Connect with us
the-seven-deadly-sins-dragon-s-judgement the-seven-deadly-sins-dragon-s-judgement

Anime e Manga

The Seven Deadly Sins 5: la recensione della prima parte di Dragon’s Judgement

Published

on

Dragon’s Judgement, la prima parte di The Seven Deadly Sins 5, è stata resa disponibile su Netflix il 28 giugno e i fan la attendevano ormai con un misto di ansia e aspettative. Ve lo dico subito, ancora una volta tristemente tradite.

The Seven Deadly Sins, è l’adattamento anime della serie manga di Nakaba Suzuki, animato, a partire dalla quarta stagione, da Studio Deen, che forse per la fretta o perché senza budget all’altezza, hanno fatto un lavoro mediocre che non rende onore al manga.

Dove eravamo rimasti

Se volete un riassunto puntuale della precedente stagione vi rimandiamo alla recensione. Per necessità di sintesi basterà dire che nei precedenti episodi i Sette Peccati Capitali si erano impegnati contro i Dieci Comandamenti, nel mentre si era riattivata la maledizione di Elizabeth e Meliodas per cercare di salvarla aveva deciso di diventare lui stesso il Re dei demoni.

Dragon’s Judgement 5.1

In questi primi 12 episodi, Dragon’s Judgment si è concentrato sulla conclusione della seconda Guerra Santa e sull’esplorazione delle emozioni di Meliodas, oltre che seguire una serie di power up di diversi personaggi.

A Camelot viene formata un’alleanza tra i Quattro Arcangeli e alcuni Peccati Capitali per cercare di porre fine alla Guerra Santa, ma contro di loro ci sono niente di meno che Zeldris, Chandler e Cusack.

Intanto ritroviamo Ban nelle profondità del Purgatorio, intento a ricercare le emozioni di Meliodas, per riportarle indietro e salvarlo dall’infausto destino di divenire il prossimo Re dei Demoni.

Nel mezzo Estarossa (che presto rivelerà la sua vera identità) è impazzito per aver accolto dentro di sè troppi comandamenti e ha rapito Elizabeth. I Sette Peccati Capitali cercano quindi di salvare la principessa e partono all’attacco.

Le animazioni

Se dopo le polemiche vi aspettavate che qualcosa sarebbe cambiato, beh vi sbagliate di grosso, la qualità delle animazioni non è tornata ai livelli delle prime stagioni. In Dragon’s Judgment si cerca di fare meglio, ma purtroppo la serie fa ancora male agli occhi.

Inoltre questo che è uno degli archi narrativi più interessanti della storia, nella quale finalmente si vengono a capire e scoprire alcuni tasselli importanti della trama viene condensato freneticamente in soli 12 episodi con il risultato che ogni storia insegue la successiva senza permette al pubblico di apprezzare l’evoluzione psicologica dei personaggi.

Si nota un tentativo di migliorare qualche scontro, ma purtroppo nelle scene statiche al fermo immagine i disegni restano grotteschi.

Risulta apprezzabile l’attenzione che si dà in questo capitolo alle emozioni, in particolare all’amore, che unisce i vari personaggi (dall’amore romantico a quello fraterno e amicale), ma il continuare spaziare da una prospettiva all’altra rende le cose alquanto complicate e un tantino frettolose.

Conclusioni

In tutta onestà, chi come ma ha letto il manga, fa un po’ di fatica a mandare giù una serie realizzata così, gli spunti per fare bene c’erano, ma evidentemente non sono stati colti.

Vedremo cosa ci attenderà per l’ultima parte della stagione.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Faccio parte di quella strana categoria di persone che, nonostante ci siano mille film da guardare, milioni di manga da leggere e trecento nuovi titoli di videogiochi, si fissa sempre sulle solite cose, per poi passare notti intere a rimettersi in pari con il mondo. Laureata in Lettere e in Editoria e Giornalismo, colleziono libri antichi in modo ossessivo, adoro piante e gatti e pratico judo da anni nella speranza di diventare, se non invincibile, almeno più saggia.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anime e Manga

One Piece: la statua di Nami inaugurata a Kumamoto

Published

on

Quasi un anno fa vi avevamo riportato la notizia della presenza di alcune statue dedicate a One Piece nella Prefettura di Kumamoto, in Giappone, statue che rappresentavano Monkey D. Luffy, Vinsmoke Sanji e Usopp. Da qualche giorno, al terzetto si è aggiunta un’altra statua e questa rappresenta Nami, la bella navigatrice del gruppo dei Pirati di Cappello di Paglia.

Il profilo Twitter One Piece World Kumamoto Japan ha rilasciato un post, al cui interno potete trovare alcune foto della statua di Nami. Ecco il messaggio:

Come avete potuto vedere la navigatrice è nella sua versione “post time-skip (esattamente come le altre statue create finora), quindi dopo i due anni di allenamento e studio a Weatheria. La statua ci mostra una Nami sorridente e seduta su un forziere ricolmo di denaro e gioielli, sul forziere stesso sono incisi due simboli che la riguardano da vicino: la riproduzione del suo tatuaggio, il quale rappresenta una girandola (presente nella sua interezza anche fuori dal forziere) stilizzata alla quale è attaccato un mandarino, e il “volto” leonino della Thousand Sunny, la nave della ciurma di protagonisti. Tutti questi elementi sono agilmente coglibili dai fan di One Piece, che sanno come girandole, mandarini e denaro siano oggetti che ben rappresentano la cartografa.

Infine, ecco un breve video della statua. Se siete interessati a capire perché la Prefettura di Kumamoto – dov’è nato Eiichirō Oda, l’autore di One Piece – stia creando queste statue leggete il nostro articolo a riguardo.

Continue Reading

Anime e Manga

Berserk, opera di Kentaro Miura, rimarra incompiuto?

Published

on

kentaro miura berserk

Il manga Berserk, scritto e disegnato da  Kentarō Miura, è rimasto incompleto in seguito alla morte del mangaka. La domanda che si pongono tutti i fan è la stessa: qual è il suo destino? Il manga riprenderà, magari sotto una nuova direzione creativa?

Siamo spiacenti, ma il futuro di “Berserk” è attualmente incerto. Ti informeremo sulla rivista Young Animal non appena sarà deciso, quindi per favore aspetta. Grazie mille.

Questa la risposta di Young Animal, la rivista che per oltre trent’anni ha ospitato fra le sue pagine l’opera di Miura. Per avere una risposta definitiva, quindi, non ci resta che aspettare, e sperare per il meglio.

Il 21maggio scorso, l’assistente capo dello studio GAGA, collaboratore di Miura, aveva espresso la sua opinione, in linea con quanto scritto da Young Animal:

Non so cosa accadrà ora e non sono nella posizione di decidere ciò che dovremmo fare, quindi per ora mi prenderò una pausa dai social media. In ogni caso ci vorrà un po’ prima che possa accadere qualcosa. Infine, voglio ringraziare tutti i fan che hanno supportato Berserk e tutti i lavori del sensei Miura e spero che continuerete a supportarci.

Una cosa è certa: Berserk, senza Miura, non sarà più lo stesso.

Berserk: l’opera e l’autore

Berserk è stato uno dei manga più venduti di tutti i tempi, fin dal suo debutto nel 1989, e ha dato vita a diverse serie, lungometraggi anime, videogiochi ed innumerevoli altri prodotti. Miura era originario di Chiba e ha iniziato a disegnare manga da ragazzo stampando la sua opera di debutto all’interno delle pagine di una pubblicazione scolastica.

Nonostante sia stato pluripremiato per Berserk, la cui opera – che ormai procedeva a rilento – a questo punto rimarrà incompiuta, Miura ha lavorato a diversi progetti manga nel corso degli anni tra cui Gigantomachia e la Leggenda del Re Lupo.

Continue Reading

Anime e Manga

Bleach: al manga si aggiungerà un capitolo speciale

Published

on

Bleach: al manga si aggiungerà un capitolo speciale

Bleach è il famosissimo manga creato da Tite Kubo (pseudonimo di Noriaki Kubo), esso ha avuto un’enorme influenza nel mondo dei fumetti giapponesi – in particolare nella prima decade del 2000, quando l’opera era al massimo dello splendore –, tanto da essere stato considerato uno degli originali “big three”, assieme a One Piece e Naruto. La notorietà di Bleach è indiscussa e, nonostante un apprezzamento modesto della saga finale da parte del pubblico, chiunque vorrà potrà tornare a leggerne le pagine grazie ad un nuovo capitolo speciale, pensato e creato per festeggiare i 20 anni dell’opera.

Qui di seguito trovate un tweet, dal profilo Shonen Jump News, che conferma la notizia:

Bleach vedrà l’aggiunta di un nuovo capitolo speciale di 73 pagine, fatto per commemorare il ventesimo anniversario dell’opera. Il capitolo sarà presente nel numero 36/37 di Weekly Shōnen Jump.

Come avete potuto leggere il capitolo commemorativo sarà piuttosto corposo, circa 73 pagine, e sarà presente sulla rivista giapponese Weekly Shōnen Jump; la medesima rivista sulla quale lo stesso Bleach era settimanalmente pubblicato, prima della sua fine nel 2016.

Purtroppo sono solo queste le informazioni che abbiamo, al momento, riguardo questo nuovo capitolo del manga. Storia, personaggi che faranno la loro comparsa, eventi che accadranno sono tutti ancora avvolti nel mistero, dovremo dunque aspettare il 10 di agosto, data nella quale è prevista la pubblicazione del numero doppio di Weekly Shōnen Jump.

Voi cosa ne pensate dell’idea di celebrare il ventesimo anniversario di Bleach con un nuovo capitolo dedicato? Siete anche voi dei fan dell’opera di Tite Kubo e vi fionderete a leggere il capitolo appena disponibile?

Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending