Connect with us
state-of-play-sony state-of-play-sony

Gaming

State of Play: tutti i giochi presentati durante la diretta Sony

Published

on

Lo State of Play Sony trasmesso in streaming ieri (6 agosto 2020) ha permesso al pubblico di dare uno sguardo ai prossimi giochi che usciranno per PlayStation 4 – alcuni di questi titoli saranno inoltre compatibili con il visore PSVR. Non solo, c’è stato anche uno spazio per alcuni approfondimenti su titoli che faranno il loro debutto invece durante la prossima generazione di casa Sony, segnata dall’arrivo di PlayStation 5.

La più che sostanziosa diretta – parliamo di 42 minuti – ci ha permesso di vedere svariati trailer e video di gameplay, alcuni di questi si sono mostrati particolarmente interessanti e perciò vogliamo spenderci qualche parola in più. Seguirà una lista completa dei titoli presentati e il video della diretta in lingua inglese.

Crash Bandicoot 4: It’s About Time

Il titolo, sviluppato da Toys for Bob e pubblicato da Activision, uscirà il 2 ottobre 2020 per PS4 e Xbox One. Assieme agli elementi platform classici del brand, come trappole da superare e nemici da sconfiggere, è interessante notare come il giocatore potrà giocare nei panni di Crash ma anche in quelli di Coco e in determinati punti dovrà cambiare ulteriormente personaggio. L’ultima introduzione degna di nota è quella relativa alle maschere, strumenti necessari per sbloccare nuovi poteri e procedere con l’avventura. Insomma le novità introdotte per questo nuovo Crash sembrano davvero molte, non resta che aspettare ottobre per poterci giocare.

Genshin Impact

Sebbene il video dedicato sia stato meno sostanzioso di quelle precedente, il minuto abbondante del trailer dedicato a Genshin Impact ci ha colpiti per la sua grafica in stile anime e per le possibilità di interazione con l’ambiente circostante (ad esempio congelare una zona d’acqua per poter proseguire a piedi). Una menzione particolare va fatta agli scorci visibili durante il video che ci hanno ricordato molto quelli di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, anche se dai tratti più marcatamente orientali. Il titolo in questione, sviluppato da miHOYO, uscirà questo autunno per tutte le piattaforme (Android e iOS compresi) e sarà un GDR free-to-play. Aspettiamo impazienti ulteriori informazioni a riguardo.

Aeon Must Die

Un altro trailer interessante è stato quello dedicato ad Aeon Must Die, videogioco di genere picchiaduro dallo stile futuristico – che a noi ha ricordato molto quello dello Studio Trigger, in particolare la loro opera Gurren Lagann – con elementi GDR. La storia ruota attorno alla vendetta di Aeon, ex imperatore della Void Armada, tradito dai suoi generali che ora cerca riscatto. Purtroppo ci sono giunte voci, ancora non confermate, che parlando di sfruttamento del team di sviluppo, mancati pagamenti dei dipendenti e altri comportamenti scorretti. Speriamo che tutto ciò, se confermato, non metta in cattiva luce un titolo che sembra promettente.

Tutti gli altri giochi presentati

Questi sono stati i titoli che ci hanno maggiormente colpito ma altri sono stati presentati, nella lista che segue invece trovate tutti videogiochi che hanno avuto uno spazio durante la diretta State of Play, con il relativo periodo di uscita:

  • Hitman Trilogy in VR, per PSVR (gennaio 2021)
  • Braid: Anniversary Edition, per PS4 e PS5 (primi mesi del 2021)
  • The Pathless, per PS5 (fine 2020)
  • Spelunky 2, per PS4 (15 settembre 2020)
  • Star Wars: Vader Immortal, per PS4 e PSVR (25 agosto 2020)
  • Control: AWE e Alan Wake, espansioni del gioco (27 agosto 2020)
  • Tem Tem, per PS5 (nel corso del 2021)
  • Hood: Outlaws and Legends, per PS4 e PS5 (nel corso del 2021)
  • Bugsnax, per PS4 e PS5 (autunno 2020)
  • ANNO: Mutationem, per PS4 (dicembre 2020)
  • The Pedestrian, per PS4 (gennaio 2021)
  • Godfall, per PS5 (fine 2020)

Video della diretta State of Play

Infine, per chiunque se la fosse persa, ecco la diretta State of Play del 6 agosto 2020 nella sua interezza, direttamente dal canale YouTube di PlayStation:

Buon gaming a tutti!

Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Gaming

The Legend of Dragoon: un tweet riaccende le speranze per il remake

Published

on

The Legend of Dragoon: un tweet riaccende le speranze per il remake

The Legend of Dragoon è un gioco di ruolo alla giapponese, pubblicato nel Paese del Sol Levante sul finire dello scorso millennio, è approdato qualche mese dopo anche in occidente riportando un discreto successo e riuscendo a stregare una fetta di pubblico che, ancora oggi, spera in un suo remake. Riguardo a questo tanto sospirato remake del titolo di Sony Computer Entertainment, è stato pubblicato un tweet di Shuhei Yoshida – l’allora produttore del videogioco – il quale tratta delle musiche del titolo.

Il post di Shuhei Yoshida è un retweet di un messaggio di Dennis Martin, compositore delle musiche di The Legend of Dragoon. Di seguito potete trovare il post:

20 anni fa ho composto le musiche di The Legend of Dragoon per PlayStation. Era un progetto enorme con un fantastico team e conservo ancora dei bellissimi ricordi. Buon anniversario!

Grazie a tutti per i messaggi. Credete ancora nell’amore?

È facile notare come il tweet originale di Martin risale al 2019, è particolare il fatto che Yoshida abbia deciso – senza un apparente motivo o in forza di qualche collegamento – di riproporre il messaggio del compositore delle musiche di The Legend of Dragoon.

È il caso di vederci un messaggio nascosto? Magari un primo indizio che potrebbe portare, in futuro, all’annuncio di un remake del titolo? Forse questo sarebbe il proverbiale passo più lungo della gamba, è indubbio però che i fan chiedano a gran voce un ritorno di The Legend of Dragoon e sicuramente questo tweet riaccende le speranze. Staremo a vedere.

Continue Reading

Gaming

Final Fantasy: tutte le migliori invocazioni in un video di Square Enix

Published

on

Final Fantasy: tutte le migliori invocazioni in un video di Square Enix

Final Fantasy è la serie di titoli GDR più famosa al mondo, nel corso della sua storia ha saputo affascinare milioni di giocatori in tutto il mondo grazie alle sue atmosfere magiche, al suo gameplay innovativo (soprattutto capace di rinnovarsi) e ai suoi personaggi indimenticabili. Una delle caratteristiche peculiari della serie sono le invocazioni (o summon), potenti creature che possono essere chiamate dal giocatore per aiutarlo nei momenti di difficoltà; le invocazioni sono tantissime ma Square Enix ha deciso di mostrare le migliori in un breve video.

Trovate il video, postato sul profilo Instagram ufficiale di Square Enix, qui di seguito:

Chiamatele Invocazioni, Eidolons, Eoni, Eikons… qualunque sia il nome, non sarebbe Final Fantasy senza di esse! Celebriamo alcune di queste eccezionali entità.

Quale è la vostra invocazione preferita?

Nel video abbiamo potuto osservare alcune delle summon più famose, in particolare:

  • Ifrit evocato in FF 7 Remake Intergrade
  • Shiva evocata in FF X/X-2 HD Remaster
  • Tonberry evocato in FF VIII Remaster
  • Odin evocato in FF IX
  • Ramuh evocato in FF XV
  • Bahamut evocato in FF VII

Le creature che si possono evocare nel corso della serie di Final Fantasy sono molte di più rispetto a quelle che sono state mostrate nel video, certo alcuni di questi nomi hanno fatto la storia delle invocazioni dei FF, Ifrit, Shiva e Bahamut in particolare. Queste entità, a quanto pare, avranno un ruolo particolarmente importante nel prossimo titolo della serie principale, ossia Final Fantasy 16, staremo a vedere in che termini potranno essere utilizzate e quale sarà il loro impatto nella storia futura.

Continue Reading

Gaming

Tower of Fantasy sarà ufficialmente disponibile dall’11 agosto

Published

on

Tower of Fantasy

Level Infinite e Hotta Studio hanno annunciato che l’RPG open-world Tower of Fantasy sarà disponibile per il pre-download il 9 agosto, e sarà disponibile in tutto il mondo l’11 agosto 2022 (UTC). Oltre 3 milioni di giocatori si sono già registrati sul sito ufficiale di Tower of Fantasy.

“Watch me, I’m not who I used to be, used to be”. Ecco la theme song del gioco in una versione speciale anni ’30, Clan, dell’artista Milet! Potrete ascoltare la versione completa in agosto. Non dimenticate di ascoltare il suo nuovo singolo, Always You, il 17 agosto.

Trama Tower of Fantasy

Ambientato centinaia di anni nel futuro, dopo che l’umanità è sfuggita al collasso dell’ambiente terrestre ed è fuggita sul lontano pianeta di Aida, l’azione open-world di Tower of Fantasy ha riscosso un grande successo tra i giocatori in Cina e presto anche i giocatori del resto del mondo potranno godersi a pieno il titolo.

I giocatori potranno sperimentare uno stile artistico sci-fi post-apocalittico ispirato agli Anime, uno sviluppo libero dei personaggi, obiettivi coinvolgenti e combattimenti entusiasmanti attraverso battaglie avvincenti e un’emozionante esplorazione del mondo di gioco.  

La release globale arriva dopo due closed beta che hanno permesso ai fan di dare una prima occhiata al titolo. I giocatori sono rimasti impressionati dall’approfondito sistema di personalizzazione del personaggio, dall’elettrizzante azione incentrata sulle armi, dall’esplorazione condivisa del mondo di gioco e dall’avvincente narrazione.

CARATTERISTICHE PRINCIPALI:

  • RPG Open-world
  • Stile sci-fi anime post- apocalittico
  • Profonda personalizzazione
  • Combattimento immersivo ed emozionante
  • Esplorazione del mondo di gioco
  • Fisica di gioco realistica (scalata, scivolata, nuoto.)
  • Modalità multiplayer cooperativa

Le pre-registrazioni di Tower of Fantasy sono ancora disponibili sul sito ufficiale, oltre che su SteamEpic Game StoreApp Store e Google Play.

Continue Reading
Advertisement

Trending