Connect with us
Final Fantasy 16: il team sta lavorando con cura al progetto Final Fantasy 16: il team sta lavorando con cura al progetto

Gaming

Final Fantasy XVI: ecco la mappa del mondo di gioco

Published

on

In questi ultimi giorni il sito di Final Fantasy XVI è stato aggiornato con molte informazioni aggiuntive, una delle più interessanti è sicuramente la mappa di gioco, che si mostra nella sua interezza all’interno del summenzionato sito.

Assieme alle immagini della mappa abbiamo svariate descrizioni dei territori nei quali si suddivide la terra di Valisthea. Vi proponiamo una nostra traduzione di tutto ciò che è stato pubblicato sul sito, riguardo le terre di Final Fantasy XVI.

Final Fantasy XVI: la mappa del mondo di gioco

Valisthea – Una landa benedetta dalla Luce dei Cristalli Madre

La terra di Valisthea è costellata da Cristalli Madre – scintillanti montagne di cristallo che torreggiano sui reami attorno a loro, benedicendoli con l’etere. Per generazioni, le genti si sono assiepate attorno a questi fari per sfruttare questa benedizione, usando l’aether per creare magie che permettessero loro di vivere vite confortevoli e piene. Grande potere è cresciuto attorno ad ogni Cristallo Madre, e una scomoda pace ha regnato a lungo fra loro. Eppure ora la pace vacilla mentre la Piaga si diffonde e minaccia di distruggere i loro domini.

Gli Eikons e i Loro Araldi

Gli Eikons sono le creature più potenti e mortali presenti in Valisthea. Ognuno risiede in un Araldo– uomo o donna che è stato benedetto/a con la capacità di chiamare il loro terribile potere. In alcune nazioni questi Araldi, in ammirazione della loro forza, sono trattati come appartenenti alla nobiltà – in altri sono schiavi della paura, e sono costretti a servire come armi da guerra. Coloro i quali sono nati come Araldi non possono sfuggire al proprio destino, per quanto esso possa essere crudele.

I reami di Valisthea

Il Grand Ducato di Rosaria

Tempo fa, un piccolo gruppo di provincie indipendenti della Valisthea dell’ovest aveva trovato forza nell’unità, e aveva formato il Gran Ducato di Rosaria. Dopo anni di relativa prosperità, il ducato ora si trova minacciato dalla diffusione della Piaga – una minaccia che, se lasciata senza controllo, porterebbe sicuramente alla distruzione del reame. Rosaria prende il suo etere dal Soffio del Drago, un Cristallo Madre situato su un’isola vulcanica al largo della costa. L’ Araldo di Phoenix, l’Eikon del Fuoco, siede sul trono come Arciduca quando giunge all’età per farlo.

Il Sacro Impero di Sanbreque

Sanbreque è la più grande forza teocratica in Valisthea. La sacra capitale dell’Impero Oriflamme è costruita attorno alla Testa del Drago, il Cristallo Madre che benedice le province circostanti con etere in abbondanza. Le persone sfruttano questo con gioia, vivendo in maniera confortevole e sicura sotto lo sguardo vigile del Sacro Imperatore, il quale è venerato come l’incarnazione vivente dell’unica vera deità. L’ Araldo di (oscurato ndr) serve quale campione dell’impero, giungendo sul campo di battaglia in tempi di guerra contro i nemici.

Il Regno di Waloed

Waloed ha pretese sull’interezza di Cinéria, le metà est di Valisthea. Il controllo del regno sul continente è stato spesso testato dagli orchi e da altre creature ferali che fanno lì la loro tana, ma l’attuale regnante – L’ Araldo di (oscurato ndr) – ha avuto successo nella sua campagna di repressione delle loro ribellioni. Usando il potere del Cristallo Madre del regno, il Dorso del Drago, questo nuovo re ha costruito un potente esercito, con il quale ora prova a testare i confini dei suoi vicini.

La Repubblica Dhalmekiana

La Repubblica Dhalmekiana è composta da cinque stati, dai quali sono tratti i membri del parlamento reggente. Il suo Cristallo Madre, la Zanna del Drago, è semi-nascosto nel cuore di una catena montuosa – il controllo della repubblica su questo, come del suo etere, permette di assicurare l’obbedienza di una grande parte a sud di Valisthea. L’ Araldo di Titan, Eikon della Terra, ha il ruolo di consigliere speciale per il parlamento e ha un grosso peso nelle decisioni.

Il Regno di Ferro

Un piccolo gruppo di isole al largo della costa di Storm, la metà ovest dei regni gemelli di Valisthea. Qui gli Ortodossi del Cristallo, un credo estremo che venera i cristalli, regna incontrastato. Il Regno di Ferro controlla il Soffio del Drago, il Cristallo Madre che si trova nel cuore di una delle loro isole – a lungo una fonte di contesa con il vicino Rosaria. Isolati e distaccati dalle nazioni del continente, i Sangueferreo parlano la loro lingua. La dottrine ortodossa giudica gli Araldi come abominazioni sacrileghe, e quelli abbastanza sfortunati da nascere sulle isole sono giustiziati.

Il Dominio Cristallino

Il Dominio Cristallino si trova nel cuore di Valisthea, costruito attorno al più alto di tutti i Cristalli Madre, la Coda del Drago. Molte sanguinose battaglie sono state fatte per il controllo di questo piccolo lembo di terra a causa della sua importanza strategica, fino a che i regni in guerra non si accordarono per un armistizio. Come parte del trattato di pace, le isole attorno alla Coda del Drago diventarono un dominio autonomo gestito da un consiglio di rappresentativi delle nazioni circostanti – ogni regno godendo di eguali diritti sulla benedizione del Cristalli Madre . Nessun Araldo risiede qui.

Queste sono le descrizioni della mappa di Final Fantasy XVI, in arrivo per PlayStation 5 in una data ancora non specificata. Anche voi non vedete l’ora di esplorare questi territori?

Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gaming

Dragon Quest XII The Flames of Fate: non solo Square Enix allo sviluppo

Published

on

Dragon Quest XII The Flames of Fate: teaser ufficiale

Dragon Quest è una delle iconiche serie di Square Enix, la software house nipponica ne è la creatrice e ha saputo regalare ai videogiocatori alcune perle splendide, targate con questo nome. Il prossimo capitolo della saga è il già annunciato Dragon Quest XII The Flames of Fate, un titolo nelle prime fasi di lavorazione che è stato reso noto al pubblico con un brevissimo trailer, il quale ha mostrato poco più che il nominativo dello stesso.

Nonostante il progetto sia ancora agli inizi, però, sappiamo già che non sarà solo Square Enix allo sviluppo, altre case di produzione la accompagneranno nella creazione di The Flames of Fate. È Gamingbolt, un sito dedicato al mondo dei videogiochi, a darci la notizia che due software house in particolare collaboreranno con SE alla creazione del prossimo Dragon Quest, queste sono: HexaDrive e Orca.

La prima è una casa di sviluppo di videogiochi che ha sede ad Osaka, in Giappone, ed è stata fondata nel 2007 da un ex dipendente della Capcom. HexaDrive ha lavorato su parecchi titoli, citiamo quelli maggiormente rilevanti:Rez HD, Metal Gear Solid: Snake Eater 3D, Okami HD, The legend of Zelda: The Wind Waker HD, Final Fantasy XV e Resident Evil 7: Not a Hero. Insomma un curriculum di tutto rispetto che ci fa ben sperare in questa collaborazione.

La seconda casa di sviluppo citata, Orca, ha dalla sua delle precedenti collaborazioni con Square Enix – in particolare lo splendido Dragon Quest XI: Echi di un’Era Perduta -, e sta cercando del personale per lavorare con l’Unreal Engine 5. Quest’ultimo, per chi non lo conoscesse, è un motore grafico sviluppato da Epic Games e mostrato per la prima volta, su PlayStation 5, l’anno scorso.

Non sappiamo ancora quale sarà il grado di collaborazione e di sinergia che intercorrerà fra Square Enix, HexaDrive e Orca, ma siamo fiduciosi che tutte e tre sapranno fare un ottimo lavoro. Rimaniamo in trepidante attesa di nuove notizie riguardo Dragon Quest XII The Flames of Fate.

Continue Reading

Gaming

Final Fantasy XIV Endwalker: trailer Job Actions

Published

on

Final Fantasy XIV è il quattordicesimo titolo della serie principale di GDR (giochi di ruolo) Final Fantasy, saga di mamma Square Enix che ormai da decenni delizia gli appassionati del genere portandoli in mondi fantastici e ricolmi di magia. FF XIV è un titolo interamente online, lanciato sul mercato nel 2010 fra alti e bassi ha ricevuto continui aggiornamenti e l’ultimo di questi è Endwalker, espansione della quale oggi abbiamo un trailer che mostra le job actions.

Il trailer, che trovate di seguito, è stato caricato sul canale YouTube di Final Fantasy XIV:

Di seguito una lista delle classi e con le job actions presentate:

  • Dragoon
  • Warrior
  • Red Mage
  • Scholar
  • Dark Knight
  • Dancer
  • Machinist
  • Bard
  • Astrologian
  • White Mage
  • Black Mage
  • Sage
  • Monk
  • Summoner
  • Reaper

Alcune di queste sono ben note ai fan della saga di Final Fantasy: Warrior (Guerriero), White Mage (Mago Bianco), Black Mage (Mago Nero) e Sage (Saggio) sono tutti nominativi di classi presenti sin dagli albori della mitica serie. Altre invece – come Machinist o Astrologian – sono di recente introduzione e offriranno sicuramente una maggior varietà nel gameplay.

Vi ricordiamo, infine, che Final Fantasy XIV è attualmente disponibile per le console PlayStation 3, PlayStation 4, PlayStation 5 e PC.

Se siete interessati al mondo di Final Fantasy date un’occhiata al nostro Consiglio dell’Uniporco interamente dedicato a Final Fantasy XV.

Continue Reading

Gaming

GTA V ha fruttato 6,4 miliardi di dollari in otto anni

Published

on

GTA V ha fruttato 6,4 miliardi di dollari in otto anni

GTA V è un titolo da record in più di un senso, l’ultimo videogioco della serie principale di Grand Theft Auto è stato pubblicato il 17 settembre 2013 – otto anni fa dunque –, passando per ben 3 generazioni di console (PS3, Xbox 360, PS4, Xbox One e PS5, Xbox Series X/S) e vendendo 150 milioni di copie complessivamente. Questi numeri di per sé la dicono lunga sul successo del titolo Rockstar Games ma quello che è davvero impressionante è la cifra che ha fatto guadagnare: GTA V ha prodotto un introito di ben 6,4 miliardi dal suo lancio.

Nonostante l’evidente risposta negativa dei fan alla notizia che GTA V arriverà anche su PlayStation 5 e Xbox Series X/S – basta vedere il numero di dislike del relativo trailer per la console di casa Sony, qui il link -, il videogioco di cui stiamo parlando è stata una vera miniera d’oro per la Rockstar. Il dato dell’immane introito generato da GTA V di cui abbiamo parlato ora deriva dal sito Tweaktown, nel quale si nota anche come una buona parte del successo del titolo (e dei conseguenti guadagni) sia dovuta a GTA Online.

Ma che cos’è Grand Theft Auto Online? Semplicemente è la versione online di GTA V e concede massima libertà ai giocatori, questi possono esplorare il mondo di gioco, completare missioni e partecipare ad attività peculiari e fare tutto questo da soli o in gruppo. L’estrema libertà che GTA Online ha portato con sé, e il continuo aggiornamento e inserimento di nuovo materiale da parte degli sviluppatori, hanno garantito questo successo incredibile.

Infine non ci dimentichiamo che di GTA VI, l’unico videogioco che potrebbe detronizzare GTA V, non se n’è vista nemmeno l’ombra fino ad ora e quindi dobbiamo concludere che Rockstar sta ancora puntando al suo attuale titolo principale. Le cose cambieranno? Sicuramente, la vera domanda è quando.

Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending