Connect with us
Morrigan gruppo visual kei Giappone Morrigan gruppo visual kei Giappone

Daily Kōkishin

Visual kei: estetica e J-rock

Published

on

Il visual kei è uno stile musicale a dir poco sorprendente. Due sono gli ingredienti principali del visual kei: estetica e J-rock. È una sottocultura, un misto di hard-rock, punk, new wave, con un’iconografia influenzata dal teatro kabuki e dai manga, dal glam rock e dal punk inglese. Tra i primi, e più famosi, gruppi ci sono gli X Japan.

Cos’è il visual kei

Potreste aver visto su YouTube musicisti giapponesi con i pantaloni attillati, ciglia finte, trucco pesante, etc. Sono artisti nello stile visual kei, riconoscibili per lo stile e le acconciature fuori dal comune. A volte usano lenti a contatto colorate, parrucche, piume per rendere ancora più eccentrico il loro stile, ci sono addirittura band che vestono nello stile pre-rivoluzione francese di Maria Antonietta. Questo movimento, nato in Giappone ma con radici in Europa, è uno degli stili musicali asiatici con più fan nel mondo, che conosce un successo senza cali da oltre 20 anni.

X Japan

Il gruppo si è formato nel 1982 ed hanno reso famoso nel mondo il genere visual kei. Erano famosi, oltre che per la musica, per le acconciature estravaganti, il look pittoresco e il trucco estremo. Il loro aspetto era molto femminile ma allo stesso tempo “guerriero”. Il loro look stravagante, così come i loro concerti “aggressivi” hanno fatto preoccupare molto i genitori, i giapponesi di mezza età erano scioccati e scandalizzati. D’altro canto, però, i più giovani si sono innamorati di questa nuova tendenza e del gruppo. Si sono sciolti ufficialmente nel ’97 e dopo un anno il loro chitarrista è morto a 33 anni, in circostanze ancora misteriose. Ancora non si sa se fosse stato un suicidio o un’incidente. Al suo funerale hanno partecipato più di 50.000 persone e molti fan si sono suicidati. Il leader Yoshiki continua a produrre ottima musica, anche se ha un po’ abbandonato i look estremi del visual kei. Nel 2021 è uscito un bellissimo docu-concerto per Disney+ intitolato My Music Story di Yoshiki.

Tra le prime band visual kei menzioniamo anche i Buck-Tick e i D’erlanger. La loro musica è principalmente di stile hard-rock o heavy metal ma può anche essere associata al punk.

La band giapponese di visual kei X Japan
Alcuni dei dischi pubblicati dagli X Japan

Adams, Morrigan, il visual kei in Italia

Un’altro gruppo, un duo, ispirato dal visual kei, erano gli Adams. Noti anche in Italia per i loro concerti al Comicon di Napoli, dove hanno attirato fan da tutta Europa. Purtroppo anche questo gruppo si è sciolto in maniera tragica, a causa della morte di uno dei due musicisti. Un look effeminato e uno giocare con i ruoli maschili e femminili erano alla base delle loro performance sul palco. Altri nomi visual kei esibitisi al Comicon sono Haru, cantante degli Universe e voce di una delle sigle dell’anime Bleach. Nel 2018 è la volta di HITT, cantautore solista rock, molto amato dal pubblico femminile

I Morrigan hanno invece scelto il palco di Lucca Comics and Games per il loro debutto italiano, nel 2017. La band, sciolta nel 2018, si è esibita prima di Cristina d’Avena con un suono metal violento e veloce e un aspetto quasi da fantasmi: di nero vestiti ma biondissimi e pallidi, ricordavano Edward mani di forbice. Adams e HITT, Morrigan e Haru sono stati invitati in Italia grazie all’organizzazione dell’Associazione Ochacaffè, da sempre attivissima nella promozione della musica giapponese in Italia.

I primi musicisti visual kei ad un festival del fumetto sono però stati i Versailles, al Cavacon di Cava dei Tirreni.

Al di fuori dei palchi dei festival del fumetto, altre visite nel Bel Paese di artisti visual kei sono state i concerti a Milano di An Cafè e Dir En Grey a Rimini.

Il duo di musica rock giapponese Adams
Il duo giapponese Adams

Origini del Visual kei: estetica e J-rock

Generalmente, il visual kei è caratterizzato più dal look unico che dal tipo di musica. Alcuni degli elementi del visual kei possono essere notati anche nel rock occidentale, come i pantaloni in pelle, i capelli lunghi etc.. Tra le influenze europee possiamo citare il Glam Rock di David Bowie e dei Roxy Music. In genere si tratta di musicisti maschi, ma spesso sfoggiano un look molto effeminato, o quantomeno androgino. Ma quanto tempo ci mettono per prepararsi prima del concerto? Senza trucco, vestiti e le acconciature probabilmente sarebbero irriconoscibili.

Un genere che include vari generi musicali, dal metal al pop, e copre anche una vasta gamma di stili. Spesso esiste un concept dietro una band visual kei: potrebbero rappresentare extraterrestri straniati o teppisti venuti dal futuro, vampiri bisessuali, personaggi manga o un diavoli femminili, ecc.

La scena visual kei è diventata famosa anche in Europa verso la metà degli anni ‘90. Ai tempi i gruppi più famosi erano il travestito Shazna, i Malice Mizer, La’cryma Christi e Fanatic Crisis. Queste quattro band erano considerate i 4 re del cielo. Avevano tantissimi fan che gli portavano i regali ai concerti, e facevano i cosplay dei loro artisti preferiti.

Alcuni gruppi come i Luna Sea e Blade, dopo aver iniziato come visual kei hanno cambiato il proprio look in qualcosa di più normale. Altre band di grande successo in Europa sono ad esempio Alice Nine e Gazette.

Haru della band Universe voce della canzone dell'anime Bleach
Haru, cantante della band Universe.

Sottostili del visual kei

Si sono sviluppati anche molti sottogeneri, come l’angura kei, che definisce i gruppi che usano temi del Giappone tradizionale.

Kote Kei è il più vecchio è affermato stile di visual kei. Caratterizzato da capelli e costumi incredibili, e dal fatto che ogni persona del gruppo ha il colore dei capelli diversi come i Power Rangers.

Oshare kei è la versione più fresca e gioiosa del visual kei. I gruppi suonano pop-punk, un pop allegro e il loro stile è più allegro e colorato. Negli anni 2000 sono diventati molto famosi i Golden Bomber, con canzoni allegre accompagnate da divertenti coreografie. Invece, il filone gothic e lolita è influenzato da un look molto gotico, volti pallidi e vestiti scuri.

Il Nagoya Kei (Malice Mizer), è caratterizzato da uno stile visual shock e musica rock dura.

Esistono altri sottogeneri, e continuano a nascerne, contribuendo a portare nuove energie al genere.

Alice Nine, una band visual kei
Lavori della band visual kei Alice Nine, che anche in Italia conta molti fan

Il visual kei oggi

In Giappone esistono programmi tv e riviste, locali e festival dedicati al visual kei. Grazie alla popolarità degli anime, oltre che alla loro bravura, gruppi come Gazzette, Versailles, etc.. hanno guadagnato molti fan in Europa. Nascono anche progetti musicali che si ispirano dichiaratamente al visual kei giapponese, come i tedeschi VII ARC e gli italiani DNR (Dreams Not Reality).

Negli anni 2000 aumentano i crossover è c’è l’influenza di molti generi, gli stili si mescolano e c’è una costante innovazione / contaminazione. Tra le band nuove e più di successo i Wagakki Band, un mix di tradizione ed innovazione sia nell’aspetto che negli strumenti, che includono il flauto e i tamburi antichi.

L’onnipresenza di strumenti come YouTube e Spotify e il passaparola nei social network e nei blog fanno arrivare una nuova primavera per un genere che sembrava in calo, coperto dal successo di idol giapponesi e K-pop.

Band visual kei consigliate

Ode agli X Japan: rock band giapponese
Alice Nine visual-kei band giapponese

Silvio Franceschinelli si occupa di lingue, oriente, eventi, viaggi. Tra le cose che ha fondato: la scuola di lingue Il Mulino, l'Associazione Ochacaffè, il collettivo artistico K-ble Jungle. Tra le cose con cui collabora: Comicon di Napoli, Festival del Fumetto a Milano, Lucca Comics and Games, Etna Comics di Catania, e altri festival a tema nerd. Tra le cose che gli piacciono: leggere, bere, far festa, mettersi in gioco.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Anime e Manga

Si può sposare un ologramma? Cerchiamo di capire cos’è la “fictosessualità”

Published

on

fictossessualità

Nei giorni scorsi è impazzata agli onori della cronaca la storia di Akihiko Kondo, 38enne giapponese che nel 2018 si è sposato. E fin qui niente di strano. Ma ecco perché la notizia ha fatto il giro del mondo: lui è un impiegato dell’amministrazione di Tokyo, lei un “vocaloid”, un sintetizzatore software, in forma di ologramma. Il fenomeno (chiamato fictosessualità) in particolare nel Paese del Sol Levante non è una novità, ma di recente sui social la discussione intorno al romanticismo da fiction è diventato un trend piuttosto dibattuto.

Il fatto è stato ripreso dal New York Times e come spesso capita con le stranezze tutte giapponesi, in Occidente si fa fatica a capire come una persona possa felicemente (ma non civilmente) essere sposata con un ologramma. Tra l’altro lei  ha un nome, si chiama Hatsune Miku, è una ragazza dai capelli azzurri che fa la cantante e vanta collaborazioni con artisti internazionali (ovviamente tutta finzione).

L’uomo però si dice più che soddisfatto di questa relazione: in passato era stato scaricato da alcune donne in carne ed ossa ed era pure stato bullizzato dai colleghi di lavoro, cadendo così in una profonda depressione, ma l’incontro con Miku ha rappresentato una vera e propria ancora di salvezza.

La svolta in questa relazione è arrivata nel 2017 grazie a un Gatebox, un macchinario da 1300 dollari che ha consentito ai suoi proprietari di interagire con i personaggi amati tramite ologrammi e pure di sposarli.

Sembra un rapporto impossibile tra i due sposini, eppure Kondo dice di essere innamorato e felice. La pratica ha un nome e si chiama “fictosessualità” e riguarda persone che provano attrazione sessuale per figure immaginarie. Il New York Times sostiene addirittura che siano “decine di migliaia” i fictosessuali al mondo con una concentrazione particolare proprio in Giappone.

La ricerca scientifica sulla fictosessualità

Uno studio del 2021 pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Psychology ha analizzato il fenomeno dei fictosessuali. La ricerca fornisce un’analisi esplorativa dei concetti di fictosexualityfictoromance e fictophilia, termini nuovi, con il quale è importante imparare a confrontarsi.

Queste etichette indicano un forte sentimento di amore, infatuazione o desiderio per un personaggio immaginario. Gli autori hanno tenuto a sottolineare come l’intenzione non fosse quella di far apparire i fictosexual come persone disturbate, infatti, al momento, il fenomeno non è riconosciuto come condizione diagnostica specifica dall’Organizzazione mondiale della sanità. Tuttavia, emozioni e sentimenti nei confronti di personaggi immaginari possono generare disagio poiché le persone non possono interagire con i personaggi nello stesso modo in cui fanno con altri esseri umani. Se perdurante, l’assenza di contatto fisico potrebbe quindi causare danni psicologici.

Chi di noi non si è innamorato del personaggio di un manga o anime? Per Kondo e Miku questa è diventata la loro “realtà”. Non si fa fatica a immaginare quanto un personaggio immaginario possa aiutare ad uscire da un momento difficile, sappiamo bene quanto in alcuni momenti della vita un buon libro o un film non ci abbiano aiutato, ma c’è chi si spinge ben oltre.

Nessuno ha il diritto di giudicare una scelta, che in ogni caso è stata fatta con il cuore, certo la stranezza di tutta la storia resta e chi non preferirebbe stringere a sè qualcuno in carne ed ossa piuttosto in fissare gli occhi vuoti di un ologramma? Ma la felicità ha forme molto diverse e se Kondo ha trovato la sua ben per lui!

Continue Reading

Daily Kōkishin

Starry Sky KJ: l’Asia che ci piace

Starry Sky KJ: l’Asia

Published

on

K-ble Jungle e Starry Sky KJ
Starry Sky KJ, pic by DJ Shiru

È evidente che la musica dall’estremo oriente sta scalando le classifiche affascinando le giovani generazioni, e questo in tutte le sue componenti: ritmo, melodie e danza, in primo piano, ma anche i video musicali, il modo di comunicare, il rapporto con i fan. Tutti fattori che dimostrano una cura e una professionalità nel creare arte riscontrabili in poche altre parti del mondo.

Se i giapponesi hanno aperto la strada, i coreani hanno perfezionato tecnica e talento e la Cina sembra essere il prossimo “big thing”.

Anche in Europa alcuni nomi si stanno facendo strada, e proprio in Italia negli ultimi mesi si è fatto conoscere un progetto che sembra promettere di conquistare il cuore dei giovani fan europei grazie alla raffinatezza ed energia di ciò che propongono: le ragazze di Starry Sky KJ sono probabilmente il futuro della musica asiatica in Europa.

Breve storia delle Starry Sky KJ

Nate e cresciute artisticamente nella palestra milanese Starry Sky Dance Studio, sono state scoperte dalla trasmissione radio “Kpop Italy 2017” e sono entrate poi nel collettivo K-ble Jungle, arricchendolo di nuovi ed originali spunti. Un primo spettacolo al Festival del Fumetto di Novegro ha subito attratto l’attenzione addirittura di Striscia La Notizia, e il loro primo esordio ufficiale come Starry Sky KJ, al Be Comics di Padova, ne ha fatto le beniamine del mondo che ama l’Asian Wave. Subito dopo è stata annunciata la presenza al Comicon di Napoli, uno dei palchi più prestigiosi proprio per la musica asiatica.

Se la presenza agli eventi dal vivo le ha fatte conoscere al grande pubblico, ben promette anche la loro presenza online, anche se per ora abbastanza avara di contenuti: il loro profilo Instagram e il canale YouTube sono attivi e di qualità ma non ci inondano di continui post, è la qualità ad attirare più che la quantità.

Starry Sky KJ: l’Asia musicale
Starry Sky KJ: l’Asia della musica pop

Le ragioni di un successo

Da esordienti a idol di successo, il passo è stato breve grazie a costumi ben curati, movimenti sinuosi ma elettrizzanti, una coordinazione di gruppo fuori del comune, e non da ultimo la voce calda e particolarissima di Yi Zhou. E’ raro, almeno in Europa, trovare tanti talenti nella stessa formazione, ed il fatto che siano parte del collettivo K-ble Jungle fa da garanzia sulla durata e qualità di questo nuovo progetto, di cui tutti aspettiamo i prossimi passi.

Aspettatevi di trovarle ospiti nei prossimi grossi festival in tutta Italia, e seguitele sui social per sapere dove poterle incontrare dal vivo!

La formazione

  • Giulia Gao
  • Giulia Wang
  • Hu Lingjing
  • Li Huiling
  • Shao Yihe
  • Sabrina Zhou
  • Yu Jessica Yu Quian
  • Wang Yi Zhou (voce)

Starry Sky KJ: Kpop dalla Cina

Continue Reading

Anime e Manga

In Giappone la festa per la fioritura dei ciliegi in compagnia di Pikachu

Published

on

In Giappone la festa per la fioritura dei ciliegi in compagnia di Pikachu

Festeggiare la fioritura dei ciliegi in Giappone è una tradizione antichissima nel Paese del Sol Levante, sentita fortemente dalla popolazione nipponica e – in misura minore negli ultimi anni – anche da stranieri, che decidono di fare un viaggio per ammirare questo spettacolo. Come accade spesso nella lingua giapponese, esiste un termine per indicare la fioritura dei ciliegi, il termine è “hanami”, che letteralmente significa “guardare i fiori”, e nel tempo è diventato sinonimo di questa splendida fioritura. Per celebrare l’evento The Pokémon Company ha deciso di far ballare alcuni Pikachu sotto i ciliegi in fiore.

Di seguito potete trovare il video, caricato sul canale YouTube di Pokémon Kids TV:

I tre Pikachu che ballano sotto i ciliegi in fiore accanto a un ruscello ci ricordano che l’hanami è in pieno svolgimento proprio in questo periodo in Giappone, e quale modo migliore di celebrarlo se non accostando due icone del Sol Levante: i ciliegi e i Pokémon.

Pokémon che, proprio in queste settimane, è tornato nuovamente sulla cresta dell’onda – se mai l’ha abbandonata – grazie all’annuncio di Pokémon Scarlatto e Violtetto, i due titoli che introdurranno una nuova generazione di mostriciattoli tascabili, la nona, e che espanderanno ancor di più il già vastissimo mondo di Game Freak. Attendiamo novità a riguardo.

Continue Reading
Advertisement

Trending