Connect with us
erased anime recensione erased anime recensione

Anime e Manga

Erased, una caccia all’assassino fra passato e presente

Published

on

In fuga dai mille e uno shōnen raccomandati online e dai suggerimenti poco spot on di Netflix, mi sono imbattuta nell’anime thriller Erased. Diretta da Tomohiko Itō – lo stesso che ci ha regalato le prime due stagioni di Sword Art Online – questa miniserie del 2016 si è rivelata da subito avvincente e degna di nota, nonostante tenda spesso a passare sotto i radar.

Adattamento del manga Boku dake ga inai machi (La città in cui io non ci sono) di Kei Sanbe, Erased abbraccia i generi psicologico e paranormale, rendendo fin troppo facile scadere nel binge watching. Così, in soli dodici episodi, ci si ritrova catapultati in una realtà in cui il passato si intreccia al presente ed il destino è più che fallibile.

La vita come un film

Il protagonista della serie è il ventinovenne Satoru Fujinuma, un aspirante mangaka di scarso successo, che tira avanti lavorando come fattorino per una pizzeria. Prevenuto verso gli altri e con una lacuna interiore incolmabile, Satoru è rassegnato a condurre una vita mediocre, se non fosse che ogni volta che accade una disgrazia il tempo si riavvolge, permettendogli di evitare l’evento.

Questa sorta di déjà-vu, che Satoru chiama Revival, gli consente di salvare molte vite, ma tutto cambia quando è lui stesso a trovarsi sulla scena di un crimine, accusato a torto dell’uccisione di qualcuno a lui vicino. Con le spalle al muro e nel tentativo di salvarsi, Satoru fugge, scatenando un Revival che lo spedisce 18 anni nel passato.

Ritrovatosi ai tempi delle elementari, presto si rende conto che il delitto è connesso all’omicidio di tre bambini in quel periodo, tra cui la sua silenziosa compagna di classe Kayo Hinazuki, e che prevenire la loro sparizione è l’unico modo per evitare la tragedia nel suo presente.

Strutturata su due piani intercambiabili e interdipendenti, Erased è una serie in cui la suspense è sempre alta e ogni scelta è di vitale importanza. Nel corso degli episodi il ritmo della narrazione cambia, passando da essere inizialmente lento e scandito dai ricordi di Satoru, al farsi precipitato in un vortice di rivelazioni verso la fine, in una corsa contro il tempo per la sopravvivenza.

A livello visivo la serie è piacevole, ed il passaggio da un’epoca all’altra è reso dall’uso di bande nere per il passato, che riducono lo schermo ed emulano il formato cinematografico, dando la parvenza di un film dentro un film. I paesaggi e gli avvenimenti sono poi avvolti da un’atmosfera angosciante e un senso di quiete prima della tempesta, ben sottolineati dalla colonna sonora azzeccatissima di Yuki Kajiura.

La forza dei sentimenti

Nonostante la brevità della serie, i temi portanti sono molti e di non poco spessore. Solitudine, violenza, amicizia, coraggio vengono affrontati con sguardo intimo e introspettivo, così come viene indagata la dicotomia fra bene e male, il cui grado di separazione si fa spesso labile.

Diventa allora impossibile non immedesimarsi nei personaggi principali, realistici e caratterizzati da grande sensibilità, visibile specialmente nel racconto “La città in cui io non ci sono” di Kayo, che è una vera stretta al cuore.

Altro argomento cardine è quello del rimpianto, il pentimento verso il non aver agito quando se ne aveva l’occasione e doverne pagare lo scotto. Il tema del rimpianto pullula infatti l’intera serie, a partire dal fatto che uno degli obiettivi di Satoru è proprio liberarsi del senso di colpa per la morte di Kayo e rimediare ai propri errori, evitando una serie di tragici eventi.

Appare però chiaro anche che, mentre Satoru ha la possibilità di riscrivere il passato e rimarginare le proprie ferite emotive, questo è un privilegio riservato soltanto a lui. A partire da questa consapevolezza, emerge uno dei messaggi scomodi che Sanbe lancia ai suoi lettori: nella vita vera non possiamo cancellare i nostri rimpianti, ma solo lottare contro le nostre paure ed agire con coraggio e onestà, in modo tale da non averne.

Ultimo tasto su cui l’autore batte è l’importanza delle piccole cose. Ogni momento dell’infanzia che Satoru si trova a rivivere è infatti dolceamaro, una sorta di brutale reminder del fatto che quello che spesso diamo per scontato è in realtà ciò va custodito con più cura. Come anche il protagonista impara a proprie spese, sono le cose ordinarie e le persone che ci circondano a regalarci i ricordi più preziosi, ed è nostro compito riconoscerne il valore prima che sia troppo tardi.

Anche io ho vissuto momenti così, me n’ero forse dimenticato? No… la verità è che non me n’ero mai reso conto, li ho vissuti senza farci caso… sono una parte della mia vita che avevo perso.

Considerazioni finali

C’è da ammettere che questo non è un anime che consiglierei ad un amante dei viaggi nel tempo, e che ci sono alcune falle che impediscono ad Erased di essere all’altezza del manga. Ad esempio, viene liquidato troppo in fretta il fenomeno del Revival senza darne una vera spiegazione, inoltre la fretta nel concludere la serie in un numero limitato di episodi ha finito per pregiudicare l’intensità della narrazione, dandole un che di raffazzonato che lascia un po’ l’amaro in bocca.

Detto ciò, Erased è e resta una corsa frenetica contro il tempo ed il fato da cui è difficile staccarsi. Si tratta di un anime coinvolgente e delicato, capace di far rimanere col fiato sospeso e di toccare le corde dell’animo dello spettatore, a volte dolcemente, altre con la brutalità di uno schiaffo.

In contrasto con i suoi toni malinconici e nostalgici, ciò che la serie sottolinea e vuole trasmettere è l’importanza di celebrare i piccoli momenti di felicità quotidiana, e di costruire legami veri con le persone che ci circondano, forse l’unica cosa davvero in grado di salvarci dal mondo e da noi stessi.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Volete anche voi un Uniporco? Lo trovate nello shop online di Nixie Creations!

Studentessa laureata in Scienze della Comunicazione. Mi piacciono la stand-up comedy, le band che nessuno conosce e le parole con significati intraducibili, in quest'ordine.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Anime e Manga

Fena: Pirate Princess, trailer e news sulla nuova serie Crunchyroll Original

Published

on

fena-pirate-princess

Sono state rilasciate nuove informazioni (immagini e trailer) su Fena: Pirate Princess, la serie Crunchyroll Original attesa per la prossima stagione estiva.

Trama

Fena Houtman è una giovane orfana, cresciuta su un’isola dove l’unica prospettiva è diventare una schiava per i soldati dell’Impero britannico. La ragazza, tuttavia, è molto più che una semplice orfana; quando il suo misterioso passato busserà alla porta, tutto cambierà.

Il suo obiettivo sarà quello di liberarsi dalla schiavitù e cercare un posto in cui possa vivere serenamente, ma dovrà anche scoprire il mistero dietro la parola “Eden”. Fena e i suoi strampalati alleati saranno disposti a tutto pur di raggiungere la libertà. 

fena pirate princess crunchyroll
Poster Fena: Pirate Princess

Di seguito nuove immagini e sfondi:

fena pirate princess crunchyroll
fena pirate princess crunchyroll
fena pirate princess crunchyroll
fena pirate princess crunchyroll
fena pirate princess crunchyroll

Staff

Storia originale: Kazuto Nakazawa x Production I.G
Regia: Kazuto Nakazawa
Sceneggiatura: Asako Kuboyama
Musica: Yuki Kajiura
Produzione Musicale: FlyingDog
Produzione: Production I.G

Cast

Asami Seto (Nobara Kugisaki di Jujutsu Kaisen) è Fena Houtman, un’orfana che però è sempre positiva e piena di energie. da tutti è conosciuta per la sua carnagione chiarissima e i capelli d’argento.

fena pirate princess crunchyroll

Ryota Suzuki (Yū Ishigami di Kaguya-sama: Love is War) è Yukimaru, la guardia del corpo della famiglia Houtman. Brandisce una katana ed è molto protettivo nei confronti di Fena.

fena pirate princess crunchyroll

Takahiro Sakurai (Giyū Tomioka di Demon Slayer) è Shitan, un guerriero capace di uccidere chiunque con il suo arco. Nonostante sembri stare sempre sulle sue in realtà tiene in gran conto l’amicizia.

fena pirate princess crunchyroll

Aoi Yuki (Madoka Kaname di Puella Magi ★ Madoka Magica) è Karin, cresciuta da una famiglia di fabbri, è una grande appassionata di tecnologia, soprattutto del suo fucile, che usa spesso in battaglia.

fena pirate princess crunchyroll

Gen Sato (Chrome di Dr. Stone) è Enju, gemello di Kaede, in battaglia usa una lancia ed una wakizashi. È una persona amichevole ma altrettanto pericolosa quando serve. Forse però è più affidabile del fratello.

fena pirate princess crunchyroll

Ryota Osaka (Naoto Tachibana di Tokyo Revengers) è Kaede, gemello di Enju, anche lui in battaglia usa una lancia ed una wakizashi. Anche lui è amichevole ma pericoloso, e si definisce più mascolino del gemello (Lol).

fena pirate princess crunchyroll

Jun Osuka (Shunsuke Yoshino di Sanrio Boys) è Tsubaki, il più grande e più maturo del gruppo, riesce a gestire l’energia di tutti questi personaggi, sa cucinare e in combattimento utilizza una spada corta da ninja.

fena pirate princess crunchyroll

Shintaro Tanaka (Mario Luis Zurita di B: The Beginning) è Makaba, questo ragazzo colossale in combattimento preferisce il corpo a corpo e per questo utilizza un tirapugni. Quando non combatte è un uomo gentile e tranquillo.

fena pirate princess crunchyroll

Manabu Muraji (Hayaseura di ID: Invaded) è Salman, un cavaliere anziano che una volta era soprannominato “Salman il Furioso” per la sua capacità con la lancia. Conosce Fena da molti anni avendo servito in passato la famiglia Houtman.

fena pirate princess crunchyroll

Hiroaki Hirata (Sanji di One Piece) è Otto, un altro cavaliere anziano che ha servito in passato la famiglia Houtman, ed era conosciuto come “Otto il Blitz” per la sua velocità con la spada.

fena pirate princess crunchyroll

Di seguito ecco il trailer di Fena: Pirate Princess.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Anime e Manga

Demon Slayer: la seconda stagione in arrivo a ottobre 2021

Published

on

Demon Slayer: la seconda stagione in arrivo a ottobre 2021

Com’era stato anticipato – ne avevamo parlato anche noi in un articolo precedentela seconda attesissima stagione di Demon Slayer è in arrivo e oggi abbiamo la conferma che l’anime arriverà in Giappone dal prossimo ottobre. Purtroppo non abbiamo, per il momento, una data più precisa ma almeno sappiamo che le avventure di Tanjiro su schermo continueranno, e che tutto sommato non manca molto al suo ritorno.

La notizia ci arriva dal sito di Yahoo! Japan, sito che fra l’altro conferma il nome della seconda stagione di Demon Slayer, che si intitolerà: Kimetsu no Yaiba – Yukaku Hen. Gli episodi riprenderanno dalla fine delle vicende narrate nel film Infinity Train, lungometraggio di grandissimo successo che è stato apprezzato da critica e pubblico.

Ma cosa ci aspetta nel corso dei prossimi appuntamenti con Demon Slayer? Chi ha letto il manga sicuramente saprà quali vicende aspettano i protagonisti, che in tal caso si troveranno all’interno del Quartiere dei Piaceri – la parola “Yukaku” nel titolo della stagione sta proprio a significare “quartiere a luci rosse”. Pare inoltre che il Pilastro del Suono, Tengen Uzui, avrà un ruolo centrale in questa saga.

Purtroppo le informazioni che abbiamo, al momento, relativamente alla seconda stagione di Demon Slayer – Kimetsu no Yaiba sono queste. Da una parte la notizia che sia confermato ottobre come mese di uscita degli episodi in Giappone è un bene, meno bene che non si abbia una data più precisa ma forse è ancora prematuro (soprattutto con i tempi che corrono). Come sempre ci teniamo a precisare che l’arrivo dei nuovi episodi in Giappone non significa che approderanno anche in Occidente, è più lecito aspettarselo – visto il successo del manga di Koyoharu Gotōge, della prima stagione e del lungometraggio -, ma aspettiamo notizie ufficiali a riguardo.

Voi siete felici di sapere che la seconda stagione di Demon Slayer ha un periodo di uscita confermato?

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Anime e Manga

Studio Ghibli ha reso disponibili moltissime immagini dei suoi film

Published

on

Studio Ghibli ha reso disponibili moltissime immagini dei suoi film

Lo Studio Ghibli è probabilmente lo studio di animazione più famoso del Sol Levante, fondato nel 1985 dal premio Oscar Hayao Miyazaki, i suoi talenti hanno creato delle opere d’arte che milioni di persone in tutto il mondo hanno visionato e amato. La fama dei suoi prodotti non è seconda a nessuno e le iniziative per i numerosi fan sono molte – come un libro di ricette ispirato ai lungometraggi animati –, da ultima una serie di immagini dei suoi film liberamente scaricabili del sito ufficiale.

Gli screenshot disponibili sono davvero tantissimi, quasi 1200, e offrono alcuni dei momenti più significativi di tutti i numerosi film che hanno fatto la storia dello Studio Ghibli. Vi basterà cliccare sul link seguente: GHIBLI, cercare il titolo che vi interessa, cliccarci sopra e si aprirà una pagina con tutte le immagini disponibili. La Città Incantata, Il mio Vicino Totoro, La Principessa Mononoke, Ponyo sulla Scogliera sono solo alcuni dei film presenti nella lista.

Vi proponiamo qualche esempio:

Non è la prima volta che viene presa un’iniziativa di questo tipo da parte dello Studio, anche l’anno scorso erano state rilasciate alcune immagini per allietare le conferenze e le videochiamate di tutti coloro che erano costretti a casa per la pandemia. Questa volta, per fortuna, gli screenshot non sono resi disponibili per un motivo del genere, semplicemente lo Studio Ghibli ha deciso di condividere le immagini con i suoi fan, fan che non possono che essere contenti di questo bel pensiero.

Voi quali immagini scaricherete?

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending