Connect with us
Trails-of-Cold-Steel-IV-arriva-su-Switch:-ecco-la-data-ufficiale Trails-of-Cold-Steel-IV-arriva-su-Switch:-ecco-la-data-ufficiale

Gaming

Trails of Cold Steel IV arriva su Switch: ecco la data ufficiale

Published

on

I videogiochi The Legend of Heroes non sono troppo conosciuti qui in occidente perché fanno parte di un genere, quello J-RPG, che non va per la maggiore e inoltre fra questi non sono nemmeno la serie maggiormente conosciuta; sicuramente un Final Fantasy o un Dragon Quest fanno suonare qualche campanella in più. Nonostante ciò stiamo parlando di una saga molto valida che vede in Trails of Cold Steel IV il suo ultimo capitolo, e oggi abbiamo la conferma che quest’ultimo arriverà su Switch, con tanto di data ufficiale.

Il profilo Twitter di NISAmerica dà la notizia, con un bel trailer che trovate qui di seguito:

Gli eroi devono riunirsi! Trails of Cold Steel IV arriverà su Nintendo Switch il 9 aprile 2021!

Qualche informazione su Trails of Cold Steel IV:

The Legend of Heroes: Trails of Cold Steel IV è un gioco di ruolo alla giapponese sviluppato dalla Nihon Falcom Corporation, una software house nipponica con sede a Tachikawa. Il quarto capitolo, pubblicato in patria a settembre 2018, è arrivato nel resto del mondo più di due anni dopo – a ottobre 2020. ToCS IV è disponibile solo sulla piattaforma PlayStation 4 ma, come abbiamo appreso dal video, questa è una situazione temporanea: dal 9 aprile 2021 sarà giocabile anche su Nintendo Switch.

La storia di ToCS IV prende avvio qualche settimana dopo le vicende del precedente terzo capitolo, qui ritroviamo tutti i protagonisti della Classe VII, ma non solo. Tornano di nuovo anche vecchi volti noti agli amanti della serie, fra i quali: Estelle e Joshua Bright, i protagonisti dei primi capitoli di The Legend of Heroes, Lloyd Bannings, Elie MacDowell e gli altri personaggi che hanno reso viva la città di Crossbell.

Trails of Cold Steel IV non è un gioco nuovo, abbiamo già detto che è stato pubblicato per la prima nel 2018, ma arriva per la prima volta su Switch. E siamo sicuri che farà la felicità degli appassionati di lunga data, così come dei neofiti.

Se siete interessati al mondo dei J-RPG date un’occhiata al nostro articolo sui 5 giochi di ruolo alla giapponese da giocare assolutamente.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gaming

Cyberpunk 2077: la demo dell’E3? Un fake per i developer

Published

on

cyberpunk_2077

Non accennano a placarsi le polemiche nei confronti di Cyberpunk 2077. Il gioco prodotto da CD Projekt RED e pubblicato questo dicembre, ha raccolto pareri contrastanti dal pubblico. L’ultimo video di scuse sembra non essere bastato a placare le polemiche.

Su twitter il giornalista Jason Schreier prosegue con le sue accuse e porta a supporto le testimonianze di alcuni ex sviluppatori che sembrano avere svelato retroscena inquietanti. Secondo quanto riportato da GameRant, infatti, pare che alcuni ex dipendenti dell’azienda polacca avrebbero affermato che la demo di Cyberpunk 2077 vista durante l’E3 del 2018 non fosse altro che un fake. Una truffa a tutti gli effetti compiuta ai danni dei videogiocatori.

Nonostante nel video sia visibile la dicitura game engine footage che dovrebbe testimoniare come le immagini visionabili fossero processate in tempo reale, pare che così non fosse.

Schreier ha dedicato ampio spazio agli sfoghi di ex dipendenti e sviluppatori. Secondo quanto riportato dal giornalista ex Kotaku; sebbene Cyberpunk 2077 fosse stato annunciato nel 2012, i lavori veri e propri non sarebbero cominciati prima del 2016.

Questo dato potrebbe essere in linea con la filosofia di fondo di CD Projekt RED che inaugura i lavori su un nuovo progetto solo quando sono ultimati quelli sul progetto precedente. The Witcher 3 Wild Hunt, ad esempio, ha esordito nel 2015 ed è dunque plausibile che il gioco successivo sia rimasto in incubazione fino al post release dell’ultimo gioco dedicato allo strigo.

Sono stati in molti, tra i dipendenti, a far presente l’impossibilità di pubblicare un gioco completo nel corso del 2020. I vertici hanno però voluto credere alla CD Projekt Magic, dice Schreier.

Matematica alla mano, questo significa che gli sviluppatori hanno avuto a disposizione poco più di tre anni per mettere insieme il mondo di gioco di Cyberpunk 2077. Questo spiegherebbe diversi dei problemi riscontrati dal pubblico e darebbe credito alle accuse, lanciate sempre da Schreier, riguardo possibili casi di crunch.

Cosa ne pensate? Possibile che lo sviluppo sia cominciato in così colpevole ritardo e che CD Projekt RED abbia ceduto alla tentazione che già aveva sedotto Guerrilla Games ai tempi di Killzone 2 nel 2005 o Hello Games con No Man’s Sky nel 2016?

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Gaming

Ma i Remake di Pokémon Diamante e Perla? Se ne parla ancora

Published

on

Pokémon_Diamante-Perla

I remake di Pokémon Diamante e Perla sono due titoli molto attesi e discussi, la serie Pokémon ha raramente visto un hype simile crearsi attorno a videogiochi che non sono una novità, bensì un rifacimento di avventure già vissute. Chi legge non deve fraintendere: Diamante e Perla sono stati una coppia di videogame di pregevole fattura, tanto che la quarta generazione è ricordata come una delle migliori. Ma l’attesa per questi remake è talmente lunga che viene da chiedersi: se ne parla ancora? Sì, è ci sono alcuni rumors interessanti che girano.

Anche qui non vogliamo esser fraintesi: tutto quello che leggerete non è ufficiale. I post che vedrete contengono semplicemente dei leaks, ma rincuora sapere che i fan non hanno perso la speranza e la voglia di ripercorrere le strade di Sinnoh. Ecco i tweet di Centro Pokémon LEAKS e Centro Pokémon:

Ora possiamo confermare che Pokémon Diamante e Pokémon Perla arriveranno su Nintendo Switch.

Il dominio diamondpearl.pokemon.com è stato attivato.

Il primo rumor dà una sensazione di sicurezza e la frase al suo interno non lascia spazio a dubbi: i remake arriveranno e si potranno giocare su Nintendo Switch. Non si sa quando – si parla di febbraio, ma ovviamente si parlerebbe solo di un annuncio per quel periodo -, nulla di ufficiale ancora come abbiamo detto.

Il secondo cinguettio, invece, fa riferimento ad un dominio online dedicato a Pokémon Diamante e Perla; per esperienza sappiamo che quando viene aperto un dominio internet per un videogioco a breve seguono delle news dedicate. Non funziona sempre così, ma spesso si.

Se questi rumors dovessero confermarsi come veritieri o meno solo il tempo ce lo dirà. Ci chiediamo però quanto Game Freak possa ancora ignorare questa voglia dilagante di Quarta Generazione, vox populi vox dei come si dice.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Gaming

Cyberpunk 2077: il co-fondatore di CD Projekt Red si scusa

Published

on

Che Cyberpunk 2077 sia al centro di una tempesta è cosa nota, da tempo giungono notizie di problemi, denunce e soprattutto di una fan base molto scontenta. A prendere in pieno quest’onda anomala sono, ovviamente, gli sviluppatori polacchi di CD Projekt Red. Il rilascio dell’attesissimo titolo ha reso chiaro come questo non fosse pronto per essere giocato su alcuni tipi di piattaforme – in particolare le versioni base di PlayStation 4 e Xbox One -, risultando un’esperienza di gioco pessima.

CD Projekt Red, nella persona di Marcin Iwiński, ha espresso il proprio dispiacere scusandosi per la situazione. Il video che trovate di seguito è stato caricato sul canale YouTube di Cyberpunk 2077:

Qualche considerazione:

Non è semplice proporre delle considerazioni riguardo al video che abbiamo appena visto. Da una parte, in questo tipo di situazioni, le scuse sono sempre un atto dovuto e fatto con lo scopo di migliorare la propria immagine; d’altra parte il mea culpa è da vedersi come un bel gesto, che in qualche modo ravvicina gli sviluppatori “colpevoli” e i fan delusi.

Parliamo di sviluppatori colpevoli perché, nel video, Iwiński dice che chi ha deciso di lanciare il gioco così com’era non voleva che accadesse nulla di tutto ciò che è successo. Non fatichiamo a crederlo, ma non è una scusa: chi ha preso la decisione sapeva perfettamente qual era la situazione di Cyberpunk 2077 – problemi compresi -, non si lancia un gioco per caso e senza cognizione di causa. Sicuramente nessuno avrebbe potuto prevedere tutto il marasma che si è creato, ma quando si pubblica un prodotto bisogna che questo corrisponda a quanto promesso. Non dimentichiamo mai che i videogiocatori pagano il gioco con denaro sonante, a prezzo pieno. E non entriamo nemmeno nel merito della serietà e professionalità (molto più importanti del becero denaro sopra menzionato), che vengono quantomeno messe in discussione quando si vedono comportamenti di questo tipo.

Il fondatore di CD Projekt Red promette aggiornamenti e miglioramenti il prima possibile: nei prossimi 10 giorni arriverà un primo aggiornamento e nelle prossime settimane un secondo, più consistente. Speriamo che servano a migliorare l’esperienza di gioco per tanti gamers.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending