Connect with us
samuel stern 21 samuel stern 21

Fumetti e Cartoni

Samuel Stern 21: Il demone che cadde sulla terra

Published

on

Samuel Stern 21:Il demone che cadde sulla terra è l’episodio di casa Bugs Comics di questo mese estivo. Un albo particolare che getta diverse basi e conferma alcuni presupposti riguardo l’universo “sterniano” che si sta, via via, sempre di più edificando lanciando, chissà, un sassolino molto lontano.

Samuel Stern 21: la trama

La storia inizia con la morte di George e la bizzarra permanenza del suo demone nel mondo terreno. Samuel, giunto sul luogo, incontra Gillian dell’Agenzia; anch’egli deciso a studiare la sinistra forma di vita. Prelevato il demone e portato in una base per interrogarlo, Gillian rivela che l’Agenzia sta studiando da molto tempo l’ascensione di queste entità dopo la morte del loro ospite verso Legione: l’informe che accoglie tutti i demoni.

Il demone George sembra sia rimasto, come altre eccezioni, ancorato al nostro mondo senza riuscire ad andarsene. Tuttavia durante l’interrogatorio irrompono Randy e Isobel decisi a verificare le condizioni di George. Partirà così un combattimento in cui Samuel dovrà proteggere il piccolo demone.

Narrazione e disegni

Scritto dal trio Fumasoli, Filadoro e Savegnago, Samuel Stern 21 risulta essere un episodio chiave nella storia e nel percorso del protagonista. La narrazione, sebbene diretta, pone nuovi dubbi e getta paletti, aumentando la brama di sapere del lettore.

I disegni realizzati da Luigi Zagaria sono caratterizzati da tratti decisi, propri dello stile del fumetto in questione, ma sanno anche cambiare a seconda dei vari flashback e sopratutto delle varie dimensioni; rendendo il tutto perfettamente coinvolgente ed espressivo.

Conclusioni

Samuel Stern 21 a mio avviso, non è solo un volume come tanti, ma è un episodio con forti snodi narrativi – in particolare per quanto riguarda l’ambientazione – che cerca di spiegare quel “non-detto” che fino ad ora ha fatto da fondamentale sfondo alla storia. Come nell’episodio precedente ci sono molte questioni che gli sceneggiatori mettono in gioco e molte possibilità che spero verranno sviluppate nei prossimi numeri – o che comunque non vengano abbandonate.

L’universo sterniano si sta aprendo sempre di più e questo potrebbe essere un grande punto di forza per tutta la serie regalando, magari, quel qualcosa in più che potrebbe diventare caratteristico dell’opera. Ricordando anche quanto detto dallo stesso Gianmarco Fumasoli in una nostra intervista, in cui diceva che per la fine di quest’anno succederanno diverse cose volte ad approfondire e sviluppare tutta l’ambientazione intorno. Dunque rimaniamo in attesa di vedere cosa succederà e già i presupposti sembrano intriganti.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fumetti e Cartoni

Dylan Dog Oldboy n.9: Fuori di zucca

Published

on

Sergio Bonelli Editore ci presenta il nono numero della serie Dylan Dog Oldboy, dal titolo, decisamente in stile Halloween, “Fuori di zucca“.

I figli dell’illusione: trama

Questa storia inizia con una misteriosa sparizione. Durante un numero circense, l’illusionista Devin Cross mette in atto un numero di sparizione, chiamando i suoi figli Alyssa e Jordan come cavie. Li fa entrare in una gabbia e quindi correre. Così facendo li fa sparire.

Tuttavia scopriamo che fra il pubblico c’era la sua ex-moglie: Krista Arnaud. Krista si rivolge a Dylan Dog dal momento che i suoi figli non sono più apparsi, sostenendo che il colpevole sia il suo ex-marito. Starà a Dylan ritrovare i figli.

Narrazione e disegni

La storia, che non ho voluto descrivere troppo accuratamente nella “trama”, è scritta dall’ormai celebre penna di Paola Barbato e racchiude diversi elementi e situazioni da gustare man a mano che si avanza nel racconto. Il tutto condito da un alone di suspense e magia che danno l’illusione della storia (scusate il gioco di parole).

I disegni, invece, sono affidati a Gianluca Acciarino, che ha dovuto affrontare degli ostacoli non proprio semplici; ma che, a constatare dal risultato finale, ha superato alla grande, regalando al lettore quell’atmosfera da illusionismo che ben caratterizza questa storia.

Lei abita ancora qui: trama

La storia inizia con Sir Robert Stafford che, dopo essersi congedato dalla camera da letto, si avvia verso un capanno dove viene ucciso. Scotland Yard sospetta di un suicidio dal momento che soffriva di depressione e quindi prendeva pasticche, oltre al fatto che beveva; inoltre la sua Jaguar risulta essere sparita.

Tuttavia il giardiniere si presenta a casa di Dylan dicendo di avere delle informazioni importanti poiché in quella casa succedono cose molto strane: a quanto pare Strafford non era depresso, ma terrorizzato da un fantasma.

Narrazione e disegni

Per questo secondo capitolo, il merito sia della sceneggiatura che dei disegni va attribuito a Gigi Simeoni. L’autore in questo episodio riesce a trasmettere grazie ad un ritmo della narrazione cadenzato una sensazione di ferma inquietudine, andando a crescere man a mano nella storia.

Sebbene si “giochi a carte scoperte” i disegni fanno tutto il resto, accompagnando di fatto il lettore in quest’avventura creando ambienti e suggestioni che riescono a catturare l’attenzione e ad accentuare il climax narrativo.

Conclusioni

Quest’albo di Dylan Dog Oldboy n.9, regala numerose soddisfazioni. Nella prima storia infatti il mistero è il vero protagonista dell’episodio e per tutti coloro intrigati dall’atmosfera magica sicuramente sarà ancora più avvincente la sceneggiatura della Barbato.

La seconda tuttavia, sebbene cambi rotta rispetto alla prima, non è da meno giocando su un evegreen dell’horror rivisitato come solo Simeoni è riuscito a realizzare; andando a creare un clima molto particolare.

Dylan Dog Oldboy n.9 è un albo che vale la pena leggere, come anche il suo predecessore del quale se volete trovate la recensione qui.

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

The Barbarian King 4 – Con un cuore nero, torna l’epica saga di Leviathan Labs

Published

on

barbarian king 4


Torna la saga più amata di Leviathan Labs, il fantasy eroico sulle orme di Robert E. Howard: The Barbarian King 4 – Con un cuore nero. Della serie fanno parte anche uno spin-off, che ha approfondito l’enigmatica figura della strega Salomè, e un bellissimo artbook che è un ulteriore pregio di questa serie.

Se vi interessa conoscere le gesta del cimmero più famoso di sempre vi consigliamo di recuperare le nostre recensioni che vi faranno assaporare la qualità narrativa e la bellezza grafica di questo racconto. Il comparto artistico di The Barbarian King è di altissimo livello; l’azione è viscerale, fatta da un connubio di stile sporco, nero e vibrante, in grado di dare peso e gravitas a ogni scena, ogni colpo, ogni interazione.

Trama The Barbarian King 4

Il viaggio del barbaro continua verso il passaggio che sprofonda nell’aldilà, dove la sua famiglia, trucidata dalle sue stesse mani, giace prigioniera. La pena sarà il solo compagno del re caduto… la pena ed una minaccia cosmica che pende sulla testa dell’intero pianeta. Sarà davvero il barbaro più famoso di sempre a salvare tutta Hyboria?

  •  Autori: Massimo Rosi, Alessio Landi (storia), Nicolò Tofanelli (disegni), Luca Pinelli (colori)
  •  Formato: Brossura
  •  Pagine: 176 a colori
  •  Prezzo: 15 euro

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Samuel Stern EXTRA: I 4 cavalieri

Published

on

samuel stern i 4 cavalieri

L’extra di Samuel Stern, arriva direttamente in edicola da casa Bugs Comics. Un albo voluminoso di ben 130 tavole, al costo di 5,50 euro.

Samuel Stern extra: la trama

I 4 cavalieri è un albo che va a focalizzare la sua attenzione sui personaggi comprimari della serie Samuel Stern, raccontando quattro brevi storie, una per ognuno. Farò giusto un incipit per non rovinare a voi lettori il piacere della scoperta.

Lettere da Teignmouth: in questo primo episodio, il protagonista è padre Duncan. La storia narra del prete esorcista che compie quest’avventura da solo. Lo stile e l’ambientazione sono caratterizzati da luoghi e personaggi laidi, malfamati e corrotti; e il tutto è pervaso da strutture lovecraftiane che vengono accompagnate dalle fantastiche matite di Baldolini.

Samhain: la protagonista di questa storia è Penelope Campbell (Penny). La storia propone una tipica ambientazione di Halloween, in cui la protagonista viene coinvolta in una storia di fantasmi che lascia intravedere qualche informazione in più sulla sua vita passata.

Lo Zahir: Angus ne è il protagonista e ci riporta ad una storia dal tipico sentore letterario in cui possiamo quasi sentirne il profumo. Questo racconto non pone solo sotto la lente dell’obiettivo Angus, che comunque svela qualcosa riguardo al suo passato praticamente sconosciuto, ma soprattutto rivela qualche informazione riguardo i poteri del nostro Samuel Stern.

Il Cristo di Bannockburn: ultima ma non per importanza, questa storia vede come protagonista Foster Cranna. Questo capitolo lascia un pò lo stile orrorifico che si era mantenuto fino a questo momento passando ad un thriller-noir molto impattante e d’effetto. Tuttavia senza dimenticare l’ambientazione tipica con possessioni varie cui Cranna e Stern dovranno far fronte.

Conclusioni

Questo albo Samuel Stern Extra 2021è ricco di spunti interessanti e storie avvincenti tuttavia non tutte sono allo stesso livello. Personalmente considero la prima e la terza, forse, le migliori; il che non significa che le altre non siano valide, ma certo non sono all’altezza.

Non me la sentirei di gridare al capolavoro dell’horror, anche perché seguendo Samuel Stern ho letto veramente alcuni capolavori dell’horror e se dovessimo essere oggettivi non tutti i capitoli sono all’altezza, per esempio di alcune storie dei “Racconti dal Derryleng“.

Inoltre il prezzo tende a salire e quindi potrebbe più non valerne la pena considerando l’uscita annuale che dovrebbe, in qualche modo, dare un boost notevole offrendo qualcosa di innovativo e più curato come colori, cover gallery, fan art (anche per giustificare un prezzo che inizia ad essere più impegnativo).

Un piccolo ma grande plauso, comunque, va ai disegni di Baldolini. Leggendo il primo capitolo sembrava di vedere solo maestosissimi quadri.

Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending