Connect with us
Cyberpunk 2077 Cyberpunk 2077

Gaming

Cyberpunk 2077: uno sviluppo più dispendioso di GTA V?

Published

on

Cyberpunk 2077 fa sempre più parlare di sé e sembra già il nuovo titolo dei record, alcuni di questi non sempre in positivo: si pensi al primato di ritardi e rinvii ormai affibbiato al prodotto. Ma, come spesso si dice, l’importante non è parlare bene di qualcosa, basta che se ne parli. In questo caso torniamo sul titolo di CD Projekt Red, dopo la notizia dell’ennesimo rinvio appunto, portando alcune considerazioni sui costi del suo sviluppo che potrebbero aver superato quelli di GTA V.

Stando a quanto riportato sul sito Nintendosmash: alcuni analisti polacchi – che lavorano per la società di brokeraggio DIMBOSS – avrebbero notato come le spese di sviluppo per Cyberpunk 2077 potrebbero rivelarsi, in futuro, maggiori rispetto a quelle del titolo Rockstar Games. Questi analisti hanno stimato che il budget finale per Cyberpunk 2077 sarà di circa 1.2 miliardi di złoty (la moneta polacca), equivalente a circa 270 milioni di euro. Se il numero dovesse rivelarsi veritiero saremmo di fronte al gioco più costoso di sempre. Attualmente il gioco più caro, in termini di sviluppo e pubblicizzazione, è Grand Theft Auto V – la cui spesa era stata di circa 225 milioni di euro –.

Noi non siamo analisti, ma crediamo che il numero proposto non sia troppo lontano dalla realtà. Ciò alla luce di una serie di fattori: lunghi(ssimi) termini di lavoro, ampio utilizzo di personale e materiale tecnologico per lo sviluppo, marketing e pubblicizzazioni ad alto budget. A quest’ultimo riguardo, lo stesso sito fonte riporta un esempio: CD Projekt Red ha speso 2.5 milioni di dollari solo per una pubblicità del gioco a Times Square, New York.

Di sicuro non siamo di fronte a un gioco a basso costo, e siamo sicuri che il grande impegno economico ci farà avere tra le mani un titolo di alta qualità.

Credete che queste previsioni di spesa siano troppo alte? Pensate che Cyberpunk 2077 scalzerà GTA V dal trono di titolo più costoso della storia?

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutare.



Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gaming

E Google Stadia? Parla Jack Buser, il Director of Games del progetto

Published

on

Google Stadia ufficiale gratis

La console Google Stadia ha ormai compiuto un anno – ricordiamo che il suo lancio era avvenuto a fine novembre 2019 – e, nonostante sembrasse la rivelazione del momento, ha avuto un impatto piuttosto blando nel mondo del gaming. Forse la concorrenza spietata, forse la mancanza di una libreria videoludica competitiva/esclusiva, forse la forma mentis di alcuni videogiocatori ancora attaccati alla cara e vecchia console di casa fisicamente ingombrante. I motivi possono essere molti, per questo oggi vi riportiamo alcune considerazioni di Jack Buser, Director of Games di Stadia.

Il direttore si è espresso in un’intervista rilasciata sul sito Mobilesyrup, e alcune domande fatte possono aiutare a capire meglio quali sono i progetti in corso per la console di Google. Di seguito ve ne riportiamo alcune:

Sembrano esserci parecchie dicerie negative attorno a Stadia. La piattaforma è stata tacciata di aver avuto un lancio lento e una generale mancanza di giochi. Come risponde a queste a queste critiche?

R: Dirò semplicemente: “provatela”. Non vi costa nulla provare il mese gratuito. Se vi piace rimanete, altrimenti non avrete alcun danno. Sappiamo però che quando la gente prova Stadia, tende a continuare a utilizzarla. A livello personale invece so che entrare nell’industria dei videogiochi è dura. Bisogna dimostrarsi capaci. Bisogna dimostrare di essere dalla parte dei giocatori, dimostrare di essere coerenti negli sviluppi e pubblicazioni promesse e continuare a costruire un rapporto con i gamers.

Abbiamo visto spuntare molti servizi di abbonamento ai giochi – parecchi dei quali con una componente streaming -. Alla luce di questo, cosa farà Stadia per essere competitiva?

Siamo di fronte a un cambiamento. Noi siamo arrivati come la prima nuova piattaforma, e questo non succedeva da tempo. Alla Game Developer Conference abbiamo mostrato la visione di ciò che noi vogliamo fare nel lungo termine. E questo ha aperto gli occhi a molti. Siamo contenti del fatto che altre piattaforme in streaming stiano arrivando sul mercato. Molte compagnie stanno utilizzando questo modo per raggiungere i fruitori con esperienze di gioco incredibili. E noi ne siamo entusiasti perché un’onda solleva tutte le barche.

Per quanto riguarda i futuri giochi per le console next-gen, abbiamo alcune idee su cosa aspettarci, ma la lineup di Stadia per il 2021 e oltre è piuttosto oscura. Parlando in generale, allora, qual è il piano per il secondo anno e oltre?

Ciò che posso dirvi è che abbiamo costruito un piano per circa 400 giochi in sviluppo al momento, da parte di 200 sviluppatori. Quindi quando i giochi arriveranno, che sia nel corso del 2021 oppure dopo, sentirete parlare di noi in futuro. Ci saranno più sviluppatori per più giochi sulla piattaforma? Assolutamente si. Ma parlando francamente, il mio team ha quasi finito con il 2021. Stiamo pensando al 2022 ora. Spero che questo vi dia il senso di come ci stiamo muovendo.


Questo è ciò che ha avuto da dire Jack Buser, direttore all’interno del progetto Google Stadia. Stando alle sue parole i videogiocatori si possono aspettare degli sviluppi futuri massici e interessanti. Staremo a vedere.

Voi avete provato Stadia? Quali sono le vostre impressioni?

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutare.



Continue Reading

Anime e Manga

Nuovo trailer per The World Ends With You – The Animation

Published

on

The World Ends With You animation

In questo periodo di rinvii e posticipi è bello sapere che qualche progetto continua nei suoi binari com’è giusto che sia. Esempio di questa virtuosa coerenza di sviluppo è The World Ends With You – The Animation, il progetto che ha promesso di sviluppare un anime dal famoso videogioco del 2008, appunto TWEWY. Il primo trailer di presentazione di The World Ends With You – The Animation era giunto quest’estate, prendendo un po’ in contropiede chi non era rimasto con le orecchie alzate, in cerca di notizie di un gioco per certi versi ingiustamente sottovalutato (soprattutto qui in occidente).

Sia come sia, oggi vi portiamo il secondo trailer di TWEWY – The Animation, lo potete trovare qui di seguito. Il video è stato caricato sul canale YouTube di Square Enix:

The World Ends With You – The Animation: la trama

Ecco a voi anche una sintesi della trama del videogioco, le cui vicende – a quanto sembra – saranno direttamente traslate nell’opera animata:

Neku Sakuraba si ritrova all’incrocio di Shibuya senza sapere come ci sia arrivato o qualunque altra cosa di sé, salvo il suo nome. All’improvviso un messaggio sul cellulare: “Completa la missione, o sarai cancellato”. Attaccato da alcuni esseri misteriosi, Neku è costretto a formare un “patto” con una strana e fin troppo vivace ragazza. Shiki Misaki sarà la partner del ragazzo per tutta la prima settimana, nella quale conosceranno anche Beat e Rhyme. Questi spiegano a Neku che in realtà si trovano in una dimensione parallela, l’Underground (UG), e che tutti loro sono morti.

Per tornare in vita completando il Gioco, dovranno combattere contro i “Noise” (rumori) ed i Reapers (Mietitori), coloro che controllano il Gioco. Durante questi giorni si scopre che il prezzo d’entrata di Shiki era il suo aspetto, infatti appare nell’UG nelle sembianze della sua migliore amica Eri, mentre quello di Neku era la sua memoria. Allo scadere dei 7 giorni l’unica ad essere riportata in vita è Shiki, mentre Neku è costretto a giocare di nuovo riottenendo la memoria ma cedendo in cambio, come nuovo prezzo di entrata, Shiki. Nella seconda settimana subentrerà Joshua, un enigmatico ragazzo alla costante ricerca del Compositore, il vero sovrano del Gioco. Costui sembra in qualche modo collegato alla misteriosa morte di Neku, di cui ancora neanche lui si ricorda. Infine, nella terza ed ultima settimana il partner di Neku sarà Beat.

Il ragazzo per sopravvivere dovrà imparare a fidarsi del partner e dei suoi amici, riuscirà a vincere il Gioco?

Vi ricordiamo che The World Ends With You – The Animation è un’opera creata dagli studi Domerica e Shin-Ei Animation e sarà pubblicato da aprile 2021.

Rimaniamo in attesa di aggiornamenti a riguardo.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutare.



Continue Reading

Gaming

Arriva il Museo Ghibli tutto da costruire!

Published

on

museo-ghibli

Tra i luoghi che sono stati costretti ad una temporanea chiusura a causa del Covid c’era anche il magico Museo Ghibli, che adesso è tornato ad accogliere i fan e a deliziarli con i suoi manicaretti, apprezzati perfino dal grande Hayao Miyazaki.

Ma in questo momento, non per tutti sarà facile raggiungere il paradiso di ogni Ghibli Otaku, e quindi che fare? In nostro soccorso arriva il kit originale del Museo Ghibli in miniatura, un perfetto cartamodello in scala 1:300 che riproduce la famosa struttura nelle vicinanze del parco di Inokashira di Mitaka.

All’interno della scatola troverete oltre due dozzine di fogli grazie ai quali assemblare l’ingresso ricurvo, il corpo della struttura principale a tinte accese e persino il Ghibli Cafè, ma soprattutto c’è Totoro in biglietteria, proprio come nel vero museo!

Tutto bellissimo direte voi, peccato che per il momento il modellino è disponibile per la vendita solo nel negozio di souvenir del museo stesso. Ma siccome alla passione non c’è limite, a porre rimedio a questo intoppo ci ha pensato la catena di negozi al dettaglio Donguri Kyowakoku, specializzata nel merchandise Ghibli.

Saranno loro a mettere in vendita anche questo prodotto, al prezzo di 20.000 Yen (160 euro circa) e ci credete se vi diciamo che il modellino è già andato esaurito? A Totoro nessuno può resistere!

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutare.



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending