Connect with us
vincent-e-van-gogh-recensione-kleiner-flug vincent-e-van-gogh-recensione-kleiner-flug

Fumetti e Cartoni

Recensione Vincent e Van Gogh: l’artista mai raccontato

Published

on

Un Van Gogh come non è stato mai raccontato, e sicuramente ben diverso dal Van Gogh che viene studiato sui banchi di scuola. Questo è Vincent e Van Gogh, magistralmente disegnato e narrato da Gradimir Smudja, e portato in Italia, assieme a molti altri, piccoli capolavori di narrativa a fumetti, dalla casa editrice Kleiner Flug.

Tutti, chi più, chi meno, siamo a conoscenza della figura storica e artistica di Vincent Van Gogh, delle sue opere d’arte, della sua vita che definire particolare suonerebbe estremamente approssimativo, e del suo orecchio tagliato, conservato in un bicchiere. Ma forse non tutti sono a conoscenza del suo lato umano e sofferente, del suo estro artistico e dirompente, del ruolo fondamentale del fratello Theo nella sua vita, della struggente realtà di un animo mite che sente il bisogno di creare, di realizzare e di essere all’altezza del panorama artistico in cui vive. Soprattutto, quasi nessuno sa, o si ricorda, dell’esistenza del suo gatto, Vincent.

Perché sì, Van Gogh aveva un gatto. Di nome Vincent.

Vincent

Vincent è un giovane gatto di strada, maltrattato dai suoi pari, accolto in casa da un Van Gogh impegnato a fare i conti con l’incapacità di realizzare opere artistiche di quest’etichetta. Vincent è anche un artista, un gatto pittore, così come molti altri esponenti della sua famiglia prima di lui, che hanno accompagnato le carriere di molti pittori famosi – Rembrant e Delacroix, tanto per nominare due sconosciuti – verso il successo.

Vincent è un genio, e sa di esserlo; ama l’arte, le belle donne, le belle gatte, le feste e il denaro, la fama e la ricchezza. Vincent è un artista sregolato e la sua coscienza sembra avere una voce, impersonata dal povero, disperato Van Gogh, solo al culmine della disperazione; ma d’altronde è un gatto, come lo si può biasimare?

vincent-and-van-gogh-1

Van Gogh

Van Gogh è un artista esordiente, che non è mai soddisfatto del suo operato, mai apprezzato dagli amici e dagli artisti di cui si circonda, come Gauguin e Lautrec, che vedono nei suoi lavori tele orribili e disegni degni di un amputato di braccio. Van Gogh è solo, triste e monco di ispirazione artistica, malgrado la frizzante Parigi che fa da sfondo all’inizio della sua avventura come pittore. Solo dopo essersi trasferito ad Arles, nella sua casa gialla e con il suo letto giallo, alla ricerca di un’illuminazione, di aria fresca e di nuove idee, avrà modo di dare una svolta alla sua carriera, incontrando il giovane Vincent.

vincent-and-van-gogh-2

Vincent diventa il suo biglietto per il riconoscimento e la fama che tanto anela e si sostituisce, senza troppe cerimonie, a lui come pittore. Lo stesso Van Gogh vede nelle opere di Vincent ciò che nei suoi disegni e nei suoi dipinti manca: verve, ispirazione, sentimento, arte, magia. Vincent resta, in cambio di vitto e alloggio, e prova e riprova, a modo suo, a trasmettere a Van Gogh, se non insegnamenti, un pizzico del suo talento. Eppure non c’è verso. Eppure Vincent è l’artista, mentre Van Gogh resta il suo fanalino di coda, una semplice garanzia di una vita comoda per un ex gatto di strada.

L’opera

Vincent e Van Gogh, visti separatamente, come gatto e uomo, sono un duo artistico che funziona ma non decolla, troppo diversi l’uno dall’altro, agli estremi di uno spettro animale e umano che difficilmente riuscirebbero a trovare un punto di incontro, se non per comune convenienza.

Vincent e Van Gogh, visti assieme, in un’unica, portentosa figura riconoscibile sotto il nome di Vincent Van Gogh rappresentano in ogni suo aspetto l’artista che tutti noi abbiamo studiato.

Questo è, dunque, il duo vincente: ciò che a prima vista appare come un surreale incontro tra un gatto e un uomo che ironicamente condividono lo stesso nome, non è altro che un’analisi estremamente approfondita della vita di un pittore affetto da disturbi mentali, tra cui schizofrenia e disturbo bipolare, e piagato dai vizi. Più che disturbato, tuttavia, Vincent Van Gogh è tormentato, e il suo tormento è reso palese nelle due voci dissonanti di Vincent-gatto e Van-Gogh-uomo.

Vincent rappresenta la potenza creativa, l’estro nelle sue svariate sfumature: è caotico, disturbato, sregolato, smodato, eccessivo, alle volte aggressivo, violento; tutto ciò che crea è magico e porta con sé una carica emotiva senza pari.

vincent-and-van-gogh-3

Van Gogh è la parte terrena, umana, fragile e umile di un uomo, prima che artista, incompreso e disprezzato, che scende a patti con la creatività e che, pur di averne un assaggio, ne tollera sregolatezza ed eccessi.

vincent-and-van-gogh-4

Nell’incontrarsi, creano la figura strampalata, a tratti mitica, di Vincent Van Gogh. Nell’essere caotico, Vincent porta con sé quell’aura di malattia e disturbo mentale; nella sua pacatezza, è Van Gogh che impersona l’umanità, la ragione e la parte più o meno stabile di Vincent Van Gogh.

È Vincent, a tagliare l’orecchio a Van Gogh. È Van Gogh, che permetterà a Vincent di sopravvivere, offrendogli l’illusione di una vita stabile.

Sceneggiatura

Vincent e Van Gogh è stato scritto con la chiara idea di voler accompagnare il lettore, una tavola alla volta, un dettaglio alla volta, nella vita sregolata di Vincent Van Gogh. Un narratore evanescente traccia il contesto dell’opera, mentre Vincent, Van Gogh e tutti gli altri personaggi raccontano con l’espressività delle loro interazioni l’intera vicenda.

Nulla viene a mancare, nella scrittura di Vincent e Van Gogh: ciò che non viene detto, viene lasciato intuire; ciò che sembra campato in aria, ha, invece, perfettamente senso. Perché Van Gogh non abbia un nome vero fino ad una buona metà della narrazione, per esempio, viene egregiamente reso palese in una sequenza di tavole tanto potente quanto unica. Il lettore si trova costretto a perdonare e, anzi, ad elogiare la scelta dello scrittore, che fa del tanto celebre “show don’t tell” un’arma vera e propria. Dunque Van Gogh non è solo la parte umana di Vincent Van Gogh, ma è anche il supporto, e l’appiglio certo di Vincent Van Gogh stesso, ossia suo fratello Théo. Morto Vincent, infatti, Van Gogh troverà posto al suo fianco sei mesi più tardi, esattamente come Théo ha trovato posto al fianco del fratello sei mesi dopo la sua dipartita, distrutto dai sensi di colpa e dal dispiacere.

vincent-and-van-gogh-5

Ma Vincent e Van Gogh non si ferma qui: si potrebbe pensare ad un fumetto triste e sofferto, pesante da leggere e difficile da digerire. Al contrario, questo piccolo capolavoro è divertente, ironico e irriverente. Gioca con l’arte e con i suoi esponenti, gioca con figure realmente esistite al di fuori del pittore e delle sue immediate vicinanze, come ad esempio Marilyn Monroe, Vincenzo Valentino e Alfred Hitchcock, risultando piacevole da leggere e curioso da sfogliare.

Anche dopo la morte dell’artista, la vita delle opere di Vincent Van Gogh continua, nella metaforica rinascita del dinamico duo che esce dalla tomba cent’anni più tardi, per vedere le proprie opere finalmente esposte in un museo e ammirate da visitatori e curiosi; nonché copiate.

È stato pensato per essere un fumetto da rileggere: se una prima lettura lascia qualche nozione e un piacevole senso di soddisfazione, una seconda porta a scavare a fondo tra le tavole e tra le righe per scovare dettagli nascosti, rimasti, per forza di cose, inapprezzati al primo incontro. Una terza lettura, addirittura, garantisce completezza, comprensione e pieno appagamento dato dalla chiusura coerente, avvincente e viva dell’intera opera.

I disegni

Se la storia, fin qui, vi è parsa particolare e degna di essere vissuta, aspettate di imbattervi nei disegni. Lo stile dell’intero fumetto è, per così dire, vangoghiano: i colori, il tratto e la filigrana sono un chiaro e ben riuscito omaggio a Van Gogh e al suo genio. Non una sbavatura, non un’imperfezione. Non vi verrà dato modo di distrarvi dallo stile di Van Gogh nemmeno per un istante. Se per qualche disgrazia, qualcuno di voi si fosse dimenticato dell’aspetto, la dignità e la bellezza di un Van Gogh, dopo questa lettura non avrete più scuse e l’arte di Van Gogh sarà per sempre marchiata a fuoco nella vostra mente.

Un secondo plauso va agli inserti meravigliosi e i riferimenti alle opere non solo di Vincent Van Gogh ma di molti altri artisti: Monet, nascosto tra le sue ninfee, Gauguin e la sua Tahiti, Delacroix e la sua Libertà che guida il popolo, e così via. L’intero fumetto, in termini di inquadrature e di prospettive ragionate, è una “caccia all’opera” divertente ed educativa, come lo stesso Vincent, che si ritrova a mangiare “patate, ancora patate, sempre patate”.

vincent-and-van-gogh-6

Conclusione

In chiusura, non resta che esprimere a chiare lettere il sincero consiglio di questa lettura. È un fumetto difficile da dimenticare, un lavoro ambizioso incredibilmente riuscito. La sola idea di trasformare e raccontare in fumetti un percorso di vita sempre in salita, travagliato e sofferto, tinto nei colori e nello stile di un artista di fama internazionale, vale l’esperienza. Se a questo si aggiungono un’ottima scrittura, un disegno eccelso e un Vincent felino, la lettura diviene d’obbligo. In fondo, chi mai si sarebbe aspettato che fosse un gatto, a dipingere per Van Gogh? O un pappagallo, a fare lo stesso per Gauguin?

 

Vi è piaciuta questa recensione? Vi consigliamo anche Salomè e Giovanni dalle Bande Nere, editi Kleiner Flug.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Film e Serie TV

Shazam! Fury of the Gods: Lucy Liu nel cast

Published

on

Shazam Fury of the Gods: Lucy Liu nel cast

Shazam! Fury of the Gods è il prossimo film della DC che racconterà le avventure di Shazam appunto, il divertente eroe di rosso vestito che ha avuto un discreto successo sul grande schermo nel 2019, con il suo primo lungometraggio. Azione, comicità a tratti demenziale e un cattivo convincente hanno fatto sì che la prima iterazione dell’eroe piacesse a pubblico e critica,dunque tutti avanti con la produzione del sequel che da oggi annovera tra le sue fila un’attrice di spessore: Lucy Liu.

È il sito Variety che ci conferma che l’ex Charlie’s Angels farà parte di Shazam 2 in veste di cattiva della pellicola, il suo ruolo sarà infatti quello di Calipso (Kalypso), secondogenita del titano Atlante. Lei, assieme a sua sorella maggiore Espera (Hespera) – interpretata da Helen Mirren -, dovrebbero essere le principali antagoniste del film e questo loro legame di sangue con Atlante potrebbe avere dei risvolti particolarmente interessanti. Questo perché Shazam ha in sé il potere di Atlante (la Resistenza di Atlante), le due sorelle dunque potrebbero avere degli effetti sui poteri del protagonista.

Al di là di ciò non si sa molto sul ruolo che avrà Lucy Liu in Shazam! Fury of the Gods, anche perché gli attori arriveranno sul set non prima di questo maggio per iniziare le riprese, dunque siamo in una fase ancora iniziale del progetto. Le due attrici citate sono delle new entry ma nel film torneranno quasi tutti i volti che abbiamo visto in precedenza:

  • Zachary Levi sarà Shazam
  • Asher Angel sarà Billy Batson
  • Jack Dylan Grazer sarà Freddy Freeman
  • Adam Brody sarà Freddy Supereroe
  • Faithe Herman sarà Darla Dudley
  • Meagan Good sarà Darla Supereroina
  • Michelle Borth sarà Mary Supereoina
  • Marta Milans sarà Rosa Vasquez

Infine vi ricordiamo che l’uscita di Shazam! Fury of the Gods è prevista per 2 giugno 2023 negli Stati Uniti. La data di arrivo qui da noi non dovrebbe discostarsi di molto da quella staunitense.

Restiamo in attesa di novità dal set.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Fumetti e Cartoni

Ubisoft e Star Comics alleati nel mondo dei fumetti

Published

on

ubisoft-star comics

A trentacinque anni dalla sua fondazione, Ubisoft è oggi una realtà leader nel settore videoludico e vanta un ricco portfolio di marchi di fama mondiale, tra cui Assassin’s CreedFar CryJust DanceWatch Dogs e Tom Clancy’s The Division. A partire dal 2009, Ubisoft ha iniziato a trasporre a fumetti i suoi universi, ma è nel 2020 che è stato svelato un piano più ampio di produzione di contenuti originali a fumetti basati sui più celebri franchise.

È proprio in quest’ottica che le due aziende hanno trovato il più fertile terreno per la loro collaborazione, unite dalla passione e da una grande esperienza. Star Comics, da anni leader del comparto manga (Dragon BallOne PieceMy Hero Academia, fino alla recentissima hit Demon Slayer), vanta infatti un’esperienza di oltre trent’anni nel mondo del fumetto che l’ha portata a essere, nel 2020, il primo editore indipendente italiano per numero copie vendute.

«Star Comics è il miglior partner che potessimo sperare di avere in Italia, e sono certo che saprà offrire ai lettori italiani traduzioni fedeli e di qualità dei fumetti Ubisoft, proponendo edizioni che rispecchieranno appieno le visioni degli autori» ha dichiarato Etienne Bouvier, Publishing Content Manager EMEA di Ubisoft.

«Ubisoft è un partner prezioso, e siamo davvero contenti che ci abbiano scelti per questa bella avventura. I loro universi così straordinari e sfaccettati meritano di trovare la giusta dimensione anche per i fumetti: è proprio questo il nostro obiettivo. Sentiamo una grande responsabilità, e non vediamo l’ora di condividere quanto stiamo facendo», ha concluso Claudia Bovini, Direttore Editoriale di Star Comics.

Per celebrare l’inizio di questa collaborazione, Astra (la nuova etichetta dedicata al fumetto occidentale di Star Comics) pubblicherà un albetto – distribuito gratuitamente in libreria e fumetteria – con una breve storia di Assassin’s Creed: Valhalla e una serie di approfondimenti e anticipazioni. La prima ondata di titoli arriverà dopo l’estate; il debutto avrà come protagonisti i brillanti e divertentissimi Rabbids, serie tra le più apprezzate in casa Ubisoft. Subito dopo, non mancheranno grandi sorprese che riguarderanno il noto franchise Assassin’s Creed. I fumetti, prodotti originariamente per il mercato franco-belga da Éditions Glénat, saranno dei prestigiosi volumi cartonati di grande formato.

Di seguito vi lasciamo il video degli StarDays 2021, in cui trovate tutte le anticipazioni in merito a questa alleanza Ubisoft-Star Comics.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Film e Serie TV

Black Adam: iniziano le riprese del film

Published

on

Black Adam: iniziano le riprese del film

Uno dei progetti sul quale stanno maggiormente puntano Warner Bros. e DC è Black Adam, il futuro lungometraggio dedicato all’antieroe dell’universo di Shazam promette di deliziare gli spettatori con tanta azione e tanti effetti speciali. Al di là di ciò l’impegno si vede nella scelta del cast, all’interno del quale vi ricordiamo che è presente anche Pierce Brosnan – il quale vestirà i panni del misterioso Dr. Fate -; ormai tutto è pronto e infatti le riprese sono iniziate.

A dare la lieta novella è l’attore protagonista, Dwayne “The Rock” Johnson attraverso il suo canale Instagram. Ecco il post:

Si sta facendo la storia, sono estremamente eccitato e che momento emozionante questo da condividere con tutti voi.

Inizia ufficialmente il primo giorno di riprese per Black Adam.

Il nostro direttore, Jaume Collet-Serra. Il nostro candidato agli Academy Award (per Joker), il direttore della fotografia, Lawrence Sher.

Abbiamo un team di produzione pieno di stelle – incredibilmente talentuosi, galvanizzati, impegnati e concentrati per alzare l’asticella e portare al mondo qualcosa di speciale.

Questo è davvero un onore.

Com’era stato annunciato qualche settimana fa, le riprese sono iniziate con il mese di aprile e tutto sembra procedere secondo i piani, se le cose dovessero andare come previsto potremo vedere Black Adam dal 29 luglio 2022. Manca più di un anno, è vero, ma un progetto di questa grandezza necessita il suo tempo. E poi abbiamo capito cosa succede quando un progetto brucia le tappe e punta ad un’uscita prima del tempo, è meglio lasciare al team il tempo che gli serve.

Per chiunque non conoscesse il personaggio: Black Adam, il cui vero nome è Teth Adam, era uno schiavo nell’antico Egitto, a lui vennero affidati i poteri del mago Shazam per poter salvare l’immaginario Stato del Kahndaq dai pericolosi Sette Peccati Capitali. A seguito dell’uccisione del tiranno del Kahndaq, Adam venne imprigionato in una tomba proprio dal mago che gli aveva donato i poteri, solo per essere risvegliato dal malvagio Dottor Sivana molto tempo dopo.

Ora non vediamo l’ora delle prime foto dal set.

Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, se ti piace quello che leggi sul nostro sito sostienici!



Continue Reading

Supporta il sito

Aiutaci a mantenere il sito aperto! Daily Nerd è un progetto gestito interamente da volontari, ma mantenere un sito ha dei costi. Se vuoi sostenerci basta un euro per aiutarci.

Be brave, be #Nerd

.

Advertisement

Trending