chiesto ai fan nipponici quale serie di manga vorrebbero veder finita. La domanda è stata posta a 200 uomini e donne giapponesi, di età compresa tra i 30 ei 40 anni, una scelta che potrà aver orientato le risposte in una certa direzione, ma era proprio questo l’obiettivo del sondaggio, sentire “i più vecchi”, in modo che andassero a recuperare i manga della loro adolescenza.

Di contro non avrebbe avuto senso chiedere ad adolescenti o ventenni di oggi, che non erano nemmeno nati quando alcune di queste serie sono iniziate (mi serve un momento per riprendermi dallo shock).

Ok siamo pronti! Ecco di seguito, in ordine decrescente, le serie manga che i lettori giapponesi vorrebbero veder concluse (la percentuale è il numero di persone che hanno scelto quel titolo):

10. Hajime no Ippo – 1.5%

9. Kingdom – 2%

7. Kobo chan – 3.5%

7. Berserk – 3.5%

6. JoJo’s Bizarre Adventure – 4.0%

5. Golgo 13 – 4.5%

4. Glass Mask – 5.0%

3. Hunter x Hunter – 9.0%

2. One Piece – 14.5%

1. Case Closed – 31.0% (Detective Conan in Italia)

E voi quale serie vorreste finalmente veder teminata? Fatecelo sapere nei commenti!

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending