Connect with us
ordine-leggere-libri-the-witcher ordine-leggere-libri-the-witcher

Letteratura

The Witcher: in che ordine leggere i libri Andrzej Sapkowski?

Published

on

Dopo la fortunata serie di videogiochi e l’adattamento Netflix, in molti è nato il desiderio di leggere i libri di Andrzej Sapkowski per conoscere meglio il mondo di The Witcher. Ma una domanda sorge spontanea: da dove cominciare?

Leggerli in ordine di uscita oppure in ordine cronologico? E la serie di racconti, è indispensabile?

Abbiamo deciso di fare chiarezza, nonostante non sia un’impresa facile fare ordine.

 La storia è cominciata negli anni ’80 su un magazine di fantasy polacco, su cui Sapkowski pubblicò un racconto e arrivò al terzo posto in una competizione per trovare autori emergenti di talento. Le storie diventarono così popolari da spingerlo a scrivere dei libri, pubblicati inizialmente in Polacco nel 1993, Inglese nel 2007 e in italiano solo nel 2010.

Ma da dove cominciare a leggerli?

 L’ordine cronologico
 I racconti

 Si consiglia di iniziare dalla raccolta di storie che precede la trama principale, e che permette di conoscere meglio il mondo dello strigo e le sue dinamiche interne, oltre che i personaggi principali che ri-incontreremo nei romanzi. Da Yennefer a Ranuncolo, fino a Tris e Ciri. La pubblicazione delle opere non segue la cronologia interna: Il Guardiano degli Innocenti si sofferma sulla presentazione dei vari personaggi, approfondendo le loro dinamiche; La Stagione delle Tempeste, da molti fan considerato “saltabile”, è un racconto che si intreccia con le altre antologie; ne La spada del Destino, invece, conosciamo finalmente Ciri (o Cirilla), uno dei personaggi cardine della saga principale. La prima stagione dell’adattamento Netflix riprende molti degli avvenimenti narrati tra queste pagine, ma non tutti, quindi è un ottimo modo per approfondire e conoscere al meglio le dinamiche interne.

 I romanzi

 La serie si compone di cinque romanzi, scritti da Sapkowski dopo il grande successo ricevuto con le storie brevi. In questo caso l’ordine di pubblicazione coincide con la timeline interna:

 I romanzi sono stati pubblicati in Polonia a partire dal 1994 fino al 1999, ma sono arrivati in Italia solo dopo qualche anno grazie a Casa Editrice Nord. Evitiamo di raccontarvi la trama dei singoli romanzi per non rovinare la sorpresa, ma basti sapere che si entra nel vivo delle vicissitudini. Politica spietata, avventure, combattimenti e triangoli amorosi riempiono le pagine della saga di Geralt, con colpi di scena inaspettati che hanno conquistato migliaia di lettori.

 I racconti extra

 Pensavate fosse finita così? Il mondo di The Witcher è davvero enorme: i romanzi e le raccolte di storie brevi non sono le uniche ad essere state scritte, esistono anche due storie mai tradotte ufficialmente in nessuna lingua. Risalgono al 1988, e la scelta (che potrebbe sembrare strana vista la popolarità della storia) è dovuta alla volontà dell’autore, che non pensa siano organiche con il resto della saga. Si tratta di “Coś się kończy, coś się zaczyna” (Qualcosa finisce, qualcosa inizia) e “Droga, z której się nie wraca” (Una strada da cui non si torna).

Nel primo troviamo Geralt sposato con Yennefer, è un racconto umoristico dedicato a una coppia di amici che si stavano sposando. Il secondo segue l’incontro di Visenna e Korin.

Se siete curiosi di leggere anche questi racconti non temete, sono facilmente reperibili online grazie al lavoro di alcuni fan che li hanno tradotti. QUI trovate Qualcosa finisce, qualcosa inizia, QUI invece Una strada da cui non si torna.

 Le graphic novel

Se seguire l’ordine cronologico dei racconti e dei romanzi non è esattamente intuitivo, quando si aggiungono anche i fumetti e le graphic novel allora si rischia di entrare in un loop infinito. Il modo migliore di recuperarli è sicuramente attraverso l’edizione OMNIBUS pubblicata da Panini Comics. Si tratta di una raccolta di tre saghe già edite in passato e dei capitoli extra:

  • La casa di Vetro
  • I figli della Volpe
  • La Maledizione dei Corvi
  • Uccidere Mostri (capitolo extra)

 Queste saghe, proprio come i racconti, approfondiscono ulteriormente il mondo di The Witcher, oltre che mostrare nuove sfaccettature della personalità di Geralt e dei suoi compagni. Una serie di avventure, dalla trama abbastanza lineare, che ci permettono di immergerci nell’ambientazione fantasy con un approccio più videoludico rispetto ai romanzi, quasi stessimo vivendo una side-quest.

L’ordine di lettura di The Witcher (ordine cronologico)

In che ordine leggere i libri di The Witcher?

Questa è la cronologia di uscita, voi da dove comincerete a leggere?

Giornalista pubblicista e Laureata in Lingue e Culture per l’Editoria. Procrastinatrice seriale, vado avanti a forza di caffeina e ansia e in qualche modo sta funzionando. Mi piacciono la lettura, i Beatles, lo Spritz Campari e le maratone (Netflix). Non mi piacciono il caffè annacquato, scrivere biografie e fare liste.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Letteratura

Così in terra, in uscita il nuovo romanzo di Patrick Fogli

Published

on

Il 26 aprile uscirà per Mondadori il nuovo romanzo di Patrick Fogli, Così in terra, un libro corposo che si lega anche al mondo nerd, dato che nel raccontare le vicende di un illusionista e le sue domande sull’esistenza, fa riferimento al mondo dei fumetti, dei supereroi, agli X-men e molti altri. Anche perché l’illusionista non è davvero un illusionista, ma una persona che ha dei superpoteri. E viene anche da chiedersi, come possiamo impiegarli, quei superpoteri? Che limiti ci sono? Fino a dove possiamo arrivare?

Trama Così in terra

Il nuovo romanzo di un autore che non smette di sorprendere per la singolarità dei suoi spunti narrativi. Daniel ha cinque anni il giorno in cui varca il cancello dell’Istituto aggrappato alla mano di sua mamma. Hanno camminato a lungo, e quando suor Anna li accoglie, madre e figlio hanno poche parole da spendere, solo bisogno di mangiare qualcosa e riposare. La donna morirà quella notte lasciando il bambino solo al mondo e senza la risposta a molte
domande.

Domande che ancora tormentano Daniel ora che l’Istituto è solo un ricordo e lui è diventato uno degli uomini più conosciuti del pianeta. I suoi numeri ne hanno fatto il più grande illusionista di tutti i tempi, capace di fare cose mai viste prima. Ma se non si trattasse di un trucco?

Daniel è il solo a sapere che non lo è. Lo sa da quando all’Istituto ha spezzato un braccio al suo aguzzino solo pensando di farlo, da quando ha iniziato a sentire i pensieri degli altri, un’onda che lo travolge ogni volta che abbassa le difese, e che con fatica ha imparato a gestire.

Da quando ha capito che gli basta desiderare una cosa perché questa accada, come è successo con quella donna che ha strappato alla morte, e quella che invece ha scelto di non salvare. Ma tutto questo è un segreto che nel tempo si è fatto sempre più ingombrante, che l’ha avvelenato lentamente come l’adamantio di Logan, da sempre il suo supereroe preferito, e che l’ha costretto a vivere nella menzogna e nell’incubo di non
sapere lui stesso chi sia. O cosa sia.

Ora è arrivato il momento di smettere di nascondersi, ma ci sarà un prezzo da pagare. Un romanzo che pesca dall’immaginario fumettistico, esercitandone la stessa fascinazione, per
tradurre in chiave letteraria e psicologica quella ricerca di identità che in fondo appartiene a ognuno di noi.

L’autore

Patrick Fogli è nato a Bologna nel 1971. Laureato in ingegneria elettronica, vive
sull’Appennino reggiano. Tiene, quando ha qualcosa da dire, un blog e si fa un
punto di rispondere a chiunque gli scriva. Ha pubblicato i romanzi Lentamente
prima di morire (Piemme, 2006), L’ultima estate di innocenza (Piemme, 2007), Il
tempo infranto (Piemme, 2008), Dovrei essere fumo (Piemme, 2014), Io sono Alfa
(Frassinelli, 2015), A chi appartiene la notte (Baldini + Castoldi, 2018), che gli è
valso il premio Scerbanenco e Il signore delle maschere (Mondadori, 2019).

Continue Reading

Letteratura

Il nuovo romanzo di Nicola Pesce: “L’uomo più piccolo del mondo”

Published

on

l'uomo più piccolo del mondo

Autore e imprenditore, Nicola Pesce, ha fondato – ancora minorenne – Edizioni NPE, oggi tra le prime venti case editrici di fumetto in Italia. All’età di sedici anni aveva già scritto nella sua cameretta oltre 10 romanzi e 100 racconti, ma solo nel 2019 ha trovato il coraggio di condividere le proprie storie e adesso ci stupisce con un’altra fatica “L’uomo più piccolo del mondo”.

Con il suo romanzo d’esordio «Le cose come stanno» ha raccolto sin da subito un grande consenso da parte dei lettori, ma è con «La volpe che amava i libri» che ha raggiunto migliaia di case: un libro adottato da diverse scuole, amato da grandi e piccini, e ancora oggi in vetta alla classifiche.

Trama L’uomo più piccolo del mondo

È la storia del commendator Carlo Valenti, un cosiddetto squalo della finanza, che ha sempre ottenuto tutto quello che desiderava. Ma un avvenimento terribile gli mostrerà quanto la sua vita sia in realtà fatta di cartapesta: quando rapiscono il suo figlio autistico, il piccolo Luca, si rende conto di essere un uomo solo, di non avere veri amici, si accorge che il suo matrimonio si sta disintegrando. 

La trama, come sempre nei romanzi di Nicola Pesce, è una scusa per approfondire la psicologia dei personaggi: dal lento e disilluso Commissario Branca, cui le indagini vengono affidate, alla giovane cameriera Yuliya, che si sente fuori posto in un mondo fatto solo di apparenza; dalla moglie Mina Valenti, frustrata e svuotata del suo ruolo di madre ma ancora forte, a Canio, uno dei rapitori che finisce per fare amicizia con il piccolo ostaggio.

Chi è l’uomo più piccolo del mondo? Non lo sappiamo. Un bambino già così maturo, o forse un grand’uomo che non è più nessuno, o ancora un commissario che non crede più in quello che fa, o un rapitore che nella vita ha sempre cercato soltanto scorciatoie e adesso si rende conto che non c’è più tempo. In libreria dal 10 marzo.

Continue Reading

Letteratura

“Mac the geek”, il nuovo romanzo di Philip Osbourne

Published

on

mac the geek

Torna in libreria Philip Osbourne con “Mac The Geek”, anche questa volta con un romanzo per i giovani capace di raccontare con semplicità temi anche complessi.

Trama Mac the Geek

Il volume esplora le vicende di un giovane informatico (ha sedici anni) che scopre che la sua ragazza lo ha ingannato e tradito, e ancora peggio lo ha fatto proprio con il suo migliore amico.

Il protagonista però non si fa sopraffare dalla delusione e decide di creare un’App che può rilevare le bugie in tempo reale. Ovviamente, questo sarà l’inizio di una serie di assurde e grottesche vicende tese a raccontare come la nostra società riesca a stare in piedi solo grazie alla menzogna.

Un romanzo esilarante, e allo stesso tempo profondo, che si legge con semplicità e diverte a prescindere dall’età. Come potranno continuare a mentire i politici? E le famiglie reggeranno alla catastrofe incombente generata dalla “verità”?

“Mac, stai attento, la tua app è il Male! Tu hai creato Damien, l’anticristo”.

Aprii la porta e lasciai mia sorella sotto shock, tremolante sul suo letto e senza più voglia di divertirsi su TikTok. Qualcosa di buono l’app l’aveva già ottenuta. “Stai attento!” ripeté, mentre io mi infilavo nella mia camera. “Quell’app distruggerà il Mondo!” 

Dall’autore del bestseller “DIARIO DI UN NERD”, un romanzo per giovani adulti, ma anche per lettori più attempati, divertente, accattivante, che sorprende e fa riflettere. 

«Un libro è una finestra aperta a tutti e dovrebbe toccare le emozioni di ogni persona, indipendentemente dall’età o dalla nazionalità. Credo molto nell’arte che tende all’universalità…», ha dichiarato Philip Osbourne.

Continue Reading
Advertisement

Trending