Connect with us
nier-automata-recensione-finali nier-automata-recensione-finali

Gaming

Nier Automata: uno, nessuno, centomila finali

Published

on

Pensate al finale di una storia, qualsiasi sia il medium attraverso cui è stata narrata. Chiedetevi: “l’ho apprezzato? L’ho odiato? Mi ha deluso?” È probabile che la risposta che vi siete dati ricalchi almeno in parte l’opinione che avete della storia nel suo complesso. Non è del resto un mistero che nella chimica di una narrazione il finale incarni forse l’elemento fondamentale, quello di cui il prodotto completo non può fare a meno se vuole aspirare a una ricezione positiva. 

Salvo esperienze narrative transmediali e videogiochi, il “finale” classicamente inteso è l’ultimo messaggio trasmessoci dalla storia; l’ultima parola, l’ultima immagine, l’ultima sensazione. Se questa è positiva, la possibilità che eventuali difetti e buchi di trama siano dimenticati o perdonati sale sensibilmente; se invece è negativa, qualsiasi mancanza ci apparirà irrimediabilmente più palese. Riuscire a proporre un finale convincente dovrebbe dunque essere la principale preoccupazione di qualsiasi narratore – quale che sia il medium che questi utilizza per raccontare la sua storia. E il medium videoludico, com’è lecito aspettarsi, non fa eccezione. 

Neanche quei videogiochi che incorporano una struttura narrativa minimale per dare incontrastato risalto all’aspetto ludico non sono esenti dal processo, in quanto un finale, ricco o povero di “trama” che sia, sempre un finale rimane agli occhi del consumatore. Nel momento in cui i titoli di coda cominciano a scendere e la soundtrack a sviolinare sarà naturale percepire un sentimento di chiusura, di completezza, e il senso critico di chiunque sarà di conseguenza portato a “fare il punto della situazione”. Il gioco è finito, e la sua storia con sé: cosa mi hanno lasciato?



Uno, cinque, ventisei finali

Le convenzioni che gravitano attorno all’importanza di un finale sono numerosissime, e lo sono in particolar modo per quei media che hanno alle spalle una longeva e prolifica produzione critica quali cinema e letteratura. Ciò non toglie, tuttavia, che l’unicità del medium videoludico possa permettere agli autori più dotati di sperimentare con il concetto stesso di “finale” in maniere che a film e romanzi sono recluse per natura. 

Nier: Automata”, titolo del 2017 nato dalla collaborazione di Yoko Taro e di Platinum Games, è un eccellente quanto eccentrico esempio di tale possibilità. Chiunque abbia esaurito il contenuto del gioco saprà bene che esistono ben ventisei finali, ognuno dei quali è associato a una lettera dell’alfabeto inglese. Solo cinque sono “veri” finali (ci soffermeremo più avanti su cosa “vero finale” significhi nell’economia di questo titolo): i restanti ventuno sono “joke ending”, “finali scherzo” o anche “bad ending” in quanto terminano spesso con la morte prematura e a volte esilarante dei protagonisti della storia. Inutile soffermarsi troppo su questi “finti finali” in quanto il loro valore intrinseco è trascurabile nella maggior parte dei casi. 

Presi singolarmente diventano quasi dei collezionabili, dei premi per quei giocatori in grado di pensare fuori dagli schemi, volenterosi di sperimentare, di andare contro quello che appare come il “naturale sviluppo” della storia. In determinati casi, sembrano quasi una punizione degli sviluppatori. Ad esempio: Decidi di uccidere le macchine pacifiste che hanno offerto la loro disponibilità a trattare la pace? La pace ora è impossibile. Titoli di coda in fast forward. Game over. Decidi di fare l’eroe e aiutare le due androidi gemelle anziché occuparti di hackerare il sistema di sicurezza della porta, come ti è stato ordinato? Pensata illogica. Titoli di coda in fast forward. Game over. Nulla di troppo innovativo, appunto. Il peso di una scelta che conduce immediatamente al Game Over è pressoché nullo, ed è un espediente narrativo che non solo non è nuovo al videogioco (basti pensare ai bad ending di offerti dall’esperienza visual novel), non lo è neanche per il libro (qualcuno ricorda “Lupo solitario”?).



Corsi e ricorsi

È solo quando si raggiungono i primi due “veri” finali (A e B) che si cominciano ad apprezzare i commenti e le sottigliezze più arguti dell’opera. I due archi narrativi che conducono a suddetti finali sono pressoché identici nella sostanza, ma le poche, sottili variazioni (il trasferimento del punto di vista da 2B a 9S e l’importante rivelazione sulla vera natura del progetto YoRHA) fanno sì che il giocatore percepisca come radicalmente differente quella che in realtà è la medesima scena di chiusura

I toni agrodolci, quasi felici del Finale A scivolano pericolosamente verso il malinconico e il tragico nel finale B: perché ora sappiamo ciò che 9S, il secondo protagonista, ha scoperto, sappiamo che l’impresa prima apparsaci titanica sia in realtà insignificante nel grande schema delle cose e sospettiamo, per quanto sotterraneamente, che un vero finale felice non sia plausibile. Che questa non possa essere la fine. Non c’è cambio di musica, non c‘è cambio di regia che spinga artificialmente il giocatore a provare emozioni così radicalmente differenti; solo un cambio di punto di vista. Solo un’informazione in più, sapientemente piazzata nel copione in un momento in cui le strade dei due personaggi principali sono separate. 

Ma chi ha “davvero” finito Automata saprà anche che l’effettivo finale è ancora lontano. Ricaricando il salvataggio non si ricomincia la stessa trama – com’era invece stato nel passaggio dal finale A al finale B –, si va avanti. Si va oltre ciò che ci era stata presentata come una vera conclusione, mentre il sospetto o il timore del giocatore va pericolosamente concretizzandosi. Poi comincia la terza route, il terzo playthrough; e per la prima volta dall’inizio del gioco, al ritmo di una musica tesa e angosciante, si presentano al giocatore i titoli di testa. Comincia un’altra storia. Forse quella vera.

Perché parlare di finale, allora? Perché prendersi la briga di far scorrere i titoli di coda, perché mettere la parola fine a una storia che è solo a qualche pulsante di distanza dal riprendere da dove si era fermata? Non è difficile sottovalutare l’importanza semantica di questa scelta. Dopotutto, si è detto e scritto, la storia continua, A e B non sono veri finali! E invece lo sono. Lo sono, perché gli elementi semiotici che accompagnano il “finale” sono presenti, sono lì, e non possono essere ignorati. 

Non è un caso che nei “finti finali” i titoli di coda siano fatti scorrere in fast forward: è un messaggio non scritto, una voce silenziosa che dice “è solo uno scherzo. Non prendermi sul serio. Torna a giocare”. Ma quando si raggiungono i finali A, B, C e D i titoli di coda sono veri, la storia è davvero finita, è finita nonostante le domande ancora irrisolte e i misteri ancora sepolti. Nonostante ci sia ancora molto, molto altro contenuto.



Arte e buon senso

Non è neanche un caso che non sia il gioco o, più specificatamente, un elemento del suo comparto artistico (che sia un personaggio, un narratore esterno, un elemento visivo o persino il testo di una soundtrack) a suggerire al giocatore “vai avanti”, ma ciò che di più esterno, quasi estraneo e freddo si possa inserire nel codice di un videogame: una “lettera” del team di Square Enix (che ricordo essere i produttori, non gli sviluppatori del gioco) che, più o meno sottilmente, incita a proseguire; a ricaricare quel salvataggio perché, diamine, c’è ancora molto da giocare, e noi abbiamo pagato per far sviluppare quel contenuto. 

Sembra quasi di assistere alla concretizzazione di un conflitto d’interessi: l’artista – lo stupido, ingenuo artista, incapace di dare risalto e valore alle creazioni del suo genio – contro il produttore. Un conflitto vecchio quanto l’editoria, dibattuto alla nausea, eppure immortale. Contestualizziamo: Yoko Taro non è nuovo alla tendenza di gambizzare il suo stesso, spesso brillante, contenuto tramite scelte di design discutibili. Era già successo con il primo Nier, gioco di blande meccaniche e blanda introduzione, che rivela tutto il suo vero, magnifico valore narrativo soltanto ai forti di cuore in grado di raggiungere il primo finale e di andare oltre, di ripetere il tutto nelle route successive, di completare ogni tedioso contenuto secondario. 

A loro e solo loro è concessa la piena comprensione delle vicende, dei personaggi, dei retroscena. Il risultato era prevedibile: vendite irrisorie da una parte, formazione di una piccola ma appassionatissima fanbase dall’altra. Chi ha ragione, dunque? L’arte del creatore o il buon senso del produttore? Non è difficile ipotizzare che i più si schiererebbero con il primo. L’artista è ingenuo, l’artista è stupido, ma tra l’arte e i suoi consumatori dovrebbero esserci meno compromessi possibili, onde non snaturare la visione che tiene insieme le fondamenta interpretative di un’opera. E tra la visione dietro a Nier Automata (o il suo predecessore) e il prodotto finale i compromessi sono davvero pochi. Lo capiamo soprattutto, ma non solo, dal fatto che sia lasciato spazio al peculiare – piaccia o non piaccia – storytelling di Taro, unico e vibrante nella sua bizzarria.



Finale

Il discorso sui finali è parte integrante di quest’ultima riflessione. Presentare al consumatore tutto il comparto semiotico di un “vero” finale – quando la fine delle vicende narrabili è ancora lontana – è sia una scelta artistica che una scelta stupida.

Stupida, perché saranno moltissimi i giocatori a sentirsi giustificati ad abbandonare il gioco dai primi titoli di coda e a percepire solo una parte del valore dell’opera. Artistica, perché sovverte le aspettative del consumatore medio, ribalta la stagnante idea di “new game plus” e dà la possibilità all’appassionato di decidere lui stesso quale sia il finale della sua storia. 

La storia, nel videogioco, finisce solo quando si smette di giocare. Nier Automata lo sa bene, e su questo concetto commenta ancora di più e ancora meglio del suo predecessore. La visione artistica è di chi crea, ma il potere di deciderne le sorti è di chi gioca. 

“Questo finale non mi ha soddisfatto”, potrebbero aver pensato in molti una volta raggiunta la fine della prima route. Ed è normale, anzi: è così che dovrebbe essere. Se davvero vuoi sapere, se davvero vuoi trarre il massimo da quest’esperienza, anche tu, giocatore, devi fare uno “sforzo”.

Devi continuare a giocare.

Il premio per i curiosi, i costanti, gli appassionati, non consiste neanche soltanto nella maggiore comprensione degli eventi narrati o delle motivazioni dei personaggi coinvolti, quanto nel potere decisionale, quasi creativo che viene trasmesso al giocatore nelle ultime battute di gioco. Ne è palese dimostrazione la scelta offerta tra il controllare (e quindi supportare) 9S o A2 al termine della route C, ma anche e soprattutto il finale E nel suo complesso, conseguibile solo dopo aver letteralmente sconfitto l’intero team di produzione nella forma dei titoli di coda. In quel momento si è reduci da ben due finali tragici, che hanno visto la lenta ma inesorabile discesa verso la follia e il sadismo di un protagonista inizialmente puro di cuore e che ci hanno messo di fronte alla schiacciante futilità delle nostre azioni fino al momento della distruzione della torre. 

E solo in quel momento, quando il giocatore è ormai emotivamente allo stremo, si ha accesso al finale E. Combattendo i titoli di coda, si è detto, combattiamo gli stessi ideatori del videogioco: combattiamo la loro visione artistica, il “vero”, ultimo finale nell’infantile ma genuino impulso di riscriverlo, di imporre al copione un’ultima battuta che ci rassicuri che no: non è stato tutto inutile; no: i nostri eroi sono ancora vivi.

Il finale E è il finale del giocatore, l’happy ending che solo lui, con il suo disperato quanto bambinesco ultimo sforzo, può sperare di rendere plausibile. È il suo premio: il potere stesso di scegliere come va a finire la storia.

Letterato e giornalista di formazione, scansafatiche poliedrico di professione. Il mio super potere è la capacità di interessarmi di pressoché qualsiasi cosa e dedicargli un’attenzione media di 7,8 secondi. Con le dovute eccezioni. Quando non perdo tempo, lavoro. Quando non lavoro, scrivo. Quando non scrivo, consumo media o gioco di ruolo. Quando non consumo media e non gioco di ruolo, perdo tempo. Il cerchio della vita.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Gaming

The Legend of Dragoon: un tweet riaccende le speranze per il remake

Published

on

The Legend of Dragoon: un tweet riaccende le speranze per il remake

The Legend of Dragoon è un gioco di ruolo alla giapponese, pubblicato nel Paese del Sol Levante sul finire dello scorso millennio, è approdato qualche mese dopo anche in occidente riportando un discreto successo e riuscendo a stregare una fetta di pubblico che, ancora oggi, spera in un suo remake. Riguardo a questo tanto sospirato remake del titolo di Sony Computer Entertainment, è stato pubblicato un tweet di Shuhei Yoshida – l’allora produttore del videogioco – il quale tratta delle musiche del titolo.

Il post di Shuhei Yoshida è un retweet di un messaggio di Dennis Martin, compositore delle musiche di The Legend of Dragoon. Di seguito potete trovare il post:

20 anni fa ho composto le musiche di The Legend of Dragoon per PlayStation. Era un progetto enorme con un fantastico team e conservo ancora dei bellissimi ricordi. Buon anniversario!

Grazie a tutti per i messaggi. Credete ancora nell’amore?

È facile notare come il tweet originale di Martin risale al 2019, è particolare il fatto che Yoshida abbia deciso – senza un apparente motivo o in forza di qualche collegamento – di riproporre il messaggio del compositore delle musiche di The Legend of Dragoon.

È il caso di vederci un messaggio nascosto? Magari un primo indizio che potrebbe portare, in futuro, all’annuncio di un remake del titolo? Forse questo sarebbe il proverbiale passo più lungo della gamba, è indubbio però che i fan chiedano a gran voce un ritorno di The Legend of Dragoon e sicuramente questo tweet riaccende le speranze. Staremo a vedere.

Continue Reading

Gaming

Final Fantasy: tutte le migliori invocazioni in un video di Square Enix

Published

on

Final Fantasy: tutte le migliori invocazioni in un video di Square Enix

Final Fantasy è la serie di titoli GDR più famosa al mondo, nel corso della sua storia ha saputo affascinare milioni di giocatori in tutto il mondo grazie alle sue atmosfere magiche, al suo gameplay innovativo (soprattutto capace di rinnovarsi) e ai suoi personaggi indimenticabili. Una delle caratteristiche peculiari della serie sono le invocazioni (o summon), potenti creature che possono essere chiamate dal giocatore per aiutarlo nei momenti di difficoltà; le invocazioni sono tantissime ma Square Enix ha deciso di mostrare le migliori in un breve video.

Trovate il video, postato sul profilo Instagram ufficiale di Square Enix, qui di seguito:

Chiamatele Invocazioni, Eidolons, Eoni, Eikons… qualunque sia il nome, non sarebbe Final Fantasy senza di esse! Celebriamo alcune di queste eccezionali entità.

Quale è la vostra invocazione preferita?

Nel video abbiamo potuto osservare alcune delle summon più famose, in particolare:

  • Ifrit evocato in FF 7 Remake Intergrade
  • Shiva evocata in FF X/X-2 HD Remaster
  • Tonberry evocato in FF VIII Remaster
  • Odin evocato in FF IX
  • Ramuh evocato in FF XV
  • Bahamut evocato in FF VII

Le creature che si possono evocare nel corso della serie di Final Fantasy sono molte di più rispetto a quelle che sono state mostrate nel video, certo alcuni di questi nomi hanno fatto la storia delle invocazioni dei FF, Ifrit, Shiva e Bahamut in particolare. Queste entità, a quanto pare, avranno un ruolo particolarmente importante nel prossimo titolo della serie principale, ossia Final Fantasy 16, staremo a vedere in che termini potranno essere utilizzate e quale sarà il loro impatto nella storia futura.

Continue Reading

Gaming

Tower of Fantasy sarà ufficialmente disponibile dall’11 agosto

Published

on

Tower of Fantasy

Level Infinite e Hotta Studio hanno annunciato che l’RPG open-world Tower of Fantasy sarà disponibile per il pre-download il 9 agosto, e sarà disponibile in tutto il mondo l’11 agosto 2022 (UTC). Oltre 3 milioni di giocatori si sono già registrati sul sito ufficiale di Tower of Fantasy.

“Watch me, I’m not who I used to be, used to be”. Ecco la theme song del gioco in una versione speciale anni ’30, Clan, dell’artista Milet! Potrete ascoltare la versione completa in agosto. Non dimenticate di ascoltare il suo nuovo singolo, Always You, il 17 agosto.

Trama Tower of Fantasy

Ambientato centinaia di anni nel futuro, dopo che l’umanità è sfuggita al collasso dell’ambiente terrestre ed è fuggita sul lontano pianeta di Aida, l’azione open-world di Tower of Fantasy ha riscosso un grande successo tra i giocatori in Cina e presto anche i giocatori del resto del mondo potranno godersi a pieno il titolo.

I giocatori potranno sperimentare uno stile artistico sci-fi post-apocalittico ispirato agli Anime, uno sviluppo libero dei personaggi, obiettivi coinvolgenti e combattimenti entusiasmanti attraverso battaglie avvincenti e un’emozionante esplorazione del mondo di gioco.  

La release globale arriva dopo due closed beta che hanno permesso ai fan di dare una prima occhiata al titolo. I giocatori sono rimasti impressionati dall’approfondito sistema di personalizzazione del personaggio, dall’elettrizzante azione incentrata sulle armi, dall’esplorazione condivisa del mondo di gioco e dall’avvincente narrazione.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI:

  • RPG Open-world
  • Stile sci-fi anime post- apocalittico
  • Profonda personalizzazione
  • Combattimento immersivo ed emozionante
  • Esplorazione del mondo di gioco
  • Fisica di gioco realistica (scalata, scivolata, nuoto.)
  • Modalità multiplayer cooperativa

Le pre-registrazioni di Tower of Fantasy sono ancora disponibili sul sito ufficiale, oltre che su SteamEpic Game StoreApp Store e Google Play.

Continue Reading
Advertisement

Trending