Connect with us
uomo rana uomo rana

Fumetti e Cartoni

Il Fottuto Uomo Rana 2, tutte le news sul nuovo volume della Leviathan Labs

Published

on

L’Uomo Rana (ecco qui la recensione del primo volume di Leviathan Labs) è una creatura anfibia, figlia di più mondi e come tale iper adattabile. Creata quasi per gioco da Massimo Rosi e Matteo Gerber ispirati da uno schizzo di Magnus (o questa almeno è la sola secret origin di cui si imbeve la leggenda!), prima di tutto è un personaggio schizoide, emerso da un brodo primordiale dove alcune forze incontrovertibili lottarono per la sua anima.

Il nostro protagonista è dotato di una coscienza ecologica spinta oltre il lecito. Prodotto di un eccesso di istinto di sopravvivenza e rane psicotrope, il suo istinto lo spinge a raddrizzare i torti contro il pianeta. Se nel farlo c’è da spaccare qualche testa, beh, fa parte del naturale ordine delle cose.

GLI AVVERSARI DELL’UOMO RANA

L’Uomo Rana affronta chiunque si metta contro la salute del pianeta e della biosfera. La sua coscienza ecologista è curata con piombo e filo di lama. Quando non basta, muscoli e tendini
fanno il resto. La sua è una lotta che parte dal contingente, il disastro della Deepwater Horizon, per scontrarsi, in uno stile che non può che essere Larger than Life, con un redivivo Adolf Hitler,
trasformatosi a sua volta in un super essere: un temibile uomo balena.

LO STILE

Il registro che accompagna le avventure del fottuto Uomo Rana non può che essere grottesco ed ipercinetico. In un mondo dove il politicamente corretto somiglia terribilmente ad uno spauracchio per essere carini ed educati, il Fottuto ci accompagna con un linguaggio crudo ed un modus operandi che non concede sconti. La violenza verbale e le situazioni surreali contribuiscono a creare un alone weird e grottesco che non abbandona il lettore fino all’ultima rivelante splash page.

LA TRAMA DELL’UOMO RANA

Il fottuto era un semplice soldato americano di stanza in Afghanistan. Coinvolto in una brutta storia di bestiame e tortura, finisce in una scarpata. In quel momento, tra vita e morte si erge soltanto una popolazione di raganelle psicotrope. Sulla via del ritorno a casa, avrebbe voluto dirsi forzuto. Qualcuno ha capito fottuto. Ed il resto, come si suol dire, è storia!

La storia fin qui: il Fottuto era riuscito a ritornare in patria giusto in tempo per iniziare la sua crociata contro il miliardario Rupert Kamiski, responsabile tra le altre cose di un disastro ecologico del golfo del Messico. La missione poteva ridursi ad un semplice colpo da cecchino, fino a quando non compare il massiccio Hitler-Balena. E con un temibile spinebuster contro il fottuto si chiudeva il primo volume.

IL DISEGNATORE

Vito Coppola (Vietnam Horror) è un disegnatore realistico e capace di disegnare tavole cinetiche con un alto tasso di violenza ed adrenalina. In questo lavoro traspare tutto il suo amore per il genere pulp americano. Dalle ombre di Frank Miller alla violenza grafica di Steve Dillon, il suo stile è una summa acida più ampia delle singole parti. È di più. È una bomba ad orologeria sul punto di esplodere.

DUE CHIACCHIERE CON MASSIMO ROSI

  • Massimo come è stato creare il Fottuto Uomo Rana?

È nato tutto da una digestione andata male: eravamo a lezione di sceneggiatura con Onofrio Catacchio (guru e amico), nessuno di noi aveva potuto fare la siesta e il cibo reggiano durante l’inverno ha un peso specifico importante. Davanti a me c’era un disegno di Magnus, con un frogman, sott’acqua e armato… e non so come nella mia testa le sinapsi si misero a lavorare in modo bizzarro facendomi echeggiare nella materia grigia il nome “Il FOTTUTO uomorana”. Mi venne da ridacchiare da solo come uno scemo e lo dissi ad alta voce. Non so, ma in qualche
modo nella mia testa aveva senso… da quel momento si creò l’idea di fare una parodia hardcore dei supereroi, mescolando il Punitore a Till Lindemann, vestendolo da ranocchio e rendendolo brutale. Il Fottuto UomoRana è nato davvero da una cazzata (si può dire?). Con Matteo Gerber abbiamo iniziato a tirare giù le linee base per la trama di quella che sarebbe stata la storia del personaggio iconico meno famoso tra i supereroi moderni… e pensa che alla fine Onofrio Catacchio scrisse l’introduzione nella pubblicazione del primo numero del Fottuto del 2011.

  • Ci sono molteplici livelli di lettura, alla fine emerge tanto divertimento ed una profonda critica sociale

Il divertimento più scorretto è alla base del progetto, vogliamo sfogarci, non darci nessun limite e anche se qualcuno si potrebbe offendere non ce ne frega niente, visto che di un fumetto si sta parlando, oltretutto di un fumetto intitolato il Fottuto UomoRana. Quindi scorrettezze e follia vogliono essere alla base della serie. In tutto questo, vivendo in un mondo di merda, non è difficile non cadere nella parodia hardcore della società e degli sballati dei nostri tempi moderni, che si vada da nazisti idioti, vegani pazzi e supereroi terrificanti.

  • Come avete lavorato alle (molteplici) citazioni disseminate in tutta la serie ?

Sono venute da sole in base alle esigenze narrative, laddove avevamo bisogno di una sequenza, o uno shot figo che portasse in una certa direzione. Era come se la citazione supereroistica venisse da sola, faccio un esempio: nella scena in cui il Fottuto ancora non ha trovato la sua identità di eroe, avevo bisogno di far coniare il nome “fottuto uomorana”. Mi è subito venuta in mente la scena di quando lo Spiderman di Raimi si scontra con SegaOssa e Bruce Campbell gli cambia il nome da “ragno umano” a “Spiderman”. Ho attinto a piene mani da quella scena, anche perché il Fottuto stesso vuole essere una parodia dei supereroi
americani, quindi più riusciamo a citare e a prendere in giro e dissacrare meglio è.

  • L’impressione è che vi siate divertiti un mondo a scrivere queste pagine

Da impazzire, è un po’ un mix tra divertimento e sfogo. Spesso mi ritrovo a rileggere le pagine letterate e a ridere da solo come un cretino. Si spera, con questa comicità sopra le righe, di far divertire anche tanti dei nostri lettori e fans del Fottuto.

  • Come proseguirà la storia?

Questo volume 2 sarà ancora più sopra le righe, si citerà moltissimo All Star Batman e Robin e vedrete che si andrà in una direzione ancora più folle e sballata. Il Fottuto capirà il suo scopo finale e chi è veramente, risollevandosi dalle terribili ferite (in stile Knightfall) procurategli dal
super pompato Hitler-Balena.

Daily Nerd è un Magazine di cultura Nerd e Geek. Non si tratta semplicemente di riportare notizie, ma di approfondire e riflettere sulla cultura che ci circonda.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fumetti e Cartoni

Jos – Che siano maledetti, dalla Francia il nuovo fumetto di Edizioni NPE

Published

on

jos

Pubblicato in Francia, Jos – Che siano maledetti, racconto travolgente di Olivier Petit, magistralmente illustrato da Piero Ruggeri e Filippo Neri con i colori di Florent Daniel, arriva per la prima volta in Italia nel formato cartonato di Edizioni NPE. In libreria dal 20 gennaio 2022.

Trama Jos – Che siano maledetti

Francia, Seconda guerra mondiale. Nel giorno del suo ventesimo compleanno, Jos – per tutti “il bastardo” – viene condannato a dieci anni di galera e al confino a vita in Guyana, nel Sudamerica, con l’accusa di omicidio.

Una vita, la sua, segnata dalle disgrazie sin dalla nascita: orfano da piccolissimo, fu ritrovato dinanzi a una chiesa da una perpetua, che da quel momento si prese cura di lui e della sua educazione insieme a Padre Vivien.

Joseph era sempre stato molto sensibile e al contempo irascibile. Un giorno, a seguito di un litigio tra lui e il prete che lo aveva cresciuto, quest’ultimo viene trovato morto. Comincia così l’inferno di Jos che, nel tentativo di liberarsi dall’ingiustizia che lo vede erroneamente esiliato, riuscirà a ricostruire la sua storia e le sue origini, scoprendo lati del suo passato che non avrebbe mai potuto immaginare.

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Giallo: Leviathan Labs dà inizio al mese della paura!

Published

on

giallo-leviathan labs

Il nuovo anno inizia, ed inizia con il ritmo rock ‘n roll di Leviathan Labs: come vi preannunciavamo in tempi non sospetti, questo finalmente sarà il mese del giallo. Il colore della paura, della tensione. Il colore strisciante dell’inquietudine che ci attraversa al centro di un bel sogno mutandolo radicalmente in un incubo. 

Giallo segna il ritorno delle riviste a fumetti, un formato mai dimenticato e che rappresenta tradizione e sperimentazione per il fumetto italiano. Un progetto su cui quelli della Casa del Leviatano hanno sempre scommesso, ecco quindi qualche novità.

Giallo sarà disponibile nelle librerie e fumetterie a 100 pagine e 7 euro. Più storie a fumetti più redazionali.  Storie brevi, autoconclusive ed episodiche, a tema pauroso/orrorifico, che ricalcano il meglio del cinema di genere italiano anni ’60 e ’70, rendendo omaggio ad autori come Argento, Bava e Fulci.

Tra gli argomenti trattati, un’intervista a Barbara Baraldi, recentissima vincitrice del premio Coco di Etna Comics per le sue storie Horror. L’apparato redazionale sarà complementare alle storie narrate con una selezione di articoli sulle case infestate, la caccia selvaggia e la prima parte di un reportage sulle città italiane più infestate e visitate!  

Non perdetevi l’occasione di provare brividi che non siano solo di freddo. Giallo di Leviathan Labs è in vendita il 20 gennaio 2022! 

Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Zagor contro Hellingen – Ai confini della realtà, in uscita il nuovo albo Bonelli

Published

on

zagor-contro-hellingen-ai-confin

Arriverà nelle librerie e nelle fumetterie italiane il prossimo 27 gennaio ZAGOR CONTRO HELLINGEN. AI CONFINI DELLA REALTA’, il quarto volume dedicato al nemico numero uno di Zagor: Hellingen. Uno scienziato pazzo, geniale e malvagio inventore con la volontà perversa di dominare il mondo. Un’avventura che ha fatto epoca, scritta dal creatore di Dylan Dog Tiziano Sclavi e disegnata da Gallieno Ferri.

Dove eravamo rimasti: Zagor contro Hellingen – Terrore dal sesto pianeta

Hellingen sembrava invincibile: si era alleato con i mostruosi alieni Akkroniani, giunti dallo spazio profondo per procurarsi sangue umano. E ovviamente voleva conquistare il mondo con il loro aiuto e per questo aveva inserito un programmatore mentale nella testa di Zagor, che era diventato così uno strumento della sua volontà, ma le cose non sono andate come sperava.

Trama: Ai confini della realtà

In questo volume Zagor è vittima di paurosi incubi. La sua mente vacilla? O queste terrificanti visioni nascondono un fondo di verità? Questo è l’inizio di una delle storie più lunghe e sconvolgenti dello Spirito con la Scure. Una storia ricca di personaggi, di prodigi, di mondi fantastici, di mostri e di malefiche invenzioni. E su tutto regna l’ombra oscura di Hellingen, ritornato in vita, pressoché invincibile, per portare a compimento i suoi piani di dominio sul mondo.

L’introduzione è firmata da Moreno Burattini.

ZAGOR CONTRO HELLINGEN. AI CONFINI DELLA REALTA’

  • Soggetto: Tiziano Sclavi
  • Sceneggiatura: Tiziano Sclavi
  • Disegni: Gallieno Ferri
  • Copertina: Gallieno Ferri
  • Formato: 16 x 21 cm, B/N
  • Pagine: 528
  • Prezzo: 17 euro

Continue Reading
Advertisement

Trending