Connect with us
Barbarian King 4 recensione Barbarian King 4 recensione

Fumetti e Cartoni

The Barbarian King 4: Con un Cuore Nero – Recensione

Published

on

The Barbarian King 4, torna l’epica monumentale di Leviathan Labs.

Leviathan Labs torna alla carica con la quarta parte di “The Barbarian King”, l’apprezzatissima serie a fumetti (trovate qui le nostre recensioni dei volumi 1 e 2 e del volume 3) che narra inedite e originali vicende del leggendario re di Aquilonia, il Re Barbaro figlio dalla leggendaria penna di Robert E. Howard.

Questa quarta iterazione, evocativamente intitolata “Con un Cuore Nero”, riprende direttamente da dove “Dea della vendetta” ci aveva lasciati, presentandosi come un’opera solida, contenutisticamente valida e strutturalmente massiccia.

Le penne di Massimo Rosi e Alessio Landi, sostenute dai sempre magnifici disegni di Nicolò Tofanelli, ci riaccompagnano in un mondo crudele, sanguinario e spietato, che non ha di certo perso la magnetica, viscerale attrattiva che ci aveva fatto innamorare nel corso dei primi tre volumi. Tutt’altro.

La storia di The Barbarian King 4

La trama di The Barbarian King 4: Con un Cuore Nero prende avvio dallo scontro lasciato in sospeso tra il re barbaro e ciò che resta del mago Yara – ormai ridotto a immonda e abominevole creatura, araldo dell’ormai inevitabile arrivo di un dio cosmico, Imdugud, dai sapori squisitamente eldritchani.

Trovare la forza e prendere il coraggio di usare il potere necessario ad abbattere Yara è soltanto l’inizio delle peripezie a cui Conan si trova sottoposto nel corso dell’albo. La struttura narrativa è indubbiamente ben impostata: dopo la risoluzione del conflitto rimasto insoluto al termine del terzo albo si passa immediatamente alla suggestiva presentazione del “nuovo” nemico, il sultano Orhan, il vessillo mortale attraverso cui la sopra nominata divinità cosmica intende conquistare Hyboria.

Continuando un trend già avviato con il terzo volume, tuttavia, i filoni narrativi presentati in questo quarto capitolo si distinguono e distanziano dal solo punto di vista del re barbaro.

Continuiamo infatti a seguire anche il fato di Aquilonia, rinata dalle ceneri lasciate dalla follia indotta del re caduto e passare alla giurisdizione di Khon, un leader ben più intransigente, ben più spietato del barbaro ritrovatosi a regnare.

Parallelamente, il volume ci accompagna anche nel proseguimento del viaggio di Hyra, la Dea della Vendetta per cui era titolato il precedente capitolo, entrando ulteriormente nel suo passato e nella profondità della sua rabbia e del suo dolore. Il confronto con il principale oggetto della sua rabbia, Rashad, viene in questo volume preparato, costruito ed eseguito, culminando in uno scontro lungo, viscerale e sia narrativamente che visivamente soddisfacente.

La trama di The Barbarian King, insomma, non accenna a rallentare. Con l’aggiunta di nuovi filoni narrativi, con l’approfondimento e l’ampliamento degli intrecci politici, la serie sembra prepararsi ad andare avanti ancora a lungo, o, come minimo, a posizionare i tasselli per un finale grandioso. Ne è prova anche la semplice dimensione del volume, ben più corposo di quelli precedenti.

I disegni

La qualità dell’intero comparto artistico si mantiene sul già appurato, elevato livello al quale ci avevano abituato i primi tre volumi. Continuano a impressionare disegni e colori, in grado di adattarsi magistralmente all’atmosfera, alla velocità e alla dinamicità di ogni scena, modulando con intatta continuità artistica ogni cosa alla giusta situazione. Impressiona in particolar modo, in questo volume, l’uso e l’applicazione delle diverse tonalità di verde associate alla presenza e al malato, alieno potere di Imdugud. Fumi venefici, luci, bordate d’energia, esplosioni che contrastano piacevolmente ed efficacemente con già precedentemente elogiati neri e rossi ferraginosi.

In conclusione

Barbarian King 4 Con un Cuore Nero è tutto ciò che avremmo voluto dal nuovo volume della serie – e anche di più. Grazie a un ampliamento della prospettiva narrativa e a un’ulteriore approfondimento delle vicende sia personali che politiche, la storia si mantiene fresca, intirgante ed avvincente. Non vediamo l’ora di avere per le mani il prossimo.

Letterato e giornalista di formazione, scansafatiche poliedrico di professione. Il mio super potere è la capacità di interessarmi di pressoché qualsiasi cosa e dedicargli un’attenzione media di 7,8 secondi. Con le dovute eccezioni. Quando non perdo tempo, lavoro. Quando non lavoro, scrivo. Quando non scrivo, consumo media o gioco di ruolo. Quando non consumo media e non gioco di ruolo, perdo tempo. Il cerchio della vita.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Eventi

Festival del Fumetto di Angoulême: i vincitori dei premi

Published

on

Festival del Fumetto di Angoulême: i vincitori dei premi

Il Festival del Fumetto di Angoulême – precisamente il Festival International de la bande desinée d’Angoulême – è una delle più grandi manifestazioni mondiali dedicate al fumetto che si tiene, ogni anno, nell’omonima città francese dal 1974. L’edizione del 2023, che si tiene dal 26 al 29 gennaio compresi, ha visto nel corso della giornata del 28 gennaio 2023 la premiazione delle migliori opere, suddivise per categoria.

Di seguito la lista dei vincitori:

  • Golden Fauve Best Album Award: “La couleur des Choses” di Martin Panchaud
  • Special Jury Jeunesse: “Toutes les Princesses Meurent après Minuit” di Zuttion Quentin
  • Series Award: “Les Liens du sang” di Shuzo Oshimi
  • Revelation Award: “Une Reinette en Automne” di Linnea Sterte
  • Heritage Award: “Fleurs de Pierre” di Hisashi Sakaguchi
  • Youth Prize: “La Longue Marche des Dindes” di Léonie Bischoff
  • Alternative Comic Book Award: “Forn de Calç”di Extincio Ediciones
  • Fauve Polar SNCF: “Hound Dog” di Nicolas Pegon
  • France Télévision Public Prize: “Naphtaline” di Sole Otero
  • Fauve des Lycéens: “Khat” di Ximo Abadìa
  • Eco Fauve Award: “Sous le Soleil” di Ana Penyas

Per maggiori informazioni riguardo il festival francese del fumetto, i vincitori di questa edizione e altro, di seguito il link al sito ufficiale della manifestazione: Festival Angoulême.

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Dylan Dog – Il pianeta dei morti arriva in fumetteria

Published

on

dylan dog

Era l’aprile del 2013 quando arrivava in edicola il decimo Dylan Dog Color Fest, in cui aveva ufficialmente inizio la saga “Il pianeta dei morti” architettata da Alessandro Bilotta. Così è stato riproposto in formato lussuoso tutta l’apprezzatissima saga dell’invecchiato Dylan Dog.

Il 27 gennaio in libreria e fumetteria il quinto volume di Dylan Dog – Il pianeta dei morti dedicato all’acclamata epopea creata da Alessandro Bilotta.

Nuovo appuntamento di Bonelli con la raccolta completa delle storie de IL PIANETA DEI MORTI, l’inquietante mondo distopico creato da Alessandro Bilotta. In un’epoca futura dove una misteriosa epidemia trasforma gli esseri umani in zombi, Dylan Dog, ormai uomo di mezza età, è posto di fronte a scelte estreme e costretto di volta in volta a mettere in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto.

Nel nome del figlio, la storia di questo volume, è disegnata da Giampiero Casertano ed è arricchita dall’introduzione firmata da Alessandro Bilotta. La copertina è di Marco Mastrazzo.

La trama della saga

In un’epoca futura, dove una misteriosa epidemia trasforma gli esseri umani in zombi, Dylan Dog, ormai uomo di mezza età, è posto di fronte a scelte estreme e costretto di volta in volta a mettere in discussione tutto ciò in cui ha sempre creduto.

DYLAN DOGIL PIANETA DEI MORTI VOLUME 5

“Nel nome del figlio”

  • Soggetto: Alessandro Bilotta
  • Sceneggiatura: Alessandro Bilotta
  • Disegni: Giampiero Casertano
  • Copertina: Marco Mastrazzo
  • Formato: 22×30 cm, b/n
  • Pagine: 168

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

La storia di un divoratore di cadaveri, Leviathan Labs arriva con “Foglie rosse”

Published

on

foglie rosse

Foglie Rosse, la nuova opera edita Leviathan Labs, ci porta in un viaggio tetro nel folklore e negli spaventosi segreti che la grande madre Russia custodisce nel suo ventre.

Trama

Molto tempo fa si diceva che durante la guerra i morti camminassero tra la gente, infettando coloro che amavano di più, spinti solo dal desiderio animalesco di tornare a casa. Siberia, Unione Sovietica, durante la Campagna d’Inverno.

Una madre e una figlia attendono avvolte nella solitudine il ritorno del capofamiglia, inviato in Finlandia dove infuria la battaglia. Le due sono sole da mesi, a centinaia di chilometri dalla città più vicina, quando una terribile presenza e un’opprimente paranoia iniziano a circondare la loro casa e la loro vita quotidiana.

Gli autori

Massimo Rosi (Editions Delcourt, Scout Comics, Lev Gleason, Komics Initiative, ecc…), Ivan Fiorelli (Marvel Comics, Sergio Bonelli, ecc…) e Lorenzo Palombo (Scout Comics) uniscono le forze per creare un unicum nel mondo delle graphic novel: una storia di guerra, d’orrore e un thriller psicologico familiare fusi in una narrazione delicata alla Del Toro e soffusi nel bianco dell’inverno sovietico, macchiato solo dal rosso delle foglie e del sangue. Pubblicato in USA, Inghilterra e Canada dall’editore di Toronto Lev Gleason/New Friday.


Foglie Rosse è in preordine fino al 10 gennaio 2023, scontato del 20% con sketch in regalo.

112 pagine in toni di grigi e rosso
13 euro
Brossurato
Leviathan Labs/Lev Gleason

Continue Reading
Advertisement

Trending