Connect with us
gaijin-salamander-recensione gaijin-salamander-recensione

Recensioni

Recensione: Gaijin Salamander, il guerriero che anela alla pace

Published

on

Gaijin Salamander – Samurai a Sangue Freddo è un fumetto confezionato da Massimo Rosi (storia), Ludovica Ceregatti (disegni), Renato Stevanato (colori) e Mattia Gentili (lettering e design). Il titolo nasce come primo esperimento di collaborazione fra l’associazione culturale DOUbLe SHOt e la casa editrice Leviathan Labs e – possiamo dirlo fin d’ora – l’esperimento è riuscito in pieno. Abbiamo infatti tra le mani un prodotto di qualità, sotto tutti i punti di vista.

La trama, quando un episodio cambia la storia

La storia di Gaijin Salamander affonda le proprie radici in un Giappone feudale popolato da Rane antropomorfe che vedono il loro Paese invaso dalle Lucertole straniere, giunte sulle loro rive con l’intento di aprirsi una nuova base mercantile in Oriente. Con il passare del tempo gli invasori a sangue freddo si fanno strada in un Giappone ricco di storia e dedito alla propria cultura, soggiogando le Alte Cariche dello Stato fino ad arrivare al fianco dell’Imperatore.

Per molto questa è stata la terra di grandi eroi… una terra solcata da forza di volontà e onore. Una terra fatta per l’acciaio. Per la destrezza e per la devozione alla propria arte.

Ma se l’invasione per i primi periodi aveva ancora i tratti di un pacifico, ancorché subdolo, scambio di merci e culture, una morte spezza questo equilibrio… e porta la guerra.

Un giorno il Comandante Coda-Corta, figlio del Generale delle Lucertole Claude Grosso-Sauro e stimatore della forza e delle usanze dei Samurai, era a passeggio con lo Shogun Gonfia-Gote – fondatore di una scuola di spada molto famosa in Giappone – e i due vennero attaccati da un gruppo di banditi. Per sfuggire all’aggressione, vista la schiacciante superiorità numerica dei nemici, Coda-Corta e Gonfia-Gote si gettarono in un lago vicino ma la Lucertola accidentalmente morì annegata.

Il pretesto diede la possibilità al Gen. Grosso-Sauro di iniziare la conquista delle terre del Giappone, conquista che trova la strenua resistenza dello Shogun e dei Samurai, in particolare di un Gaijin – uno “straniero” – senza nome.

I personaggi e il disegno, un appagante contrasto

I personaggi che animano il fumetto Gaijin Salamander sono tutti contenitori di grandi emozioni: il protagonista senza nome è mosso dall’amore, lo Shogun Gonfia-Gote sente sulle proprie spalle tutto il peso di una cultura che senza di lui sarebbe cancellata completamente, il Comandante di Alto Grado John Philip Sputonero non vuole altro che la guerra; questo coacervo di forti emozioni però è contrastato dai disegni e dalle atmosfere, i primi sono semplici e le seconde – con poche eccezioni – pacate.

I personaggi che sono al centro della storia, ben caratterizzati e con il loro posto preciso all’interno della trama, sono al tempo stesso curati e semplici nel loro disegno. Un’espressione appena accennata – in pieno stile Samurai –, una veste con qualche piega scossa dal vento, un paio di grandi occhi gialli che fanno percepire al lettore un’emozione al confine fra l’animalesco e l’umano. Ma non si faccia ingannare il lettore, nonostante questa semplicità i soggetti sono riconoscibili a colpo d’occhio grazie allo stratagemma del “particolare”: ogni personaggio principale ha un segno distintivo, che lo caratterizza a livello visivo e lo rende diverso da tutti gli altri – nel caso del protagonista sono notabili delle macchie gialle sul corpo -.

Ciò, presumibilmente, è stato fatto per sopperire alla mancanza di una riconoscibilità fisiognomica – che l’occhio e il cervello umano attuano inconsciamente per distinguere i vari volti delle persone – visto che i protagonisti sono animali. L’espediente ha colto nel segno, dopo qualche pagina non ci accorge nemmeno più che i protagonisti non sono esseri umani.

Passiamo ora alle atmosfere, candidate per rubare il posto di protagonisti visivi ai personaggi. Abbiamo anticipato che tutto il fumetto, nonostante i forti argomenti trattati, è avvolto da un alone di calma e pacatezza. I colori degli sfondi sono tenui, dominano il verde, il marrone, il blu e solo uno schizzo di sangue dal rosso acceso o una vivida fiamma spezzano le morbide tonalità. I flashback in particolare eliminano completamente ogni colore forte, essi sono coperti da una patina in simil-pergamena che dona un misto di sacralità e nostalgia. Fanno eccezione a questa flemmatica predominanza solo un paio di scene, altamente concitate, che si accendono dei toni dell’arancione e del giallo, ma sono solo questo: eccezioni in una regola di calma e tenuità.

La forza delle tradizioni e degli insegnamenti

Non si può fare una recensione di Gaijin Salamander senza dedicare un commento agli insegnamenti che vengono evidenziati all’interno dell’opera. Il protagonista conosciuto come Gaijin è una Lucertola alla quale il grande Maestro Pugno-Sashimi insegna la Via della Spada, mentre questo evidente contrasto aiuta a caratterizzare il personaggio occorre soffermarsi sulla filosofia che sta alla base del Codice dei Samurai. I concetti di forza, dedizione, sacrificio e vita vissuta con la consapevolezza della morte enfatizzati nel fumetto sono piuttosto lontani dalla nostra filosofia occidentale – e anche questo è sottolineato nelle differenze fra le Rane giapponesi e le Lucertole straniere – ma sono ciò che fa di un Samurai un Samurai.

Un guerriero non è uno con grandi muscoli, o tecniche incredibili, figliolo. Quelli che pensi siano guerrieri non lo sono… essere guerrieri significa autopossedersi. Avere una propria centralità. Essere vuoti, e consapevoli.

Arriverai al punto in cui la tua mente si focalizzerà sul momento… In un mondo dove la morte è cacciatore, ragazzo mio, non c’è tempo per il rimpianto o il dubbio. C’è tempo solo per decidere.

Con queste parole il Maestro Pugno-Sashimi impartisce una grande lezione al suo alliveo Gaijin, una lezione che racchiude tutto il Credo dei Samurai e che potrebbe servire – oggi più che mai – per capire che molte delle cose che noi riteniamo importanti, non lo sono affatto. Beni effimeri non sono nulla se paragonati alla consapevolezza del proprio essere e del momento in cui si sta vivendo, la vita è troppo breve per perdersi in frivolezze passeggere, abbiamo solo tempo per decidere e agire.

Sono questi insegnamenti ciò che le Rane, all’interno di Gaijin Salamander, stanno tentando di proteggere. Non cercano di tutelare i propri beni, mai una volta i Samurai – a differenza delle Lucertole – fanno riferimento all’oro o alle proprietà. Ciò che lo Shogun Gonfia-Gote vuole è solo preservare una cultura fatta di tradizioni millenarie, le stesse tradizioni che identificano un popolo e gli danno un posto nel mondo.

Gaijin Salamander: considerazioni

Questa recensione, che non ha la velleità di essere completa, ha voluto dare una prima infarinatura a chiunque si voglia avvicinare alla lettura di un fumetto che, nonostante veda animali come protagonisti e una morale finale, non va preso alla leggera come una favola di Fedro (anche se si potrebbe aprire un dibattito sui suoi scritti, leggeri solo all’apparenza).

Gaijin Salamander è un comic profondo e ben scritto che affronta argomenti come la guerra, l’amore e la morte in maniera decisa e diretta; nonostante sia agilmente fruibile da chiunque – le scene di violenza non sono poche ma sono molto smorzate – si presta anche ad una lettura ben più profonda e introspettiva, magari accompagnata da una conoscenza dei fatti avvenuti in Giappone nella seconda metà del diciannovesimo secolo.

Se avete voglia di un fumetto bello a tutto tondo, dai disegni alla scrittura, dalla caratterizzazione dei personaggi ai temi affrontati, Gaijin Salamander di DOUbLe SHOt e Leviathan Labs è ciò che fa per voi. Non vi fate ingannare dalla presenza di Rane e Lucertole, la sua forza sta tutta nella semplicità dello stile, negli insegnamenti che trasmette e nelle riflessioni che fa scaturire nel lettore più attento.

Se siete alla ricerca di altri titoli da leggere trovate qui le nostre recensioni: Metro Zone, Anomalia, Oblio.

Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Film e Serie TV

Dune, alti e bassi di un colossal che ha ancora tanto da dire, la recensione

Published

on

trailer dune film

Dopo tantissimo tempo siamo potuti tornare al cinema (anche se con distanziamento, mascherine e green pass), ma l’emozione è stata fortissima. Noi siamo andati a vedere Dune, il nuovo colossal fantascientifico diretto da Denis Villeneuve e basato sull’omonimo romanzo di Frank Herbert: ecco la recensione!

Trama

In un distante futuro il duca Leto Atreides accetta la gestione del pericoloso pianeta di Arrakis, anche noto come Dune, l’unica fonte della sostanza più preziosa dell’universo, “la spezia”, una droga che allunga la vita, fornisce capacità mentali sovrumane e rende possibili i viaggi nello spazio. Nonostante Leto sappia che l’offerta è parte di una complessa trappola creata dai suoi nemici, decide di partire per Arrakis, portando con sé la sua concubina, la Bene Gesserit, Lady Jessica e il loro figlio ed erede Paul.

Ma purtroppo gli ingranaggi del male si mettono subito in modo e il Barone è deciso a riconquistare il pianeta e la sua ricchezza con la forza. Scampati per miracolo ad un attacco degli Harkonnen, Paul e la madre finiscono per cercare riparo nel deserto, abitato dai Fremen, popolo nativo di Arrakis, che nasconde tanti misteri e forse sarà la chiave per porre fine alla guerra.

Cast

Il regista Dennis Villeneuve ha messo insieme un cast di prim’ordine, del quale parleremo meglio più avanti in questa recensione di Dune, che comprende Timothée Chalamet, Rebecca Ferguson, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Stephen McKinley Henderson, Zendaya, Chang Chen, Sharon Duncan-Brewster, Charlotte Rampling, Jason Momoa e Javier Bardem.

Il film è piuttosto lungo, oltre 2 ore e 30 minuti, quindi guardatelo solo quando siete pronti a farlo, anche perché il primo film, per chi come me non conosce i libri, è stato piuttosto “caotico” con tantissimi nomi e profezie nelle più svariate lingue da ricordare.

La carne messa al fuoco è tanta e in molte parti il film scorre con una lentezza alla quale non siamo abituati (alcune sequenze riportano alla mente Odissea nello Spazio). In questa recensione di Dune non si può non tener conte del fatto che l’obiettivo del film è gettare le basi di una trilogia più strutturata, ma in questa prima parte lo spettatore più volte fatica a capire cosa stia succedendo.

La storia forse dà un po’ per scontato tante piccole cose che avrebbero fatto capire meglio la posizione della famiglia Atreides rispetto all’impegno e agli altri “nobili”. Sappiamo che ci sono diverse casate, più o meno potenti, che sono sottomesse ad un imperatore, che non è ancora comparso nel film, e che cerca di indebolire quelli che potrebbero mettere in pericolo il suo potere assoluto. Queste casate inoltre “gestiscono” i propri pianeti come fossero dei feudi, imponendo su di essi il loro controllo.

Cosa ha funzionato e cosa poteva essere fatto meglio

Premessa: il film era super atteso e ha incassato anche l’apprezzamento del pubblico della 78esima Mostra del Cinema di Venezia; un film di questo genere, un colossal moderno, non si vedeva da anni e com’era da aspettarselo il pubblico si è diviso tra chi si aspettava qualcosa di diverso e chi è rimasto folgorato dal lavoro fatto dal regista e dal cast.

Dune è un colossal, non va guardato come un film a sé stante, ma riprende un genere ben preciso, anche con dei suoi canoni narrativi, ad esempio le musiche, che ho apprezzato tantissimo, che non hanno fatto solo da colonna sonora, ma erano davvero il “12esimo uomo in campo”, usando una metafora calcistica. Anche l’ambientazione “gigantesca” e i vermi delle sabbie, così come le costruzioni gigantesche, sono stati resi bene, anche se non c’è stato modo di capire ancora nel dettaglio usi e costumi dei vari popoli.

Quello che forse poteva essere modificato è il tempo del racconto: alcune scene, per quanto siano anche molte intense, risultano lunghe, e fanno fremere lo spettatore che vorrebbe saperne di più sulla storia. In realtà in due ore e mezza di film di cose davvero salienti ne succedono poche, eppure ci è voluto tantissimo tempo per raccontarle, senza per altro entrare troppo nei dettagli. Che tecnologie usano questi popoli, che tipo di società hanno costruito? Credono in qualche dio o divinità? Sappiamo solo che attendono un “salvatore”, ma nulla più.

Il cast come abbiamo detto è di primo piano e i giovani, seppure già apprezzati dalla critica come Chalamet e Zendaya, lavorano bene al fianco dei colleghi più navigati. Speriamo che più avanti tutti (o quelli che restano) abbiamo più spazio perché per il momento l’unico che abbiamo davvero visto tanto è solo l’interprete di Paul che, per il momento, non ha deluso le aspettative.

Conclusioni

Dune si prospetta quindi come l’antipasto di un “pranzo” ben più consistente e ci aspettiamo quindi che con il tempo tutto quello che in modo, anche un po’ caotico, è stato dato in pasto allo spettatore acquisisca dei contorni via via più chiari.

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Jundo: un primo sguardo a “Bang!”

Published

on

bang

Bang!, nuovo titolo del catalogo Jundo, è scritto da Matt Kindt, vincitore del  “Best-selling writer and artist” del New York Times e disegnato da Wilfredo Torres, già disegnatore per Dynamite, DC Comics e Marvel.

Bang!: sceneggiatura

Un agente segreto di prim’ordine con ricordi che non potrebbe mai possedere, una scrittrice di gialli ultra ottantenne che trascorre la sua pensione a risolvere crimini, un uomo d’azione con misteriose droghe che lo mettono davanti ad una serie costante di disastri mirati e un’organizzazione terroristica apparentemente onnipotente che potrebbe essere dietro tutto questo.

Tutti collegati a un uomo: un autore di fantascienza con più informazioni di quelle che sembrano possibili, i cui libri potrebbero contenere la chiave per salvare la realtà o distruggerla.

Disegni

I disegni ricalcano, ovviamente, lo stile pop-americano, caratterizzando le tavole con una griglia a 3, massimo 4, strisce. Molto colorate e con alcune splash page doppie davvero suggestive.

Capitoli e aggiornamenti

Attualmente l’opera conta ben 5 capitoli di una trentina di tavole l’uno.  

Bang!: conclusioni

Questo è un titolo la cui trama sembra molto intrecciata ma non complicata. Dalle prime tavole è possibile delineare il suo genere, cosa che potrebbe non piacere a tutti, ma che sicuramente è il punto forte della narrazione e dell’opera in generale.

Se siete interessati ad altre anteprime Jundo, leggete i nostri “primi sguardi“.

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Jundo: un primo sguardo a “Tebori”

Published

on

tebori

Tebori è un nuovo titolo Jundo, scritto e disegnato dal duo spagnolo composto da Jose Manuel Robledo e Marcial Toledano. I due si sono conosciuti all’Università di Madrid nei 2001 e da allora non hanno più smesso di lavorare insieme, pubblicando per Dargaud Ken games e il prequel Louviers, W 2.2 e Opération Félix.

Tebori: sceneggiatura

Yoshi, un ragazzo giapponese indisciplinato, viene affidato da suo padre a Seijun, un grande maestro di tatuaggi. Contro ogni previsione, il ragazzo impara l’arte e la complessa tecnica del tebori.

Il maestro è avvolto da un alone di mistero, tatuando solovip”. Le cose però cambiano quando dopo aver sentito dei rumori, trova il maestro con le mani rotte.

Disegno

I disegni di questo fumetto rimandano ad uno stile americano ma con elementi cartooneschi. La scelta dei colori, nonostante la storia prenda una strada crime-noir,  ricade su una tavolozza colorata ma ben distinta fra le varie sequenze, prediligendo una gamma di colori specifica in base all’ambientazione.

Aggiornamenti e capitoli

Sono usciti due capitoli della storia: l’introduzione ed il volume 1, per un totale di 60 tavole. 

Tebori: conclusioni

Tebori è un titolo che si inserisce in un genere ben definito approfondendo il mondo del tatuaggio che non è, solitamente, conosciuto da tutti; dando un risvolto anche storico sulle origini e le tradizioni della suddetta arte.

Un titolo che scorre alquanto velocemente, forse fin troppo il che potrebbe essere un punto a sfavore; è comunque un fumetto che, per la brevità e la tematica trattata, potrebbe interessare a molti.

Se siete interessati ad altre anteprime Jundo, leggete i nostri “primi sguardi“.

Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending