Connect with us

Film e Serie TV

Recensione della stagione 6.1 di Vikings (con spoiler)

Published

on

Anche Vikings dopo 6 stagioni, dove non sono mancati combattimenti, colpi di scena, la morte di re, regine, guerrieri e farabutti, rancori, tradimenti e sì, anche amore, ecco arrivare a conclusione, ma non troppo presto, dato che la stagione è stata (come le due precedenti) divisa in due parti e quindi non è ancora il momento per gli addii.

Alla fine della quinta stagione, gli eventi ci avevano condotti ad un’epica battaglia sotto le porte di Kattegat che, solo dopo molto sangue, ha visto trionfare Bjorn “la corazza” che ha scacciato il fratello Ivar “senz’ossa”.

Adesso Bjorn, che abbiamo sempre visto nei panni di un guerriero e un leader, deve assumersi il ruolo di re e governare la città. Il suo sogno (che in questo proposito si intraveda il progetto del padre Ragnar è innegabile) è quello di far diventare la città il porto commerciale più importante della Scandinavia.

In questa stagione una delle cose più interessanti, e qui portata a compimento, è la rappresentazione dei vichinghi non solo come un popolo di guerrieri feroci, ma di navigatori, di gente di mare e di commercio.

Chi fa moltissimi chilometri in questa stagione è proprio Ivar che, costretto alla fuga, si mette in cammino sulla Via della Seta e dopo molto vagare giunge a Kiev, dove è “ospite” del principe Oleg, che si scopre essere capo dei Rus’, una popolazione discendente dai vichinghi.

Oleg è il nuovo personaggio principale introdotto (un nemico, se vediamo la storia dal punto di vista di Bjorn e compagnia) e nel complesso risulta ben riuscito. È uno stratega, un calcolatore e fa di tutto per tenere assoggettato a sé il giovane nipote che sarebbe il legittimo erede del regno.

Ivar stringe con Oleg un’alleanza con lo scopo di conquistare la Scandinavia, ma subito è chiaro che lo scopo del principe è sì rimettere il vichingo sul trono, ma come suo re fantoccio.

Oleg è una figura complessa, a prima vista sembra un pazzo, e forse lo è (avvelena un fratello, ne imprigiona un altro e uccide la moglie che lo ha tradito), ma è anche un uomo fiero, determinato e consapevole del modo in cui agisce.

I Rus’ sono inoltre cristiani e questa dicotomia con i vichinghi pagani, è un aspetto che torna, complice un mondo che sta cambiando e che sta abbandonando gli antichi dei.

Mentre Bjorn inizia ad occuparsi di Kattegat, sua madre Lagertha sceglie la strada dell’isolamento e si confina in una piccola fattoria non troppo distante dalla città. Decide di abbandonare le armi e così la Shieldmaiden più forte di sempre si appresta a vivere come una semplice contadina (un ritorno alle origini della serie quando coltivava la terra con Ragnar).

Ma purtroppo un gruppo di banditi – capeggiati da degli uomini che Bjorn aveva esiliato dalla città perché avevano servito Ivar – semina il panico in quella zona e ancora una volta Lagertha, anche se vecchia e stanca, è chiamata a prendere le armi per combattere la minaccia.

La battaglia è dura, soprattutto perché combattuta da vecchi e donne non abituati a farlo, ma la strategia di Lagertha sarà quella vincente, anche se nella lotta perderà la vita il figlio di Bjorn e Torvi.

La donna è distrutta da ciò e corre a Kattegat per avvisare Torvi dell’accaduto; è notte, piove e la guerriera senza forze cade da cavallo, quando viene raggiunta e colpita a morte da Hvitsärk, un altro dei figli di Ragnar, che ormai vittima della pazzia causata dalla droga e dall’alcol – che ha iniziato ad assumere per la paura di essere perseguitato da Ivar – non si era accorto di ciò che stava facendo.

Finisce così la storia di uno dei personaggi più longevi della serie: la Lagertha della bravissima Katheryn Winnick si è distinta per forza, coraggio, determinazione (un’ostinazione tutta femminile) e infine un misto di passione e dolcezza che l’hanno resa una dei personaggi più amati della serie.

La sua fine lascia un po’ l’amaro in bocca, perché doveva morire proprio così? Eppure è lei stessa che ci ricorda della profezia che aveva ricevuto dal Veggente che le aveva detto che sarebbe morta per mano di uno dei figli di Ragnar.

E in tutto questo Bjorn dov’era? Il nostro re era andato nelle terre di re Harald, per liberare l’uomo, adesso prigioniero di re Olaf che l’ha catturato dopo la battaglia di Kattegat.

Bjorn, fedele al patto che aveva stretto con Harald, si fa mediatore presso Olaf per liberarlo, ma a dispetto di tutto, il vecchio re ha ben altri piani. Propone infatti di appianare le divergenze, di smetterla con gli scontri e di creare un unico grande regno vichingo di cui Bjorn sarà il re.

Bjorn è colto di sorpresa e propone che siano tutti i notabili a votare il loro nuovo re. In quattro si candidano per il ruolo e tra loro c’è anche Harald, che da sempre covava il sogno di diventare re di tutti i Norreni.

Le votazioni (fatte su una scenica chiatta tonda sul porto) alla fine, contro ogni previsione, danno la meglio ad Harald, che si era comprato i favori di tutti con delle promesse (che non sembra intenzionato a mantenere).

Bjorn, che di fatto aveva permesso la liberazione di Harald, si sente tradito e se ne va senza giurare fedeltà al nuovo re e torna a Kattegat giusto in tempo per dare un ultimo saluto a sua madre, che diventa protagonista di uno dei funerali vichinghi più emozionanti di tutti i tempi (epica e toccante la scena con le valchirie e il suo ricongiungimento con Ragnar, che nonostante le mille vicissitudini non aveva smesso di amare).

Adesso Bjorn è furibondo, ha perso la sovranità sul regno e sua madre è morta e sfoga la sua frustrazione su Hvitsärk, che bandisce dalla città, ma che non scomparirà, perché si unirà presto ad Ivar (con cui ha un rapporto odi et amo), che programma ormai l’invasione della sua patria.

Intanto Ubbe e Torvi partono verso l’Islanda dove il figlio di Ragnar spera di trovare le informazioni che lo aiutino a giungere verso una nuova terra di cui solo pochi hanno sentito parlare (navigando verso Ovest quindi il Continente Americano).

Qui però dovrà risolvere il mistero della scomparsa di Floki – che non si vede per tutta la stagione – che teme sia stato ucciso, complice la reticenza di Ketil Flatnose.

Bjorn intanto mette in dubbio sé stesso e il suo modo di essere re – in questo momento di debolezza viene sedotto da Ingrid che, con il consenso della moglie Gunnhild, l’uomo sposa (avendo adesso di fatto due mogli) e dato la parabola amorosa complessa di Bjorn la cosa non ci stupisce poi nemmeno tanto.

Alexander Ludwig in questa serie ha dato vita e corpo ad un Bjorn forte, valoroso, compassionevole, irascibile, passionale e vendicativo, i mille volti che rendono vero un personaggio.

Ma non c’è tempo per le lacrime per la morte di Lagertha o per la gioia di un nuovo amore, perché i Rus’ sono ormai in mare con una temibile flotta. Harald, consapevole che se perderà la battaglia perderà il regno, si schiera a fianco di Bjorn che si prepara alla guerra della sua vita.

Lo scontro è duro, con perdite da ambo le parti, Harald è ferito gravemente, forse non ce la farà a continuare e Bjorn, in quella che potrebbe essere un’illusione, viene trafitto a morte da Ivar, sarà vero? Dovremo aspettare un po’ per scoprilo.

La stagione dimostra una coerenza interna non scontata e gli autori sono bravi come sempre a tenere uniti i fili delle trame di così tanti personaggi che si spostano e viaggiano per i più diversi motivi.

Il cast non delude anzi conferma alcuni personaggi, buoni e cattivi, come il doppiogiochista Harald e l’inquieto Hvitsärk, la cui discesa nella follia è ben costruita e interpretata. Anche il nuovo acquisto il principe Oleg, non ci fa rimpiangere i vecchi “cattivi” della serie e il suo personaggio ci dà modo di conoscere un Ivar diverso, più umano di quello che avevamo visto a Kattegat.

Non ci resta che aspettare la fine, dove tutto sarà rivelato. I vichinghi riusciranno a salvare Kattegat dalla conquista? Gli antichi dei resisteranno all’avanzata del cristianesimo e che ne sarà dei personaggi che abbiamo tanto amato?

State connessi per tutte le news sulla serie.

 

Lucrezia Melissari



Daily Nerd è un Magazine di cultura Nerd e Geek. Non si tratta semplicemente di riportare notizie, ma di approfondire e riflettere sulla cultura che ci circonda.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Film e Serie TV

Tribes and Empires – Le profezie di Novoland arriva su Rai 4

Published

on

Tribes and Empires - Le profezie di Novoland

Dal 30 novembre, da lunedì a venerdì alle 17.30, arriva in prima visione assoluta su Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) la serie fanta-mitologica Tribes and Empires – Le profezie di Novoland; nella seconda serata di venerdì 27 novembre sarà possibile vedere un primo assaggio con l’anteprima delle prime due puntate.

Tribes and Empires – Le profezie di Novoland: la trama

Tratta dall’omonimo romanzo di Jin Hezai, la serie Tribes and Empires è ambientata in un regno di fantasia chiamato Novoland, al crepuscolo della dinastia Duan dopo 200 anni di prosperità e potere. Il giovane Muyun Sheng scopre di essere il sesto figlio dell’Imperatore Ming di Duan, tenuto lontano dal Palazzo perché sua madre era un demone.

Muyun Sheng viene in possesso di una perla magica, appartenuta alla genitrice, che contiene intrappolata una creatura dagli incredibili poteri. Quando le otto tribù che popolano Novoland si ribellano all’Impero, l’esercito del generale Muru non è in grado di proteggere la famiglia reale e per questa ragione il clan Muru è condannato all’esilio. Ma, dopo qualche anno, una nuova ribellione minaccia ancora il regno di Duan e solo il figlio più piccolo del generale Muru, Han Jiang, unico vero amico di Muyun Sheng, può proteggerlo.

Questo è solo l’incipit di Tribes and Empires-Le profezie di Novoland, una serie ricca di personaggi affascinanti che racconta i giochi di potere di diverse famiglie reali con la spettacolarità e il fragore avventuroso e magico della tradizione epica cinese.

Non mancano appassionanti virate romantiche e scatenati momenti d’azione che omaggiano il nobile genere del wuxia pian, ovvero l’equivalente cinese dell’occidentale “cappa e spada”, in cui i combattimenti corpo a corpo si trasformano in incredibili danze.

Il Signore degli anelli cinese

Hai Shang Mu Yun Ji, meglio nota come La saga di Novoland, è stata definita l’equivalente cinese de Il signore degli anelli di Tolkien e la serie, a cui ha partecipato lo stesso scrittore in veste di sceneggiatore, restituisce perfettamente quella profondità e quel senso di magnificenza e complessità della controparte cartacea.

La serie

A curare la regia dei 75 episodi è stato Cao Dun, che ha conferito all’intera opera l’adeguata compattezza stilistica, aiutato anche da un grandissimo impegno produttivo che ne ha fatto una delle più costose serie della storia della televisione cinese.

Collezionando un invidiabile numero di nomination nei maggiori festival asiatici di settore, Tribes and Empires è stata girata per 270 giorni tra la regione desertica dello Xinjiang, in Cina, e in Giappone, nella zona lacustre nei pressi di Hikone, impiegando un numero impressionante di professionisti del settore cinematografico e televisivo, oltre che le tecniche più all’avanguardia per la realizzazione degli effetti speciali.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutare.



Continue Reading

Film e Serie TV

Stranger Things 4: new entry nel cast della serie Netflix

Published

on

stranger things 4 cast

Netflix ha annunciato le new entry nel cast della quarta stagione di Stranger Things, che andranno ad affiancare gli attori principali.

Stranger Things 4: il cast

  • Sherman Augustus (Into the Badlands, Westworld – Dove tutto è concesso) interpreterà il tenente colonnello Sullivan, un uomo intelligente e senza fronzoli che crede di sapere come fermare il male ad Hawkins una volta per tutte.
  • Nikola Djurko (Genius, Nella terra del sangue e del miele) interpreterà Yuri, uno squallido e imprevedibile contrabbandiere russo che ama le pessime battute, il denaro e il burro di arachidi croccante.
  • Jamie Campbell Bower (Shadowhunters – Città di ossa, Sweeney Todd – Il diabolico barbiere di Fleet Street) interpreterà Peter Ballard, un uomo premuroso che lavora come inserviente in un ospedale psichiatrico. Stanco della brutalità di cui è testimone ogni giorno, riuscirà a prendere una posizione?
  • Robert Englund (Saga di Nightmare, V) interpreterà Victor Creel, un uomo disturbato e intimidatorio che è stato rinchiuso in un ospedale psichiatrico per un raccapricciante omicidio negli anni ’50.
  • Tom Wlaschiha (Il Trono di Spade, Jack Ryan) interpreterà Dmitri, una guardia carceraria russa che fa amicizia con Hopper. Dmitri è intelligente, astuto e affascinante… ma ci si può fidare di lui?
  • Joseph Quinn (Caterina la Grande, Casa Howard) interpreterà Eddie Munson, un audace metallaro degli anni ’80 che gestisce The Hellfire Club, il club ufficiale di Dungeon & Dragons della Hawkins High. Odiato da chi non lo capisce – e amato da chi lo capisce – Eddie si troverà nel terrificante epicentro del mistero di questa stagione.
  • Eduardo Franco (La rivincita delle sfigate, The Binge) interpreterà Argyle, il nuovo migliore amico di Jonathan. Amante del divertimento in tutte le sue forme, consegna deliziose pizze per Surfer Boy Pizza.
  • Mason Dye (Bosch, The Goldbergs) interpreterà Jason Carver. Jason sembra avere tutto nella vita: è bello, è ricco, è una star dello sport ed esce con la ragazza più popolare della scuola. Ma quando un nuovo male minaccia Hawkins, il mondo perfetto di Jason inizia a sgretolarsi…

Trama

La serie Netflix Stranger Things è un dramma emozionante ambientato nella città apparentemente normale di Hawkins, nell’Indiana. Dopo che un ragazzo è svanito nel nulla, il suo affiatato gruppo di amici e familiari cerca risposte e viene trascinato in una serie di eventi mortali e pericolosi.

Sotto la superficie della loro città si nasconde uno straordinario mistero soprannaturale, insieme ad esperimenti governativi top-secret e una pericolosa porta che collega il nostro mondo a un regno potente e sinistro. Le amicizie saranno messe alla prova e le vite saranno alterate poiché ciò che scopriranno cambierà Hawkins e forse il mondo per sempre.

Che ne pensate di queste new entry? Il nuovo cast di Stranger Things sarà all’altezza?

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutare.



Continue Reading

Film e Serie TV

L’uomo più sexy del 2020 è un nerd? Scopriamolo

Published

on

Michael B. Jordan

Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace, la bellezza sta negli occhi di chi guarda, eccetera eccetera; conosciamo tutti questi detti popolari che soggettivizzano la beltà, rendendolo un concetto personale. Ma se da una parte questi adagi hanno un fondo di verità, dall’altro è anche vero che se uno è figo, è figo. Punto. Ecco perché ogni anno la famosissima rivista statunitense PEOPLE, elegge l’uomo più sexy del mondo, e nel 2020 la scelta è ricaduta su qualcuno che forse è vicino al mondo nerd.

Quest’anno il fustaccio che si è aggiudicato il titolo di uomo più sexy del 2020 è il talentuoso Michael B. Jordan. Chiederete voi: cosa c’entra questo con il mondo nerd?

Prima di tutto l’attore ha vestito i panni del villain Killmonger nel film Black Panther (2018). Questo lo rende, di diritto, parte integrante di questo nostro mondo in quanto è fra i personaggi che hanno reso il Marvel Cinematic Universe quello che è. Aggiungiamoci pure che, almeno a parer nostro, Killmonger è stato uno dei migliori cattivoni che il MCU abbia mai visto, anche grazie all’interpretazione di Jordan.

La seconda motivazione che ci porta a ricondurre l’interprete al mondo nerd è un suo recente video – al quale abbiamo dedicato un articolo – dove prova in anteprima PlayStation 5. Anche solo il fatto di aver accettato una partecipazione con Sony, mettendo il suo bel faccino in primo piano per PS5, ci fa capire come egli sia un amante del mondo videoludico. E l’entusiasmo che traspare dal suo video ne dà la conferma.

Quindi Michael B. Jordan, eletto uomo più sexy del 2020, fa parte di noi nerd? Ci piace pensare di sì.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutare.



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending