Connect with us
Final Fantasy XVI: Yoshida promette un titolo votato all’azione Final Fantasy XVI: Yoshida promette un titolo votato all’azione

Gaming

Final Fantasy XVI: Yoshida promette un titolo votato all’azione

Published

on

Quando arriva un nuovo Final Fantasy è sempre una gioia per tutti i videogiocatori, amanti o meno di quel genere – ancora un po’ elitario – che è il GDR. Le fantasie finali sono dei titoli che hanno segnato talmente tanto il medium videoludico da riuscire a polarizzare l’attenzione ancora oggi, e Final Fantasy XVI sta facendo proprio questo, nonostante la penuria di notizie sul suo conto. Presentato durante lo Showcase PlayStation dello scorso settembre, Final Fantasy XVI ha incuriosito molti fan (e non) grazie ad un trailer piuttosto particolare e dai toni adulti, e questo non ha fatto che aumentare l’hype e la voglia di nuove informazioni.

A dare qualche piccola – ma proprio piccola – informazione sul titolo è Naoki Yoshida, il produttore dello stesso, durante una trasmissione televisiva nella quale era stato invitato. Un tweet di Active Time Boop riporta la notizia:

Yoshida ha discusso brevemente riguardo Final Fantasy XVI in una trasmissione radio nella quale era stato invitato per parlare, in particolare, di FFXIV. Egli ha detto che FFXVI è orientato all’azione e che il team ce la sta mettendo tutta per supportare i giocatori che sono meno abili nei giochi d’azione, il team sta anche lavorando sodo sulla storia.

Quindi tutti coloro che vorranno approcciarsi al prossimo titolo di punta di Square Enix dovranno farlo pensando di avere fra le mani un titolo più votato all’azione rispetto ai suoi predecessori, un trend peraltro già iniziato con FFXV. Ma non solo, la parte action – stando alle affermazioni riportate – sarà così impattante nel gameplay che gli sviluppatori stanno cercando di implementare delle meccaniche che potranno aiutare anche i giocatori che hanno meno esperienza con i giochi d’azione.

Naturalmente non può rimanere in secondo piano una parte fondamentale di tutti i Final Fantasy: la trama. Da questo punto di vista le affermazioni di Yoshida sembrano promettenti, perché la giusta attenzione è stata posta anche a questo aspetto. Aspetto che alcuni potrebbero definire il più importante dei FF, e chi scrive faticherebbe a dare torto a costoro.

Speriamo che questa sia solo l’inizio di una lunga sequela di news, perché Final Fantasy XVI ha davvero saputo cogliere l’interesse di tutti.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Film e Serie TV

Halo: la serie tv arriva su Paramount+, ecco il cast

Published

on

Se parliamo di Halo parliamo di videogiochi, questo è chiaro; la serie dedicata al mitico Master Chief è un’icona per tutti i gamers, amanti o meno del genere FPS (sparatutto in prima persona). Da una serie di successo, come spesso accade, si cercano di trarre nuove idee e nuovo materiale per attrarre i fan, magari anche lontano dal controller. Lontano ma non lontanissimo in questo caso, perché se si lascia il controller non si spegne il televisore: Halo diventerà una serie tv e sarà disponibile su Paramount+ il prossimo anno.

La produzione di una serie tv presa direttamente dall’universo videoludico di Halo era già stata annunciata da tempo, le prime versioni la volevano un prodotto addirittura di Steven Spielberg con un uscita per il 2015, poi ci sono stati tutta una serie di problemi che ci hanno condotto ad oggi. Che sia la volta buona? Stando ad un post dell’account Twitter di Paramount+ si, eccolo:

Preparatevi Spartans! Prodotto da Showtime, Halo arriverà su Paramount+ nel 2022.

La serie sarà diretta da Otto Bathurst e scritta da Kyle Killen e Steven Kane. Anche il cast è già stato confermato, ci saranno:

  • Pablo Schreiber che interpreterà Master Chief John-117
  • Natascha McElhone che sarà la Dr.ssa Catherine Halsey
  • Charlie Murphy sarà Makee
  • Shabana Azmi che interpreterà l’Ammiraglio Margaret Parangosky
  • Bokeem Woodbine sarà invece Soren-006

Una nota di merito va anche a Jen Taylor che nella serie tv, proprio come nei videogiochi, darà la sua voce all’intelligenza artificiale Cortana.

Purtroppo non ci sono altre informazioni riguardo il progetto, soprattutto non si sa nulla ancora sulla trama, né se e da quali giochi prenderà spunto la serie. Sappiamo però che sono previsti, al momento, dieci episodi e che la dicitura “Paramount+ Original” che avete potuto vedere nel post sopra la rende a tutti gli effetti un’esclusiva di questo servizio di streaming.

Speriamo che arrivino al più presto novità riguardo la serie tv di Halo.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Gaming

Il PlayStation VR per PS5 è stato ufficialmente annunciato

Published

on

Il PlayStation VR per PS5 è stato ufficialmente annunciato

Sapevamo che prima o poi questo annuncio sarebbe arrivato e infatti eccolo: il PlayStation VR per PS5 è una realtà in sviluppo presso Sony. Il visore di realtà virtuale lanciato dalla società di Tokyo è stato pensato per PlayStation 4 ma era solo questione di tempo prima che ne venisse annunciata una versione anche per la nuova PlayStation 5. Ecco dunque che Hideaki Nishino di Sony Interactive Entertainment parla proprio della nuova versione del VR.

Il suo commento è stato postato sul sito PlayStation Blog, noi ve ne proponiamo una traduzione. Eccola:

Più di quattro anni fa abbiamo lanciato il PlayStation VR per offrire nuovi modi di giocare ai videogames su PS4, per offrire ai giocatori un maggior senso di presenza e un’immersione più profonda. Nel corso di tutto questo tempo abbiamo visto varie esperienze che hanno contribuito a portare avanti il gaming e la realtà virtuale, e dobbiamo includere titoli molto acclamati come Astro Bot: Rescue Mission, Tetris Effect, Blood & Truth, Moss, Beat Saber e Resident Evil 7. Abbiamo anche migliorato l’esperienza per alcuni titoli di PS VR giocati su PS4 Pro e PlayStation 5.

Oggi sono fiero di annunciare che il nostro sistema VR di nuova generazione arriverà su PlayStation 5, e che ciò permetterà un’esperienza di intrattenimento senza precedenti con un evidente salto in avanti per quanto riguarda le performance e l’interattività. I giocatori avranno la possibilità di sperimentare un senso di presenza ancora maggiore ed essere immersi ancor più nel loro mondo di gioco, dopo che avranno indossato il set.

Noi stiamo continuando ad innovare il nostro sistema VR così che i nostri fan possano godersi le esperienze uniche che sono sinonimo di PlayStation. Stiamo prendendo ciò che abbiamo imparato con il lancio del PS VR su PS4 per sviluppare un sistema next-gen di realtà virtuale che possa migliorare e aumentare tutto, dalla risoluzione al campo visivo agli input. Il sistema si connetterà a PS5 con un singolo cavo per semplificare il setup e migliorarne l’utilizzo, permettendo al contempo un’esperienza con un’alta fedeltà di visione.

Una delle innovazioni che ci fa fremere di più è il nostro controller VR che avrà al suo interno alcune delle caratteristiche peculiari del DualSense, tenendo sempre in conto la maneggevolezza. Questo è solo uno degli esempi della tecnologia futuristica che stiamo sviluppando per rendere reale la nostra visione di una nuova generazione di giochi ed esperienze VR.

C’è ancora molto da fare per il nostro sistema VR perciò non arriverà nel 2021. Tuttavia volevamo condividere con i nostri fan questo aggiornamento, visto che la comunità degli sviluppatori ha iniziato a lavorare sulla creazione di nuovi mondi che potrete esplorare nella realtà virtuale.

Inoltre vogliamo ringraziare tutti i nostri giocatori che utilizzano il PS VR e che continuano a supportarci – con titoli in arrivo come After the Fall, Sniper Elite VR e Humanity, c’è ancora molto in arrivo per il PS VR, che lo stiate utilizzando su PS4 o su PS5. Con il PlayStation VR e la nuova generazione di VR che stiamo costruendo, il nostro impegno nella realtà virtuale come un medium per i videogiochi è più forte che mai. Non vediamo l’ora di condividere ulteriori aggiornamenti e dettagli con voi in futuro!

Che altro aggiungere? Nishino parla di un modo totalmente nuovo di intere la realtà virtuale e di una immersività senza precedenti. Restiamo in attesa di nuove notizie in merito.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Eventi

I videogames open world nello “Speciale Wonderland”

Published

on

La possibilità di esplorare un vero e proprio mondo a parte, con dozzine di missioni da affrontare, centinaia di personaggi con cui interagire è da sempre l’obiettivo agognato da ogni videogiocatore e a cui aspira l’industria dei videogames sviluppando il sistema di gioco denominato open world. A questi affascinanti mondi virtuali dedica una puntata speciale “Wonderland”, in onda martedì 23 febbraio alle 22.55 su Rai4.

Per affrontare questa avventura, Wonderland ha interpellato tre autorità del settore: i game designer Darby McDevitt e Jan-Bart van Beek e l’animatore James Ham, incontrati all’ultima edizione della View Conference di Torino.

In un’epoca in cui il concetto di universo condiviso ha coinvolto più linguaggi mediali, come i fumetti, la serialità televisiva e il cinema, creando mondi in continua espansione che si intrecciano e possono perdere la propria specifica identità, c’è un settore, quello dei videogiochi, in cui si viene a creare una vera e propria palestra per sperimentare – in un unico spazio virtuale – il concetto di espansione spaziale e narrativa. Si tratta dei videogames open world su cui si è cominciato a sperimentare fin dagli albori negli anni ’80, ma sui quali si è raggiunta la reale fattibilità solo nell’ultima decade del 900, aprendo di fatto la strada ai mondi totalmente esplorabili di celebri saghe come Assassin’s Creed, GTA, Far Cry, Horizon e The Legend of Zelda.

Ed è proprio dall’universo di Assassin’s Creed che proviene Darby McDevitt sceneggiatore per Ubisoft che in Assassin’s Creed: Valhalla ha vestito il ruolo di narrative director. L’artista di origini irlandesi ha raccontato il grande impegno documentativo che esiste dietro lo sviluppo di un titolo storicamente attendibile come Assassin’s Creed e come il seme per un universo condiviso e strutturato su più capitoli, con epoche storiche e località geografiche differenti, fosse stato piantato già nel lontano secondo capitolo della saga.

Jan-Bart van Beek dirige il dipartimento artistico della saga post-apocalittica Horizon e ha spiegato la complessità nel realizzare un videogame open world, un lavoro simile a quello che c’è dietro a un moderno film d’animazione che si sviluppa nell’arco di tre o quattro anni con un team molto numeroso che comprende artisti di ogni tipo: designer, autori, programmatori.

James Ham, che ha lavorato come animatore per le sequenze cinematografiche del gioco di nuova generazione Spider-Man: Miles Morales, ha invece approfondito l’aspetto artistico dietro l’impostazione visiva dei videogame che usufruisce di maestranze del settore cinematografico come attori, registi, stuntmen e doppiatori: tutto inizia con il coinvolgimento di attori su un set e con l’utilizzo della motion capture.

L’obiettivo è sempre e comunque offrire al videogiocatore un’esperienza di intrattenimento completa e il più possibile realistica, un viaggio a 360° nel mondo in cui si sceglie di agire. Appuntamento quindi con lo “Speciale Wonderland”.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending