Connect with us
Genshin-Impact Genshin-Impact

Gaming

Genshin Impact: istiga a giocare d’azzardo, vietato in Belgio

Gioco bannato sullo store PlayStation a causa di una legge del 2018.

Published

on

Genshin Impact è il titolo del momento. Su questo non vi è dubbio. Il gioco realizzato da miHoYo ha già conquistato 23 milioni di videogiocatori su mobile più un numero imprecisato su PC e console. Gli incassi sono da record: più di 100 milioni di dollari in due settimane. Impressionante per un titolo free-to-play.

Sì, ma se il gioco è free-to-play, come si fa a guadagnare? La risposta è, ovviamente, nelle micro-transazioni. C’è solo un piccolo problema. Quelle di Genshin Impact sono illegali. Cioè, lo sono per la legge belga. A causa di alcune norme varate nel 2018 dal Ministro della giustizia Koen Geens, il sistema di roll del titolo è equiparabile al gioco d’azzardo e dunque da considerarsi fuorilegge.

La battaglia intrapresa da Koen Geens nei confronti delle meccaniche sospette nei videogames è iniziata circa due anni fa. I primi a pagarne lo scotto furono altri titoli di successo come Overwatch, FIFA e Counter Strike Golbal Offense. Adesso è il turno di Genshin Impact.

Da qualche giorno dunque, come testimoniano diversi utenti di ResetEra, il titolo sviluppato da miHoYo è sparito dal PlayStation Store del loro paese. Sembra che però sia ancora disponibile su PC e Smartphone.

Secondo Geens, l’utilizzo di soldi reali per l’acquisto della possibilità di ottenere eventualmente un premio deciso in maniera casuale da un software non è troppo dissimile dalle scommesse. Insomma, cambia la natura del premio ma non la logica che ci sta dietro.

Il ragionamento, a dirla tutta sembra anche filare. Geens sembra aver preso molto seriamente la battaglia contro l’azzardopatia (termine che la comunità scientifica ritiene più corretto rispetto al precedente ‘ludopatia’).

Diverse ricerche, sia italiane che internazionali, dimostrano quali meccanismi psicologici spingono taluni a proseguire a scommettere. Pare evidente che Geens, insomma, voglia evitare che questi comportamenti vengano veicolati anche attraverso mezzi di intrattenimento destinati ai più giovani.

E in Italia? La regolamentazione è abbastanza carente da questo punto di vista. Il gioco d’azzardo con premi in denaro è espressamente vietato ai minori di 18 anni e, dal 2018, è fatto divieto anche di pubblicizzare giochi con vincite in denaro (DL 87/2018, articolo 9). Nulla però è stato detto in merito a giochi e meccaniche di tipo ‘gacha’ non dissimili da quelle presenti in Genshin Impact.

O meglio, nulla è detto espressamente per legge. Gli acquisti effettuati utilizzando mezzi di pagamento elettronici da parte dei minorenni vengono considerati come già autorizzati da un genitore o un tutore.

Dal punto di vista delle software house e dei produttori di giochi che intendano inserire microtransazioni all’interno di titoli destinati anche ad un pubblico particolarmente giovane, la cosa deve essere esplicita nei termini di servizio.

Prendiamo ad esempio PlayStation. Nei termini di servizio l’articolo 11 è interamente dedicato alla tutela dei minori. Diversi commi fanno riferimento al fatto che, accettando i ToS, si prende coscienza che gli acquisti fatti dai membri minorenni della famiglia verranno considerati come preventivamente autorizzati. Insomma, se un minore spende significa che ha avuto il permesso.

Il gacha è, in fondo, una pratica che si fonde benissimo col mondo videoludico. Nata in Giappone ma poi diffusasi anche in Cina e Corea, quella del gacha è una meccanica semplice: con una piccola somma si accede ad un premio casuale. Se pensate ad un distributore automatico di palline o giocattoli avrete molto più chiaro il concetto.

In Giappone, il gacha è stato oggetto di critica fino dal 2012 quando un’azione governativa portò alla quasi totale sparizione di quel tipo di meccanica. Ma Genshin Impact è un titolo di fattura cinese e in Cina pare che il problema non sia ancora stato sollevato.

Probabilmente Geens è intenzionato a evitare situazioni come quelle accadute ad una madre che ha visto sparire i suoi risparmi. Il figlio li aveva sperperati su Fortnite. In quel caso la donna è riuscita a ottenere un rimborso ma non è detto che questo possa sempre verificarsi.

Le ombre di Genshin Impact on fanno che allungarsi. Dietro il colorato mondo di Teyvat si stende oscura la mano della censura cinese. Ve ne abbiamo parlato in un altro articolo.

Considerato mezzo scemo da chi lo conosce solo a metà, ha preso il primo controller in mano a 5 anni e a quella età pare essersi fermato. Porta la sua competenza ovunque serva sul web. Il suo sogno nel cassetto è avere la sua pagina su Wikipedia.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gaming

The Elder Scrolls Online: un trailer per i Companions

Published

on

The Elder Scrolls Online, il MMORPG (gioco di ruolo in rete multigiocatore di massa) della famosa saga di giochi di ruolo sviluppata da Bethesda, si arricchirà presto – com’era stato annunciato da tempo – dell’espansione Blackwood, parte di una più ampia sequela di DLC che verranno rilasciati nel corso di quest’anno. Oggi ci viene presentato un nuovo trailer riguardante i Companions (traducibile in italiano come Compagni), una nuova feature che verrà introdotta nel titolo proprio con Blackwood.

Il video, caricato sul canale YouTube ufficiale di Bethesda, spiega tutto. Eccolo:

Non ti avventurerai più da solo con il nuovo sistema dei Companion presente in The Elder Scrolls Online, parte del capitolo Blackwood che sta per arrivare. Recluta, equipaggia e combatti con i compagni al tuo fianco praticamente in ogni dove, da Tamriel all’Oblivion. Sviluppa le tue relazioni, potenzia i tuoi alleati e sblocca quest uniche e premi con questi nuovi compagni.

Dopo aver presentato i Companions, con tutte le possibilità di creazione, personalizzazione e potenziamento, il trailer conferma anche l’arrivo di Gates of Oblivion il primo di giugno su PC, Steam e Stadia e la settimana dopo, dall’otto in poi, anche per le console Xbox One, Xbox Series X/S, PlayStation 4 e PlayStation 5.

Insomma non manca molto all’arrivo di quella che sembra un’aggiunta davvero promettente al mondo online di The Elder Scrolls. Sicuramente Bethesda si è impegnata molto in questo progetto, basti solo vedere le forze da essa profuse nella sua pubblicizzazione; speriamo che il risultato sia degno di tale sforzo.

Dunque appuntamento ad inizio giugno.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Gaming

Final Fantasy 7 Remake Parte 2: Nomura parla dello sviluppo del titolo

Published

on

Final Fantasy 7 Remake Parte 2: Nomura parla dello sviluppo del titolo

Final Fantasy 7 Remake è stato un successo l’anno scorso, recensito ottimamente dalla critica e amato dai fan, la nuova versione del classico GDR degli anni ‘90 ha saputo rapire il mondo intero. Come sappiamo bene Square Enix ha ancora molti piani per il mondo della settima fantasia finale – Intergrade, Ever Crisis, The First Soldier e The Shinra Electric Power Company sono le future parti di questa raccolta -, e Tetsuya Nomura è tornato a parlare di quello che è forse il gioco più atteso, ossia la Parte 2 del Remake.

Il sito dedicato Gematsu ha riportato le parole del co-direttore del progetto, che ha parlato dello sviluppo e delle atmosfere che il giocatore potrà trovare nella seconda parte. Ecco una nostra traduzione di ciò che ha avuto da dire:

Lo sviluppo procede piuttosto bene. Tuttavia mi piacerebbe fare un annuncio come si deve quando i tempi saranno maturi, ma Cloud sta seguendo il corso naturale delle cose. Voi sarete in grado di godervi un’atmosfera in qualche modo diversa dal primo capitolo.

Insomma, le cose stanno procedendo bene, perciò vi chiedo di avere un altro po’ di pazienza. Il prossimo gioco inizierà direttamente dopo Intergrade, perciò spero che giochiate anche Intergrade.

Questo è ciò che ha avuto da dire Tetsuya Nomura riguardo alla Parte 2 di Final Fantasy 7 Remake, la produzione sta andando avanti bene e il team ha in progetto di portare un’avventura leggermente diversa rispetto a quello che i fan hanno potuto vivere nel titolo originale. Quest’ultima non è una novità, il Remake presenta già sostanziali differenze rispetto al titolo per la prima PlayStation.

Siamo sicuri che Square Enix non ci deluderà e che ci porterà un secondo capitolo degno del suo predecessore.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Gaming

Final Fantasy VII Remake Intergrade: trailer finale

Published

on

Final Fantasy VII Remake Intergrade: trailer finale

Final Fantasy 7 Remake Intergrade non è certo passato inosservato, da quando è stato annunciato ad uno State of Play di qualche mese fa informazioni, trailer e immagini promozionali si sono susseguite per pubblicizzare questa nuova aggiunta. Il capitolo dedicato alla ninja Yuffie Kisaragi arriverà a inizio giugno – il 10 per l’esattezza – e un nuovo video dedicato ci mostra nuovi personaggi, boss e dinamiche che troveremo in Intergrade.

Il trailer, caricato sul canale YouTube di Square Enix, lo potete trovare qui di seguito. Vi avvertiamo che contiene parecchio materiale spoiler anche per quel che riguarda il gioco di Final Fantasy VII Remake in sé (dunque non contando il capitolo nuovo), perciò siete avvertiti:

Final Fantasy VII Remake arriverà su PlayStation 5 il 10 giugno 2021 come Final Fantasy VII Remake Intergrade; una versione migliorata graficamente dell’acclamato gioco che ha vinto anche svariati premi. Assieme a questo ci sarà anche FF7 EPISODE INTERmission – un episodio completamente nuovo che segue le avventure di Yuffie Kisaragi e numerose aggiunte al gameplay che i giocatori potranno godersi

Dunque, come sappiamo, oltre alle migliorie grafiche da next-gen che Intergrade porterà con sé, ci sarà l’aggiunta dell’episodio INTERmission, una nuova parte nella quale potremo vestire i panni di Yuffie in un’operazione di infiltrazione a Midgar. Ma la ragazza non sarà sola, infatti ad accompagnarla ci sarà un personaggio del tutto nuovo – che non faceva parte del cast del Final Fantasy VII originale – e che si chiama Sonon Kusakabe, un altro figlio di Wutai che, con il suo fido bastone, è pronto a perorare la causa della sua terra natia.

Voi cosa ne pensate di Intergrade, la versione per PlayStation 5 di FF7 Remake? Dopo questo trailer, che ci ha mostrato molti nuovi personaggi, una nuova evocazione e un nuovo boss, crediamo che Yuffie porterà con sé parecchio divertimento.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending