Connect with us
dragon-quest-xi-echi-era-perduta-consigli dragon-quest-xi-echi-era-perduta-consigli

Gaming

I consigli di Alessandro: Dragon Quest XI – Echi di un’Era Perduta

Published

on

Negli ultimi anni sta avvenendo uno strano fenomeno videoludico, i giocatori più attenti se ne saranno accorti, per il quale i generi GDR (gioco di ruolo) e azione si stanno avvicinando sempre più e stanno portando a dei titoli ibridi che cercano di prendere il meglio dalle due tipologie di giochi. Lavori di pregio come God of War (2018), Assassin’s Creed: Odyssey e Final Fantasy 7: Remake sono solo alcuni esempi di questa tendenza, oggi però vogliamo andare in contro corrente e consigliarvi Dragon Quest XI: Echi di un’Era Perduta, un GDR nudo e crudo di casa Square Enix, che andrebbe giocato proprio per questo suo essere “vecchio stampo”.

Un eroe, una spada magica e un signore delle tenebre

La trama di Dragon Quest XI: Echi di un’Era Perduta non potrebbe essere più semplice: l’eroe protagonista, guidato dal giocatore, è un ragazzo che sa poco o nulla del suo passato e deve intraprendere un viaggio per raggiungere la Spada della Luce, con la quale potrà salvare il mondo sconfiggendo il malvagio Mordegon.

La semplice storia di base, però, non è che una cornice narrativa – la quale richiama l’espediente della peste per il Decameron di Boccaccio – all’interno della quale si svolgono tutti gli avvenimenti dei vari e coloriti personaggi che ci accompagneranno nell’epica avventura e che saranno, di fatto, il nostro party per le battaglie. In Dragon Quest abbiamo quindi due livelli di narrazione: quella semplice e generale, composta principalmente dalle vicissitudini del gruppo, e quella dei singoli personaggi, che vengono tratteggiati sempre meglio con il passare delle ore di gioco. Non fatevi ingannare però, quando la storia sembra finita e il nemico sconfitto, è proprio allora che si inizia a giocare davvero.



Un mondo colorato da esplorare

Chi non è avvezzo allo stile di Dragon Quest rimarrà sicuramente sbalordito dall’aspetto cartoonesco delle creature e degli umani che vivono in questo mondo. Lo stile anime, reso eccellente dal character design del maestro Akira Toriyama, invoglia il gamer a non fermarsi mai nell’esplorazione della vastissima mappa di gioco, si è sempre spinti oltre in un’incessante smania di progressione. In questo senso il giocatore è avvisato: Dragon Quest XI crea dipendenza!

Sì perché Dragon Quest è soprattutto questo: un’avventura. Alcune idee relative al design di cui abbiamo parlato prima si possono trovare geniali, si potrebbe rimanere abbacinati dalla bellezza di alcune tecniche e abilità, ci si potrebbe perdere nelle mille sfaccettature di una caratterizzazione del party estremamente profonda ma poi si tornerebbe sempre lì, fuori dal villaggio a camminare e camminare in lungo e in largo, in un mondo colorato e fantastico.



Un libro da leggere la sera, prima di addormentarsi

Abbiamo capito che Dragon Quest XI è un titolo votato all’avventura, ma se qualcuno immagina l’adrenalina di una scalata alla Uncharted o l’impegno mentale di un dungeon alla Zelda si sta sbagliando di grosso, fra le mani abbiamo l’equivalente videoludico di un tranquillo romanzo da godersi la sera, prima di dormire. Questo perché le varie mini-avventure e sotto trame del gioco (che a volte sono così belle ed emotivamente coinvolgenti da far dimenticare il male assoluto che ci apprestiamo ad affrontare) si susseguono in maniera dolce e senza brusche interruzioni o cesure. Tutti gli avvenimenti sono raccontati con una sapiente calma e la tranquillità – che la fa padrone – viene scossa giusto quando serve, un colpo di scena qui, un boss più impegnativo là. Tutto il resto è ovattato, è flemma assoluta.



Un capolavoro nuovo nato da uno stile d’altri tempi

Qui vogliamo tornare a quanto detto all’inizio dell’articolo, Dragon Quest XI è l’ultimo esponente (per ora) di un genere – il GDR classico – che sta tramontando, in favore di titoli che strizzano l’occhio alle nuove generazioni, maggiormente attratte dall’azione e dal “tutto e subito”. Fa sorridere pensare come il sottotitolo di questo Dragon Quest sia Echi di un’Era Perduta, quasi come se si riferisse all’evoluzione che sta avvenendo nel panorama videoludico . Questo però è anche uno dei motivi che dovrebbero spingere chiunque a provarlo. Dragon Quest offre tutto ciò che più di 30 anni di JRPG hanno inventato e raffinato: un gameplay a turni quasi perfetto, una caratterizzazione e personalizzazione dei protagonisti estremamente profonda e variegata (al limite dello scoraggiante per i novizi) e un mondo di avventure tutto da vivere ed esplorare, con i propri tempi e le proprie capacità.

Fidatevi di chi lo ha giocato e stragiocato, Dragon Quest XI: Echi di un’Era Perduta è un titolo che va provato e amato soprattutto perché offre un luogo magico dove tornare, offre tante emozioni formato anime ma soprattutto un’avventura che può essere vissuta con i propri tempi.

     

Volete anche voi un Uniporco? Lo trovate nello shop online di Nixie Creations!

Giurista appassionato di videogiochi che ama passare delle ore a guardare anime e serie tv, sembra una descrizione strampalata ma quando si aggiunge anche un sano amore per la palestra... il risultato è ancora peggio. Eppure una volta ero capace di vendermi bene.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Gaming

Hideo Kojima stava progettando un videogioco simile alla serie tv The Boys

Published

on

Hideo Kojima stava progettando un videogioco simile alla serie tv The Boys

Hideo Kojima non ha certo bisogno di presentazioni, uno dei più famosi creatori di videogiochi a livello mondiale, padre di serie dal grandissimo impatto in questo mondo – prima fra tutte Metal Gear Solid -, è anche noto per il suo lavoro sui progetti più disparati. Proprio a tal proposito, lo stesso game designer informa il pubblico che uno dei progetti sui quali stava lavorando era molto simile alla famosa serie tvThe Boys.

Qui di seguito potete trovare alcuni tweet dell’account ufficiale di Hideo Kojima, dove l’autore cita proprio questa sua idea:

1/2 “The Boys”, che ho smesso di guardare dopo 3 episodi della prima stagione. Poi ho pensato di guardare il resto dello show. A dire il vero, ho guardato alcuni episodi che erano stati rilasciati nel periodo nel quale stavo per iniziare un progetto che ho tenuto in serbo per molto tempo

2/2 e poi ho messo in pausa perché il concept era molto simile (solo il setting e alcune astuzie erano differenti). C’era una coppia (uomo/donna) con una squadra di detective, i quali dovevano affrontare eroi leggendari dietro le scene. Stavo pensando che il protagonista potesse essere Mads Mikkelsen.

1/2 Oggi i supereroi continuano ad essere prodotti in massa nell’industria dell’intrattenimento, questo dramma doveva essere un film di azione nudo e crudo, né eroi né cattivi, con un setup sorprendentemente colmo di umorismo nero e una visione del mondo all’opposto di quella alla quale siamo abituati.

2/2 In ogni caso, ciò che avevo pianificato è rimasto nella mia mente, non ci sono state spese per lavoro, materiali, ricerche o simili.

L’idea di Hideo Kojima, che si avvicina molto al mondo di The Boys, sicuramente ha solleticato le fantasie di molti lettori, per il momento il progetto è fermo ma chissà che magari, un futuro, il game designer non torni nuovamente su questa idea.

Continue Reading

Gaming

Final Fantasy 16: i personaggi sono doppiati in inglese britannico, ecco il motivo

Published

on

Final Fantasy 16: i personaggi sono doppiati in inglese britannico, ecco il motivo

Final Fantasy 16 è il prossimo titolo della famosissima serie di videogiochi di ruolo di casa Square Enix, la sedicesima fantasia finale andrà ad inserirsi in quello che è il filone principale dei FF, portando il suo contributo a questo magico universo. Final Fantasy 16 si è recentemente mostrato in un nuovo trailer, che ne ha anche confermato il periodo di uscita – estate 2023 -, in questo trailer è anche emerso che il doppiaggio sarà in inglese britannico e non americano.

La scelta di utilizzare l’accento britannico, invece di quello dei cugini americani, è stata affrontata direttamente da Naoki Yoshida –  il producer di Final Fantasy 16 – che ne ha spiegato i motivi nel corso di un’intervista. Trovate le sue parole all’interno del tweet dell’utente Aitaikimochi, con una nostra traduzione in italiano:

D: “Come ha detto in precedenza, volevate ambientare il gioco in un setting fantasy di un’Europa medievale, come infatti sembra. Cos’è stato importante per voi al momento della creazione del mondo di Valisthea?”

R: “Penso che l’equazione “Fantasy Medievale = Europa” sia meglio rappresentata da Il Signore degli Anelli. Credo che questo sia un pensiero comune, soprattutto per quanto riguarda la presente generazione. Non credo però che, al momento, esista un gioco che sfrutti a pieno la grafica di PS5 solo per raccontare una storia ambientata in questo setting fantasy-medievale. Ecco perché abbiamo deciso di utilizzare l’estetica dell’Europa medievale e di fonderla con la nostra fantasia”.

“Questa volta tutte le motion capture e le voci sono state fatte da talenti europei. Tuttavia, visto che lo script è stato scritto prima in giapponese e prodotto da uno staff giapponese, lo abbiamo dovuto tradurre in inglese e poi siamo passati alla facial motion capture per l’inglese”.

“Nonostante lo script fosse in inglese, ci siamo assicurati di non includere alcun accento americano. Abbiamo deciso di fare ciò per impedire che utenti americani giochino e si arrabbino pensando qualcosa tipo: “Non vedevo l’ora di giocare ad un titolo ambientato in un’Europa medievale e questi parlano con un accento americano?” (ride). Per evitare questo ci siamo assicurati che tutti i dialoghi fossero registrati in inglese britannico”.

Ecco dunque le ragioni di Square Enix, che stanno alla base di questa scelta di doppiaggio, una semplice coerenza con l’ambientazione di gioco. Vedremo quale sarà il risultato finale di tutto questo lavoro.

Continue Reading

Gaming

Kingdom Hearts 4: parla il creatore della serie Tetsuya Nomura

Published

on

Kingdom Hearts 4: parla il creatore della serie Tetsuya Nomura

Kingdom Hearts è una serie che è entrata di diritto nell’Olimpo dei GDR d’azione – i giochi di ruolo con forti elementi action -, grazie al suo giusto mix di novità e di rispetto per la tradizione videoludica. Il sapiente lavoro di Square Enix verso questo serie ha portato a svariati capitoli della stessa, Kingdom Hearts 4 è attualmente in fase di sviluppo il creatore della serie, Tetsuya Nomura, ha deciso di rilasciare un’intervista proprio riguardo al futuro titolo.

Nomura ha risposto a svariate domande sul sito dedicato Gameinformer, alcune delle quali abbiamo deciso di tradurre e riportare qui di seguito:

D: La serie di recente ha celebrato i suoi 20 anni. Che effetto fa guardare ai due decenni passati e quali spera sarà l’eredità di Kingdom Hearts?

R: Credo che 20 anni siano un tempo davvero lungo, tranne per il fatto che non sembrano realmente passati. Ho delle vaghe memorie di quando avevo visitato gli uffici Disney negli Stati Uniti e delle riunioni che abbiamo avuto nel corso della lunga storia di collaborazione. Ma quando si tratta dei ricordi dello sviluppo e della produzione del gioco in sé – è tutto abbastanza confuso. Ho come l’impressione che nulla sia realmente diventato un ricordo perché la serie sta proseguendo ancora, è ancora attuale. La serie sta evolvendo; le storie stanno ancora andando avanti. Per quanto riguarda l’eredità, il cuore è il tema centrale di Kingdom Hearts. Noi continueremo a narrare di quello e raccontare la storia del cuore in modi diversi.

D: Abbiamo visto Paperino e Pippo nel trailer di annuncio di Kingdom Hearts 4, molti fan però vorrebbero sapere: quanto ci sarà ancora della Disney all’interno della serie?

R: Per quanto riguarda Kingdom Hearts 4, i giocatori vedranno sicuramente alcuni mondi Disney. Vorrei rassicurarli del fatto che non si devono preoccupare di questo aspetto del gioco. Potrebbe sembrare un po’ diverso dai precedenti capitoli di Kingdom Hearts, ma quando i gamers avranno provato il gioco, sono sicuro che saranno rincuorati nello scoprire che è decisamente un Kingdom Hearts. È la serie che hanno imparato a conoscere ed amare.

Relativamente all’aspetto grafico… visto che con ogni gioco le specifiche sono davvero aumentate e che c’è così tanto che possiamo fare in termini di grafica, siamo un po’ limitati nel numero di mondi che possiamo creare, in un certo senso. Al momento stiamo cercando di capire come poter affrontare questa questione, ma ci saranno mondi Disney in Kingdom Hearts 4.

D: I fan sono piuttosto preoccupati della mancanza di personaggi di Final Fantasy nelle ultime uscite della serie. Siete ancora intenzionati a proseguire in questo senso oppure Kingdom Hearts 4 sarà l’occasione per portare nuove apparizioni?

R: So che non ci sono stati molti personaggi di Final Fantasy in Kingdom Hearts 3. C’è una cosa che vogliono chiarire: molti fan ritengono che Kingdom Hearts sia la collaborazione tra personaggi Disney e di Final Fantasy, ma io credo che non sia questo il concetto alla base di Kingdom Hearts, non è proprio questo Kingdom Hearts.

Quando abbiamo pubblicato il primo capitolo, avevamo solo alcuni personaggi originali di Kingdom Hearts, quando essi interagivano con i personaggi Disney, conosciuti e amati, avevamo l’impressione che nessuno li conoscesse, dunque era ancora difficile per loro farsi notare. Avevamo però molti personaggi di Final Fantasy coinvolti, i quali potevano dare una mano a far conoscere meglio i personaggi originali di Kingdom Hearts.

Adesso ci sono così tanti personaggi originali di Kingdom Hearts che sono amati e la gente vuol vedere loro. Con Kingdom Hearts 3, visto che avevamo così tanti personaggi originali, è stato difficile trovare posto per quelli di Final Fantasy. Stiamo cercando di trovare un equilibrio in questo. So che alcuni fan sono preoccupati per tutto ciò e che avrebbero preferito vedere più personaggi di Final Fantasy. È qualcosa al quale stiamo pensando. La questione è che con il numero di personaggi originali che abbiamo adesso, è difficile decidere quale sia il punto di equilibrio e come questo equilibrio funzionerà in Kingdom Hearts 4. Non siamo ancora in grado di dare una risposta a tutto ciò.

D: Vuole dire un’ultima parola ai fan riguardo ciò che possono aspettarsi?

R: Per quanto riguarda Kingdom Hearts 4, sfortunatamente, non ci sono molte informazioni che ho la possibilità di condividere al momento. Ma se qualcuno volesse immergersi con attenzione nell’intervista di oggi, capirebbe che ho rivelato alcuni dettagli nuovi. Sarebbe bello se i lettori potessero considerare questo e trovare così nuove informazioni.

Per concludere, qui di seguito potete trovare il trailer di annuncio di Kingdom Hearts 4 – citato nel corso dell’intervista -, caricato sul canale YouTube di Kingdom Hearts (dal minuto 4:08):

Continue Reading
Advertisement

Trending