Connect with us
the-winds-of-winter-george-r-r-martin-uscita-game-of-thrones the-winds-of-winter-george-r-r-martin-uscita-game-of-thrones

Letteratura

Quando uscirà The Winds of Winter? George R. R. Martin lancia una data

Published

on

Quando uscirà The Winds of Winter, seguito della saga di Game of Thrones? È ancora presto per dirlo, ma l’autore George R. R. Martin – che non è esattamente conosciuto per essere uno scrittore veloce – ha pubblicato degli aggiornamenti sul suo sito ufficiale. George R. R. Martin spera di finire The Winds of Winter prima del prossimo CoNZealand, che di solito si svolge a fine luglio o inizio agosto.

Ecco una traduzione:

Devo confessare, dopo mezzo anno di pandemia, quarantena e distanza sociale, sto mostrando segni di claustrofobia (in originale Cabin Fever)… la metà dei quali è piuttosto letterale nel mio caso (gioco di parole tra Cabin Fever e il fatto che vive in una baita/cabin). Sì, sono in una vera baita in montagna. No, non ho la febbre. Sì! Almeno per il momento, sono in salute… per un uomo fuori forma di 71 anni, almeno… e sto facendo tutto il possibile per rimanere in questo stato.

Se non altro, l’isolamento forzato mi ha aiutato a scrivere. Trascorro lunghe ore ogni giorno su The Winds of Winter e faccio progressi costanti. Ieri ho finito un nuovo capitolo, un altro tre giorni fa, un altro la settimana precedente. Ma no, questo non significa che il libro sarà finito domani o pubblicato la prossima settimana. Sarà un libro enorme e ho ancora molta strada da fare. Per favore non date alcuna credibilità a nessuno dei siti web clickbait a cui piace analizzare ogni parola dei miei post come se fossero encicliche papali con significati divini nascosti.

Avevo il cuore spezzato quando CoNZealand è stato costretto a diventare virtuale a causa della pandemia e ho dovuto annullare i miei piani (piani entusiasmanti) per un lungo viaggio fino a Wellington con Parris e i miei fan… ma c’è sicuramente un risvolto positivo in questa brutta situazione. L’ultima cosa di cui ho bisogno in questo momento è una lunga interruzione che potrebbe costarmi tutto lo slancio che ho accumulato. Posso sempre visitare Wellington il prossimo anno, quando spero che sia il Covid-19 che The Winds of Winter saranno finiti.

Ho ancora intenzione di ospitare gli Hugo Awards e adempiere a tutto il resto dei miei doveri da ospite per worldcon, e ho iniziato a preregistrare alcuni pezzi per la cerimonia (una saggia precauzione, dal momento che sono senza speranza con Zoom, Skype e cose simili), ma è molto meno dispendioso in termini di tempo e di distrazione rispetto al volo dall’altra parte del mondo. Tra una registrazione e l’altra, ritorno a Westeros. Di recente ho visitato Cersei, Asha, Tyrion, Ser Barristan e Areo Hotah. Ritornerò a Braavos la prossima settimana. Ho delle brutte giornate, che mi deprimono, e delle belle giornate, che mi sollevano, ma nel complesso sono contento di come stanno andando le cose.

Vorrei che passassero più veloci, ovviamente. Nel lontano 1999, quando ero profondamente immerso nella stesura di A Storm of Swords, scrivevo una media di circa 150 pagine di manoscritto al mese. Temo che non riprenderò mai più quel ritmo. Guardando indietro, non sono sicuro di come l’ho fatto allora. Una febbre, davvero.

(…) Quassù sulla montagna, tutto sembra molto distante, e la maggior parte è stato interrotto in ogni caso, fino a quando il Covid-19 non se ne andrà.

Principalmente, sono solo io a Westeros, con occasionali viaggi secondari in altri luoghi nelle pagine di un grande libro.

Ora mi dovrai scusare. Arya sta chiamando. Penso che intenda uccidere qualcuno.

Silvia Pegurri



Daily Nerd è un Magazine di cultura Nerd e Geek. Non si tratta semplicemente di riportare notizie, ma di approfondire e riflettere sulla cultura che ci circonda.

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anime e Manga

Il libro di ricette di Sanji supera le 210 mila copie in circolazione

Published

on

sanji-libro-ricette

A 8 anni dall’uscita del libro di cucina One Piece – Sanji no Manpuku Gohan, il volume con le ricette del cuoco della ciurma di Cappello di Paglia ha superato le 210 mila copie in circolazione!

Un numero di tutto rispetto dato che le ricette – che sono tratte dal manga – non sono forse proprio adatte a tutti i palati, ma in giro si trovano anche dei coraggiosi cuochi che hanno provato a replicarne alcune, e il risultato pare non essere così male.

Di certo Rufy non farà lo schizzinoso!

Continue Reading

Film e Serie TV

Enola Holmes: gli eredi di Conan Doyle fanno causa a Netflix

Published

on

enola-holmes

Non è ancora nemmeno uscito il trailer del nuovo film Enola Holmes (sorella immaginaria del famosissimo detective), che arriverà a settembre su Netflix, che gli eredi dello scrittore scozzese hanno già fatto causa alla piattaforma di streaming che avrebbe “tradito l’immagine di Sherlock Holmes”.

A quanto pare per gli eredi di Arthur Conan Doyle, il film – diretto da Harry Bradbeer (regista di Fleabag) e incentrato sulla sorella di Holmes, Enola interpretata da Millie Bobby Brown, la giovane star di Stranger Things – non darebbe agli spettatori una giusta immagine del detective e quindi sono passati alle azioni legali con la motivazione che la proprietà intellettuale dell’opera non sarebbe stata utilizzata correttamente.

Bisogna specificare che il nuovo film è tratto dalla serie letteraria, inedita in Italia, The Enola Holmes Mysteries della scrittrice americana Nancy Springer che ha dato al celebre detective una sorella e ne ha raccontato le avventure. Ma gli eredi di Doyle lamentano che il personaggio di Holmes, interpretato dall’attore britannico Henry Cavill (Superman e The Witcher), non sia fedele all’originale.

Tra le questioni sollevate è stato contestato che l’Holmes di Cavill sia troppo emotivo rispetto a quello originale che avrebbe invece un comportamento più britannico e compassato. Gli eredi di Arthur Conan Doyle non sono certo nuovi a queste azioni legali, tanto che nel 2015 avevano fatto causa ad un altro adattamento, la questione si è comunque poi risolta.

Restate su queste pagine per seguire tutti gli aggiornamenti.

Continue Reading

Film e Serie TV

The Witcher 2: ricominciano le riprese, ecco la data ufficiale

Published

on

the-witcher-2-iniziano-riprese

A qualcuno non è piaciuto ma tutti lo hanno visto: la serie tv Netflix The Witcher ha fatto discutere e ha portato grandi numeri dalla parte della piattaforma di streaming dalla N rossa, quindi non c’è da stupirsi se tutta la community è in trepidante attesa di notizie sulla seconda stagione, già annunciata ai tempi dell’uscita della prima stagione.

The Witcher 2 ha visto – un po’ come tutte le produzioni – molte difficoltà in questo periodo a causa della pandemia globale che ha imposto uno stop a tutti i lavori in ambito cinematografico, infatti è da questo marzo che il cast non ha potuto proseguire con le riprese della serie dedicata allo strigo Geralt ma ora abbiamo una data alla quale guardare con speranza.

L’inizio delle riprese

La notizia ci arriva direttamente dal profilo Twitter di The Witcher, il 17 agosto 2020 ricominceranno ufficialmente le riprese – fa sorridere pensare come, nei piani originali, le stesse riprese sarebbero dovute finire proprio ad agosto. Di seguito il tweet (tradotto da noi) di conferma che sembra uscito da una canzone del simpatico bardo della serie, Ranuncolo:

Dal mio liuto e dalla mia penna della polvere devo spostare,
ho delle novità, dell’idromele da versare:
dopo questi mesi nei quali sono da voi svanito
è tempo che la produzione riprenda e a passo spedito.
The Witcher e il suo bardo – il quale è perfetto,
si riuniranno sul set il 17 agosto, è ciò che ho detto

Le rime di Ranuncolo parlano chiaro, a metà agosto tutti gli attori torneranno nel Continente e noi ne siamo davvero felici.

Continue Reading

Trending