Connect with us
Prince of Persia Le Sabbie del Tempo Remake: nuovo team di sviluppo Prince of Persia Le Sabbie del Tempo Remake: nuovo team di sviluppo

Gaming

Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo Remake, un gradito ritorno con qualche imperfezione

Published

on

Parlare di Prince of Persia a un pubblico di videogiocatori non è cosa semplice: da una parte sappiamo che è una serie universalmente amata e che ha segnato un periodo nella storia videoludica, dall’altra però sappiamo che la sua “brusca” interruzione – dopo il capitolo del 2008 – ha lasciato molti fan con l’amaro in bocca.

Nonostante ciò, essendo gamer a nostra volta, sappiamo bene che il principe di Persia non ha mai davvero lasciato il cuore degli appassionati, e questo lo sa anche Ubisoft che ha annunciato il Remake di Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo, durante il suo evento Ubisoft Forward tenutosi il 10 settembre. Dopo più di 17 anni torniamo nelle terre del Vicino Oriente, per ripercorrere le avventure di un principe fra le Sabbie del Tempo.

Prince of Persia Le Sabbie del Tempo Remake: il trailer

L’annuncio del Remake è stato accompagnato da un trailer, che trovate di seguito, pubblicato sul canale Youtube di Ubisoft Italia:

Il Principe è tornato! Rivivi questa storia leggendaria completamente reinventata da Ubisoft o scoprila per la prima volta. Intraprendi un viaggio nei panni del Principe per salvare il tuo regno e sconfiggere il perfido Visir in questo classico immortale. Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo Remake sarà disponibile il 21 gennaio 2021 su PlayStation®5, PlayStation®4, Xbox Series X, Xbox One, Uplay, Uplay+ ed Epic Games.

Il Remake di un classico senza tempo

Parlare della trama di Prince of Persia, come serie o come primo capitolo, sarebbe al limite dell’affronto per ogni videogiocatore che si rispetti, lasciamo quindi da parte gli estremi di una trama che ormai è nota a tutti. Se, invece, siete fra i pochi che ancora non hanno avuto il piacere di vivere le avventure del Principe potete fare due cose: recuperare la serie per intero (consigliata caldamente) oppure aspettare gennaio 2021 per il Remake de Le Sabbie del Tempo.

Proprio riguardo al Remake vogliamo proporre qualche considerazione, che nasce dalla visione del trailer e dalle nostre esperienze passate con il titolo originale, e parlare di quello che ci ha convinto e di quello che non ci ha convinto.

Partiamo dalle note positive: quello che ci è piaciuto maggiormente del trailer sono stati gli sfondi e le ambientazioni, le atmosfere che traspaiono sono ancora quelle del classico del 2003, e questo ci ha reso molto felici! Si vede che il team di produzione del Remake si è impegnato a fondo per riproporre al giocatore quello che era uno dei punti fondamentali, in termini di immersione e di gameplay, de Le Sabbie del Tempo: lo spazio di gioco. Da questo punto di vista niente da eccepire.

C’è da obiettare, invece, su alcune animazioni dei personaggi – in particolare per quanto riguarda i loro volti – che sembrano imperfette e sbozzate. Lo stesso risultato approssimativo si nota in alcune scene dinamiche, in cui il Principe più atletico di tutta la storia videoludica sembra faticare a muoversi con fluidità e leggerezza. C’è da dire, però, che il trailer mostra un Remake tutt’altro che finito e Ubisoft ha ancora tempo per perfezionare le eventuali carenze di un prodotto che merita un trattamento di tutto rispetto.

Per chiunque fosse interessato il pre-order del Remake è già disponibile sullo Store di Ubisoft, nelle sue versioni per PlayStation 4, Xbox One e PC.

Per tutti gli altri basterà aspettare il 21 gennaio dell’anno prossimo.

Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Gaming

The Game Awards 2022: la lista dei vincitori delle varie categorie

Published

on

The Game Awards 2022: la lista dei vincitori delle varie categorie

The Game Awards è uno dei più importanti appuntamenti dell’anno per quanto riguarda il mondo dei videogiochi, dove vengono premiati i titoli che sono usciti nel corso degli ultimi dodici mesi e che hanno saputo impressionare maggiormente pubblico e critica. La kermesse ideata e condotta, ogni anno, da Geoff Keighley si è tenuta – per questa edizione – l’8 dicembre 2022 al Microsoft Theater di Los Angeles. Quali sono stati i videogiochi che sono riusciti a portarsi a casa i premi?

Di seguito la lista dei vincitori nelle varie categorie:

  • Gioco dell’Anno: Elden Ring
  • Miglior Game Direction: Elden Ring
  • Miglior Narrativa: God of War Ragnarok
  • Miglior Direzione Artistica: Elden Ring
  • Miglior Musica e Colonna Sonora: God of War Ragnarok
  • Miglior Audio Design: God of War Ragnarok
  • Miglior Performance: Christopher Judge (God of War Ragnarok)
  • Games for Impact: As Dusk Falls
  • Innovation in Accessibility: God of War Ragnarok
  • Miglior VR/AR: Moss Book II
  • Gioco più atteso: The Legend of Zelda Tears of the Kingdom
  • Miglior Gioco d’Azione: Bayonetta 3
  • Miglior Gioco d’Azione/Avventura: God of War Ragnarok
  • Miglior Gioco di Ruolo: Elden Ring
  • Miglior Picchiaduro: Multiversus
  • Miglior Gioco per la Famiglia: Kirby e La Terra Perduta
  • Miglior Simulazione/Strategico: Mario + Rabbids Sparks of Hope
  • Miglior Gioco Persistente: Final Fantasy 14
  • Miglior Indie: Stray
  • Miglior Gioco Mobile: Marvel Snap
  • Miglior Supporto della Community: Final Fantasy 14
  • Miglior Sports/Racing: Gran Turismo 7
  • Miglior Multiplayer: Splatoon 3
  • Miglior Indie di Debutto: Stray
  • Miglior Adattamento: Arcane League of Legends
  • Players Voice: Genshin Impact
  • Content Creator dell’Anno: Nibellion
  • Miglior Esports Game: Valorant
  • Miglior Esports Athlete: Jacob Yay Whiteaker
  • Miglior Esports Team: Loud
  • Miglior Esports Coach: Matheus “bzkA” Tarasconi (LOUD, Valorant)
  • Miglior Esports Event: League of Legends World Championship 2022

Elden Ring guadagna il premio più ambito, ossia quello di Gioco dell’Anno, mentre Go d of War Ragnarok è il titolo che ha vinto in più categorie (ben 6). La corsa per questa edizione di The Game Awards, si sapeva, era a due tuttavia ci sono altri titoli che vanno menzionati, in particolare Stray per aver dominato la classifica dei titoli indie e Final Fanatsy 14 per il continuo supporto.

I The Game Awards 2022 hanno dato il loro verdetto, tuttavia ci saranno altre occasioni per premiare i titoli usciti nel corso di quest’anno. Forse altri titoli riusciranno a guadagnare qualche premio, oppure avremo ulteriori conferme per quelli già visti.

I nostri complimenti vanno a tutti i vincitori e ai partecipanti.

Continue Reading

Gaming

Activision Blizzard-Microsoft: l’UE vuole che Call of Duty venga ancora giocato su PlayStation

Published

on

Microsoft acquisirà Activision Blizzard: cosa vuol dire?

L’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft è una della operazioni più grandi che si siano mai verificate nel mondo del gaming (e probabilmente dell’intrattenimento in senso generale), la cifra relativa a questa acquisizione fa girare la testa: ben 68,7 miliardi di dollari che verranno sborsati da Microsoft. In realtà la notizia dell’operazione risale agli inizi di quest’anno, ora però l’UE ha deciso di rincuorare tutti i fan di una delle più importanti serie di Activision Blizzard – ossia Call of Duty – dicendo che lavorerà perché quest’ultima rimanga disponibile ancora per PlayStation.

A dare la notizia è Ricardo Cardoso, Deputy Head of Unit Interinstitutional & Outreach Views dell’Unione Europea, attraverso un post del suo profilo Twitter. Di seguito il messaggio, accompagnato da una nostra traduzione:

La Commissione sta lavorando per assicurare che voi possiate ancora giocare a Call of Duty su altre console (fra queste anche PlayStation). Nella nostra lista delle cose da fare c’è inoltre: aggiornare le immagini di repertorio. Questi videogiocatori hanno dei controller con i cavi mentre Xbox e PlayStation hanno (controller, ndr) senza fili circa dal 2006!

Il messaggio è una risposta al post del profilo EU Competition – il profilo della parte della Commissione Europea deputata al controllo delle leggi sulla concorrenza – il quale riporta la notizia che la Commissione sta investigano sull’acquisizione che ha coinvolto Activision Blizzard e Microsoft. Quest’operazione continua a far parlare di sé, in particolare quando si tratta di serie dal successo e dalla risonanza così ampli come Call of Duty. Vedremo quali saranno i risultati di tutto ciò.

Continue Reading

Gaming

God of War Ragnarok: obiettivo missioni secondarie migliori di quelle di The Witcher 3

Published

on

God of War Ragnarok: obiettivo missioni secondarie migliori di quelle di The Witcher 3

God of War Ragnarok è il seguito del primo capitolo della saga norrena di Kratos – iniziata nel 2018 – la quale si concluderà proprio con questo secondo titolo. In arrivo il prossimo 9 novembre, Ragnarok vedrà il ritorno dello spartano accanto a suo figlio Atreus, impegnati nel loro viaggio fra i nove regni e negli scontri con gli dèi, desiderosi di vendetta. Nonostante la missione principale del duo di protagonisti sia più che impegnativa, Ragnarok avrà anche molte missioni secondarie e l’obiettivo degli sviluppatori era di renderle migliori di quelle di The Witcher 3.

A confermare ciò ci ha pensato Anthony DiMento – parte del team di Santa Monica, che ha sviluppato il gioco in parola – in un suo tweet, citando una parte della recensione del Washington Post di Gene Park. Ecco il post:

DiMento: “Questo era l’obiettivo che avevo prefissato per i contenuti opzionali di God of War Ragnarok. The Witcher 3 è uno dei miei giochi preferiti di sempre… Non sembrava possibile ma questo era davvero l’obiettivo. Leggere questo (il post di Park, ndr) è stato fantastico”.

Gene Park: “God of War Ragnarok ha finalmente detronizzato The Witcher 3 avendo le migliori missioni secondarie che io abbia mai trovato in un gioco di avventura. Gli scontri più avvincenti, le storie più sentite e le aree più grandi sono nelle missioni secondarie. Non saltatele”.

A quanto pare l’obiettivo di raggiungere una qualità, per quanto riguarda le side quest, pari o superiore a quella di The Witcher 3 – il tanto apprezzato titolo di CD Projekt Red – è stato raggiunto con Ragnarok. Ora non resta che giocarci.

Continue Reading
Advertisement

Trending